Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Leo Izzo. La musica che non si sente. Musica e sonoro nel cinema

aulodie.wordpress.com
by

leo izzo

on 12 April 2012

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Leo Izzo. La musica che non si sente. Musica e sonoro nel cinema

Colonna Sonora
Dialoghi
Rumori
[sound effects]
Musica
Tre tracce
Dal muto
alla
"colonna sonora"

tre fasi
[1] Il film muto (1894-1929)
Musica originale composta per le grandi produzioni
Flusso ininterrotto di musica
- Fa da sipario (apertura e chiusura)

- Segmenta la narrazione

- "Commenta" l'azione

- Favorisce il coinvolgimento
2. I "Talkies"
L'immagine "parla"
Sonoro in scena:
- rumori
- parola
- musica eseguita
[diegetica]
"The Jazz Singer" ( 1927, Alan Crosland)
Musica esterna alla scena
[extradiegetica]
3. Lo "score" hollywoodiano
Prima fase del film sonoro (1929-1933 circa)
Twisted Nerve (Roy Boulting, 1968)
Musica: Berman Hermann
Kill Bill vol. 1 (Quentin Tarantino, 2003)
Porosità
da "dentro" a "fuori" la scena
Musica non diegetica: motivo di due note


Fischio: musica diegetica

Ambiguità:
- musica: melodia infantile
- immagini: soggettiva inseguimento
1. Musica diegetica [Fischio]

2. Cambia la risonanza del fischio nell'ambiente Area extradiegetica
con accompagnamento orchestrale

3. Orchestrazione della melodia chiarifica le intenzioni del personaggio

4. La porta si apre Intensificazione [ottoni]
King Kong (1933, Cooper e Schoedsack)
Musica: Max Steiner
Scompare il commento sonoro fuori scena
Prevale l'estetica della verosimiglianza
Limite tecnico:
supporto sonoro
permette una sola traccia
Rumore Musica
Magnolia (1999, Paul Thomas Anderson)
Canzone: "Wise up" di Aimee Mann
On connaît la chanson (1997, Alain Resnais)
Al confine del verosimile
Musica in scena usata come musica extradiegetica



Effetto "epico"
Musica off sostituisce i dialoghi
Dancer in the Dark (2000,Lars von Trier)
Musica: Bjork
Rumore Musica
Musica OFF
[extradiegetica]
Nell'ascolto si cerca la sorgente:
"da cosa scaturisce questo suono?"
Nell'ascolto si seguono i codici intepretativi
"Cosa comunica questa musica?"
Apocalypse Now (1979, Francis Ford Coppola)
Musica: "The End", The Doors
Rendere la musica "udibile"
Registro comico
Bananas (1971, Woody Allen)
High Anxiety (1977,Mel Brooks)
Musica: John Morris
Tre distinzioni fondamentali nella colonna sonora hollywoodiana
2. Dove si colloca la musica rispetto alla storia?
1. Come interpreto i suoni che ascolto?
Quale personaggio sta ascoltando questa musica?
Musica IN
[diegetica]
3. Qual è il punto di vista ( o meglio "di ascolto")?
Oggettivo
Soggettivo
Il sonoro restituisce l'ascolto soggettivo di un singolo personaggio
1. Arpa [effetto stereotipato]

2. Ipotesi dello spettatore [Musica OFF]

3. Messa in dubbio della convenzione
[sguardo interrogativo di Allen]

4. Immagini aggiungono informazioni
[la musica non è "OFF", ma solo "fuori campo"]

5. Viene smascherato l'inganno consueto
Metalinguismo: i personaggi "escono" momentaneamente dal tempo e dallo spazio della storia

Pensiero implicito del personaggio [Mel Brooks]:
"Non era musica di commento? Allora non c'è pericolo."
Sauve qui peut (la vie) (1980, Jean-Luc Godard)
Musiche: Gabriel Yared
Registro poetico
Punto di "ascolto" soggettivo
1. Ambiguità:
- Rumore poco riconoscibile
- Sorgente?

2. Immagini sorgente [rotore elicottero]
asincronia immagini/sonoro [filtrato e rallentato]

3. Musica OFF ("The End")
Immagini suggeriscono un "punto di ascolto" soggettivo

4. Simultaneità: rotore elicottero + musica OFF
[Porosità tra ascolto causale e ascolto semantico]
Amadeus (1984, Miloš Forman)
Musica OFF
"Punto di ascolto": orecchio interno di Salieri

Wolfgang Amadeus Mozart:
Duetto tra arpa e flauto nel Concerto KV.299
Sinfonia N. 29, (KV.201)
Concerto per due pianoforti in Mi bemolle
Sinfonia concertante (KV.364)
Kyrie dalla Messa in DO minore K 427
Ambiguità
Elephant (2003,Gus Van Sant)
Ludwig van Beethoven, Sonata n. 14 in Do diesis minore
Sound designer: Leslie Shatz

La musica che non si sente
I "segreti" della colonna sonora cinematografica
Caratteristiche fondamentali:
Prodotto ibrido tra
film muto e film sonoro
Sistema Vitaphone
"Colonna sonora" hollywoodiana:

- Dialoghi
- Rumori [sound effects]
- Musica non diegetica

Analogia sinestesica:
un motivo musicale si ripete
con intonazione crescente
King Kong scala l'edificio
Proiettore
Giradischi sincronizzato
16 inch (40 cm) a 33 1/3 rp = 300 metri di pellicola.
Sistema ottico di lettura del suono
Un processo tecnico [separazione del sonoro in tre tracce]
presuppone un modello di ascolto
Modello di ascolto nella colonna sonora hollywoodiana
Cambiano tecnica di registrazione e supporto
?
...e in caso di ambiguità tra i livelli?
Diegetico
Non-diegetico
Musica
Rumore
Soggettivo
Oggettivo
Canzone: "Parole parole" di Gianni Ferrio, Leo Chiosso e Giancarlo Del Re,
cantata da Dalida and Alain Delon
Effetto surreale
Una canzone nota viene decontestualizzata
Gioco con "l'enciclopedia" dello spettatore
http://www.youtube.com/playlist?list=PLB627494DB649A983&feature=edit_ok
Leo Izzo
1. Rumori ambiente con effetto complessivo di disordine

2. Momentaneo abbassamento del livello dei rumori ambientali

3. Macchinari ciclici si sovrappongono con organizzazione ritmica

4. Livello più alto, canto e orchestra [OFF]

5. Passaggio dal piano dell'immaginazione a quello del reale
La musica aumenta l'effetto di coinvolgimento senza che lo spettatore ne sia consapevole
Musica che non si sente
La sorgente è dentro la scena
1.
Ricognizione storica
Il modello hollywoodiano
2.
Esempi di trattamento non convenzionale di suono e musica
Full transcript