Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Classe cooperativa

No description
by

Giada Giardo

on 23 June 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Classe cooperativa

Insieme si arriva più lontano
La classe cooperativa si basa su un principio di condivisione impriscindibile dalle attività legate all'apprendimento che si svilupperanno durante i 5 anni di scuola primaria. I bambini sin dalla prima classe impareranno a lavorare in gruppo condividendo conoscenze ed esperienze.
L'aula è il primo spazio in cui il bambino impara la gestione di sè in autonomia e in relazione con l'Altro, quindi risulta essere fondamentale la disposizione degli spazi all'nterno di essa. Nella classe cooperativa tutto sarà predisposto per facilitare la collaborazione a partire dalla disposizione in gruppo dei banchi e dalla presenza di isole di materiale didattico condiviso.
Niente più zaini e astucci
Nella Cclass non ci saranno zaini ingombranti, spesso causa di un'eccessiva diminuzione dello spazio dell'aula, nè astucci con pastelli e pennarelli segnati con il nome del bambino che vengono costantemente smarriti dai legitti proprietari, perchè i bambini avranno tutto il materiale didattico in comune e impareranno a gestirlo attraverso prove, errori e confronti.
Il materiale didattico verrà acquistato dai genitori attraverso la creazione di una cassa comune che, con una spesa ridotta rispetto alle attuali, permetterà con un investimento di 50 € a famiglia, di compare tutto l'occorrente per un anno di scuola (tracolla, pastelli, pennarelli, colla, forbici....). Inoltre nella Cclass i bambini non indosseranno il grembiule, saranno quindi liberi di esprimere la loro personalità anche nell'abbigliamento. Durante le attività legate all'espressione artistica le insegnanti realizzeranno con gli alunni dei grembiuli fai da te.
In questo modo le famiglie potranno risparmiare e pensare di investire le proprie risorse economiche in uscite didattiche e progetti educativi innovativi.
Valori condivisi
L’apprendimento globale prevede un curricolo fondato su:

1. l ’autonomia degli alunni che genera competenze
2. il problem – solving che alimenta la costruzione del sapere

3. l’attenzione ai sensi e al corpo che sviluppa la persona intera

4. la diversificazione dell'insegnamento che ospita le intelligenze, le potenzialità, le differenze

5. la co-progettazione che rende responsabili docenti e alunni

6. la cooperazione tra docenti che alimenta la formazione continua e la comunità di pratiche

7. i diversi strumenti didattici che stimolano vari stili e metodi di insegnamento

8. l’attenzione agli spazi che rende autonomi gli alunni

9. la partecipazione dei genitori che sostiene l'impegno della scuola

10. la valutazione autentica che incoraggia i progressi

Niente compiti
Nella Cclass i compiti non verranno assegnati perchè le attività verranno gestite interamente a scuola e nel caso in cui si necessitasse di interventi specifici tutto verrà concordato con la famiglia per gestire di comune accordo modalità e tempi.
La valutazione
La valutazione nella Cclass non sarà espressa numericamente, ma avrà due voci definite in riferimento sia al progresso individuale, sia al progresso nella realizzazione di progetti di gruppo. Il bambino verrà valutato attraverso la declinazione di obiettivi raggiunti e di potenzialità da sviluppare .
Cclass
Cclass

Classe Cooperativa

Fare per imparare
Investire in conoscenza
• Creeremo sin dalla prima classe piccoli gruppi di lavoro di bambini abituandoli a lavorare in gruppo. I gruppi varieranno ogni mese e con essi anche le posizioni all’interno della classe di ogni singolo alunno per permettere una conoscenza approfondita di tutti i componenti della classe e sviluppare competenze di adattabilità e di collaborazione.
• Si punterà sull’autostima di ogni singolo alunno, portandolo, attraverso letture e momenti di verbalizzazione (circle time http://www.ordinepsicologilazio.it/blog/psico-strumenti-di-classe/circle-time-a-scuola/ ), a scoprire il proprio talento e a condividerlo nel gruppo.
• Svilupperemo un progetto teatrale basato sulla autonomia e la collaborazione dei gruppi per favorire il raggiungimento di competenze operative e valutabili.

organizzazione
classe prima
classe seconda
• Manterremo la divisione in gruppi e individueremo ogni mese un gruppo responsabile che si occuperà di gestire piccole attività di responsabilità all’interno della classe (distribuzione schede, quaderni...)
• Attraverso momenti di discussione e confronto valuteremo insieme la necessità di avere delle regole scritte per il miglioramento della convivenza in classe e per l’organizzazione delle attività.
• Nell’ora di tecnologia insegneremo a utilizzare Word per produrre una documentazione utile per la gestione dell'organizzazione della classe.
• Lasceremo che siano i bambini a capire che documentazione sia necessaria per la classe (es. calendarizzazione uscite richieste dalla maestra, fila dei compagni, disposizione tavoli a mensa ecc…)
• Lavoreremo sempre in gruppo, premiando alla fine di ogni mese il team che si comporterà meglio.
• Alla fine della classe seconda introdurremo il concetto di autovalutazione, sia individuale che di gruppo attraverso letture, visioni di film, tabelle ecc

CLASSE TERZA
• Riprenderemo il concetto di autovalutazione chiedendo ai gruppi ogni fine mese di darsi un voto da 5 a 10.
• Introdurremo il concetto di valutazione delle azioni altrui sempre tenendo conto delle variabili del carattere di ognuno.
• Rifletteremo sul concetto di disabilità attraverso letture o visioni di film come “Stelle sulla Terra” (dislessia) o “La mia fedele compagna” (Sindrome di Turet).
• Verbalizzaremo, sempre dopo la visione dei film, attraverso lo strumento del circle time.
• Nel mese di Aprile iniziaremo a spiegare ai bambini che cosa sia una classe virtuale e quali siano le regole per una buona convivenza nel nuovo luogo in cui andranno ad interagire
• Condivideremo le regole per un corretto utilizzo del social didattico Fidenia.
• Iscriveremo i bambini sulla piattaforma creando una classe virtuale (tutorial http://www.bing.com/videos/search?q=tutorial+fidenia&view=detail&mid=1A0CB118BD7D4D0005271A0CB118BD7D4D000527&FORM=VIRE)
• Inizieremo a dare i compiti su Fidenia solamente nel fine settimana utilizzando gli strumenti didattici del social learning.
classe quarta
• Introdurremo la ricerca sia sui testi che on line.
• Insegneremo ai bambini a navigare con sicurezza su internet analizzando i link e capendone il significato.
• Spiegheremo come si salvano testi e immagini nelle cartelle e come queste possano essere caricate e condivise su Fidenia.
• Inviaremo ai bambini video di approfondimento per abituarli ad utilizzare più strumenti di approfondimento e verificare la loro preparazione attraverso questionari on-line come Quest-base presente su Fidenia.
• Verbalizzaremo qualsiasi problema si verifichi all’interno della piattaforma.
• Continueremo la modalità di lavoro a gruppi.

classe quinta
• Inizieremo ad utilizzare Fidenia come strumento di lavoro per i gruppi, per ricerche o progetti da sviluppare sia a scuola che a casa.
• Alla fine di ogni lavoro chiederemo ai bambini di dare un giudizio della loro esperienza, sia nei punti di forza che nei punti deboli.
• Proporremo agli alunni di ricercare approfondimenti on line per le materie di studio e condividere il link prima in privato con l’insegnante che poi lo condividerà con la classe.
• Insegneremo l’utilizzo di programmi come Vue (mappe concettuali) o Padlet (bacheca virtuale) che possano loro permettere di studiare con più facilità e condividere il loro lavoro con gli altri.
• Continueremo a dare i compiti su Fidenia e provare ad inviare loro delle video lezioni che potete creare con Screen cast o Matic per rendere più coinvolgente una spiegazione.
Full transcript