Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

La II^ guerra mondiale

No description
by

Silvia Bardini

on 14 April 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La II^ guerra mondiale

1935
1940
1945
1933
1944
La II^ guerra mondiale
Fallimento della Società delle Nazioni
La Società delle Nazioni, creata dopo la I^ guerra mondiale per risolvere in modo pacifico i problemi tra gli Stati, fallisce perchè è troppo debole.
L'Italia invade l'Etiopia nel 1935, la Germania espande i suoi armamenti e occupa la Renania nel 1936. Nel 1937 l'Italia esce formalmente dalla Società delle Nazioni.
Le prime violenze in Europa
Italia e Germania si alleano per la prima volta durante l'invasione d'Etiopia nel 1935. Nel 1936 l'Italia firma l'Asse Roma-Berlino e appoggia l'annessione dell'Austria da parte della Germania nel 1938. L'alleanza continua durante la Guerra Civile Spagnola dal 1936 al 1939. Nel frattempo la Germania ha occupato i Sudeti, la Moravia, la Boemia, la Cecoslovacchia.
Nell'agosto 1939 Germania e Unione Sovietica firmano un patto di non aggressione : il patto Ribbentropp-Molotov.
Nessuno ferma le violente aggressioni della Germania a danno degli stati più deboli.
1939 : l'inizio
La II^ guerra mondiale inizia ufficialmente il 1° settembre 1939 quando Hitler invade la Polonia, contemporaneamente attaccata a est anche dall'Unione Sovietica. La resistenza viene subito annientata e i due dittatori si dividono il territorio polacco. Stalin occupa anche Lettonia, Estonia, Lituania e Finlandia.
1940 : la conquista dell'Europa
Gran Bretagna e Francia dichiarano guerra alla Germania.
Hitler nel frattempo invade con azioni-lampo la Danimarca e la Norvegia, poi l'Olanda e il Belgio. La superiorità militare della Germania, in particolare della sua forza aerea, non permette alcuna resistenza. Dopo la schiacciante vittoria della Battaglia della Manica la Germania attacca la Francia il 5 giugno 1940. L'Italia entra in guerra il 10 giugno contro un avversario ormai sconfitto. La Francia viene occupata il 22 giugno 1940
Nel frattempo Germania e Italia hanno firmato il Patto Tripartito col Giappone.
Ultimo ostacolo : l'Inghilterra
La Gran Bretagna è l'ultimo stato europeo a resistere contro la Germania e lo fa a costo di migliaia di morti e durissimi bombardamenti.
La Germania cerca di invadere l'Inghilterra ma viene sconfitta grazie alla grande esperienza dei piloti inglesi. Inoltre l'Inghilterra dispone di radar ancora sconosciuti ai Tedeschi.
La Battaglia d'Inghilterra è la prima sconfitta per Hitler, costretto a rinunciare al controllo del canale della Manica.
Il Primo Ministro inglese Winston Churchill continua a rifiutare le proposte di pace della Germania.
Italia in guerra
Mussolini decide di far entrare in guerra l'Italia, convinto che lo scontro sarà breve e favorevole alla Germania. Le azioni in Francia durarono effettivamente 2 giorni ma le successive battaglie aeree e navali nel Mediterraneo rivelarono l'incapacità e l'inesperienza dell'Italia, sconfitta dagli Inglesi a Taranto, Capo Teulada, Punta Stilo.
1941 : la guerra in Africa
Con lo spostamento del fronte in Africa, la guerra diventa davvero mondiale.
La Germania e l'Italia cercano di occupare i territori inglesi in Egitto, Somalia, Kenya, Uganda e Sudan. Il fronte è lungo 6000 km. L'Italia viene sconfitta e deve abbandonare l'Etiopia nel 1941. La Germania, con il generale Rommel, corre in aiuto degli italiani e riesce a mantenere il controllo della Libia.
La guerra in Grecia e nei Balcani
Nel 1940 l'Italia attacca la Grecia, subendo però gravi sconfitte che la costringono a retrocedere. La Germania è costretta a intervenire nei Balcani per ristabilire la supremazia dell'Asse Roma-Berlino. La Grecia viene attaccata e sconfitta anhe grazie all'appoggio della Bulgaria. Nel frattempo Ungheria e Romania si alleano con Hitler.
Anche la Yugoslavia viene conquistata.
La costa della Dalmazia e il Montenegro
vengono assegnati all'Italia.
Attacco all'URSS
Nel 1941 termina l'alleanza tra Hitler e Stalin:
il 22 giugno viene lanciata l'Operazione Barbarossa.
Tuttavia l'Armata Rossa riesce a ritardare lo scontro con il nemico grazie a un'abile strategia: le distanze sono enormi e i sovietici fanno terra bruciata dietro di sè. I Tedeschi non riescono a rifornirsi di cibo e carburante. L'avanzata è molto lenta e l'inverno si avvicina. Le truppe naziste arrivano a Mosca a dicembre: in quel momento l'URSS scatena la sua controffensiva.
Nel frattempo Stalin stringe accordi con Churchill e Roosevelt firma la Carta Atlantica contro Hitler.

Giappone vs. USA : la guerra nel Pacifico
Il Giappone occupa l'Indocina con l'intenzione di attaccare anche la Cina e dominare l'Asia. Il 7 dicembre gli aerei giapponesi attaccano la flotta americana a Pearl Harbor (Hawaii) e poco dopo quella inglese.
In pochi mesi il Giappone invade Malaysia, Thailandia, Singapore, Hong Kong, Birmania, Filippine, Nuova Guinea.
Solo le vittorie inglesi e americane nel Mar dei Coralli e nelle isole Midway riescono a impedire
l'attacco all'Australia.
1943 : Stalingrado e il Nord Africa
Alla campagna di Russia partecipano, insieme ai Tedeschi, anche gli Alpini dell'ARMIR. Le condizioni del nostro esercito sono disperate, dati mezzi inadeguati con cui si trovano a combattere. La battaglia decisiva si svolge a Stalingrado, dove la città viene rasa al suolo e si combatte tra le macerie. I Tedeschi perdono 400.000 uomini.
Gli Italiani sono costretti a ritirarsi a piedi, percorrendo migliaia di kilometri nella steppa russa del fiume Don.
80.000 italiani non faranno ritorno e questo segna la più grave sconfitta di Mussolini. Nello stesso mese a Torino e Milano iniziano i primi scioperi operai contro il Fascismo dopo 20 anni di dittatura.
Contemporaneamente gli Inglesi sconfiggono i Tedeschi e occupano il Nord Africa.
Lo sbarco degli Alleati in Italia e Francia
Il 10 luglio 1943 gli Angloamericani sbarcano in Sicilia. Il 25 luglio Mussolini viene esautorato dagli stessi Fascisti, e viene rinchiuso in carcere sul Gran Sasso. Finisce la dittatura che durava da 20 anni.
L'8 settembre il maresciallo Badoglio firma l'armistizio con gli Alleati e l'Italia entra in guerra contro la Germania. Mussolini viene liberato dai Nazisti che lo portano a Salò, dove fonda una Repubblica Sociale, stato fantoccio al comando della Germania.
Nel frattempo inizia la Resistenza di molti italiani, ex soldati o semplici cittadini contro i Nazifascisti.
Gli Alleati liberano Napoli e Roma nel 1944 ma si fermano sulla Linea Gotica (Appennino tosco-emiliano) fino alla primavera del 1945.
Nel frattempo uno sbarco simile viene organizzato in Normandia (operazione Overlord) fino alla liberazione della Francia nell'estate del 1944.
La fine di Hitler e Mussolini
La Germania di Hitler è attaccata da 3 fronti contmporaneamente.
Il 25 aprile gli Anglomaericani e i partigiani liberano l'Italia del Nord.
Il 28 aprile Mussolini viene riconosciuto e fucilato da un gruppo di partigiani mentre cerca di fuggire in Svizzera.
Il 30 aprile Hitler si suicida nel suo bunker a Berlino.
Il 2 maggio i sovietici occupano Berlino e pochi giorni dopo viene firmata la resa.
Solo il Giappone continua la guerra, nonostante gli USA controllino tutta l'Asia dopo la battaglia di Okinawa. Il 6 e il 9 agosto gli USA sganciano sulle città di Hiroshima e Nagasaki
2 bombe atomiche provocando la resa del Giappone.

La Pace
I trattati di Pace tra i vari paesi coinvolti iniziano a Teheran nel 1943, continuano a Jalta nel 1945 e finiscono nel 1955 a Vienna. Questo perchè non c'è accordo tra USA e URSS sulle condizioni di pace
I trattati prevedono sanzioni economiche (risarcimenti), giuridiche (condanne per i responsabili), disarmo e riduzione del territorio coloniale.
Le armi
I protagonisti della guerra sono:
il carro armato
l'aereo da bombardamento
la bomba atomica
Gli effetti furono devastanti soprattutto non solo sul campo di battaglia ma anche nei confronti della popolazione inerme
Contemporaneamente la Germania inizia al suo interno la persecuzione verso oppositori politici, Rom, omosessuali, Testimoni di Geova. Per loro vengono organizzati i primi campi di concentramento dal 1933.
70.000 disabili e malati di mente vengono sterilizzati o uccisi nel corso dell'Aktion T4.

Secondo Hitler, tutto quello che viene considerato debole, diverso o inferiore deve essere annientato.

Dal 1938 nei campi di concentramento accolgono anche gli Ebrei.
I bombardamenti tedeschi distruggono Londra e molte inglesi provocando migliaia di morti ma senza riuscire a indebolire la resistenza inglese.
Full transcript