Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Tesina - L'influenza del Giappone sull'Occidente

No description
by

Sara Bertoletti

on 15 June 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Tesina - L'influenza del Giappone sull'Occidente

L'influenza del Giappone sull'Occidente
Il Giappone in breve:
Cars, music and technology
The Toyota Motor Corporation
La lingua, il sistema di scrittura e la sintassi giapponesi
La lingua giapponese, durante i secoli, si è progressivamente adattata ai sinogrammi cinesi per creare una scrittura che oggigiorno è composta da quattro sistemi grafici: kanji (sinogrammi), hiragana e katakana (due scritture sillabiche) e rōmaji (l'alfabeto latino). Non è quindi usato in Giappone un sistema di scrittura specificamente giapponese che possa dirsi definitivo, o comunque utilizzato con precedenza rispetto ad altri.
Arte e letteratura
Ieri...
Storia e istituzioni
Il Giappone tra isolazionismo e conflitti mondiali
Il Giappone (Nihon o Nippon) è uno Stato insulare dell'Asia orientale, situato nell'oceano Pacifico, si trova a est del mar del Giappone, Cina, Corea del Nord, Corea del Sud e Russia.
I principali simboli che rappresentano il Giappone sono:
• La bandiera nazionale del Giappone, conosciuta a anche col nome di Hinomaru o Nisshōki;

• l'inno nazionale del Giappone Kimi ga yo (il regno dell'imperatore).

Nel Paese si trovano sia grandi multinazionali (Toyota, Honda, Sony, Panasonic, Yamaha, Toshiba, Canon, Nikon, Nintendo, SEGA, ecc.) sia piccole e medie aziende. Hanno inoltre sede alcune delle maggiori banche mondiali, e la Borsa di Tokyo, seconda al mondo per capitalizzazione.
É la seconda potenza economica dell'Asia, e la terza al mondo per PIL nominale dopo Cina e Stati Uniti, e quarta per PIL a parità di potere d'acquisto, sorpassata nel 2012 dall'India.
The Yamaha Corporation
The Vocaloid software
http://prezi.com/mddosewzzskt/?utm_campaign=share&utm_medium=copy&rc=ex0share
It was established in 1887 as a piano and reed organ manufacturer by Torakusu Yamaha as Nippon Gakki Company, Limited (literally Japan Musical Instrument Manufacturing Corporation)
Nowadays It has become the world's largest manufacturer of musical instruments, as well as a leading manufacturer of semiconductors, audio/visual, computer related products, sporting goods, home appliances, specialty metals and industrial robots.
It's one of Yamaha's latest product and is a singing synthesizer
How does It work?
The mechanisms involved accumulates actual voices recorded from humans as Singer Library data. When note information (Score Editor) is inputted, the voice is generated in the "Synthesis Engine". Furthermore, in order to more closely replicate a human voice, dynamics and vibrato, breaths and others are added (from library) in order to have songs with a realistic human's vocals.
In addition to this, another company, the Crypton Future Media Inc., has acquired the software and has created different characters for each version that came out. One in particular, called Hatsune Miku, has been also developed with holographic technology to make possible to “her” to perform in actual concerts with actual musicians as an animated projection.
La sintassi della frase giapponese obbedisce al seguente schema generale:

[Tema] + wa + [soggetto] + ga + [complementi + particelle di caso] + [complemento di termine] + ni + [complemento oggetto] + o + [predicato] + [particelle finali]

Questi vincoli fanno sì che la disposizione delle parole in un periodo giapponese sia spesso l'opposto di quella italiana:
esempi:
Kyō wa Tōkyō no tomodachi ni nagai tegami o kakimasu, "oggi scrivo una lunga lettera a un amico di Tōkyō"

(lett.: Oggi-(tema)-Tōkyō-di-amico-a-lunga-lettera-(oggetto)-scrivo);
Ame ga futte iru kara, dekakemasen, "non esco perché piove"

(lett.: pioggia-(soggetto)-cadendo sta-poiché-non esco)
...e oggi
La poesia Haiku
Il Giapponismo
Scrittori italiani influenzati dall'haiku
Il giapponismo (in francese japonisme e japonaiserie) è l'influenza che l'arte giapponese ha avuto su quella in Occidente, in particolare sugli artisti francesi.
Uno degli esempi più lampanti di giapponismo nella letteratura italiana è "il Piacere" di D'Annunzio
D’Annunzio e l’Harakiri
Epoca Heisei (dal 1989 a oggi)
Gli autori
Fasi:
Letteratura degli ultimi anni/internazionalizzazione
Letteratura post-femminista
Il manga
Haruki Murakami
Mahoko Yoshimoto
Osamu Tezuka
Il Giappone oggi: la situazione politica e sociale
Ordinamento dello Stato
La mafia giapponese: la Yakuza
Sport
Lo sport in Giappone è considerato come una parte importante della cultura giapponese. Gli sport più diffusi e popolari comprendono sia sport individuali quali il sumo e le arti marziali, sia sport di squadra importati dalla cultura occidentale quali il baseball e il calcio.
Il termine karate-dō si compone delle parole kara, te (karate) e do cioè kara=vuoto, te=mano e do=via in pratica "via della mano vuota".
In quasi tutte le arti marziali è uso allenarsi indossando un abito adeguato, chiamato gi (pronuncia: ghi); nel Karate, quest'abito è il karate-gi, composto da una giacca (uwagi), da un paio di pantaloni (zubon) di cotone bianco e da una cintura (obi) il cui colore designa il grado raggiunto dal praticante. Oltre al termine specifico "karate-gi", l'abito per la pratica del karate può essere chiamato genericamente "keikogi" o "dogi"; mentre completamente sbagliato, ma molto in voga, è il termine "kimono". Questa antica parola della lingua giapponese, che originariamente significava semplicemente "abito", ai nostri giorni viene usata per indicare uno specifico tipo di vestito tradizionale che nulla ha a che vedere con la pratica delle arti marziali.
Bertoletti Sara 5^PE
A.S. 2014-2015
°fine°
Full transcript