Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

internet e bambini

No description
by

Angelo Sirignano

on 4 March 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of internet e bambini

SAFETY WEB"
Maestro Angelo
INTERNET PORTA CON SE' GRANDI OPPORTUNITA'
MA ANCHE GRANDI PERICOLI

- Troppo presto.
Uno degli allarmi lanciati dalla ricerca è quello dell'età in cui gli adolescenti italiani si registrano ad un social network. Uno su 2 (48%) dichiara di essersi iscritto a Facebook prima dei 13 anni, età minima consentita per poterlo fare e il 71% riceve in dote uno smartphone mediamente a 11 anni. Prima delle chiavi di casa che arrivano a 12.

Un'altra ricerca molto approfondita del 2015 è stata fatta da IPSOS per
SAVE THE CHILDREN
Le conclusioni emerse da questa ricerca sono simili, in più la ricerca si divide in due parti chi ha accesso alla rete e chi non può.
Anche se sembrerebbe che questi ragazzi si mettano spesso in condizioni di rischio con i loro comportamenti, gli adolescenti non sono però “incoscienti digitali”. Secondo la ricerca IPSOS questi ragazzi sembrerebbero essere piuttosto informati: per la loro età non sono del tutto all’oscuro delle regole che stanno alla base degli strumenti che utilizzano e si muovono con disinvoltura nello “Stato libero di Internet”. Piuttosto – come è nella natura degli adolescenti – non si preoccupano troppo delle regole e della prudenza. Il 79% degli intervistati, infatti,
sa bene che “nessuno possiede Internet”
, ma resta un 17% con le idee confuse che crede che Bill Gates e Barack Obama ne siano i proprietari. Più disorientati di fronte alla conoscenza del “
troll
”, che per quasi uno su cinque (19%) è solo una creatura leggendaria della cultura scandinava e per più di uno su tre (36%) è un virus che attacca e distrugge i contenuti su internet. Meno della metà degli intervistati (41%) sa che si tratta di un soggetto che posta messaggi provocatori o irritanti. Sono utenti in parte consapevoli delle “regole del gioco”: uno su due (51%) sa che con “Termini e condizioni d’uso” si intende l’insieme delle regole a cui ci si deve attenere per utilizzare un sito, un blog o un social network,
anche se più della metà (57%) le accetta passivamente
, senza leggerle o facendolo con poca attenzione. Per quanto riguarda la privacy,
il 58% sa che un “cookie”
serve a tracciare le preferenze di chi naviga in Internet e circa il 73% sa che i gestori devono rispettare delle regole sui dati raccolti che li riguardano.
Il 75% dei ragazzi sa che non tutti i contenuti che sono in Internet sono liberi e si possono copiare. Ma quando si parla di Wikipedia,
il 64% di loro copia materiale per le ricerche scolastiche, utilizzandolo perlopiù in modo passivo
senza contribuire alla crescita del sapere collettivo della Rete. Solo 1 su 4 (24%), infatti, ha creato una nuova voce sull’enciclopedia sociale di internet o ha aggiunto un contenuto ad una nuova voce già esistente.
Per cercare informazioni utilizzano i motori di ricerca come Google (76%)
, ma su come questi funzionino esattamente e quali siano le regole che definiscono l’indicizzazione dei risultati delle ricerche sono molto più confusi. Il 15% crede che i primi risultati siano i preferiti del gestore del motore di ricerca, l’11% pensa che siano i più affidabili, l’8% non ne ha idea e il 4% è convinto che compaiano in maniera casuale.
La ricerca IPSOS integrale è scaricabile alla pagina: www.savethechildren.it/pubblicazioni



PROTEGGI LA TUA FAMIGLIA

Conexión vía satélite
En los últimos años, cada vez más compañías están empleando este sistema de transmisión para distribuir contenidos de Internet o transferir ficheros entre distintas sucursales. De esta manera, se puede aliviar la congestión existente en las redes terrestres tradicionales.

El sistema de conexión que generalmente se emplea es un híbrido de satélite y teléfono. Hay que tener instalada una antena parabólica digital, un acceso telefónico a Internet (utilizando un módem RTC, RDSI, ADSL o por cable), una tarjeta receptora para PC, un software específico y una suscripción a un proveedor de satélite.El cibernauta envía sus mensajes de correo electrónico y la petición de las páginas Web, que consume muy poco ancho de banda, mediante un módem tradicional, pero la recepción se produce por una parabólica, ya sean programas informáticos, vídeos o cualquier otro material que ocupe muchos megas. La velocidad de descarga a través del satélite puede situarse en casos óptimos en torno a 400 Kbps.

QUALI SONO I RISCHI?

Dipendenza (uso eccessivo di internet, smartphone, tablet...)
Disinformazione (scorrette informazioni su ricerche scolastiche, diete...)
Cyberbullismo (molestie da coetanei...)
Sexting
Reputazione
Chattare con sconosciuti (adulti che vogliono conoscere adolescenti...)
Contenuti non adatti (violenti, pornografici...)
Videogiochi (diseducativi...)
Download (di film musica ecc. coperti da copyright...)
Pubblicità ingannevoli
Virus informatici (in grado di infettare computer e cellulari...)
Uso esclusivo di internet per trovare risposte alla vita reale e di relazione (anzichè un uso integrativo della rete)

Dipendenza



disinformazione



Cyberbullismo


Sexting

DOMINIO DE ORGANIZACIONES:
Indican la clase de empresa u organización a la que se está conectado.


DOMINIOS GEOGRÁFICOS
Los dominios asignados a los países se identifican mediante un código de dos letras

DIRECCIÓN IP

Cada computador cuenta con una dirección única en el mundo y está relacionada a una red conectada a Internet llamada:
Dirección IP (Internet Protocol)
Está compuesta por 4 grupos de números separados así:
192.168.1.100

DNS (Domain Name Service)
Pero para hacerlo más fácil crearon el servicio DNS (Domain Name Service) Servicio de nombres de dominio para darle al código un nombre. Ej.

GOOGLE SUGGERISCE
Parla con la tua famiglia della sicurezza online. Definisci in modo chiaro le regole e le aspettative della tua famiglia per quanto riguarda la tecnologia, nonché le conseguenze in caso di utilizzo improprio. E, cosa più importante, assicurati che i tuoi familiari si sentano abbastanza a proprio agio da chiedere consiglio quando devono prendere decisioni difficili. Questo può aiutarli a sentirsi sicuri mentre esplorano Internet in modo autonomo e a sapere di potersi rivolgere a te per qualsiasi domanda.
Utilizzate insieme la tecnologia. È un buon modo di educare alla sicurezza online e crea opportunità per affrontare gli argomenti legati alla sicurezza con la tua famiglia man mano che se ne presenta l'occasione.

Discuti dei siti e dei servizi online. Parla con i tuoi familiari dei tipi di siti che preferiscono visitare e di ciò che è appropriato per ciascun membro della famiglia.


Proteggi le password. Aiuta la tua famiglia a capire come impostare password sicure online. Ricorda ai tuoi familiari di non divulgare le password, tranne magari a un adulto fidato, ad esempio un genitore. Assicurati che si ricordino sempre di uscire dai propri account online quando utilizzano computer pubblici a scuola, in un Internet café o in biblioteca.

Utilizza le impostazioni di privacy e i controlli di condivisione. Esistono molti siti per condividere opinioni, foto, video, aggiornamenti di stato e non solo. Molti di questi servizi offrono controlli e impostazioni di privacy che ti aiutano a decidere chi può vedere i tuoi contenuti prima di pubblicarli. Parla con i tuoi familiari di ciò che è opportuno o meno condividere pubblicamente. Aiutali a rispettare la privacy degli altri non divulgando i dati personali di familiari e amici e non identificando gli utenti per nome nei contenuti condivisi pubblicamente.



Controlla i limiti di età. Molti servizi online, tra cui Google, prevedono limiti di età che definiscono chi può usufruire dei relativi servizi. Ad esempio, devi rispettare requisiti d'età per disporre di un account Google, mentre l'utilizzo di alcuni prodotti Google è limitato agli utenti dai 18 anni in su. Controlla sempre i termini e le condizioni di utilizzo di un sito web prima di consentire ai tuoi figli di creare un nuovo account e chiarisci con loro le eventuali regole della tua famiglia per quanto riguarda i siti e i servizi che possono utilizzare.
Educa la tua famiglia a comunicare in modo responsabile. Ecco una buona regola pratica: se una cosa ti sembra inappropriata da dire di persona, non inviarla tramite SMS, email, messaggio immediato e non pubblicarla come commento sulla pagina di un utente. Discuti di come ciò che dici online potrebbe fare sentire gli altri e individua linee guida per la tua famiglia su quale tipo di comunicazione è appropriato.

Confrontati con altri adulti. Estendi la conversazione ad amici, insegnanti, consulenti, educatori e alla tua famiglia allargata. Gli altri genitori e professionisti che lavorano a contatto con i ragazzi possono essere un'utile risorsa per aiutarti a decidere ciò che è giusto per la tua famiglia, soprattutto se hai a che fare con un'area tecnologica con cui hai poca dimestichezza.
Proteggi il tuo computer e la tua identità. Utilizza software antivirus e aggiornalo regolarmente.
Discuti con la tua famiglia dei tipi di informazioni personali (come il codice fiscale, il numero di telefono o l'indirizzo di casa) che non è opportuno pubblicare online. Insegna ai tuoi familiari a non accettare file o aprire allegati email provenienti da sconosciuti.

Sii costante. La sicurezza non è statica: la tecnologia è in costante evoluzione, così come le esigenze della tua famiglia. Assicurati di instaurare un dialogo costante. Ridefinisci le regole di base della tua famiglia, controlla i progressi di ciascuno e pianifica del tempo da dedicare al confronto a intervalli regolari.

PRIMA DI TUTTO ATTIVARE
SAFESEARCH
NEL MOTORE DI RICERCA DEL BROWSER CHE UTLIZZATE
NON E' SICURO AL 100% MA ELIMINA LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEI CONTENUTI NON ADATTI AI BAMBINI.
1. Visitate la pagina Impostazioni di ricerca: www.google.com/preferences.
2. Cercate la sezione "Filtri SafeSearch".
3. Attivate SafeSearch selezionando la casella accanto a "Filtra i risultati espliciti". Quando SafeSearch è attivo, le immagini e i video di sesso esplicito vengono eliminati dalle pagine di risultati della Ricerca Google, insieme ai risultati che potrebbero indirizzare a contenuti espliciti.
4. Fate clic su “Salva” nella parte inferiore della pagina.

Potete tenere SafeSearch attivo e bloccato per tutti coloro che utilizzano computer. Il blocco può essere rimosso soltanto dall'account Google da cui è stato impostato. La procedura è:
1. Visitate la pagina Impostazioni di ricerca: www.google.com/preferences.
2. Assicuratevi che il filtro SafeSearch sia attivo selezionando la casella di controllo "Filtra i risultati espliciti".
3. Fate clic su “Blocca SafeSearch” a destra della casella di controllo "Filtra i risultati espliciti". A questo punto, è possibile che venga chiesto di accedere.
4. Una volta eseguito l'accesso, fate clic su “Blocca SafeSearch”.
5. Quando il blocco viene attivato viene visualizzata una pagina di conferma.

Se il blocco SafeSearch è attivo viene visualizzato il messaggio "SafeSearch è bloccato" sopra palline colorate. La pagina dei risultati ha un aspetto decisamente diverso in modo che sia subito chiaro se il blocco è attivo o meno.

Al hecho de recorrer las páginas Web haciendo click en los hipervínculos o links se conoce con el nombre de navegar y a quien está navegando, se lo llama cibernauta.

A un conjunto de páginas Web sobre un mismo tema que se encuentran vinculadas entre sí y alojadas en un mismo servidor, se lo llama sitio o site.

Cada sitio tiene una página principal o home page donde generalmente encontramos una presentación de su contenido y una serie de opciones en forma de hipervínculos o links que nos permiten navegar por sus páginas según nuestros intereses; además en la página principal de algunos sitios hay opciones para seleccionar el idioma en el cual queremos ver la página.

ATTIVARE FILTRO DI YOUTUBE
Scorri verso il basso fino alla parte inferiore di una qualsiasi pagina di YouTube e fai clic sul menu a discesa nella sezione "Modalità con restrizioni".
Seleziona l'opzione per attivare o disattivare questa funzione.

Blocca la Modalità con restrizioni
Se desideri che la Modalità con restrizioni resti attiva per tutti gli utenti di questo browser, devi bloccare tale modalità.
Accedi al tuo account YouTube.
Scorri verso il basso fino alla parte inferiore di una qualsiasi pagina di YouTube e fai clic sul menu a discesa nella sezione "Modalità con restrizioni".
Fai clic su "Blocca la Modalità con restrizioni in questo browser".
Inserisci nuovamente la tua password per bloccare la Modalità con restrizioni in questo browser



QUELLO CHE VA BENE OGGI NON E' DETTO CHE ANDRA' BENE DOMANI

DOMANDE

GRAZIE
BUONA SETTIMANA

Modo gráfico:
Los browsers que han dado la popularidad a Web son los browsers gráficos. El primero perteneciente a esta categoría fue el NCSA Mosaic. Entre los actuales pueden encontrarse Cello, WinWeb, el browser de Prodigy, Netscape y Explorer. Entre ellos, algunos son de libre distribución y otros no.
Una pregunta lógica es porqué hay gente que compra un browser de Web cuando algunos son gratis. La razón principal es que el comprador puede ignorar que existen programas gratuitos. Otra razón es el círculo vicioso: para conseguir el programa hay que tener una conexión con Internet, pero es necesario el programa para conectarse. La razón más probable de comprar un browser es que el comprador prefiere adquirirlo de un vendedor que le proporcionará soporte técnico del producto, lo cual es una necesidad para muchos usuarios, además, al comprar un producto comercial se tiene derecho a disfrutar del soporte comercial. Se estudiará a continuación, de manera resumida, algunos de los browsers disponibles de forma gratuita.

Reputazione
Internet è una delle innovazioni più importanti che siano mai state create dall’uomo, che ha stravolto il modo di vivere del mondo intero, con implicazioni che incidono nella vita di tutti i giorni, di grandi e piccoli. Ma può anche essere un luogo pericolo, specie per voi bambini e per questo motivo è fondamentale conoscere il più possibile il mondo del web, dei social e delle app. E’ una responsabilità dei genitori proteggere i figli. E più si conoscono regole e “trucchi”, più si riesce ad essere aggiornati sulle novità, più sarà facile guidare i figli nell’immenso, e a volte pericolo, mondo della rete.

le cose più importanti da sapere sono:
1) che su Internet quasi niente è segreto, le informazioni girano con grande facilità e ogni messaggio(foto comprese) può essere letto e sentito da altri;
2) che Internet spesso è eterno, e le informazioni possono essere conservate molto a lungo… anche quelle più spiacevoli.
3)che esiste una sola vita! Nel mondo virtuale non dire/fare cose che non avresti il coraggio di raccontare alla maestra o alla nonna...


consigli finali


NON ESISTE LA SICUREZZA AL 100%

L
a industria de software contribuye de varias maneras a la prosperidad económica en todo el mundo. Los beneficios de que disfrutamos y el potencial que esperamos alcanzar son amenazados sin embargo por la proliferación de la piratería de software. La piratería mina el valor y la integridad del software, y la amenaza a la innovación tecnológica y la disminución de oportunidades económicas creadas por la industria de software están poniendo en peligro a los usuarios. Las economías locales y nacionales, así como los vendedores, usuarios finales, y desarrolladores de software, todos sufren de piratería.

La piratería, que es realmente una infracción sobre los derechos de propiedad intelectual de un usuarios o compañía, no sólo afecta a la industria del software, sino también a las industrial de música, cine, textiles, y de accesorios.

Lo último en piratería es llevar una videocámara a los cines y grabar una película que más tarde será “quemada” (grabada) a un CD-ROM, este tipo de películas son llamadas DiVx, la calidad de imagen y sonido dejan bastante que desear ya que el sonido del cine es demasiado alto y la iluminación no es la adecuada, pero no solo llevar una videocámara es lo nuevo también se esta empezando a grabar juegos en formato DVD de la consola PS2, más que grabar es “rippear” que significa eliminar archivos tales como videos, colores, subtítulos, idiomas, en pocas palabras el juego casi llegar a ser una Demo.

La piratería afecta a todos y todo ya que perjudica al avance tecnológico, a la persona que se le ocurre crear un juego o programa y a los profesionales que lo transforman para después disfrutarlo nosotros, es decir, programadores, diseñadores gráficos, ilustradores, equipo de ventas y estudios de meracdo...TU TIENES LA ÚLTIMA PALABRA

los efectos de la piratería de software

La piratería de software es un robo. Si usted o su empresa se ven envueltos en la copia y/o distribución de copias ilegales de software, pueden ser acusados de piratería según las leyes civiles y penales. Si el propietario del software decide presentar una demanda, puede evitar de inmediato que usted continúe usando y/o distribuyendo el software y puede también exigirle dinero por los daños ocasionados. El propietario del software puede elegir entre daños reales, que incluyen la suma de dinero que perdió debido a la infracción de la que fue víctima (incluidas las ganancias atribuibles a tal infracción), y los daños conforme a ley, que pueden ser millones de dólares en el caso de infracción intencional. Además, el gobierno puede procesarlo por el delito de quebrantamiento del derecho de autor. En caso de ser declarados culpables, a los infractores se les puede imponer una multa de 250.000 USD y/o pueden ser condenados a prisión.
Además de las consecuencias legales, los usuarios de software pirateado o falsificado pueden experimentar:

• Exposición a virus, discos dañados o software defectuoso.
• Documentación del producto inadecuada o ausencia de ella.
• Ningún tipo de garantía.
• Falta de soporte técnico.
• Imposibilidad de acceder a las actualizaciones del producto que están disponibles para los usuarios con la debida licencia.

Tipos de piratería.

Falsificación
Este tipo de piratería consiste en la duplicación, distribución y/o venta ilegales de material con propiedad registrada, imitando el producto protegido por derechos de autor. En el caso del software en paquete, es habitual encontrar copias falsificadas de los discos compactos que incluyen programas de software y embalaje, manuales, acuerdos de licencia, etiquetas, tarjetas de registro y funciones de seguridad.

Piratería en Internet
Se produce cuando se descarga software de Internet. Para las compras de software en línea se aplican las mismas normas de compra que para el software en formato de disco compacto. Entre las técnicas habituales de piratería en Internet, se encuentran:
• Sitios web que ponen software a disposición para su descarga gratuita o a cambio de otro software.
• Sitios web de subastas en Internet que ofrecen software falsificado o software fuera del canal.
• Redes de par a par que permiten la transferencia no autorizada de programas con propiedad registrada.

Piratería de usuario final
Se produce cuando un individuo reproduce copias de software sin autorización. Esto incluye:
• Utilizar una copia con licencia para instalar un programa en varios equipos.
• Copiar discos para la instalación o la distribución.
• Aprovechar ofertas de actualización sin tener una copia auténtica de la versión a actualizar.
• Comprar software Academico u otro software restringido o que no esté a la venta sin una licencia adecuada.
• Intercambiar discos dentro o fuera del lugar de trabajo.

Uso excesivo del servidor cliente
Este tipo de piratería se produce cuando demasiados usuarios de una red usan al mismo tiempo una copia central de un programa. Si usted tiene una red de área local e instala programas en el servidor para que los utilicen varias personas, debe estar seguro de que su licencia le permite hacerlo. Si la cantidad de usuarios de la red supera la cantidad de usuarios que permite la licencia, eso es "uso excesivo".

Carga del disco duro
Se produce cuando una empresa vende equipos nuevos con copias de software ilegales en los discos duros para hacer más atractiva la compra de los equipos.

Riesgo legal tiene la piratería en Colombia

Colombia ha adoptado un rol protagónico en la defensa de los derechos de autor y la propiedad intelectual, desarrollando un conjunto de normas que regulan, protegen y penalizan a aquellas personas que violen estos derechos, las mismas que incluyen la protección del software.
La Ley 44 de 1993 especifica penas entre dos y cinco años de cárcel, así como el pago de indemnizaciones por daños y perjuicios, a quienes comentan el delito de piratería de software. Se considera delito el uso o reproducción de un programa de computador de manera diferente a como está estipulado en la licencia. Los programas que no tengan licencia son ilegales. Es necesaria una licencia por cada copia instalada.
La reforma al código de procedimiento penal, que entró en vigencia a partir del mes de julio de 2001, convierte en no excarcelables los delitos en contra de la propiedad intelectual y los derechos de autor. Lo que significa que quien sea encontrado usando, distribuyendo o copiando software sin licencia deberá estar en la cárcel hasta por un período de 5 años.
Uno de los logros más importantes de la legislación colombiana en materia de protección de derechos de autor, es la Ley 603 de 2000, la cual estipula que todas las empresas deben reportar en sus Informes Anuales de Gestión el cumplimiento de las normas de propiedad intelectual y derechos de autor, facultando a la DIAN para supervisar el cumplimiento de estas leyes y a las Superintendencias para vigilar a las sociedades que sean sujetos de control.
Actualmente, el índice de piratería en Colombia es de 53%, es decir, del total de programas instalados en el país, más de la mitad son ilegales. Esta situación, origina pérdidas para Colombia que superan los 168 mil millones de pesos.
Además, el estado colombiano ha perdido cerca de 111 mil millones de pesos por impuestos que ha dejado de percibir, y se han dejado de generar -como consecuencia de la piratería de software- más de 18 mil puesto de trabajo cada año.
Una de las consecuencias más delicadas que traen estos altos índices de piratería para nuestro país, es el hecho de formar parte de lo que se conoce como la lista 301, que especifica los países, que por el incumplimiento de los derechos de autor deben estar bajo vigilancia constante por parte del Congreso de los Estados Unidos.
La lista 'Especial 301' fue aprobada en 1988 por el Congreso de los Estados Unidos con el objetivo primordial de determinar aquellos países que velan por la protección de la propiedad intelectual y por ende, de aquellas empresas que dependen de dicha protección para su funcionamiento.
Colombia se encuentra en la sección de Lista de Vigilancia, dentro de la lista 301, lo que significa una serie de sanciones y revisiones especiales al momento de firmar convenios de comercio exterior con los Estados Unidos.
Como consecuencia de esto, el proceso de certificación que año tras año vive Colombia, se ve truncado por los altos índices de piratería de software.

Riesgos que tiene la piratería de software en la práctica

Para los consumidores: Cuando un consumidor decide hacer una copia no autorizada de un programa de software, está falsificando el derecho a la asistencia, documentación, garantías y las actualizaciones periódicas. El software pirata a menudo contiene virus que podrían borrar o dañar los contenidos del disco duro. Además, al piratear un producto protegido por las leyes de propiedad intelectual, el individuo se expone, y expone a las empresas para las que trabaja, al riesgo legal que ello supone.
Para los desarrolladores de software: La pérdida de ingresos que supone la piratería de software podría haberse invertido en el producto consiguiendo reducir su precio para el consumidor del software. La alta tasa de piratería también repercute en el éxito de los desarrolladores de software local puesto que trabajan para crear su propia existencia en el mercado.
Para los vendedores: El software pirateado origina pérdidas de ventas, y las pérdidas de ventas a su vez, disminuyen los ingresos de ventas de los vendedores autorizados. Estos vendedores tienen grandes pérdidas en su negocio cuando los competidores sin escrúpulos, trabajan con software pirata y debilitan su negocio.

Diferencia entre el software legal y el pirata.

Las diferencias entre el software legal y el pirata entran en una discusión por parte del creador del software y el usuario final, por parte del creador da todas las garantías de una aplicación creada con cierto calificativo de excelente casi 100% confiable que no causara daños a su computador, ofrecen soporte técnico en caso de que el software falle, garantía con las que cuenta el programa adquirido, mayor seguridad a sus sistemas.
Ahora si vemos los puntos de vistas del usuario el software ilegal cumple con todos los requisitos y demandas del caso teniendo en cuenta la posibilidad de caer en sanciones. Según el alumno de tecnología en informática de una escuela de capacitación Alex Ardila "el software que tengo instalado en mi computadora no me ha presentado ningún problema, software que si no fuera por la ilegal jamás podría adquirir por los tan elevados costos de licencia y en mi casa nunca ira ninguna autoridad para encarcelarme"
Si comparamos la realidad en economía y costos en Colombia con las del resto de Latinoamérica este es de un costo muy elevado por cuestiones de importación de software puesto que en la actualidad no hay plantas ensambladoras de software de las más importantes casas de software del mundo.

Por ejemplo una licencia de un sistema operacional de la casa de software Microsoft Windows XP Professional tiene un costo de casi un millón de pesos por lo que solo adquirir un computador con solo este oscila en tres millones de pesos y en cambio el mismo computador pero con software ilegal tiene un costo de dos millones de pesos cifra que sin saber mucho de contabilidad es muy grande, y eso sin contar con lo básico para el funcionamiento de un computador como por ejemplo el software de oficina que tiene un costo de un millón de pesos, un juego que en el mercado se encuentra en trescientos mil pesos así a simple vista un computador en Colombia con todos los juguetes cuesta aproximadamente unos cuatro millones de pesos.
Estas y otras diferencias de precio es lo que hace que la piratería de software en Colombia sea tan apetecida, y el debate todavía de encuentra entre el gremio desarrollador de software y los usuarios puesto que los costos son tan elevados y mientras sea este tan costoso seguirá la piratería de software.

Licencia de software

El software está protegido por la ley de derechos de autor, la cual establece que el producto no se puede copiar sin autorización del propietario de los derechos de autor. Una licencia de software otorga al usuario el derecho legal para utilizar un producto de software específico. Cada usuario de software necesita una licencia para utilizarlo legalmente. Dicha licencia se otorga al adquirirla y se documenta en el Acuerdo de Licencia del Usuario Final (EULA).
Existen diferentes maneras de adquirir una licencia de software:
• Producto empaquetado (Caja)
• Software preinstalado (OEM o integrador de sistemas)
• Licenciamiento por Volumen


Licenciamiento por V olumen

El Licenciamiento por Volumen es una manera sencilla de comprar licencias de productos de software a un precio con un descuento que refleja el volumen adquirido.
Los programas de Licenciamiento por Volumen disponibles son:
Para empresas: Para entidades académicas:
• Open License • Campus Agreement Subscription
• Select License • School Agreement Subscription
• Enterprise Agreement (EA) • Academic Open
• Enterprise Agreement por Suscripción • Academic Select

Opciones de licenciamiento

2016/2017
"SAFETY WEB"
INTERNET DIPENDE DA VOI!

PUOI:
INFORMARTI
COLLABORARE
COMUNICARE
VENDERE
RAPPORTARTI CON LE ISTITUZIONI
STUDIARE
LEGGERE
CONDIVIDERE
ASCOLTARE MUSICA
GUARDARE FILM....
E' LIBERTA'
E TANTO ALTRO ANCORA

CIAO....
COMINCIAMO
DAGLI ERRORI...

WWW TUTTI GLI IPERTESTI E IPERMEDIA....
E-MAIL
GRUPPI DI DISCUSSIONE
FORUM
CHAT
VOIP
SOCIAL NETWORK
MUSICA
FILM
VIDEO
GIOCHI
IMMAGINI
SOFTWARE
NOTIZIE
COMMERCIO
SERVIZI VARI
ECC...

- Sessualità.
Quattro ragazzi intervistati su 5 (73%) dichiarano di frequentare costantemente siti pornografici e il 28% di loro teme di diventarne dipendente, mentre 1 su 10 (11%) conosce qualcuno che ha fatto sexting: invio di messaggi sessualmente espliciti o immagini inerenti al sesso.
- Cyberbullismo.
Tra le esperienze peggiori vissute dai ragazzi in rete quella di essere deriso da amici o conoscenti. Più di 1 su 10 (12%) dichiara di essere stato vittima di cyberbullismo, il 32% ha paura di subirlo, mentre il 30% teme il contrario: postare qualcosa che offenda qualcuno senza accorgersene.
contenuti non adatti
grooming
ALCUNI SUGGERIMENTI...
POSIZIONARE IL PC PER NAVIGARE IN INTERNET IN UNA ZONA FACILMENTE ACCESSIBILE
STABILIRE REGOLE PER L'USO DI INTERNET
VERIFICARE IL RISPETTO DEI LIMITI D'ETA' DEI SITI VISITATI
INFORMARSI SUI SITI VISITATI

NEI SOCIAL NETWORK
Non fornire mai informazioni personali
limitare la pubblicazioni di immagini
Tener presente sempre che il materiale pubblicato sul web è permanente
Fare attenzione alle informazioni inserite nel profilo
PER I BAMBINI FINO A 11 ANNI:
Guidare/affiancare sempre i bimbi nell'esplorazione del web
Comunicare/dialogare con loro trasmettere sani principi e avvisarli dei pericoli
Ascoltare le loro idee e/o preoccupazioni
Avere regole precise
Creare i preferiti adatti a loro insieme a loro
Vigilare senza demandare ad altri o a filtri (che i devono essere)
Insegnare le nozioni di privacy
Limitare molto le chat
PER I RAGAZZI DAI 12 AI 17 ANNI
Personalizzare e utilizzare gli account utente
Introdurre positivamente i social network spiegando bene le regole di postare o chattare ecc.
Considerare la vita unica ma che esiste un mondo reale e un mondo virtuale
Dialogare sui pericoli del web (anche dei giochi violenti o d'azzardo)
ma soprattutto DIALOGARE SEMPRE e essere pronti a cogliere ogni piccolo "avvertimento"
videogiochi violenti
download illegali
Quale atteggiamento hanno i vostri genitori?
Permissivo
Proibizionista
Investigativo
responsabilizzante
ATTEGGIAMENTO PERMISSIVO
Non ho tempo o la capacità per insegnarti fai quello che vuoi...
(come a dire:
basta che non mi disturbi...
se la uso io puoi farlo anche tu...
Ho piena fiducia in te!
o altre idee simili)
ATTEGGIAMENTO PROIBIZIONISTA
Non devi usare la tecnologia
come a dire:
Non la conosco io e allora...
Ci ho provato ma non mi piace e se non piace a me...
E' pericolosa e basta!
oppure...

ATTEGGIAMENTO INVESTIGATIVO
Tu non lo sai ma io ti controllo....
(come a dire
faccio credere di non controllare ma poi vado a vedere tutto quello che fate...
peccato che sanno che voi lo sapete...
ATTEGGIAMENTO RESPONSABILIZZANTE
fornire elementi per utilizzare la tecnologia ma anche le indicazioni utili per "difendersi" da rischi e pericoli
come a dire:
instaurare un dialogo sereno sulle nuove tecnologie
imparare il funzionamento o chiederlo ai propri figli
chiedere ad un esperto di fiducia come fare a....

ANCORA CONSIGLI per i genitori....
CONSIGLI PRATICI
UTILIZZARE I PROGRAMMI DI PARENTAL CONTROL
QUELLO DI WINDOWS VA BENISSIMO
Per attivare Controllo genitori per un account utente standard

Per aprire Controllo genitori fare clic sul pulsante Start, su Pannello di controllo e quindi in Account utente e protezione famiglia fare clic su Imposta Controllo genitori per qualsiasi utente.‌ ‌ Autorizzazioni di amministratore necessarie Qualora venisse richiesto, fornire una password amministratore o una conferma.
Fare clic sull'account utente standard per il quale si desidera configurare Controllo genitori. Se l'account utente standard non è ancora configurato, fare clic su Creazione di un nuovo account utente per creare un nuovo account.
In Controllo genitori, fare clic su Attivo, applica le impostazioni correnti.
Dopo aver attivato Controllo genitori per l'account utente standard desiderato, sarà possibile modificare le singole impostazioni che si desidera controllare:
Restrizioni di orario. È possibile impostare restrizioni di orario per definire in che momenti della giornata i bambini possono accedere al computer.
Con le restrizioni di orario si impedisce ai bambini di accedere al computer nelle ore specificate. È possibile impostare ore di accesso diverse per ogni giorno della settimana. Se i bambini sono connessi quando il tempo loro concesso termina, verranno disconnessi automaticamente. Per ulteriori informazioni, vedere Controllare in quali momenti i bambini possono utilizzare il computer.
Giochi. È possibile controllare l'accesso ai giochi, scegliere un livello di classificazione per età, specificare i tipi di contenuti da bloccare e decidere se consentire o meno l'utilizzo di giochi non classificati o specifici. Per ulteriori informazioni, vedere Come scegliere a quali giochi possono giocare i bambini.
Consentire o bloccare programmi specifici. È possibile impedire ai bambini di eseguire programmi di cui si desidera evitare l'utilizzo. Per ulteriori informazioni, vedere Impedire ai bambini l'utilizzo di programmi specifici.


filtri per computer
Oltre a quello di Windows
NORTON FAMILY
K9 WEB PROTECTION
QUSTODIO
AVG FAMILY SAFETY
NET NANNY
OPEN DNS
Karspersky Safe Kids
ecc.
PER SMARTPHON/TABLET ANDROID
SAFE BROWSER
SMART LOCK
SCREEN TIME CONTROL
QUSTODIO
E TANTISSIMI ALTRI

ci sono filtri anche per linux e apple
Siate pronti ad una...
?
?
Consigli per lo smartphone:
1) L'acquisto deve essere fatto dal genitore e per necessità
2)Se lo chiedono con insistenza rispondete che volete 3 buone ragioni per comprarlo (non deve essere un regalo dei nonni)
3)occorre stabilire delle regole per il suo utilizzo
4)Così come per le ricariche
5)installare un sistema di sicurezza che possa rintracciare il telefono e cancellare i dati

dal sito nostrofiglio.it 10 regole per lo smatphone
REGOLA 1: lo smarthphone si condivide con mamma e papà

A differenza del tablet, che appartiene a tutta la famiglia, lo smartphone è un regalo che si fa al bambino ed è quindi un suo oggetto personale. “Ma genitori devono spiegare al bambino che non è un giocattolo e che lui è ancora piccolo per usarlo da solo. Fin da subito bisogna spiegargli che deve condividerlo con mamma e papà: si guardano i messaggi che riceve e la rubrica si scrive insieme.
REGOLA 2: lo smartphone si usa soltanto quando serve

'Chiamami appena hai bisogno', 'tienilo acceso così ti posso chiamare' ' fammi uno squillo appena arrivi'. Molti genitori vivono il cellulare come uno strumento per tenere a bada le loro ansie, "ma in questo modo" avverte lo psicologo "anche i bambini assorbono l'idea che il cellulare sia un ansiolitico, e da qui il rischio che ne diventino dipendenti.

Invece lo smartphone va considerato solo per quello che è: uno strumento di comunicazione. Un telefono. Va usato solo quando serve e senza ansia.
REGOLA 3: non si usa a tavola, non si leggono messaggi mentre qualcuno parla, si spegne di notte

ll bambino va educato all'uso del cellulare con regole precise. Esattamente come si fa con la televisione o con altri giochi; come un genitore dice che non bisogna ascoltare la musica a tavola o giocare a pallone in soggiorno, nello stesso modo deve dire che non si sta al telefono a tavola, che non si leggono i messaggi mentre qualcuno gli sta parlando, che il cellulare si spegne quando si va a letto
REGOLA 4: il bambino va educato all'uso di Internet

“Bisogna anche avvisare i piccoli dei pericoli che ci sono nell'uso degli smartphone”.

Quando si dà in mano uno smartphone a un bambino significa anche dargli libero accesso a internet. Quindi è fondamentale anche educarlo al web “ Da un'indagine Eurispes è emerso che l'80% dei genitori ha paura che il figlio su internet possa chattare con adulti, ma poi solo il 2% spiega ai piccoli quali sono i pericoli del web”.

Ai bambini invece bisogna parlar chiaro: spiegargli di stare attenti agli sconosciuti, che potrebbero essere adulti male intezionati, così come è importante avvisarli di non pubblicare foto private che li ritraggano. I bambini magari pubblicano per gioco o per attirare l'attenzione immagini potenzialmente pericolose che poi non si possono più eliminare dalla rete.
REGOLA 5: non si prende in giro o si parla male dei compagni su WhatsApp o su Facebook

Parlar male e prendere in giro un compagno è una cosa molto brutta in generale. E compito del genitore è educare al rispetto degli altri. “Inoltre va fatto capire ai bambini che bravate e scherzi a danni di altri fatti sui social o altre piattaforme digitali possono finire in denunce penali e provocare dei procedimenti legali. Un bambino con un cellulare va responsabilizzato."
REGOLA 6: non si leggono i messaggi di nascosto ma si chiede di leggerli insieme

Guardare o non guardare il telefono di nascosto dai figli? “No” risponde Michele Facci “la privacy va rispettata, piuttosto che sbirciare i loro messaggi è meglio chiederlo apertamente: 'vediamo insieme i tuoi messaggi? Mi fai vedere cosa scrivono i tuoi amici? Così gli insegnerete ad avere fiducia in voi.

Se costruiamo fin da subito un buon rapporto con i nostri figli, quando saranno adolescenti (e chiaramente non gli potremo chiedere di farci vedere i loro messaggini), saranno più consapevoli del mezzo, più sicuri nel caso di problemi e più disposti a parlarne ai genitori".
REGOLA 7: almeno fino a 12 anni il bambino va tenuto sotto controllo

Il cellulare si può dare anche prima delle medie, ma almeno fino ai 12 anni il bambino va tenuto sotto controllo. "In molti casi di adescamento di minori attraverso cellulare" spiega Facci "i genitori non sapevano niente. E quindi mai lasciare da solo un bambino con il suo telefono, ma sempre cercare con lui ogni occasione di condivisione del suo mondo digitale.
REGOLA 8: mamma e papà devono dare il buon esempio, almeno nel tempo dedicato ai figli

"Chiaramente i genitori sono il modello esemplare, queste regole non valgono se poi la mamma sta sempre al telefono. Il genitore, soprattutto nel tempo dedicato ai figli deve rinunciare al cellulare. Ad esempio non vale portare i bambini al parco e poi stare tutto il tempo a messaggiare o a telefonare.
REGOLA 9: lo smartphone distrae. Fare un patto durante i compiti

Quando un bambino fa i compiti può essere molto distratto dal cellulare. "Il cellulare mentre si fanno i compiti è una distrazione, come lo era la televisione qualche anno fa. Inutile vietarlo a priori, il bambino lo può tenere vicino a patto che lo controlli solo ogni tanto e non ogni tre minuti. Anche in questo caso ricorrere a un patto educativo con il bambino è la strada migliore.
REGOLA 10: Insegnare ai bambini a esprimere le emozioni non soltanto con emoticon

I bambini preferiscono di gran lunga esprimersi attraverso i messaggini piuttosto che a voce. Più facile mandare una faccina contenta che dire a un amico di essere contento. "I messaggi sono più tutelanti, ma è nostro compito anche educare alle emozioni, insegnare ai bambini ad esprimere le proprie emozioni in modo completo. Inoltre i nativi digitali devono avere il diritto ad usare tutti i sensi, a giocare e a sviluppare la manualità".
installare plug-in che bloccano contenuti inappropriati come:
procon-latte
web-filter pro
utilizzare adblock plus per bloccare i popup
controllare la cronologia
Cari bambini mi raccomando:
Non pubblicare mai immagini intime
Quando pubblichi una foto controlla chi o cosa c'è nello sfondo
Il cellulare è un mezzo e non deve rappresentare "tutta" la vita
se ricevi un sms che ti regala qualcosa devi informare i genitori
In alcuni momenti o luoghi il cellulare va spento per rispetto degli altri o per la sicurezza
ARMATEVI DI GRANDE PAZIENZA

Ci teniamo tutti ad essere accettati, ma dovete credere che i vostri pensieri siano unici e vostri, anche se ad altri sembrano strani e impopolari, anche se il gregge dice: “Non è beeee”. Come ha detto Frost: “Due strade trovai nel bosco e io, io scelsi quella meno battuta. Ed è per questo che sono diverso”.

frase del professor John Keating (Robin Williams) nel celebre film “L’attimo fuggente”:
SITOGRAFIA
....
www.generazioniconnesse.it
www.genitorieinternet.it
www.savethechildren.it
www.webintesta.it
www.okkioallacaccasulweb.it
www.ilfiltro.it
www.navigaweb.net
www.azzurro.it

CONFIGURARE IL COMPUTER O LO SMARTPHONE CON PIU' "UTENZE" (ACCOUNT)
PREVEDERNE UNO PER FIGLIO E DECIDERNE I PERMESSI
(cambia il modo di farlo in base al sistema operativo utilizzato)
contatti:
sirignanoangelo@gmail.com
www.angelosirignano.it
AGGIORNARSI E INFORMARSI CONTINUAMENTE
?
?
?
?
?
?
Questo è invece un contratto di una mamma americana con suo figlio per lo smartphone
1. Il telefono è mio. Lo pago io. Te lo sto prestando. Non sono la migliore?
2. Saprò sempre la password.
3. Se suona, rispondi. E' un telefono. Di' ciao, sii educato. Non ignorare mai una telefonata se sullo schermo c'è scritto "mamma" o "papà". Mai.
4. Consegna il telefono a uno dei tuoi genitori alle 19.30 in punto nei giorni di scuola e alle 21 nei fine settimana. Resterà spento durante la notte e sarà acceso nuovamente alle 7.30 di mattina. Se non vorresti chiamare qualcuno sul telefono fisso perché potrebbero rispondere prima i suoi genitori, non chiamare o non mandare messaggi. Ascolta quell'istinto e rispetta le altre famiglie come noi vorremmo essere rispettati.
5. Il telefono non viene a scuola con te. Fai conversazione con le persone a cui normalmente mandi messaggi. Nella vita è un talento. *Quando esci prima da scuola, in occasione di gite e di attività dopo scuola valuteremo caso per caso.
6. Se il telefono cade nella tazza del gabinetto, si rompe cadendo a terra o scompare, sei responsabile dei costi di sostituzione o riparazione. Taglia il prato, fai il babysitter, metti da parte i soldi del compleanno. Può succedere e devi essere pronto.
7. Non usare la tecnologia per mentire, imbrogliare o deridere un altro essere umano. Non prendere parte a conversazioni che potrebbero far soffrire altri. Sii innanzitutto un buon amico e stai lontano dai guai.
8. Non scrivere in messaggi o email cose che non diresti di persona.
9. Non scrivere in messaggi o email cose che non diresti a voce alta a qualcuno davanti ai suoi genitori. Censurati.

10. Niente porno. Cerca su internet informazioni che condivideresti apertamente con me. Se hai una domanda riguardo qualsiasi cosa, chiedi a qualcuno - preferibilmente a me o a tuo padre.
11. Spegnilo, mettilo silenzioso, nascondilo in pubblico. Specialmente in un ristorante, al cinema o mentre parli con un'altra persona. Non sei maleducato, non permettere all'iPhone di cambiarti.
12. Non inviare o ricevere fotografie delle tue parti intime o delle parti intime di qualcun altro. Non ridere. Un giorno sarai tentato di farlo nonostante tu sia molto intelligente. E' rischioso e potrebbe rovinare la tua adolescenza, la tua vita universitaria o quella adulta. E' sempre una pessima idea. Il cyberspazio è vasto e più potente di te. Ed è difficile far scomparire qualcosa da questo spazio - inclusa la cattiva reputazione.
13. Non fare miliardi di foto e video. Non c'è bisogno di documentare tutto. Vivi le tue esperienze. Saranno conservate nella tua memoria per l'eternità.
14. Qualche volta lascia il telefono a casa e sentiti sicuro di questa decisione. Non è vivo e non è una tua estensione. Impara a vivere senza. Sii più grande e forte della paura di perderti qualcosa.
15. Scarica musica che sia nuova o classica o diversa da quella sempre uguale che ascoltano milioni di tuoi coetanei. La tua generazione ha un accesso alla musica senza precedenti nella storia. Approfitta di questo regalo. Espandi i tuoi orizzonti.
16. Fai qualche gioco con le parole, qualche puzzle o giochi che stimolino la mente di tanto in tanto.
17. Tieni gli occhi aperti. Guarda cosa succede attorno a te. Osserva fuori dalla finestra. Ascolta gli uccellini. Fai una passeggiata. Parla con uno sconosciuto. Fatti domande senza cercare risposte su Google.
18. Sbaglierai. Ti confischerò il telefono. Ci metteremo seduti e ne parleremo. Ricominceremo. Io e te continuiamo sempre a imparare qualcosa di nuovo. Faccio parte della tua squadra. Siamo insieme in questo.
SOCIAL NETWORK
PRIVACY E SOCIAL NETWORK
MONDO VIRTUALE

CI SONO IMMAGINI E VIDEO CHE NON SI DEVONO GUARDARE...
GEOLOCALIZZAZIONE
ci sono per computer e per gli smartphone
Oggi abbiamo parlato di internet, di mondo virtuale...

cosa significa mondo virtuale?

Cosa si aspetta il mondo virtuale da te?

Adesso non potete fare tutto quello che volete su internet....

ma quando potrete farlo?

Cosa vorrete fare?


Possibile....
è possibile
esiste in ognuno di voi.... perciò potete farlo
potete sorprenderci....
oppure potete rinunciare e seguire il gregge....

FAtemi avere un elaborato con l'idea per cambiare il mondo virtuale....e il mondo reale.... sognate....
vi regalo 3 super poteri.... utilizzateli....

vi lascio dei super poteri....
ultimo....
vi lascio uno smartphone da utilizzare con chi vuoi, racconta la tua esperienza in internet...in chat....ecc...
Full transcript