The Internet belongs to everyone. Let’s keep it that way.

Protect Net Neutrality
Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

APPARATO CIRCOLATORIO

No description
by

Giorgia Drovandi

on 7 February 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of APPARATO CIRCOLATORIO

L' apparato circolatorio svolge le funzioni di rifornire il corpo d'ossigeno e di rimuovere le sostanze di rifiuto.

si compone di tre parti:
-Un fluido, il sangue, svolge la funzione da mezzo di trasporto;
-una pompa il cuore, per tenere in movimento il sangue;
-Una rete di canali, i vasi sanguigni, per distribuire il fluido nei vari punti del corpo.

Quest'ultimi si dividono in due tipi:
- le arterie (partono dal cuore)
- le vene (arrivano al cuore)

La circolazione sanguigna
LE FUNZIONI DEL SANGUE
Il sangue è un tessuto connettivo che, a differenza degli altri, si presenta sotto forma di un liquido denso che svolge le funzioni di trasporto, regolazione e protezione. Trasporta l'ossigeno in tutto il corpo , ma allo stesso tempo, preleva l'anidride carbonica destinata ai polmoni; distribuisce a tutto l'organismo le sostanze nutrienti assorbite dall' intestino e rimuove le sostanze di scarto.
Un'altra funzione fondamentale di questo tessuto è regolare la temperatura corporea. Il sangue ha anche la funzione di coagulazione: quando ti ferisci e la ferita perde molto sangue, quest'ultimo forma un tappo, chiamato coagulo, che impedisce al sangue di uscire ulteriormente.
APPARATO CIRCOLATORIO
LA STRUTTURA DELL' APPARATO CIRCOLATORIO
prezi by:
simone
Maikol

giorgia
allegra

il cuore
Il cuore è l'organo principale dell' apparato circolatorio; è un'organo muscolare cavo costituito prevalentemente da tessuto muscolare cardiaco striato e involontario; è situato nella parte sinistra del torace, con l'estremità inferiore rivolta a sinistra; il suo volume corrisponde al pugno chiuso della persona stessa; nell'adulto pesa 200/300 g.
il suo compito è quello di pompare il sangue che circola in tutto l'organismo.
I COMPONENTI DEL SANGUE
AVIS
In un adulto si trovano all'incirca 6 litri di sangue: costituito per il 55% da una parte liquida, il plasma composto per il 90% da acqua, per il 7/8% da proteine e da sali minerali per circa lo 0,9% . Inoltre, nel plasma si trovano le sostanze che derivano dai principi nutritivi assorbiti dall'intestino.
Il restante 45% è composto da una parte corpuscolata, cioè formata da diversi tipi di cellule.
Diversi tipi:
Globuli rossi
L'ASSOCIAZIONE AVIS è UNA DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE PIù FAMOSE NEL MONDO, prelevano circa 450 CC DI SANGUE ALL'ANNO da ogni donatore , LE DONNE POSSONO DONARE IL SANGUE massimo 2 volte all'anno mentre gli uomini 4 volte all'anno.
L'ETà MINIMA PER DONARE è DAI 18 ANNI FINO A 65\67 ANNI e, PER DONARE sangue, BISOGNA ESSERE SICURI CHE IL proprio SANGUE SIA SANO.
Devono il loro colore all'emoglobina, dove sono presenti 4 atomi di ferro che legano atomi d'ossigeno dando così un colore rossastro. Sono privi di nucleo e organuli e sono responsabili del trasporto di ossigeno e anidride carbonica nel sangue. La loro forma schiacciata al centro, è dovuta al fatto che, durante il trasporto, possano passare attraverso capillari anche molto piccoli.
Piastrine
Sono frammenti di cellule che permettono la coagulazione del sangue: accorrono nel punto della ferita e aderiscono tra loro e ai tessuti circostanti. Sono dotate inoltre, di una cellula madre che si frantuma ed entra in circolo dove il flusso rallenta per avviare le piastrine.
6 CURIOSITà sul sangue
la coagulazione del sangue
il fibrogeno (una proteina solubile) è presente nel plasma che viene trasformato in fibrina (una proteina insolubile) quando le piastrine liberano una sostanza contenuta in essi. il fibrogeno viene così trasformato in fibrina: i filamenti di quest'ultima formano una rete che intrappola le cellule del sangue e blocca l'emorragia.
I Monociti
Sono cellule capaci di svolgere la fagocitosi, sono in grado cioè di inglobare (incorporare) cellule estranee e digerirle al proprio interno.
i monociti sono di grosse dimensioni e in grado di attraversare le pareti dei vasi sanguigni per arrivare nei tessuti corporei, dove si trasformano in macrofagi.
GLOBULI BIANCHI
Il gruppo sanguigno più diffuso è lo “0”, quello più raro è l’A rh-. Quest’ultimo è stato scoperto recentemente in una famiglia di Bombay e proprio per questo viene anche chiamato Fenotipo di Bombay..

I globuli bianchi vengono chiamati anche leucociti, sono provvisti di un nucleo ( a differenza dei globuli rossi) e hanno il compito di difendere l'organismo dai germi patogeni. Esistono 3 tipi di leucociti: linfociti,
granulociti e monociti.
1.
Ogni minuto muoiono nel nostro corpo un centinaio di milioni di cellule. Quasi nulla se si pensa che siamo composti da 10-50 trilioni di cellule.
La struttura interna del cuore
2.
E' diviso in due da una struttura chiamata setto atrioventricolare: nella parte destra scorre solo sangue ricco di anidride carbonica e povero d'ossigeno, quello blu, mentre in quella sinistra scorre quello ricco d'ossigeno e povero di anidride carbonica, quello rosso. Queste due parti non devono mai venire a contatto per evitare che i due tipi di sangue si mescolino. A loro volta queste due parti sono divise in altre due parti: quelle superiori, gli atri, e quelli inferiori, i ventricoli. Nell'atrio destro, arriva il sangue povero d'ossigeno proveniente dal corpo. Da qui il sangue passa al ventricolo destro attraverso la valvola tricuspide. Il sangue, per essere trasportato ai polmoni, passa nelle arterie polmonari: nei polmoni avviene l'ossigenazione del sangue che, attraverso le vene polmonari, ritorna al cuore.
!!!Le arterie e le vene presentano perciò una differenza fondamentale: le arterie PARTONO dal cuore, le vene ARRIVANO al cuore!!!!
Le vene polmonari portano il sangue ossigenato nell'atrio sinistro, dove, attraverso la valvola bicuspide, viene trasportato nel ventricolo sinistro. Da qui il sangue ossigenato va in tutto il corpo passando nell'arteria aorta.
I GRANULOCITI
I granulociti sono caratterizzati
dalla presenza di grossi granuli citoplasmatici
.
Compongo circa il 60% dei globuli bianchi
La circolazione del sangue
I LINFOCITI
I linfociti assicurano la capacità di risposta del sistema immunitario che ci difende dalle malattie grazie alla produzione di anticorpi.
I vasi del sistema circolatorio formano due circuiti distinti che partono e arrivano al cuore:

-la circolazione sistematica

- la circolazione polmonare
L’unica parte del corpo umano senza sangue è la cornea: prende l’ossigeno direttamente dall’esterno.
Ogni giorno il tuo cuore produce abbastanza energia da far muovere un camion per oltre 30km

3.
4.
CIRCOLAZIONE SISTEMICA
CIRCOLAZIONE POLMONARE
5.

Una goccia di sangue impiega circa 20 secondi per fare il giro del corpo umano

(o grande circolo)
6.
Durante una vita il nostro cuore pompa in media 180 milioni di litri di sangue

serve per trasportare sangue ossigenato e ricco di sostanze nutrienti a tutto l'organismo; riporta al cuore il sangue povero d'ossigeno e ricco di anidride carbonica.
Compongono circa il 35% dei globuli bianchi.
frequenza cardiaca= numero di battiti al minuto
gittata cardiaca= quantita di sangue pompata al minuto
Il ciclo cardiaco
Il flusso sanguigno è determinato da contrazioni (dette sistole) e rilassamenti (detti diastole). Il susseguirsi di queste contrazioni e di questi rilassamenti è detto ciclo cardiaco, che dura circa 0.8 secondi. Il ciclo si divide in tre fasi:
- Rilasciamento
- Sistole atriale
- Sistole ventricolare
Rilasciamento
Durante questa fase gli atri e i ventricoli sono in diastole (rilassati); i primi si riempono di sangue completamente, i secondi per il 75%.
Sistole atriale
Durante questa fase gli atri si contraggono e spingono il sangue all'interno dei ventricoli (che si riempono completamente) attraverso le valvole atrioventricolari.
Sistole ventricolare
Durante l'ultima fase i ventricoli si contraggono facendo premere il sangue sulle valvole atrioventricolari, che si chiudono. Quando la pressione del sangue diventa elevata, le valvole semilunari si aprono facendo passare ad alta velocità il sangue nelle arterie. Nel frattempo gli atri sono in diastole pronti a ricevere sangue ossigenato.
chi fa battere il cuore?
Il tessuto muscolare cardiaco si contrae e si rilassa, ma deve farlo in modo coordinato: prima gli atri e poi i ventricoli. Questo avviene grazie al
sistema di conduzione
elettrica del cuore
che stimola le cellule del miocardio senza coinvolgere il sistema nervoso centrale. Quest'ultimo, infatti, può solo aumentare o diminuire la frequenza cardiaca.
i componenti del cuore
La parte esterna del cuore è rivestita dal pericardio, un tessuto muscolare, sulle quali si possono riconoscere le arterie coronarie, che portano al cuore le sostanze nutritive e l'ossigeno di cui ha bisogno; le pareti sono formate da un tessuto muscolare chiamato miocardio, e l'interno è rivestito da un altro tessuto muscolare, detto endocardio.
I componenti del sistema di conduzione elettrica
3 parti:
- Nodo senoatriale=

- Nodo atrioventricolare=


- Fascio atrioventricolare=
gruppo di cellule incaricato di mandare
l'impulso agli atri per farli contrarre
gruppo di cellule che riceve
l'impulso, lo rallenta, e lo trasmette al fascio atrioventricolare
gruppo di cellule che riceve
l'impulso, facendo contrarre i ventricoli
i vasi sanguigni
si dividono in 3 tipi:
- vene
- capillari
- arterie
Tutti questi vasi sanguigni formano una parte dell'apparato circolatorio e, se unissimo tutte le vene, i capillari e le arterie, otterremmo una "striscia" lunga 80 000 km. L'apparato circolatorio è formato pertanto da 17 miliardi di vene, arterie e capillari.
Arterie
Partono dal cuore,
hanno pareti spesse ed elastiche; lo strato interno è detto endotelio, mentre quello intermedio è formato da tessuto muscolare liscio, infine quello esterno è costituito da fibre elastiche. Il notevole spessore delle pareti fa da contrasto alla forte circolazione del sangue. Le loro pareti, grazie allo strato elastico, possono variare di diametro dilatandosi, vasodilatazione, oppure restringendosi, vasocostrizione. Si trovano in profondità, tanto che una lesione arteriosa è in grado di provocare un'emorragia anche molto grave.
Vene
Arrivano al cuore
e la loro struttura è simile a quella delle arterie; lo stato esterno è però fibroso e poco elastico.
La loro particolarità è che al loro interno vi sono delle valvole dette a nido di rondine, che impediscono al sangue di refluire.
Sono più in superficie delle arterie, infatti si possono vedere sotto la pelle, ad esempio nelle mani e nelle braccia.
I capillari
Sono molto più piccoli delle vene e delle arterie, infatti sono formati da un solo strato di cellule endoteliali.
gallo
man mano che le arterie si allontanano dal cuore, si dividono in vasi sempre più piccoli, chiamati arteriole. questi si diramano fino a raggiungere le cellule sottoforma di capillari anche piccolissimi. i capillari confluiscono poi nello scambio capillare, cioè il passaggio di ossigeno, sostanze nutritive, cellule, anidride carbonica e materiali di scarto verso il sangue. finito questo scambio, i capillari confluiscono in vasi via via sempre più grandi, prima le venule e poi le vene. in quest'ultime, il sangue scorre verso il cuore con una potenza inferiore a quella presente nelle arterie. in caso una vena venisse ferita, si affloscerebbe, questo a causa della minore presenza di fibre elastiche e muscolari rispetto alle arterie.
Nei capillari, quando i globuli rossi devono passare, devono passare uno alla volta:
questo permette gli scambi gassosi con le cellule dei tessuti circostanti.
setto atrioventricolare
atrio destro ( sangue
povero d'ossigeno)
ventricolo destro
atrio sinistro (sangue ricco
d'ossigeno)
ventricolo
sinistro
Associazione
Volontaria
Italiana
Sangue
LE TRASFUSIONI SONO DEI TRASFERIMENTI DI SANGUE COMPATIBILI CON IL RICEVENTE. SE IL SANGUE NON è COMPATIBILE IL RISCHIO DIVENTA MOLTO ALTO COSì DA CAUSARE LA MORTE.
Come si fa a capire di che gruppo sanguigno siamo?
Esistono 8 gruppi sanguigni: 4 positivi e 4 negativi. I 4 positivi sono AB+, B+, A+, 0+; i 4 negativi sono AB-, B-, A-, 0-. ( += RH). AB+ (raro)= ricevitore universale
0- (comune) = donatore universale
******************************************************************************Per capire a quale di questi gruppi apparteniamo dobbiamo prelevare alcune gocce del nostro sangue, e mettere 2/3 gocce su ogni vetrino porta-oggetti. Prendiamo 3 boccette: nella 1 mettiamo gli anti-A, nella 2 gli anti-B, nella 3 gli anti-RH; dopodichè mettiamo 1 o 2 gocce degli anti-A nel 1° vetrino, degli anti-B nel 2° vetrino e degli anti-RH nel 3° vetrino. Mescoliamo con la puntina di un vetrino pulito ogni contenuto presente in tutti e 3 i vetrini. Adesso prendiamo un Agglutinoscopio (lampada la reazione del sangue), e appoggiamoci sopra i 3 vetrini, uno distante dall'altro. Se giriamo la lampada in obliquo si può notare che, ovviamente il sangue cola verso il basso, ma sono 2 i casi:
- il sangue cola omogeneo = il sangue NON ha reagito alla sostanza per cui non la contiene
- il sangue cola a pezzi, come se fosse spezzato= il sangue REAGISCE alla sostanza per cui la contiene. Questa reazione è detta Emoagglutinazione.
ESEMPI:
Nel primo vetrino ho messo gli anti-A, nel secondo gli anti-B e nel terzo gli anti-RH. Li mescolo e li metto sulla lampada.
Il sangue del primo vetrino cola in modo omogeneo, non contiene A; nel secondo il sangue cola a pezzi, contiene B; nel terzo il sangue cola a pezzi, contiene RH. Pertanto, questo gruppo sanguigno sarà B+.
************************
Un'altro sempio: il primo vetrino reagisce, il secondo anche, e anche il terzo= AB+.
valvola tricuspide
valvola
bicuspide
Arteria Aorta
Fascio atrioventricolare
Sistema linfatico
Altri organi del sistema linfatico
Il compito di difenderci dagli agenti patogeni è affidato anche ad altri organi che fanno parte del sistema linfatico: tonsille, timo, milza e midollo osseo rosso.
le tonsille sono la "prima difesa" contro i microrganismi che penetrano dalla bocca e dal naso, un esempio è quando prendiamo il raffreddore.
Il timo si trova dietro allo sterno; qui, dalla nascita fino alla pubertà, avviene una maturazione di un particolare tipo di linfociti nominati lifonciti T.
La milza si trova nella parte sinistra dell'addome e contiene linfociti e globuli bianchi ed elimina le cellule vecchie (piastrine e globuli rossi).
Il midollo osseo rosso si trova alle estremità delle ossa lunghe ; produce i linfociti e altre cellule del sangue.

(o piccolo circolo)
serve per trasportare il sangue povero di ossigeno e ricco di anidride carbonica e riporta al cuore sinistro il sangue ossigenato
Accanto al sistema circolatorio si trova un'altro sistema di vasi, che forma la circolazione linfatica. Al suo interno scorre un liquido chiamato linfa che, assieme al sangue, contribuisce a trasportare le sostanze che difendono l'organismo dai microrganismi patogeni. Lungo i vasi linfatici si trovano numerosi piccoli rigonfiamenti, ovvero i linfonodi, che filtrano la linfa eliminando le sostanze estranee. All'interno del linfonodo si trovano linfociti e i macrofagi
Full transcript