Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Expo 2015. Nutrire il Pianeta. Energia per la vita

No description
by

Riccardo Innocenti

on 9 November 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Expo 2015. Nutrire il Pianeta. Energia per la vita

Nutrire il Pianeta.
Energia per la vita

Gli itinerari tematici

Storia dell’uomo, storie di cibo. Lo sviluppo
umano attraverso la storia del cibo.
Abbondanza e privazione: Ipernutrizione
e spreco degli alimenti contro sottonutrizione
e mancanza di acqua potabile.
Il futuro del cibo. Scienza e tecnologia per
la sicurezza e la qualità.
Cibo sostenibile = mondo etico. L’equilibrio
tra la produzione di cibo e lo sfruttamento
delle risorse.
Il gusto è conoscenza. Quando il piacere
del palato diventa strumento di conoscenza.
Le tecniche colturali
La trasformazione
I trasporti
La catena del freddo
La cottura
Lo smaltimento
L'impatto ambientale
Esempio:
Le pratiche messe in atto dagli agricoltori per coltivare le materie prime possono avere un elevato impatto sull’ambiente
Emerge che le materie prime coltivate “fuori stagione” incrementano gli impatti ambientali
Life Cycle Assessent
Analisi del ciclo di vita: metodologia di valutazione oggettiva dei carichi energetici e ambientali relativi a un processo
Include l’analisi dell’intera filiera, comprendendo la coltivazione o estrazione e il trattamento delle materie prime, la fabbricazione, il confezionamento, il trasporto, la distribuzione, l’uso, il riuso, il riciclo e lo smaltimento finale.
Regolato dagli Standard Internazionali ISO 14040 - 14044
Life Cycle Assessent:
Carbon Footprint
L’impronta di carbonio (Carbon Footprint), rappresenta e identifica le emissioni di gas serra responsabili dei cambiamenti climatici ed è misurata in massa di CO2 equivalente;
Life Cycle Assessent: Carbon Footprint
La catena del freddo: emissioni di CO2
I trasporti: leggende e realtà del km 0
Emissioni in grammi di CO2
Il trasporto via aerea
Emissioni in grammi di CO2
Life Cycle Assessent:
Water Footprint
Life Cycle Assessent: Water Footprint
L’impronta idrica (Water Footprint o virtual water content), che quantifica i consumi e le modalità di utilizzo delle risorse idriche ed è misurata in volume (litri) di acqua;
Litri di H2O consumata per ogni litro o kg di alimento
Life Cycle Assessent:
Ecological Footprint
Life Cycle Assessent: Ecological Footprint
Consumo in mq per ogni litro o kg di alimento
2003 World Comsumption Cartogram
L’impronta ecologica (Ecological Footprint), misura la quantità di terra (o mare) biologicamente produttiva necessaria per fornire le risorse e assorbire le emissioni associate a un sistema produttivo: si misura in mq o ettari globali.
Life Cycle Assessent: Ecological Footprint
Consumo in mq per ogni litro o kg di alimento
Life Cycle Assessent: Ecological Footprint
L'impronta ecologica varia in funzione delle scelte alimentari
L'impatto delle scelte ambientali
Menù di carne e relativo impatto ambientale
L'impatto delle scelte alimentari
Menù vegetariano e relativo impatto ambientale
Consumi in mq globali per persona
26 mq globali di differenza rappresentano una quota molto rilevante nell’impatto quotidiano di un individuo.
Un menù vegetariano ha un impatto ambientale due volte e mezzo inferiore rispetto a quello di carne
L’impronta di Carbonio. g CO2 eq. Per kg o litro di alimento
Esempio:
Consumo medio annuo H20 = 30 mc
1000 caffè all'anno = 140 mc
100 kg di carne bovina = 1500 mc
Si definisce land grab la pratica dell’accaparramento di vaste aree di superficie rurale irrigua e coltivabile da parte di Governi stranieri, multinazionali o fondi di investimento in Paesi poveri, allo scopo di produrre cibo, mangimi o biocombustibili.
violando i diritti umani e in particolare i diritti delle donne;
ignorando il principio del consenso libero, preventivo e informato delle comunità che utilizzano quella terra, in particolare dei popoli indigeni;
ignorando l’impatto sociale, economico e ambientale derivante dall’accordo, e l’impatto sulle relazioni di genere;
evitando la conclusione di contratti trasparenti, contenenti impegni chiari e vincolanti sugli impieghi e sulla ripartizione dei benefici;
evitando la partecipazione democratica, il controllo indipendente e la partecipazione informata delle comunità che utilizzano la terra.
Secondo la definizione adottata dalla International Land Coalition (ILC) il termine “land grab” si riferisce ad acquisizioni di terre effettuate:
Nel 2010 la Banca Mondiale ha stimato che tra il 2008 e il 2009 le acquisizioni di terreni sono state di 46 milioni di ha
Nel 2011 Land Deal Politics Initiative ha valutato che gli accordi territoriali rappresentano 80 milioni di ha
Due terzi ubicati nell'Africa subsahariana
Le dimensioni del fenomeno
Acqua sulla terra 1.400.000.000 kmc
Acqua fruibile
45.000 kmc
0,003%
Acqua effettivamente fruibile per costi e accessibilità
9-14.000 kmc
0,001%
Chi consuma l'acqua dolce del pianeta
Acqua disponibile
Acqua virtuale
Acqua fossile
Water Economy
Agricoltura
70%
Industria
22%
Usi domestici
8%
Acqua fruibile
45.000.000.000 mc
0,003%
Acqua fossile o paleoacqua
(2-6 milioni di anni)
Ogallala
Estensione: 450.000 Kmq (1,5 volte l'Italia)
Profondità della falda: da 30 a 120m
Profondità dell'acqua: fino a 120m
Dimensione: 3.600 kmc nel 2005 (circa 1/3 dell'acqua di superficie disponibile)
Consumo: 312 kmc in 10 anni. Trend in aumento
Esaurimento stimato: 2035
Irrigazione artificiale mediante Pivot
Irrigazione artificiale mediante Pivot
Pompa di alimentazione del pivot
I numeri della falda di Ogallala
Accezione Comune
: Cibo acquistato e non consumato che finisce nella spazzatura.
FAO
: Qualsiasi sostanza sana e commestibile che, invece di essere destinata al consumo umano, viene persa, degradata o consumata da parassiti in ogni fase della filiera alimentare.
Food Looses
: perdite alimentari che si riscontrano durante le fasi di produzione agricola, post-raccolto e trasformazione degli alimenti.
Food Waste
: gli sprechi di cibo che si registrano nell’ultima parte della catena alimentare (distribuzione, vendita e consumo finale).
In Italia si è convenuto dichiamare
Rifiuto alimentare
il Food Waste e di distinguerlo in:
Cibo Scartato
: il cibo che, per qualche motivo, non raggiunge la tavola ma che è perfettamente commestibile. Ad esempio, nelle mense, le eccedenze non distribuite, oppure, nei supermercati, il cibo con qualche difetto estetico.
Cibo Sprecato
: Il cibo che finisce dal piatto nella spazzatura.
Lo Spreco Alimentare: definizione
Il concetto di sostenibilità
Il concetto di “sostenibilità” contiene in sé il valore fondante della “durabilità”, intesa come capacità di un qualunque sistema (sia esso naturale o sociale) di mantenersi intatto e vitale nel lungo periodo.
Quante sono, in pratica,
7 miliardi di persone?
Alla fine del 2011 la Terra ha raggiunto una popolazione di 7 miliardi di abitanti, ovvero, 7.000 milioni.
In uno stadio una persona seduta occupa meno di 0,5 mq.
Una cabina doccia 70x70 cm = 0,5 mq
7.000 milioni x 0,5 = 3.500 milioni di mq
3.500 milioni m2 = 3.500 kmq (1 kmq = 1 milione di mq)
My Ecological Footprint
10.180.000 kq
3.263 kmq
301.340 kmq
I biocarburanti di prima generazione sono ottenuti in modo indiretto dalle biomasse (grano, mais, bietola, canna da zucchero, ecc.)
I biocarburanti di seconda generazione sono ottenuti attraverso la coltivazione del miscanto (pianta graminacea diffusa in Oriente), delle alghe o la lavorazione di materiale lignocellulosico.
Nel mondo si producono 2720 kcal per ognuno dei 7 miliardi di abitanti
Alcuni paesi dove è presente la mortalità per fame sono esportatori di cibo
Nel 2050 la richiesta di cibo raddoppierà
G R I N
Genetic
Robitic
Information
Nano processes

I NUMERI DI EXPO 2015

53 Paesi aderenti (furono 42 a Shangay) + 92 Paesi ospiti
7.800.000 biglietti già venduti all'estero
20.000.000 di visitatori attesi
Cinque azioni che potrebbero risolvere il problema della fame nel mondo
Congelare
l'impronta ecologica
Usare le risorse
in maniera efficace
Cambiare la dieta
Ridurre gli sprechi
Rendere più produttivi
i terreni coltivati
Full transcript