Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

LE FIBRE TESSILI

No description
by

MoCa

on 21 February 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of LE FIBRE TESSILI

LE FIBRE TESSILI
A seconda della loro origine si distinguono
FIBRE TESSILI NATURALI
:

vegetale
: composte prevalentemente da cellulosa, si ricavano da diverse parti della pianta (dallo stelo, come nel caso di lino, canapa e ginestra, dai semi, come per il cotone, o anche dalle foglie, come nel caso del sisal).

origine animale
: costituite da sostanze proteiche, e sono la lana, ricavata da animali lanuti come ovini, cammelli, conigli etc, e la seta, dal bozzolo del baco da seta (Bombyx mori).

minerali
: fibre di vetro, fibre di carbonio, amianto.

TECNOFIBRE
, cioè fibre ottenute dall’uomo attraverso processi industriali fisico-chimici, che sono nate a partire dagli inizi del ‘900, possono essere:

artificiali
(ricavate da cellulosa, come il rayon);

sintetiche
(ricavate da idrocarburi come petrolio, carbone e gas naturale, attaverso un processo di polimerizzazione, ad esempio il nylon)
Si ricavano dalle lavorazioni della
cellulosa
di alcune piante.
Le fibre si possono ricavare:
dal seme (cotone)
dallo stelo (lino, canapa, iuta, ramiè, ginestra),
dalle foglie (sisal, agave),
dal frutto (cocco, kapok);

FIBRE TESSILI NATURALI VEGETALI
FIBRE TESSILI NATURALI
ANIMALI
TECNOFIBRE ARTIFICIALI
Derivate dalla trasformazione di:
SOSTANZE MINERALI
, come le:
fibre di vetro
: il vetro ridotto in fili sottili viene mescolato anche a resine plastiche (vetroresina),
fibre di carbonio
: sono formate da atomi di carbonio disposti in modo regolare (ottenute dalla carbonizzazione di un polimero), i sottili fili di carbonio, flessibili come una fibra sintetica, vengono intrecciati a creare strutture tessili che vengono poi impregnate con resine che garantiscono orientazione e forma voluta, sono resistenti al calore, tenaci ma leggerissime,
amianto
: è un minerale costituito principalmente da silicati di magnesio, le fibre, molto leggere, sono ottenute per sfibratura meccanica del minerale. Per le sue proprietà ignifughe (resistente al fuoco) e la sua struttura fibrosa è sato usato per indumenti e tessuti a prova di fuoco (vietato in Italia dal 1992).

Usi: nell'industria delle materie plastiche, elettrodomestici, tessuti per l'isolamento elettrico, acustico e termico.
TECNOFIBRE SINTETICHE
derivate dalla raffinazione dei ricavati del petrolio, sono ottenute partendo da molecole elementari (
monomeri
) che, per mezzo di complessi processi chimici di sintesi (
polimerizzazione
), vengono riunite a formare delle unità più grandi, dette
macromolecole
, riunite fra loro in fasci e disposte secondo un asse a formare una fibra.
Le principali fibre sintetiche sono:
poliammidiche
, la più nota è il nylon;
poliesteri
, come il terital o il dracon (pile);
poliviniliche,
come il movil (teflon);
poliacriliche
, simili alla lana, come l'orlon;
polipropileniche
, come il meraklon, molto leggero.
Produzione di fibre sintetiche:
si preparano le molecole seplici (monomeri);
con complesse reazioni chimiche, i monomeri si riuniscono a formare i polimeri che costituiscono la resina sintetica;
la resina viene filata attraverso i sottili fori di una filiera e fatta solidificare;
I fili vengono stirati per renderli più sottili e tenaci;
I fili vengono arricciati con la testurizzazione per rendere la fibra più soffice e voluminosa;
il filo stirato viene avvolto in bobine oppure tagliato per formare il fiocco.



FILATURA
FILATO
: insieme di fibre tessili unite, disposte parallelamente e ritorte in modo da formare un filo continuo, usato per confezionare tessuti.

Vengono sottoposte a filatura fibre troppo corte come il cotone, lino, canapa, mentre la seta e le fibre artificiali sono già sotto forma di filato.
La filatura un tempo avveniva a mano, oggi tramite filatoi.
TESSITURA
TESSITURA: intreccio di due sistemi di fili, quello di ORDITO e quello di TRAMA.
I
fili di ordito
sono disposti secondo la lunghezza del tessuto.
I
fili di trama
, invece, secondo la larghezza del tessuto.

Il modo in cui si intrecciano i fili di ordito e trama è chiamata
ARMATURA
che può essere:
a
tela
(il filo della trama passa prima sotto e poi sopra a quello dell'ordito)
a
saia
o
spina
(il filo di trama passa prima due volte sopra e una volta sotto ai fili dell'ordito)
a
raso
o
satin
((il filo di trama passa da quattro a sette volte sopra e una sola volta sotto al filo dell'ordito).

L'operazione della tessitura si esegue con i
TELAI
che possono essere a mano o meccanici.
I tessuti che escono dai telai possono subire altri processi per ottenere caratteristiche desiderate, l'insieme di questi trattamenti è chiamato
FINISSAGGIO
e può comprendere:
la tintura, la stampa, trattamenti antimacchia, antipiega, garzatura, felpatura.


FIBRE TESSILI DI ULTIMA GENERAZIONE
FIBRE COMFORT
: pile (tessuto composto da 100% di fibre poliestere, vellutato, leggero e morbido), polartec (simile al pile è capace di regolare il livello di calore fornito a seconda delle condizioni ambientali).
MICROFIBRE
: il termine indica la microfilatura per estrusione di fibre acriliche (nylon, poliestere e rayon) che risultano molto sottili e leggere.
TESSUTI MULTISTRATO
: Teflon (le fibre hanno subito un trattamento protettivo antimacchia), Gore-Tex (membrana microporosa bicomponente-PTFE espanso e materiale oleofobico- applicata ai tessuti per renderli antipioggia), Windstopper (tessuti con membrana microporosa a due-tre strati antivento e traspirante.
CORDURA
: fibra di nylon dall'aspetto naturale, resitente all'usura, strappo e umidità.

Le FIBRE TESSILI sono sostanze filamentose, con lunghezze variabili, vengono lavorate con il processo di filatura.
COTONE
LINO
Il cotone, la fibra naturale più ampiamente utilizzata per l'abbigliamento, cresce in una capsula attorno ai semi delle piante di cotone. Una singola fibra è una cellula allungata che ha una struttura piatta, ritorta, cava e nastriforme.

Caratteristiche
Elasticità media-buona
Elasticità molto bassa
Una minore resilienza ed una tendenza ad incresparsi
Percezione confortevole e morbida
Buona assorbenza
Conduce bene il calore
Danneggiato da insetti, muffe, marciume e falene
Indebolito da esposizione prolungata al sole
Applicazioni
Ampiamente usato in numerosi prodotti tessili
Comunemente usato in capi di abbigliamenti tessuti e a maglia
Tessuti domestici - asciugamani, accappatoi, coperte ecc.
Usato come miscela con altre fibre come raion, poliestere, elastan ecc.
Il lino, una delle più costose fibre naturali, è prodotto dalla pianta del lino. E' prodotto con un alto utilizzo di lavoro manuale, e viene quindi prodotto in piccole quantità. Tuttavia il tessuto di lino è apprezzato per la sua eccezionale freschezza in caso di temperature calde.
È composto per il 70% da cellulosa e il 30% da pectina, cenere, tessuto legnoso e umidità.


Caratteristiche
La più forte fibra vegetale
Scarsa elasticità, e quindi si increspa facilmente
Relativamente liscia, diventa più morbida dopo il lavaggio
Altamente assorbente
Buon conduttore di calore e si mantiene fresco
Brillante
Più fragile, cordonatura costante nelle pieghe taglienti, tende a rompersi
Danneggiato da muffa, sudore e candeggina
Resistente alle falene e coleotteri da tappeto
Applicazioni
Abbigliamento - abiti, vestiti, gonne, camicie, ecc.
Oggetti d'arredo commerciale e da casa - tovaglie, strofinacci, lenzuola, rivestimenti murali / carta da parati, tendaggi ecc.
Prodotti industriali - bagagli, tela, ecc.
Usato come miscela con il cotone
La fibra di lana cresce dalla pelle di pecora ed è una fibra relativamente grossolana e arricciata con squame sulla superficie. E' composta da proteine​​. L'aspetto della fibra varia a seconda della razza della pecora. Fibre più fini, morbide e calde tendono ad avere squame più numerose e regolari. Fibre più spesse e meno calde hanno squame meno ruvide. Normalmente, le fibre di lana migliori con le squame più fini appaiono più opache rispetto alle fibre di qualità inferiore che hanno un numero minore di squame.
Caratteristiche
Aspetto arricciato
Elastica
Igroscopica, assorbe l'umidità rapidamente
Prende fuoco ad una temperatura superiore a quella del cotone
Basso tasso di propagazione della fiamma, rilascio di calore e combustione
Resistente all'elettricità statica
Applicazioni
Abbigliamento - giacche, abiti, pantaloni, maglioni, cappelli ecc.
Coperte, tappeti, feltro e tappezzeria
Tappeti per cavallo, coperte da sella
LANA
SETA
La seta è un fine filamento continuo, che si srotola dal bozzolo di un bruco falena conosciuto come il baco da seta. E' composto da proteine​​. È molto brillante grazie alla struttura prismatica triangolare della fibra di seta, che permette al panno di seta di rifrangere la luce ad angoli diversi.



Caratteristiche
Brillante, consistenza liscia e morbida e non scivolosa
Leggera, forte, ma può perdere fino al 20% della sua forza quando è bagnata
Elasticità medio-scarsa. Se allungata, rimane tesa
Può essere indebolita se esposta troppo alla luce solare
Può essere colpita da insetti, soprattutto se lasciata sporca
Può riguadagnare fino all' 11% della sua umidità
Applicazioni
Camicie, cravatte, camicette, abiti formali, abbigliamento di alta moda
Lingerie, pigiami, accappatoi, abiti e vestiti da sole
Molte applicazioni di arredamento
Tappezzeria, rivestimenti e tappezzerie
FIBRE NATURALI MINERALI
derivate dalla trasformazione di:
MATERIALI ORGANICI, come la cellulosa estratta dal cotone, dalla paglia o addirittura dal legno (raion viscosa, raion al cuproammonio e raion acetato).

Produzione del rayon:
la cellulosa è trattata con prodotti chimici diversi, secondo il tipo di rayon che si vuole ottenere;
la cellulosa viene sciolta con
solventi
speciali;
la massa fuida viene costretta a passare attraverso i sottili fori di una
filiera
e si trasforma in filo;
il filo fluido che esce dalla filiera viene fatto
coagulare
e reso solido;
il filo viene avvolto in
bobine
oppure tagliato per formare il
fiocco
.

prof.M.Caprioli
Full transcript