Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Untitled Prezi

No description
by

Marilena Alesci

on 19 April 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Untitled Prezi

La stylistic identity del brand capacità di conservare nel tempo gli elementi alla base della propria stylisic identity, lasciando però che si evolvano attraverso i tempi DYNAMISM IN PERMANENCE Il brand Nasce nel 1921 quando Guccio Gucci fonda un'azienda specializzata in prodotti in pelle e un piccolo negozio di valigeria nella sua città natale, Firenze Vision Obiettivi Trae ispirazione da Londra e dal gusto raffinato della nobiltà inglese Unire la ricercatezza dello stile ispirato all'aristocrazia inglese, alla maestria delle lavorazioni artigianali italiane L'artigiano decide di marchiare la propria produzione: " G.Gucci Travelling Goods Florence" L'obiettivo è stato centrato Il marchio viene conosciuto e rinomato
Sofisticati turisti provenienti da tutto il mondo affollano la bottega di Gucci in cerca delle collezioni di borse, bauli, guanti, cinture, realizzate dal maestro fiorentino
Lo stile dei manufatti, ispirato al mondo equestre comincia a divenire elemento caratterizzante delle produzioni Gucci 2000... Gucci raggiunge un enorme successo su scala mondiale ed è considerato il marchio di lusso più desiderato al mondo secondo la ricerca "Nielsen Global Luxury Brands" del 2008 Lo sviluppo digitale di Gucci Sviluppa un interessante collaborazione con la casa d'aste Christie's con il progetto Gucci collector Prima vera certificazione di Gucci online destinata a stimare i prodotti vintage di Gucci.
Questo innovativo servizio è rivolto ai collezionisti e gli appassionati di Gucci, che hanno la possibilità di caricare in un’apposita sezione del sito christies.com foto dei propri prodotti d’epoca, inviando una richiesta di valutazione. Un team di esperti di Christie's e di archivisti di Gucci valuta gli articoli e ne stima il valore.

I possessori di prodotti vintage hanno l’opportunità di vendere i propri pezzi a Gucci o in un’asta di Christie’s.

Questo servizio ha avuto una risposta entusiasta, riportando alla luce oggetti rari e modelli simbolo da tutto il mondo e contribuendo a creare una community di appassionati. ... Engagement Coinvolgere in modo efficace il target
Operare per rendere la marca memorabile e raggiungere i consumatori Gucci inizia a costruire l'identità digitale del brand Nel 2002 Gucci apre il primo sito e-commerce Nel 2010 vanta
2,5 milioni di visitors
è visibile in 17 diversi paesi
supporta 8 lingue ha un asezione di e-commerce attiva in 12 nazioni con una disponibilità di circa 2000 prodotti Il re-styling del sito Caratteristiche... Assume la dimensione di uno store conservando la ricchezza sensoriale ed esperienziale propria del flagship store del brand. ...Estetica Curatissimo dal punto di vista estetico (toni del bianco e dell'oro). Visualizzazione... Il sito presenta in home page le collezioni principali in corso e un menu diviso in varie sezioni (donna, uomo, bambino ecc..). Website i singoli prodotti visualizzati contribuiscono a ricreare un'esperienza di acquisto quanto più affine possibile a quella fisica. per ogni prodotto una dettagliata descrizione caratteristiche specifiche. possibilità di visualizzazione del prodotto da diverse prospettive (zoom). usabilità accessibilità rintracciabilità utile piacevole Lo scenario del Web 2.0 Per il lancio del profumo Gucci-Guilty è stata attuata una strategia di social media marketing creando un apposito canale YouTube il cui url GuccyGuilty.com, indirizzava automaticamente Contesto: mini-film di natura commerciale con Rachel Evan Wood diretto dal creatore di Sin City Frank Miller Fornire la possibilità di interazione e di social sharing attraverso i bottoni connessi all'account Facebook e Twitter del brand 1,4 milioni di
visualizzazioni video 400 sottoscrizioni al canale oltre 1700 commenti Lo scenario del Web 2.0 Realizzata per promuovere la collezione di occhiali da sole Eyeweb Applicazione Iphone con la possibilità di condividere il prorpio status su Facebook tramite messaggi video messaggi personalizzabili status condivisione sulla bacheca di Facebook RAFFORZARE L'ENGAGEMENT CON CONTENUTI ESCLUSIVI ...Gucci Connect Event I fan della pagina Facebook del brand potranno attraverso questa applicazione seguire in diretta streaming le sfilate della maison Lo scenario del Web 2.0 Lo scenario del Web 2.0 Durante il video (quello presente sull'official site Gucci), l'iconica doppia G simbolo fluttua sullo schermo per avvisare gli spettatori quali elementi sono cliccabili.
Quando un shopper scorre sopra l'icona galleggiante G, si è in grado di fare clic sul prodotto e, mettendo in pausa il video, un pop-up emerge e visualizza l'intero nome e il prezzo del prodotto. innovazione shopping experience evoluzione e-commerce possibilità di acquisto ancora prima del lancio ufficiale della campagna e i geo-social network A Febbraio 2011 Gucci fa il suo ingresso all'interno dei geo-social con l'apertura di una Brand page su Foursquare "Discover the world of Gucci" Iniziativa che ha permesso di far conoscere attraverso i luoghi del brand, l'universo simbolico della maison Attraverso una serie di tip in luoghi simbolo del brand, Gucci ha voluto far conoscere il suo mondo (storica boutique di via Montenapoleone per es.) I riconoscimenti ricevuti da Gucci Candidatura ai Fashion 2.0 Awards 2011, gli oscar assegnati da Style Coalition ai fashion brand maggiormente innovativi all'interno del panorama del Web 2.0 I fashion 2.0 hanno il compito di celebrare i best- in class in un settore, quale la moda, che negli ultimi anni si sono adattati alla rivoluzione introdotta dai social media Gucci ha ricevuto la candidatura come Migliore pagina Facebook, Migliore applicazione Mobile e Migliore sito Facebook e Twitter

1.997 Tweet
292 Following
695.497 Follower
10.494.897 "Mi piace" 115.014 ne parlano
751 persone sono state qui circa 21 aggiornamenti di status mensili circa 38 tweet al mese i contenuti che ricevono un numero di like maggiore sono gli album fotografici di celebrity con capi Gucci (sia quando sono testimonial del brand, sia quando sono stati fotografati in occasione di eventi ufficiali e non); le foto delle sfilate e glia lbum di particolari linee di prodotto Commenti estramamente positivi, dettati dal tono dei fan entusiasta, spesso addirittura estasiato (aggettivi come amazing, beautiful, nice, ecc..), utilizzo di espressioni come like, I love, I want spesso enfaticamente ripetute e iconicamente sostituite dal simbolo del cuoricino In percentuale inferiore i commenti negativi riguardano accuse di crudeltà rivolte al brand per l'utilizzo di pellicce di origine animale o manifestazioni di disappunto per prodotti acquistati e rivelatisi scadenti sulla qualità o per raccontare un'esperienza di custumer service negativa Una media di 30 retweet per tweet del brand; i contenuti dotati diun tasso di viralità maggiore su Twitter sono gli scatti delle sfilate e gli outfit proposti dal brand. Il sentiment di questi tweet è positivo per la maggior parte con un sistema di valutazione simile a quello di Facebook L'indicatore ricerche tramite #(hastag) o parole chiave è molto positivo in quanto effettuando una ricerca si trovano molti risultati che sono connessi con il brand flagship store Museo Gucci Gucci Cafè
8.047 iscritti
2.869.493 visualizzazioni video I video più visualizzati riguardano principalmente i retroscena dei video di promozione di alcune collaborazioni importanti del brand come l'Unicef o di video con vip famosi come Jennifer lopez Video di sfilate o dei backstage, campagne pubblicitarie Il tono dei commenti ai video è generalmente positivo con esternazioni entusiastiche per i testimonial del brand, e apprezzamento costante per i testimonial del brand, per le sfilate, per i capi di abbigliamento e gli accessori A differenza di Facebook risulta un maggiore spirito critico degli utenti; sono presenti anche se in numero minore critiche specifiche ad alcuni aspetti della comunicazione del brand come il concept di alcune campagne pubblicitarie o la musica scelta o il make -up dei modelli e modelle Conclusioni ... Il Brand sembra che si muova con sicurezza tra i vari canali di comunicazione offerti dal social web. All'interno dell'universo del social web Gucci ha una presenza ampia e articolata, dettata dal presidio dei due social network Facebook e Twitter, dal principale geosocial Foursquare e da You Tube. La strategia di presenza di Gucci all'interno del social web si dimostra efficace a mio parere, anche per il numero di contatti presenti sui diversi canali sociali.
Lo sfruttamento dei social però varia: per quanto riguarda Facebook e Twitter la gestione è positiva sia a livello di engagement che di pubblicità, per Foursquare e YouTube la situazione non è negativa ma migliorabile. ...Conclusioni Per quanto riguarda le applicazioni (App), essendo l'applicazione Gucci fruibile solo dai dispositivi con sistema iOs, dunque solo dagli smartphone eTablet Apple, tutto ciò preclude al brand un'ampia fetta di emrcato dei possessori di smartphone. ... Conclusioni A livello di engagement il brand risulta competente nell'attuare strategie per suscitare l'attenzione degli utenti dei social network, di attrarne il gradimento, invogliandoli a intraprendere azioni di diffusione spontanea dei contenuti del brand. Nello specifico Facebook rappresenta uno strumento dall'elevato potenziale di engagement. I contenuti postati dal brand ottengono parecchi like e i commenti e condivisioni permettono di trarre interessanti spunti di riflessione. Le espressioni utilizzate, il ricorrente simbolo del cuoricino, denotano un attaccamento profondo al brand, in modo particolare quando i contenuti riguardano specifici articoli del brand. ... Conclusioni Rispetto a Facebook, Twitter appare come uno strumento che ha un interazione minore tra il brand e i suoi follower. I contenuti retwittati non sono molto elevati e i tweet al brand sono pochi e proventi da soggetti che, in maniera differente, collaborano con il brand.
Per YouTube invece le view ai video in media sono poche e ancora meno sono i commenti. Il brand si mostra abile a mantenere e costruire attraverso i propri canali sociali buoni livelli di engagement ma, tuttavia, le strategie non presentano tutte la stessa efficacia su tutti i canali perchè all'interno alcuni strumenti sono utilizzati in maniera più efficace di altri. Attraverso i social network i brand hanno avuto la possibilità di assumere una voce umana e di parlare ai consumatori, di condividere aspetti di se, diffondendo contenuti in grado di stimolare dialogo e di creare delle community il cui punto di forza è la passione per il brand. Questo ha reso i social network, a mio parere, il luogo di elezione per le principali strategie di brand management. Grazie per l'attenzione!!!
Marilena Alesci Il primo colpo del video Gucci
"Shop till you top" Frida Giannini Per quanto concerne Facebook e Twitter, infatti, il brand effettua aggiornamenti in maniera piuttosto regolare e costante e tale frequenza di aggiornamento è sicuramente sufficiente a garantire un flusso comunicativo continuo. Similmente i tip lasciati dal brand su Foursquare danno un'idea sufficiente del World of Gucci, piuttosto che un'effettiva scoperta. Analogamente il canale YouTube Gucci Official, potrebbe occupare una posizione intermedia per quanto riguarda i contenuti dei video caricati.
Full transcript