Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Legislazione scolastica per docenti

No description
by

Rossella Fabbri

on 11 November 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Legislazione scolastica per docenti

Legislazione scolastica per docenti

Argomenti:

• Principale normativa di riferimento
• Il nuovo assetto della Pubblica Amministrazione.
• L’autonomia delle istituzioni scolastiche
• Gli OO.CC
• Il POF
• La funzione docente
• Alcuni doveri e diritti dei docenti:
1. Le forme di responsabilità
2. La vigilanza
3. La trasparenza
4. La privacy
5. La sicurezza

Principale normativa di riferimento
1. Costituzione artt. 33-34
2. TU della scuola D.lgs 297/94
3. DPR 275/99 Regolamento dell’Autonomia scolastica
4. CCNL 2006-2009
5. D.lgs. 165/2001 come modificato dal D.lgs 150/2009 (Brunetta)
6. DPR 122/2009 Regolamento recante coordinamento delle norme vigenti sulla valutazione degli alunni
7. DPR 80/2013 Regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione
8. Trasparenza e accesso: L.241/90 – D.lgs 33/2013
9. Privacy: D.lgs 196/2003 e regolamenti DPR 184/2006 - DM 305/2006 – Linee guida Garante privacy
10. Sicurezza: D.lgs 81/2008

Gli articoli della Costituzione
ART. 33 Cost.
L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.
La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole
statali per tutti gli ordini e gradi.
Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione,
senza oneri per lo Stato. […]

ART. 34 Cost
La scuola è aperta a tutti.
L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita.
I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere
i gradi più alti degli studi.
La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle
famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso.

L’autonomia delle istituzioni scolastiche D.P.R. 275/99

Art. 3 – il POF
Ogni istituzione scolastica predispone, con la partecipazione di tutte le sue componenti, il
Piano dell'offerta formativa. Il Piano è il documento fondamentale costitutivo dell'identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell'ambito della loro autonomia.
Art. 4 – Autonomia didattica
Art. 5 – Autonomia organizzativa
Art. 6 – Autonomia di ricerca, sperimentazione e sviluppo
Art.16 – Coordinamento delle competenze
1. Gli organi collegiali della scuola garantiscono l'efficacia dell'autonomia delle istituzioni scolastiche nel quadro delle norme che ne definiscono competenze e composizione.
2. Il dirigente scolastico esercita le funzioni di cui al decreto legislativo 6 marzo 1998, n. 59, nel rispetto delle competenze degli organi collegiali.
3. I docenti hanno il compito e la responsabilità della progettazione e dell'attuazione del processo di insegnamento e di apprendimento.
4. Il responsabile amministrativo assume funzioni di direzione dei servizi di segreteria nel quadro dell'unità di conduzione affidata al dirigente scolastico.
5. Il personale della scuola, i genitori e gli studenti partecipano al processo di attuazione e sviluppo dell'autonomia assumendo le rispettive responsabilità.

Gli OO.CC.

Il Consiglio d’istituto
(art.10 del TU della scuola) ha assunto
funzioni di indirizzo e di controllo
.
Tutte le amministrazioni pubbliche, comprese le scuole, adeguano i propri ordinamenti al principio della distinzione tra indirizzo e controllo, da un lato, e attuazione e gestione dall'altro (o quanto disposto dal Dlvo 165/2001, art. 4, e. 4. (ex art.3, Dlvo 29/93). In base a tale principio:
1. Gli organi di governo esercitano le funzioni di indirizzo politico-amministrativo, definendo gli
obiettivi ed i programmi da attuare, e verificano la rispondenza dei risultati dell'attività
amministrativa e della gestione agli indirizzi impartiti (D.LGS. 165/01, art.4,c.1).
2. Nella scuola il Consiglio di Istituto si configura come l'organo di indirizzo e controllo e il

Dirigente scolastico come l'organo di gestione
(D.LGS. 165/01, art.4,c.2).

Il Collegio dei docenti è invece l’organo tecnico della didattica
(art.7 del TU della scuola).
• I Consigli di intersezione, di interclasse e di classe (art.5 c.8 del TU della scuola) sono presieduti dal dirigente scolastico oppure da un docente, membro del consiglio, suo delegato; si riuniscono in ore non coincidenti con l'orario delle lezioni, col compito di formulare al collegio dei docenti proposte in ordine all'azione educativa e didattica e ad iniziative di sperimentazione […]

IL POF
Competenze Collegio ex D.P.R. 275/99
Il Piano dell'offerta formativa è elaborato dal
collegio dei docenti sulla base degli indirizzi
generali per le attività della scuola e delle scelte
generali di gestione e di amministrazione definiti
dal consiglio di circolo o di istituto, tenuto conto
delle proposte e dei pareri formulati dagli
organismi e dalle associazioni anche di fatto dei
genitori e, per le scuole secondarie superiori,
degli studenti.
Proseguire alla slide 28 del ppt
Full transcript