Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

The USA

No description
by

Lorenzo Orsini

on 19 February 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of The USA

The USA
L'indipendenza e l'espansione
Tensioni crescenti tra i coloni americani e gli inglesi durante gli anni sessanta e settanta del 1700 portarono alla Guerra di indipendenza americana, combattuta dal 1775 al 1781. Il 14 giugno 1775, il Congresso continentale istituì un esercito continentale sotto il comando di George Washington. Annunciando che "tutti gli uomini sono creati uguali" e dotati di "diritti inalienabili", il Congresso adottò la dichiarazione d'indipendenza, redatta in gran parte da Thomas Jefferson, il 4 luglio 1776.
Dopo la sconfitta dell'esercito britannico da parte delle forze americane assistite dai francesi, la Gran Bretagna riconobbe l'indipendenza degli Stati Uniti e la sovranità sul territorio americano fino al fiume Mississippi. Il primo presidente, George Washington, entrò in carica nel 1789.
Guerra civile e industrializzazione
Le tensioni tra gli Stati del Nord e quelli del Sud nacquero principalmente su argomenti come il rapporto tra Stato e governi federali e l'utilizzo della schiavitù nei nuovi Stati membri. Abraham Lincoln fu eletto presidente nel 1860. Poco prima sette Stati schiavisti dichiararono la loro secessione e cominciò così la Guerra di secessione americana. Dopo la vittoria dell'Unione nel 1865, tre emendamenti alla Costituzione degli Stati Uniti d'America garantirono la libertà a quasi quattro milioni di africani americani un tempo schiavi, rendendoli cittadini, e donando loro il diritto di voto. La guerra portò ad un aumento sostanziale del potere federale.
Massicce protezioni tariffarie, costruzione di infrastrutture, nuovi regolamenti bancari, incoraggiarono la crescita economica. Nel 1914 gli Stati Uniti sono in testa tra i paesi produttori di ferro, carbone, petrolio, rame, argento. Il vapore è sostituito dall'elettricità che accelera la produzione nazionale.
Prima Guerra Mondiale
Dust Bowl
La Grande Depressione
Nativi americani e colonizzazione europea
L'America Settentrionale alla fine del 1700
Guerra Fredda e diritti civili
Gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica si spartirono il potere dopo la seconda guerra mondiale, durante la Guerra Fredda, e dominarono gli affari militari dell'Europa attraverso la NATO e il Patto di Varsavia.
Il paese conobbe una forte espansione economica. Un crescente movimento dei diritti civili, guidata da afro-americani, come Martin Luther King, combatterono la segregazione e la discriminazione razziale. Il presidente Johnson e il suo successore, Richard Nixon, portarono il paese ad una nuova guerra nel Sud-Est asiatico, la Guerra del Vietnam.
L'elezione di Ronald Reagan come presidente nel 1980 segnò un significativo spostamento verso destra della politica americana, che si rifletté nelle principali modifiche in materia fiscale e nelle priorità di spesa.Tra la fine degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta, l'Unione Sovietica crollò, ponendo fine alla Guerra Fredda.
Prima Guerra Mondiale e Grande Depressione
Allo scoppio della prima guerra mondiale nel 1914, gli Stati Uniti rimasero neutrali. La maggior parte degli americani simpatizzava per i britannici e i francesi, anche se molti erano contrari all'intervento. Nel 1917 gli Stati Uniti si unirono agli alleati, contro gli Imperi Centrali. Dopo la guerra il Senato non ratificò il trattato di Versailles, che istituiva la Lega delle Nazioni. Negli anni venti un emendamento costituzionale concesse il suffragio alle donne. La prosperità degli anni venti si concluse con il crollo di Wall Street del 1929 che diede inizio alla Grande depressione. Dopo la sua elezione a presidente nel 1932, Franklin Delano Roosevelt diede inizio al New Deal, una serie crescente di politiche di intervento del governo nell'economia.
Seconda Guerra Mondiale
Gli Stati Uniti, effettivamente neutrali durante la seconda guerra mondiale, iniziarono la fornitura di materiali agli Alleati nel marzo 1941. Il 7 dicembre 1941 gli Stati Uniti entrarono in guerra con gli Alleati contro le potenze dell'Asse in seguito ad un attacco a sorpresa su Pearl Harbor da parte del Giappone. La seconda guerra mondiale ebbe un costo economico superiore a qualsiasi altra guerra nella storia americana, ma favorì l'economia, fornendo capitali e garantendo l'occupazione. Gli Stati Uniti, dopo aver sviluppato le prime armi nucleari, sganciarono la bomba atomica sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki nell'agosto del 1945. Il Giappone si arrese il 2 settembre, ponendo fine alla guerra.
Le popolazioni indigene del continente americano, migrarono dall'Asia, tra cui i nativi dell'Alaska. Alcune civiltà precolombiane svilupparono un'avanzata agricoltura, una grande architettura ed un alto livello di società.
Nel 1492, l'esploratore genovese Cristoforo Colombo, sotto la corona spagnola, raggiunse diverse isole dei Caraibi, contribuendo al primo contatto dell'uomo bianco con le popolazioni indigene. Il 2 aprile 1513 il conquistatore spagnolo Juan Ponce de León sbarcò in una regione che chiamò "La Florida", il primo contatto europeo documentato su quello che sarebbero diventati gli Stati Uniti.
Successivamente, anche Inghilterra, Olanda e Francia stabilirono diverse colonie nel continente americano.
Nel 1729, con la divisione della Carolina, si completava il cerchio delle tredici colonie britanniche che sarebbero diventate gli Stati Uniti d'America. Con tassi di natalità elevati, bassi tassi di mortalità, e una costante immigrazione, la popolazione coloniale crebbe rapidamente.
Curiosita'
In Alabama era considerato illegale picchiare la propria moglie con un bastone con un diametro più largo del proprio pugno.
In Alaska, mentre è legale sparare agli orsi, è illegale svegliarli per una semplice foto.
In California e nello specifico a San Francisco, è illegale pulire la propria auto con dell’intimo usato (probabilmente è un modo ingegnoso per proibire i sexy car washing).
Nel Connecticut, ad Hartford è illegale baciare la propria moglie di domenica.
In Florida le donne nubili che effettueranno del paracadutismo nella giornata domenicale, saranno arrestate.
Nello Stato dell’Illinois, ed in particolare a Chicago è vietato pescare in pigiama.
Nell’Indiana, a South Bend, alle scimmie è proibito fumare, sempre che possano acquistare del tabacco, aggiungeremmo!
In Maryland è proibito trasmettere in radio il brano “Short People” di Randy Newman; probabilmente da quelle parti quello dell’altezza è un “problema” fortemente sentito!
Infine vi lasciamo con questa chicca dai risvolti pericolosi: nello Utah è possibile detenere armi nucleari ma è vietato farle esplodere!
La musica degli Stati Uniti d'America riflette la le numerose etnie che compongono la popolazione del paese attraverso molti generi e stili. Rock and roll, country, rhythm and blues, jazz e hip hop sono alcuni tra i generi musicali statunitensi maggiormente noti all'estero. Oltre alle grandi città come Detroit, New York, Chicago e Los Angeles, molte città più piccole hanno prodotto caratteristici stili musicali. Così, accade che in Louisiana sia sorta una musica come quella cajun, mentre altrove si sono mantenute manifestazioni delle tradizioni creole. Importante è, poi, l’elemento della musica popolare hawaiiana, nonché il bluegrass e la old time music, la musica (soprattutto bianca) che giunse nel Nuovo Mondo dall'Inghilterra, dalla Scozia, dall'Irlanda e che ha avuto successo soprattutto nel Sud-Est degli Stati Uniti e ha cominciato a diffondersi in tutto il mondo.
Lo sport è molto importante nella cultura statunitense. Le università statunitensi affiancano spesso alla funzione educativa primaria l'organizzazione di squadre sportive formate da studenti
Tra gli sport professionistici con il maggior numero di spettatori vi sono:
• Baseball, il principale campionato professionistico è quello MLB;
• Football americano (negli USA, Football), il principale campionato professionistico è quello NFL, la cui finale, il Super Bowl, è uno degli eventi televisivi più seguiti d'America;
• Golf, lo sport negli Stati Uniti è gestito dall'associazione nazionale USGA;
• Pallacanestro (negli USA, Basketball), il principale campionato professionistico è quello NBA;
Il calcio (noto negli USA come soccer) è lo sport più praticato dalle ragazze ma non conta molti spettatori. Nonostante ciò, l'organizzazione da parte degli USA del Mondiale 1994 ha suscitato un discreto interesse per lo sport e per il locale campionato, la MLS. Fra gli sport individuali, molto praticati negli Stati Uniti sono l'atletica leggera, il nuoto e il tennis.
Otto edizioni dei Giochi olimpici si sono svolte negli USA (4 olimpiadi estive e 4 olimpiadi invernali); gli Stati Uniti sono secondi nel medagliere di tutti i tempi ai Giochi olimpici invernali e primi nel medagliere di tutti i tempi ai Giochi olimpici estivi.

Il cinema statunitense rappresenta il mercato e la fonte di produzione principale a livello globale; talvolta è definito come Hollywood.
Il cinema statunitense nasce nel 1894 grazie alle proiezioni di Thomas Edison.
Negli Stati Uniti i primi centri cinematografici importanti si stabilirono a New York e Chicago, poi però ci fu una grande svolta con la nascita di Hollywood, un sobborgo della città di Los Angeles, in California.
Negli anni Trenta Hollywood mise a punto un modo di fare cinema basato sul primato dell'azione e del dialogo, che ancora oggi è un fondamentale punto di riferimento nella cinematografia mondiale: il cinema narrativo classico.
Un'altra svolta fondamentale non solo negli USA fu il Technicolor, ovvero il metodo di ripresa a colori.
Negli anni settanta trionfa invece il cinema d'intrattenimento, caratterizzato da effetti speciali e riprese spettacolari. Di questo fanno parte il genere fantascientifico e quello catastrofico.
Negli anni '80 e '90 il cinema statunitense subisce notevoli mutamenti. Con lo sviluppo dell'home video si crea infatti un tipo diverso di business, basato in maniera molto più pronunciata sugli effetti visivi e audio.

La politica e i principi generali
Il sistema politico degli Stati Uniti d'America si regge su tre principi fondamentali: la Repubblica, la democrazia e il federalismo. Le funzioni pubbliche vengono esercitate a due livelli, federale e statale, secondo una ripartizione di competenze stabilita dalla Costituzione degli Stati Uniti d'America.
I documenti storici fondamentali su cui poggia il sistema politico statunitense sono quattro:
• la Dichiarazione d'Indipendenza,
• la Costituzione,
• la Dichiarazione dei diritti (Bill of Rights, i primi 10 emendamenti della Costituzione)
• gli scritti dei padri fondatori come definizione dell'ispirazione politica seguita dal paese.
In questi documenti vengono fissati i seguenti capisaldi:
• Il governo è responsabile davanti ai cittadini, che possono sostituirlo attraverso le elezioni;
• I poteri del governo, soprattutto riguardo alla libertà di religione, alla libertà di espressione e polizia devono essere limitati per impedirne abusi;
• I cittadini devono essere uguali davanti alla legge e non si possono stabilire privilegi per nessuno di essi;
• Gli individui ed i partiti si confrontano in merito all'applicazione ai casi concreti di questi principi.

Divisione dei poteri federali e diritto di voto
Allevamento, agricoltura e pesca
L'industria è un altro settore dove gli USA sono estremamente competitivi, anche se dal 1970 è in continua discesa, sostituita dai servizi e prodotti di alto valore aggiunto. È stata favorita dalle ricche risorse minerarie che hanno fatto sviluppare le industrie del settore. L'industria statunitense è favorita principalmente da tre fattori: abbondanza di capitali, tecnologie all'avanguardia e diffusione nel mondo dalla fine del XIX secolo. Le produzioni più importanti riguardano le automobili, i mezzi aerospaziali, i prodotti chimici, farmaceutici e soprattutto derivati del petrolio, gli elettrodomestici, l'elettronica, i prodotti alimentari, dell'alta moda e dell'abbigliamento sportivo, l'industria del tabacco e le armi.
Settore terziario
Il terziario è il campo dove gli Stati Uniti sono più avanzati.
Grande importanza è data ai trasporti con oltre 300.000 km di rete ferroviaria ed è integrata con un'efficientissima rete stradale; le reti stradali e ferroviarie coprono tutto il territorio favorendo il trasporto. Sono molto utilizzati i trasporti navali e aerei per gli spostamenti all’estero. Un altro settore del terziario molto efficiente è la scuola privata: essa offre un elevato grado di insegnamento e di sicurezza, mentre le scuole pubbliche sono tuttora alle prese con vari problemi, come l'analfabetismo di ritorno e le sparatorie. Un peso elevato hanno i settori dell'intrattenimento (TV, cinema, musica, attività culturali) e dell'editoria. Importante è anche il turismo: ogni anno gli USA accolgono 30 milioni di visitatori.

A livello federale i tre poteri sono così suddivisi:
• potere legislativo al Congresso degli Stati Uniti, composto da Camera dei Rappresentanti e Senato degli Stati Uniti, elette ogni 4 anni alle elezioni congressuali;
• potere esecutivo al Governo federale, composto dal Presidente degli Stati Uniti, dal vicepresidente e dal gabinetto, ossia i "ministri", chiamati Segretari (tranne quello della giustizia);
• potere giudiziario dalle Corti federali, dalla Corte d'appello e dalla Corte Suprema (composta da 9 giudici esperti e di lungo corso, nominati a vita).
Il diritto di voto spetta a tutti i cittadini che abbiano compiuto diciotto anni. Tutti i 50 stati, assieme al District of Columbia, votano alle elezioni presidenziali.


Le aree per l'allevamento comprendono il Texas e le catene montuose occidentali dove vi è grande disponibilità di praterie per il pascolo.
Le aree dove l'allevamento ha come scopo la produzione di latte, invece, sono il Nord-Est, i monti Appalachi e la zona dei grandi laghi.
Per quanto riguarda l'agricoltura, le colture principali sono:
• quella del grano, che comprende la parte centrale degli USA;
• quella del granoturco, che comprende quegli stati che godono di un clima mite;
• quella del cotone, che include le aree del Sud;
Al posto del cotone, attualmente a Sud si coltivano il tabacco, il riso, le arachidi e la canna da zucchero. Rilevante e anche la produzione di legname.
Con 7,4 milioni di tonnellate di prodotti ittici, gli USA sono il 6º paese mondiale più pescoso; in California e nel Golfo del Messico è fiorente anche l'allevamento di ostriche e aragoste.

New York
New York è la città più popolosa degli Stati Uniti, conta infatti 8 milioni di abitanti, che diventano oltre 18 considerando tutta l’area metropolitana. E' formata da 5 quartieri principali: Manhattan, Brooklyn, Queens, Bronx e Richmond. Qui si trova il ‘’palazzo di vetro’’, sede centrale dell’ONU e la sede della borsa di Wall Street. Unico grande spazio verde della città è il Central Park.
LA STATUA DELLA LIBERTA'
La Statua della Libertà è diventata il simbolo della città e della nazione. La statua è alta circa 90m e raffigura una donna che in una mano tiene la fiaccola, simbolo della libertà, e nell’altra tiene un libro con su scritta la data del giorno dell’indipendenza americana. Fu donata dai francesi agli USA nel 1883, per commemorava la dichiarazione d’indipendenza e l’amicizia tra i due popoli.
L'EMPIRE STATE BUILDING
L'Empire State Building è un grattacielo in stile art déco (arte decorativa) della città che si trova nel quartiere di Manhattan. Questo grattacielo, dichiarato monumento Nazionale, è un altro dei simboli della città. Misura ben 444 metri ed è stato per molti anni il grattacielo più alto del mondo.

IL GROUND ZERO
Il World Trade Center, noto anche come Ground Zero, che si trova dove un tempo sorgevano le Torri Gemelle prima dell’attentato avvenuto nell’11 Settembre. Le “missioni” di questo monumento sono quelle di ricordare le migliaia di uomini, donne e bambini uccisi nell’attentato e di onorare tutte le persone che hanno rischiato e sacrificato la vita per salvare gli altri.

IL PONTE DI BROOKLYN
Il ponte di Brooklyn completato nel 1883, è il primo ponte costruito in acciaio e ha rappresentato per lungo tempo il ponte sospeso più grande al mondo. Attraversando il fiume East River, collega tra di loro l'isola di Manhattan e il quartiere di Brooklyn, un tempo due cittadine distinte di New York.

WASHINGTON
Washington è la capitale degli USA. Qui hanno sede le principali istituzioni di governo degli Stati Uniti. La città, che si trova sulla costa orientale degli Stati Uniti, conta una popolazione di circa 600.000 persone che supera le 5.5 milioni se si conta l’area metropolitana.
Washington monument
Il monumento a Washington, che è unobelisco di marmo di quasi 50 m costruito per commemorare George Washington, padre fondatore e primo presidente degli Stati Uniti d'America.

LINCOLN MEMORIAL
Il Lincoln Memorial, che è un monumento costruito in onore di Abraham Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti. L’edificio ha la forma di un tempio dorico e contiene un’enorme statua raffigurante Abraham Lincoln seduto, oltre alla riproduzione di due ben noti discorsi pronunciati dal presidente.

LA CASA BIANCA
La Casa Bianca, inaugurata nel 1800, che è la residenza ufficiale del presidente degli stati uniti d’America, è un palazzo bianco di stile neoclassico che conta ben 130 stanze.
MEMORIALE SECONDA GUERRA MONDIALE
Il Memoriale sulla 2° Guerra Mondiale, monumento nazionale dedicato ai cittadini statunitensi che servirono il paese durante la Seconda guerra mondiale.

LOS ANGELES
Los AngeleS è un centro economico, culturale, cinematografico e scientifio di rilevanza mondiale. La popolazione si aggira intorno ai 4 milioni di abitanti che superano i 12 milioni contando l’area urbana ed è una tra le più diversificate al mondo. La città si divide in 80 diversi distretti, di cui i più famosi sono Santa Monica, Beverly Hills, Bel Air, Venice Beach e la famosissima Hollywood.
SCRITTA HOLLYWOOD
La scritta Hollywod, situata su un monte che sovrasta l’omonimo distretto, fu creata inizialmente nel ‘23 per scopi promozionali, ed è diventata col tempo uno dei simboli più importanti della città. Le lettere, di colore bianco, sono larghe 10 metri e alte 15 ciascuna. La scritta nel suo complesso è lunga ben 110 metri
THE WALK OF FAME
La Walk of Fame, un lungo marciapiede di 2 km creato nel ‘58 dove vi sono incastonate più di 2500 stelle in ottone che recano i nomi di famose celebrità che lavorano nell'industria dello spettacolo statunitense.

Altri monumenti importanti negli Stati Uniti sono:
IL MONTE RUSHMORE
Il Monte Rushmore, che è una scultura di 20 m che si trova nel Dakota del Sud, scolpita su un massiccio montuoso, che rappresenta il viso di quattro importanti presidenti americani: George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt e Abraham Lincoln.
IL GOLDEN BRIDGE
Il Golden Bridge, è un ponte sospeso che sovrasta lo stretto che collega l'Oceano Pacifico con la Baia di San Francisco. Congiunge San Francisco e la parte meridionale della Contea di Marin con ben 6 corsie stradali. Tutto il tratto occupato dal ponte, è lungo quasi 3 km, mentre l’altezza delle torri è di circa 250m.
CULTURA STATUNITENSE
La cultura statunitense nasce dalla fusione di numerose culture (europei, africani, nativi americani) per questo gli USA non possiedono una religione ufficiale. In questo paese infatti si praticano diverse religione molto diverse fra loro. Le principali sono il Cristianesimo, che si divide principalmente in Cristiani Protestanti e Cattolici, e l’Ebraismo. Minori sono invece i gruppi di Musulmani e Buddhisti mentre è da notare che circa il 15% della popolazione si dichiara atea o agnostica.Oltre a queste religioni possiamo trovare religioni caratteristiche di alcuni luoghi, come quella hawaiana e quelle dei popoli indigeni.
La festa dell’Indipendenza si celebra il 4 luglio, per commemorare l’indipendenza dalla Gran Bretagna. Tutto il Paese si veste con i colori della bandiera americana, vi sono sfilate ed eccezionali fuochi d’artificio.

La Festa del Ringraziamento (Thanksgiving), si celebra il quarto giovedì di novembre. Questa festività nacque nel 1621 quando i Padri Pellegrini ringraziarono Dio per l’abbondanza del raccolto ottenuto.

Il Memorial Day, giornata dedicata a commemorare tutti gli americani caduti nelle guerre.

Il Columbus Day, festa celebrata in molti paesi, per commemorare il giorno dell'arrivo di Cristoforo Colombo nel Nuovo Mondo.

La famosa festa di Halloween legata al mondo della morte e dell’occulto, che si celebra il 31 ottobre.

Le feste dedicate agli ex presidenti e ai personaggi importani per la storia Americana, per esempio il Lincoln’s Birthday, Washington Birthday e il Martin Luther King’s Day.

FESTIVITA' USA
L'economia
L'economia degli Stati Uniti d'America è la più grande del mondo per valore aggiunto: i settori di punta sono il terziario (banche, assicurazioni, trasporti) e l'industria (petrolio, armi, aerospazio, automobili). Rilevante è anche il peso del settore primario, soprattutto nella produzione di soia e cereali (mais, frumento). Di recente gli sforzi economici del Paese si sono concentrati su debito pubblico, debiti aziendali, debiti del servizio sanitario, difficoltà finanziarie dei servizi sociali, debito estero, deficit commerciale ed aumento dell'immigrazione clandestina.
Industria
LA GEOGRAFIA DEGLI USA
Gli Stati Uniti confinano al nord con il Canada e al sud con il Messico mentre sono bagnati a est dall'Oceano Atlantico e a ovest dal Pacifico. Geograficamente lo stato si divide in 3 grandi aree
ORIENTE
A est troviamo gli Appalachi che si estendono per circa 2000 km paralleli alla costa Atlantica. Questa catena è piuttosto bassa perché si tratta di rilievi molto antichi, che quindi non vanno a superare i 2000 metri.

ZONA CENTRALE
La zona centrale è occupata internamente dalle così dette Grandi Pianure, che coprono più della metà della superficie nazionale. Qui troviamo inoltre i Grandi Laghi, ovvero un complesso di 5 bacini (il Superiore, il Michigan, l’Huron, l’Erie e l’Ontario) che costituiscono il più grande corpo d’acqua dolce nel mondo, e anche i fiumi Mississippi-Missouri, che sono il terzo fiume più lungo del mondo misurando oltre 6500 km.
OCCIDENTE
A ovest troviamo 2 sistemi montuosi principali, le Montagne Rocciose con vette superiori ai 4000 metri, e le Catene Costiere-Cascate-Sierra Nevada. Con un altitudine media fra i 1000 e i 2000 metri si estendono tra le due catene vasti altipiani come quelli del Gran Bacino e del Colorado. Questa regione è una delle più instabili del pianeta per via dei frequenti terremoti dovuti alla zolla nordamericana che si scontra con quella del Pacifico.
PARCO NAZONALE DI YELLOWSTONE
Il più grande ed antico degli Stati Uniti, è situato in un altissimo altopiano (circa 1700m) nello Wyoming ed è caratterizzato dai più grandi e spettacolari geyser del mondo, dovuti al fatto che lo Yellowstone è in realtà un enorme supervulcano, la cui ultima grande eruzione risale a più di 600 mila anni fa. Tra i geyser il più famoso è l’Old Faithul, ossia “vecchio fedele”, che erutta ogni 91 minuti. In quest’area troviamo anche una varietà eccezionale (‘ttenzione) di animali come bisonti, cervi, alci, lupi ed orsi, tra cui il gigantesco Grizzly. In questo parco è stato ambientato inoltre il famoso cartone animato “l’orso Yoghi”.
"PISCINA" DI ACQUA CALDA SOLFOROSA
GEYSER
L'ORSO YOGHI
IL GRAND CANYON
Il Gran Canyon, situato nella parte occidentale dello stato, è un’immensa gola lunga ben 450 km e profonda 1500 m, creata dal fiume Colorado. Al contrario di come molti pensano però, non è il fiume ad essersi infiltrato tra le rocce scavandole, ma sono le montagne che si sono alzate ed il fiume ha cercato di mantenere costante il suo livello.
SEQUOIA NATIONAL PARK
Il sequoia National Park, situato anch’esso nella parte occidentale dello stato in una zona con monti che arrivano fino ai 4400 m, ha come principale attrazione le altissime e vecchissime sequoie giganti. La più alta tra queste, chiamata General Sherman, arriva a toccare i 95 metri di altezza, un diametro del tronco che raggiunge 11 m ed un’età di poco superiore ai 2000 anni.

LA SILICON VALLEY
La Silicon Valley è situata nella parte meridionale di San Francisco, chiamata in questo modo per la forte concentrazione di silicio, elemento alla base dei semiconduttori e dei microchip, che ha attirato le più importanti aziende di computer, produttori di software e fornitori di servizi di rete. Delle migliaia di aziende tecnologiche situate nella Silicon Valley le più importanti sono ad esempio la Google, Yahoo, la Apple, Microsoft e Facebook.

LA POPOLAZIONE
Con circa 320 milioni di abitanti, l’America è il terzo stato più popolato al mondo, anche se ha una densità media molto bassa (34 abitanti per km²), dovuta a una grandezza del territorio che lo rende il quarto stato più grande al mondo (circa 9 milioni di km²).
L'IMMIGRAZIONE
La popolazione in America ha una crescita costante, soprattutto grazie ad una forte immigrazione proveniente dall'Asia Orientale e dal Sud America. Gli Stati Uniti sono infatti uno dei paesi con la maggior diversità etnica. L'immigrazione è sempre stata molto intensa anche nel corso della storia, specialmente dall'Europa. I primi immigrati nelle 13 colonie provenivano dal Regno Unito e dalla Germania, mentre l'immigrazione dalla Francia iniziò dopo la cessione della Louisiana agli Stati Uniti da parte di Napoleone. Nell'Ottocento fu enorme l'immigrazione dall'Irlanda mentre quella dall'Italia e il picco a cavallo tra l'Ottocento ed il Novecento. L'immigrazione è proseguita anche durante la seconda guerra mondiale con gli Ebrei (che furono circa 6 milioni). Gli Italiani in America rappresentano invece circa il 4% della popolazione, cioè ben 12 milioni di persone, inoltre, l’italiano risulta essere la 5° lingua più parlata negli Stati Uniti.
DISCRIMINAZIONE RAZZIALE
Gli afroamericani, arrivarono nel continente come deportati dalla loro terra d’origine, l’Africa, per lavorare nelle piantagioni come schiavi. Nonostante la schiavitù fu abolita nel 1863, gli uomini e le donne di pelle nera furono a lungo tempo oggetto di gravi discriminazioni, soprattutto negli Stati del Sud. Ancora oggi la condizione dei neri resta il problema più drammatico negli Stati Uniti. Sono infatti quelli che statisticamente hanno minori possibilità di migliorare il proprio tenore di vita. Anche se un terzo degli afroamericani fa ormai parte della ‘’classe media’’, i restanti due terzi vive ancora in ghetti cittadini abbandonati, tagliati fuori dalla società e quindi dalle possibilità di migliorare la loro situazione. Rimane inoltre molto importante il divario tra i cittadini ricchi e quelli poveri, infatti circa 35 milioni di persone vivono al di sotto della soglia di povertà.
LE CITTA' PIU' FAMOSE
Gli Stati Uniti hanno diverse città molto famose al livello internazionale. I principali centri urbani sulla costa Atlantica sono New York, Miami, Boston e Washington, nella zona continentale Chicago, Detroit e Oklahoma City e sulla costa che si affaccia sul Pacifico San Diego, Los Angeles e San Francisco.
Oh Bitch!
IL CINEMA
Full transcript