Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

PUNTEGGIATURA

No description
by

Marco Aurelio Moro

on 21 September 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of PUNTEGGIATURA

LA PUNTEGGIATURA
Dà un'idea
dell'INTONAZIONE
della frase.
Rende più chiara la STRUTTURA LOGICA
del periodo.
PUNTO ESCLAMATIVO

Indica un'intonazione discendente.

Si utilizza assieme ad interiezioni, alla fine di frasi introdotte da avverbi come 'Quanto', 'Come', con gli ordini e ogni qual volta si voglia dare più enfasi alle frasi.
PUNTO INTERROGATIVO

Indica un'intonazione ascendente.

Si usa per segnalare che la frase che precede è una domanda.
PUNTO FERMO

Si utilizza quando la frase non ha intonazione marcata né interrogativa né esclamativa.
PUNTO FERMO

Separa i periodi.

Si usa quando si esaurisce
l'argomento.
?
.
!
.
,
VIRGOLA
SEPARA:

- le parti di un elenco semplice;
- proposizioni (frasi) coordinate tra loro senza una congiunzione;
- le proposizioni e i complementi che NON sono necessari per comprendere il senso generale del periodo.

ISOLA:

- gli incisi (cioè le parti di un periodo che aggiungono informazioni non necessarie);

- i vocativi (cioè le persone cui si rivolge la comunicazione) e gli imperativi (ordini, sollecitazioni, suggerimenti)

In questo caso, se la parte isolata non inizia né conclude la frase, la virgola va APERTA e CHIUSA, come avviene per le parentesi.
NON si usa:

- tra il soggetto e il verbo;

- tra copula e parte nominale;

- tra verbo e un complemento necessario alla comprensione del senso generale della frase.
;
PUNTO E VIRGOLA

SEPARA:

- i termini di un elenco complesso;

- i diversi punti di un elenco puntato;

- le parti di un periodo quando prendono in esame diversi aspetti dello stesso argomento.
:
DUE PUNTI

INTRODUCONO, senza utilizzare altre congiunzioni:

- un elenco;

- una spiegazione (conseguenza, chiarimento, precisazione);

- un discorso diretto o una citazione.
...
PUNTINI DI SOSPENSIONE

Segnalano l'INTERRUZIONE di:

- un elenco;

- una battuta di discorso diretto;

- un ragionamento.
NON SI USANO per dare enfasi.
"
...
"

«
...
»
VIRGOLETTE

Indicano l'inizio e la fine di un discorso diretto o di una citazione da un altro autore. Il discorso diretto è segnalato anche dalla lineetta ( ­­­­­­­­­­­­­­­­­­
-
)
Se si vuole mettere in evidenza una parola si usano le virgolette semplici:
'
...
'
.
(
...
)
PARENTESI TONDE

ISOLANO una parte di discorso non indispensabile; sono sempre equivalenti alle lineette (
-
...
-
); a volte si possono sostituire con due virgole.
Martina prese due pizze, tre birre, dieci euro ed uscì senza dir niente.

Per Gianni fu troppo strano andare a scuola da solo, camminare per strada senza Matteo, fare tutto senza di lui.

Capì che quel ragazzo, che aveva conosciuto a scuola, sarebbe diventato suo amico.
vs
Capì che quel ragazzo che aveva conosciuto a scuola sarebbe diventato suo amico
Matteo, un quindicenne di Venezia, lo chiamò a notte fonda.

Chiara non capì tutto, per quanto si sforzasse.

Coraggio, Clara, fa' attenzione!

Guarda, non credo sia come tu dici.
* La giovane madre di Marta, non la lascia uscire.

* Giuseppe è davvero, gentile.

* Clara studia tutto il giorno, francese.
La cena si avvicinava. Clara andò al supermercato e comprò due mele ben mature per poterle gustare meglio; tre zucchine per il sugo; un chilo di pane toscano, perché a sua madre non piaceva il pane salato; quattro etti di prosciutto cotto per l'antipasto.

Il soprannome che aveva mio padre da studente era Pom, che voleva dire 'pomodoro', per via dei suoi capelli rossi; ma mio padre, se lo chiamavano Pom, s'arrabbiava moltissimo, e permetteva soltanto a mia madre di chiamarlo così. (N. Ginzburg)
Per favore, va' al negozio e prendi: due patate, tre mele, quattro banane e sette mandarini.

* Ho sempre amato tutti gli sport, come ad esempio: il basket, il calcio, la scherma.

Siamo usciti e ci siamo bagnati tutti: pioveva a catinelle.

Maria mi disse: "Guarda che se continui così io non ti parlerò più".
Comprai scarpe, ciabatte, calzini, pantofole...

"Giuseppe, vorrei..."
"Zitto, non voglio sapere niente!"

"Manzoni era talmente attento alla lingua che... Ma perché devo continuare a scrivere queste baggianate, visto che ormai nessuno lo legge più?"
* Mi piace moltissimo il tuo ciuffo rosa...
"Ha preso trenta", gli diceva mia madre. "Trenta?", lui si infuriava. "Trenta! Gliel'hanno dato perché è mio figlio! Se non era mio figlio lo bocciavano!"

- Chi fuma? - urlò. - Chi è quel figlio di un cane che s'è messo a fumare? - Sono io, papà, - rispose la nota voce leggera; e tutti risero.

Non so se hai visto la mia 'amica', ma se la incontri dille che di lei non voglio più sapere niente.
Di giovedì Lucia andò al parco (dietro la chiesa) e si mise ad aspettare Luigi.
=
Di giovedì Lucia andò al parco, dietro la chiesa, e si mise ad aspettare Luigi.
MA
Il treno arrivò in ritardo (c'erano stati problemi alla linea) e Mario perse la coincidenza

*Il treno arrivò in ritardo, c'erano stati problemi alla linea, e Mario perse la coincidenza
VS
Il treno arrivò in ritardo, in quanto c'erano stati problemi alla linea, e Mario perse la coincidenza.
Full transcript