Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Tesina maturità

No description
by

Alice Calissano

on 7 July 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Tesina maturità

1455
1600
2000
79 d.C.
1900
DIETRO AL VOLTO DELLA PUBBLICITÀ
Pubblicità nel mondo antico
Negli scavi di Pompei e Ercolano sono stati trovati i primi segni di pubblicità scritte sui muri che invitavano i passanti a votare qualche candidato politico
La stampa di Gutenberg
Con l'invenzione della stampa a caratteri mobili di
Gutenberg
nel
1455
che la pubblicità iniziò a mostrarsi come noi oggi la conosciamo. Il primo annuncio pubblicitario fu del
1479
dell'inglese
William Craxton
per promuovere i propri libri.

Le prime gazzette
Nel Seicento si diede inizio alla pubblicità stampata sulle
gazzette
, giornali settimanali in cui vi erano informazioni utili: orari delle partenze e degli arrivi delle navi, delle fiere, dei mercati o i prezzi di alcuni prodotti. È proprio in quest’epoca ed in questi giornali che nacque la
réclame
, ancora priva di illustrazioni e dal carattere piuttosto giornalistico.
La nascita della moderna pubblicità
Con la
Seconda Rivoluzione Industriale
nasce la pubblicità moderna
moltissima era la merce che veniva prodotta
andava mostrata e fatta conoscere ai possibili
consumatori
Nel 1903 nacque il “manifesto-marchio” con
Leonetto Cappiello
che realizzò il manifesto per il cioccolato Klaus su cui inserì una donna verde su di un cavallo rosso e delle scritte gialle su fondo nero facendo così nascere quello che noi oggi chiamiamo
logo
.
Negli anni della dittatura
Negli anni della dittatura fascista si faceva ampio ricorso alla retorica ed alla pubblicità in modo da comunicare in maniera efficace con il popolo italiano.Oltre alla propaganda cartellonistica il regime di
Mussolini
,avendo adottato una politica di autarchia, impiegava massivamente la pubblicità per
promuovere
i
prodotti nazionali
per sfruttare al meglio i fattori interni.
Il Carosello
La nascita della
televisione
fu fondamentale per il cambiamento epocale della pubblicità: ora quest'ultima entrava nelle case degli italiani,ma soprattutto diventava un appuntamento quotidiano. Questo perchè a partire dal
2 febbraio 1957
tra le 20.50 e le 21 andava in onda il "
Carosello
". Si trattava di una serie di scketch sul modello di brevi intermezzi o teatro leggero cui si alternavano messaggi pubblicitari che duravano all'incirca 30 secondi.
Henri de Toulouse Lautrec (1864-1901)
Uno degli artisti più rappresentativi di fine '800: post-impressionista,litografo e illustratore.Fu il primo pittore ad utilizzare le sue capacità artistiche per la
produzione
di
grafica d’autore
, soprattutto in occasione di spettacoli teatrali e cabarettistici.
Alfons Mucha
Mucha è uno degli artisti più rappresentativi dell '
Art Nouveau
. La sua produzione comprende numerosi cartelloni pubblicitari e manifesti teatrali sempre caratterizzati da una grande
raffinatezza
nell'immagine.Molto famosi sono quelli dell'attrice
Sarah Bernhard
t.
Sviluppo industriale e progresso tecnologico molta nuova merce sul mercato da mostrare al pubblico

I
niziarono a circolare moltissimi manifesti frutto della collaborazione fra artisti e coloro che necessitavano pubblicizzare un prodotto. Tra le figure più rappresentative troviamo: Henri de
Toulouse Lautrec
, Alphonse
Mucha
e Jules Cheret
Il miracolo economico
Tra il
1958
e il
1963
l'Italia fu investita da una grande
crescita economica
e fu teatro di una rapido sviluppo dei settori meccanico,siderurgico e chimico.
Fattori dello sviluppo
favorevole congiuntura internazionale
abolizione delle tasse doganali fine protezionismo
politica più liberista che rivitalizzò il sistema produttivo
adesione al Mercato Comune Europeo
presenza di un gran numero di manodopera a basso costo
grande richiesta nella domanda esterna sviluppo industrie produttrici di automobili ed elettrodomistici
triangolo industriale Torino-Genova-Milano
Aspetti negativi
: aumento del divario tra Nord e Sud del paese popolazione troppo legata al settore agricolo e mancanza di iniziative da parte dell'imprenditoria locale esodo verso le città del nord Italia
Cambio nei consumi e nei costumi degli italiani
miglioramento delle condizioni di vita dovuto all'aumento del reddito
iniziano a circolare beni di lusso
automobile e televisione sono il simbolo del miracolo economico
Dagli anni '80 a oggi

Negli anni '80 nasce la pubblicità come oggi la conosciamo spot di pochi secondi che si alternano tra un programma e l'altro.
Negli anni '90 la pubblicità dovette far conto con l'impoverimento dei propri consumatori e con la nascita dell'
hard discount
.
Oggigiorno la pubblicità è ovunque: per le strade, in televisione e soprattutto sulla rete.


Il linguaggio pubblicitario
Lo scopo della pubblicità è quello di attirare il consumatore. Due sono le componenti principali in un messaggio pubblicitario:
linguaggio
e
colore
.
Il colore
Il colore è la prima cosa che si nota del messaggio pubblicitario e di fatto è il principale veicolo di comunicazione. Come tutti sanno, i colori hanno un significato ma anche un’influenza su di noi.
Il linguaggio
Tecniche e modalità frequenti nel linguaggio pubblicitario:
potenza, amore, erotismo, energia
entusiasmo, ottimismo
gioia, felicità, energia
freschezza,natura
profondità,freddezza,stabilità
eleganza,formalità,morte,mistero
purezza, fede, innocenza
L’uso di lingue straniere – in particolare dell’inglese
I neologismi – parole inventate per affascinare il pubblico
Giochi di parole - l’uso alternativo di una parola conosciuta, o riferimento a modi di dire
L’omissione di parole ritenute superflue - verbo, preposizione ecc
Ritmo, rima e allitterazione – per far ricordare più facilmente il messaggio
Frequente è poi l'uso :
della seconda persona singolare e plurale
della prima persona singolare – per trasmettere il messaggio ‘posso IO quindi puoi anche TU’.
dell’articolo determinativo - per indicare l’unicità del prodotto
del modo imperativo
del tempo presente indicativo
I messaggi subliminali
1957: James Vicary dà inizio all'era dei messaggi subliminali
1962: Hal Becker progetta il
tachistoscopio

1978: l'invenzione della piccola scatola nera (little black box)
1983: manipolazione subliminale incontra il computer
L'inconscio
Concetto legato alle scoperte di
Sigmund Freud
all'inizio del XX secolo la mente umana può essere divisa in:
parte conscia
,
preconscio
ed
inconscio
. Quest'ultimo non può essere dominato; è la parte "nascosta" della psiche che viene fuori solo attraverso
lapsus
e
sogni

Esempi di messaggi subliminali
Visivi
Sonori
I messaggi subliminali visivi sono
i più

frequenti
: nelle pubblicità, nei film e persino nei cartoni animati per bambini. Possono essere a sfondo
sessuale
, di incitamento al
satanismo
o di natura
pubblicitaria
. In alcuni film dell'orrore vengono spesso inserite immagini che aumentano la sensazione di paura nello spettatore.
Nelle pubblicità
Perfino nei film Disney !
Il subliminale è entrato anche nel mondo della musica. A porre le basi fu
Thomas Edison
con l'invezione del
giradischi
capace di riprodurre la musica al contrario. Abbiamo diverse tipologie di messaggio subliminale sonoro: la più famose è il
backmasking
.
Un esempio famoso fu la canzone "
Empty Spaces
" dei Pink Floyd che non nascondeva alcun messaggio particolare ma si prestava come parodia e scherzo.
Nelle canzoni di
1930
1957
1980
1870
Full transcript