Loading presentation...
Prezi is an interactive zooming presentation

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

L'assolutismo in Francia: Luigi XIV

No description
by

Fe* Rose

on 10 February 2012

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of L'assolutismo in Francia: Luigi XIV

(cc) photo by Metro Centric on Flickr (cc) photo by Franco Folini on Flickr Ritratto di Luigi XIV, di Hyacinthe Rigaud (1701) Luigi XIV, "Re Sole" Consiglio superiore Consiglio delle finanze Consiglio di Stato Consiglio dei dispacci Re Tre ministri:
della guerra
degli esteri
della giustizia Controllore generale delle finanze (affari economici); consiglieri Dirime le questioni poste dalle corti locali (consiglieri di Stato e relatori) Esamina i rapporti degli intendenti delle province Organi centrali Organi periferici Intendenze Finanza Giustizia Polizia La reggia di Versailles Enveloppe nel 1668, consisteva in un secondo edificio che circondava il primo castello Il Grande Trianon (rifugio privato del re), disegno del 1700 Galleria degli Specchi Cappella del castello di Versailles Versailles, the Chateau, Queen’s Chamber La politica economica: mercantilismo Ministro delle finanze: Jean-Baptiste Colbert (1619-1683)

Lo interviene direttamente nella vita economica Stato impone alte tariffe doganali proteggere i prodotti nazionali proteggere il mercato interno dalla concorrenza straniera Protezionismo Jean-Baptiste Colbert Luigi XIV, figlio di Anna d'Austria e Luigi XIII, fu re dal 1661 al 1715 e instaurò in Francia un governo di tipo assolutistico (->"absolutus", svincolato), eliminando le forze che potevano ostacolarlo (nobili e ugonotti). La regalità sacra Concezione discendente del potere

1654: incoronato a Reims "Unto del Signore" guarigioni miracolose -> scrofole supplizio pubblico -> generare terrore negli spettatori disobbedire al sovrano = disobbedire a Dio Città "sacra" -> 496, notte di Natale: vescovo Remigio battezzò Clodoveo, re dei Franchi.

Tradizione -> i re di Francia dovevano essere incoronati a Reims

Cerimonia -> olio santo -> "origine divina" Reims La politica religiosa Editto di Nantes (1598)
Promulgato da Enrico IV, concedeva:

completa parità giuridica a cattolici e ugonotti

possibilità da parte degli ugonotti ad esercitare qualsiasi professione senza discriminazioni

libertà di culto agli ugonotti, tranne che a Parigi 1685: Luigi XIV con l'editto di Fontainebleau revoca l' Lotta contro gli : ugonotti ricchezza -> commerci e attività industriali conversione forzata al cattolicesimo
violenze e abusi
rapimenti di bambini dragonnades editto di Nantes Danni economici Gli ugonotti portano ricchezze e competenze tecniche in Olanda, Inghilterra, Svezia, Svizzera, Brandeburgo e Berlino. Condanna del giansenismo Demolizione del convento di Port Royal, dopo che Clemente XI aveva condannato la dottrina di Giansenio (1713) Giansenismo

Dottrina teologica elaborata nel XVII sec. da Giansenio (1585-1638), il quale fondò la sua costruzione teologica sull'idea che l'uomo nasce essenzialmente corrotto e quindi destinato a fare del male, e che, senza la grazia divina, l'uomo non potrà far altro che peccare e disobbedire alla sua volontà. Vicina al protestantesimo, la dottrina giansenista eliminava quasi del tutto il libero arbitrio dell'uomo di fronte alla grazia divina, favorendo l'idea di una salvezza predestinata. Difesa della chiesa gallicana vs Chiesa -> (temporale e spirituale) diritto di regalìa Il re di Francia, in caso di morte o dimissione dei vescovi, percepiva i redditi delle diocesi e poteva conferire nomine ecclesiastiche dipendenti dal vescovato. Luigi XIV maggioranza del -> concordato tra Francesco I e Leone X (1516) Francia: vescovi di nomina regia clero 1682: , preparata da Bossuet Jacques Bénigne Bossuet in un ritratto di Hyacinthe Rigaud Jacques Bénigne Bossuet (Digione, 27 settembre 1627 – Parigi, 12 aprile 1704) è stato uno scrittore, vescovo cattolico, teologo e predicatore francese. Declaratio cleri gallicani Luigi XIV: capo della Chiesa nazionale francese Contrasto con Innocenzo XI Innocenzo XII 1693: Luigi XIV revoca la Declaratio cleri gallicani e la Chiesa riconosce il diritto di regalìa su tutto il paese Riduzione del potere dei nobili Intendenti:
(funzionari di nomina regia, stipendiati dallo stato)

vigilare le zone periferiche della Francia

amministrare correttamente la giustizia

compiti relativi all'amministrazione dello stato

udienze e ascolto alle lagnanze dei sudditi

controllo dell'ordine e delle regole

impedire l'insubordinazione da parte degli uomini d'arme
costretti ad occuparsi di moda e feste, confinati nella . . . Realizzato da:
Federica Rosato





Bibliografia e fonti:
F.M.Feltri, M.M.Bertazzoni, F.Neri, I giorni e le idee 2 Settecento e Ottocento, Ed. Sei
L'età di Luigi XIV, G. De Rosa
Google immagini

Liceo Classico “T. Campanella” di Reggio Calabria


Classe II sez. H - Anno scolastico 2011/12
La reggia è situata a circa 15 km dal centro di Parigi. Il primitivo nucleo del palazzo reale fu il padiglione da caccia di Luigi XIII, che venne restaurato e ampliato nel 1661. Celebrare il trionfo della monarchia assoluta Giardini di André Le Nôtre -–> esprimono in forma monumentale il dominio dell’uomo sulla natura Ritratto di André Le Nôtre eseguito da Carlo Maratta ha oggetti in stile Rococò e sul muro all'epoca c'erano tremila candele, che riflettendosi contro i numerosi specchi illuminavano la stanza. La decorazione fu affidata a Charles Le Brun La Galleria delle Battaglie è stata personalmente progettata da Luigi Filippo d’Orléans. La galleria contiene grandi tavole che rappresentano famosi eventi militari della storia di Francia Le tavole illustrano quattordici secoli di storia francese, la prima battaglia è quella di Tolbiac, guidata da Clodoveo nel 496, fino alla battaglia di Wagram vinta da Napoleone nel 1809. Un ampio cornicione, poggiante su varie trabeazioni, sostenute a loro volta da colonne corinzie, supporta una volta a cassettoni dipinti. Su sedici tavole di bronzo sono iscritti i nomi di coloro uccisi o feriti a morte nella lotta per la gloria della Francia. Numerosi busti di condottieri e uomini d’arme sono immessi sul condotto tra i tavoli e contro le colonne. In questa Cappella, costruita da Jules Hardouin-Mansart, si svolgevano le cerimonie per le vittorie militari, le nascite dei Figli di Francia e i matrimoni dei Principi. Gli affreschi del soffitto rappresentano i tre personaggi della Santa Trinità. Al centro, La Gloria di Dio Padre realizzata da Antoine Coypel. In cima alla tribuna reale, la Discesa dello Spirito Santo realizzata da Jean Jouvenet. La Regina passava molto del suo tempo nella sua stanza, dove riceveva le dame di corte la mattina al levar del sole e concedeva udienze private
Full transcript