Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Brain

No description
by

Franch D'Alex

on 30 April 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Brain

Il cervello
Ha un peso che varia tra 1,3 e 1,5 kg.
Il
cervello
è
l'organo più
importante del
sistema nervoso.
Neuroni

Il vero lavoro del cervello viene svolto da cellule individuali, dette cellule neuronali o neuroni. Un cervello adulto ne contiene in media 100 miliardi.
In base alla funzione
possono essere classificati in:
Neuroni sensoriali
Interneuroni
Neuroni motore
Sono formati da:
Dentriti
Corpo cellulare
Assone
Come comunicano?
Attraverso le sinapsi
Queste permettono la trasmissione di informazioni sottoforma di segnali:
elettrici
chimici
Il cervello è diviso in:
Telencefalo
Diencefalo
Corteccia cerebrale
(emisfero destro e sinitro)
LOBO FRONTALE
LOBO PARIETALE
LOBO
OCCIPITALE
LOBO TEMPORALE
LOBO FRONTALE
i pensieri
le idee
il processo decisionale
il movimento del muscolo
l'odore
le emozioni
LOBO PARIETALE
gustativi, dolorifici
e termici
gli
stimoli
tattili,
LOBO TEMPORALE
l’affettività
la vita di relazione
le reazioni e i comportamenti istintivi
la percezione uditiva
la memoria
LOBO OCCIPITALE
elaborare la visione
Sfruttamento del 10%
del cervello
E' una credenza secondo la quale le capacità intellettuali degli umani non sarebbero sfruttate a pieno: se gran parte del cervello venisse utilizzata, questo consentirebbe all'individuo di godere di capacità straordinarie. Alcuni arrivano a sostenere che nell'ipotetico 90% di massa inutilizzata si nasconderebbero importanti capacità psicocinetiche e psichiche in generale, oltre alla possibilità di sviluppare percezioni extrasensoriali, come la capacità di prevedere il futuro, la capacità di percepire visivamente cose non visibili naturalmente (chiaroveggenza) o la capacità di comunicare con il pensiero (telepatia).
PATOLOGIE

Caratterizzato da una difficoltà nell'integrazione socio-relazionale e nella comunicazione con gli altri. Attualmente risultano ancora sconosciute le cause di tale manifestazione.
Fattori di rischio
: episodi familiari precendenti di autismo, parto prematuro, o la carenza di vitamina D durante la gravidanza. I
sintomi
dell'autismo compaiono di solito prima dei tre anni, riguardano le stereotipie, le ecolalie, disturbi di linguaggio, i soliloqui, l’aggressività rivolta su di sé, l’insensibilità al dolore o l’assenza di sensazione del pericolo.

Autismo
Shizofrenia
intendendo separata dalla realtà. Infatti la malattia interferisce con la capacità dell'individuo di riconoscere la realtà e di gestire le proprie emozioni. È accompagnata da un significativo deficit nella vita sociale e professionale. L'insorgenza dei sintomi si verifica in genere in età adulta. Per ristabilire l'equilibrio mentale e fisico è fondamentale una

Deriva dal greco e significa "
mente separata
",
terapia farmacologica. La schizofrenia viene generalmente suddivisa in tre gruppi di sintomi, distinti in positivi, negativi e cognitivi.
Si manifestano in maniera più severa di altri, a seconda che l'individuo stia ricevendo un trattamento terapeutico o meno. Tra i sintomi positivi vi sono le
allucinazioni
, le "voci" rappresentano il più comune. Altri sintomi positivi sono:
-
Manie
. Ad esempio, a chi è colpito da schizofrenia può pensare che le persone siano in grado di controllare il suo pensiero e il suo comportamento. A volte pensano di essere qualcun altro, come ad esempio un'importante personaggio storico. Altre volte sono colpiti da vere e proprie "manie di persecuzione".
-
Disturbi del pensiero
: incapacità dell'individuo di organizzare in maniera logica e sensata i propri pensieri.
-
Disfunzioni del movimento
: possono manifestarsi come movimenti agitati del corpo. In casi estremi, l'individuo può diventare catatonico. Ad oggi, lo stato catatonico sopraggiunge raramente, quando il trattamento non è disponibile.
SINTOMI POSITIVI
Tra i sintomi negativi si ritrovano:
-parlare senza muovere la faccia;
-incapacità di intraprendere attività;
-parlare poco e solo se obbligati ad interagire.
Gli individui con sintomi negativi necessitano di aiuto per attività giornaliere come l'igiene personale.

SINTOMI NEGATIVI
Tra i sintomi cognitivi si ritrovano:
-incapacità di comprendere informazioni;
-difficoltà a stare attenti e a concentrarsi;
-problemi relativi alla memoria.

SINTOMI COGNITIVI
E' la forma più comune di demenza. Il sintomo precoce più comune è la difficoltà nel ricordare eventi recenti (perdita di memoria a breve termine). Con l'avanzare dell'età possiamo avere
sintomi
come: afasia (perdita di linguaggio), disorientamento, lunaticità, depressione, incapacità di prendersi cura di sé, problemi nel comportamento. Attualmente, il morbo di Alzheimer è

Alzheimer
incurabile.
E' caratterizzata da ricorrenti e improvvise perdite della coscienza e violenti movimenti convulsivi dei muscoli dovuti a una scarica elettrica anomala, dette "
crisi epilettiche
". Alcuni individui possono sviluppare l'epilessia dopo alcune lesioni cerebrali, come un ictus, un tumore al cervello o per l'abuso di droghe. Questi attacchi vengono generalmente controllati grazie a i farmaci. Se non si risponde alla terapia farmacologia si può fare ricorso alla chirurgia, alla neurostimolazione o a cambiamenti nell'alimentazione.

Epilessia
I
tumori cerebrali
si differenziano soprattutto
per localizzazione e per le dimensioni della massa: poiché
ogni zona del cervello è responsabile di
una funzione specifica, sarà quella stessa funzione a essere compromessa. I sintomi di un tumore nel
lobo frontale
sono grande debolezza e incapacità di muovere parti del corpo, disturbi dell'umore e confusione. I tumori del
lobo parietale
, invece, si manifestano con convulsioni, paralisi, impossibilità a compiere movimenti come il tenere in mano un oggetto. Quelli del
lobo occipitale
provocano disturbi visivi fino alla cecità, allucinazioni e convulsioni, mentre quelli che interessano il
lobo temporale
si manifestano con disturbi dell'equilibrio, incapacità a comprendere e svolgere comandi molto semplici, convulsioni e impossibilità di parlare.
I tumori dell'
ipotalamo
provocano disturbi emotivi e della percezione del freddo e del caldo.
Via via che il tumore cresce si generano forti
mal di testa che non passano
con i farmaci.

Tumori
Full transcript