Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

David Livingstone (Blantyre, 19 marzo 1813 – Lago Bangweulu,

No description
by

susanne lenz

on 4 May 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of David Livingstone (Blantyre, 19 marzo 1813 – Lago Bangweulu,

tutti in Africa
La spedizione sul fiume Zambesi

Livingstone ritornò in Africa a capo di una spedizione con lo scopo di esplorare il fiume Zambesi. Mentre esplorava lo Zambesi, le missioni da lui volute in Africa centrale e orientale si estinsero in modo disastroso, con quasi tutti i missionari morti di malaria o di altre malattie.
Il fiume Zambesi si rivelò essere non navigabile per lunghi tratti, a causa di una serie di cateratte e rapide che Livingstone non era riuscito a esplorare nei suoi viaggi precedenti.
Mary, la moglie di Livingston, morì il 27 aprile 1862 di malaria cerebrale, ma Livingstone continuò le sue esplorazioni ed infine tornò in Inghilterra nel 1864. La spedizione fu considerata un fallimento da molti giornali britannici del tempo e Livingstone ebbe grosse difficoltà a raccogliere fondi per esplorare ulteriormente l'Africa.
Alla ricerca della sorgente del Nilo
Nel marzo 1866 Livingstone tornò in Africa, a Zanzibar, da dove cominciò a cercare la sorgente del Nilo. Richard Francis Burton, John Hanning Speke e Samuel Baker avevano in precedenza quasi correttamente identificato sia il lago Alberto sia il lago Vittoria come sorgenti, ma la questione era ancora dibattuta. Nel cercare la sorgente del Nilo, Livingstone si spinse in realtà troppo ad ovest, fino a raggiungere il fiume Lualaba, che altro non è che la parte iniziale del fiume Congo, ma che egli erroneamente considerò essere il Nilo.
Le cascate Vittoria
Nel periodo 1852-56 Livingstone esplorò l'entroterra africano scoprendo, lungo il corso del fiume Zambesi, le cascate Vittoria, cui diede il nome dell'allora Regina d'Inghilterra. Livingstone fu uno dei primi europei a fare un viaggio transcontinentale attraverso l'Africa.
Lo scopo del suo viaggio era di aprire nuove vie commerciali, e di accumulare informazioni utili sul continente africano. In particolare, Livingstone era un sostenitore delle missioni e del commercio nell'Africa centrale. Tornò in Inghilterra per ottenere un supporto a queste sue idee e per pubblicare un libro sui suoi viaggi. Fu in questo periodo che si dimise dalla società missionaria alla quale apparteneva.
L'attività missionaria e il matrimonio
Frequentò la facoltà di medicina e teologia a Glasgow e nel 1838 entrò nella Società Missionaria di Londra con il desiderio di trasferirsi in Cina, ma non poté realizzare questo suo sogno a causa della guerra dell'oppio che imperversava in quel paese.

Stanley...Ricerche...Morte
Henry Morton Stanley, il giornalista inviato alla sua ricerca nel 1869, lo trovò nella città di Ujiji, sulle sponde del lago Tanganica il 10 novembre 1871. Questo episodio è rimasto famoso per le parole con le quali si dice che Stanley abbia la prima volta salutato Livingstone: "Dr. Livingstone, I presume" (in italiano: "Il dottor Livingstone, suppongo").
I due erano gli unici due europei in Africa nel raggio di centinaia di chilometri e si salutarono come se si vedessero ad un ricevimento.
Stanley si unì a Livingstone e i due per un anno continuarono insieme ad esplorare il nord del Tanganica, poi Stanley partì. A dispetto delle sollecitazioni di Stanley, Livingstone era determinato a non lasciare l'Africa fino a quando la sua missione non fosse stata completata, ma nel 1873 morì in Zambia di malaria e per una emorragia interna.
David Livingstone è stato un missionario, esploratore e medico scozzese dell'era vittoriana. Nacque nel villaggio di Blantyre, nella regione scozzese del Lanarkshire del sud. Nel 1873 morì in Zambia di malaria e per una emorragia interna.Fu portato dai sui assistenti dall'Africa all'Inghilterra.
Nel 1844 si sposò con Mary Moffat, figlia di un altro missionario, Robert Moffat, attivo in Africa, a Kuruman, che lo convinse a trasferirsi nella regione del protettorato del Bechuanaland. La coppia soggiornò in Africa per alcuni anni, per poi ritornare in Inghilterra con i figli. Il 12 marzo 1858 l'intera famiglia ripartì da Liverpool per la spedizione sullo Zambesi.
DAVID LIVINGSTONE
Ciò che resta...
Full transcript