Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Musica nel Medio Evo (Music in the middle age)

Ricapitolazione ad uso classi prime
by

Nicola Piras

on 15 October 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Musica nel Medio Evo (Music in the middle age)

Canto Gregoriano
Musica sacra
del Medio Evo
veniva cantata dai
monaci
nei
monasteri
e nelle chiese
monodica, cioè un'unica melodia
è esclusivamente vocale, senza accompagnamento strumentale
lingua latina
ritmo libero
il canto segue il ritmo delle parole
Il nome deriva dal papa benedettino
Gregorio Magno I
. Secondo la tradizione, egli raccolse ed ordinò i canti sacri in un volume detto
Antifonario
, la cui copia originale andò persa durante le invasioni barbariche.
Può essere:
melismatico
-tante
note per ogni sillaba
sillabico
-una nota per
ogni sillaba del testo
La prima
notazione musicale
dei canti gregoriani fu rappresentata dai
neumi
(dal greco segni). Questa elementare scrittura venne chiamata e
Neumatica

chironomica
(dal greco "
chiros
" mano) perche si ispirava ai cenni della mano che indicavano la direzione della voce verso l'acuto o verso il grave. Non indicava perciò con precisione le singole altezze dei suoni.
Fu il monaco
Guido D'Arezzo
a fissare i nomi di sei suoni:
UT REMI FA SOL LA
e a definire un insieme di quattro linee detto
Tetragramma
La scrittura
quadrata
unificò le diverse scritture diffusesi in Europa e quella
diastematica
introdusse il concetto di altezza con due linee una per il fa e una per do
L'Ars Antiqua e la nascita della polifonia
Polifonia significa sovrapposizione di voci. All'inizio del IX secolo si inizio a sperimentare una forma polifonica detta ORGANUM
Ad una voce detta "
VOX PRINCIPALIS"
si
sovrapponeva una seconda voce detta:
"VOX ORGANALIS"
Se una voce stava ferma e l'altra si muoveva si aveva il
Moto OBLIQUO.
Se invece la
VOX ORGANALIS
invertiva la direzione del movimento rispetto alla
VOX PRINCIPALIS
si ha il
Moto CONTRARIO
detto anche
DISCANTO
La prima forma di polifonia venne sviluppata a Parigi dalla
SCUOLA di NOTRE DAME
con i compositori :
Leoninus (Leonino)
Perotinus (Perotino)
La Musica Profana nel MEDIOEVO
Manoscritto di un Discanto di Peotinus 1200 ca. Parigi

La lauda era una forma di musica sacra, in lingua VOLGARE, con melodie semplici e di origine popolare. Fu elaborata da S.Francesco D'Assisi per avvicinare il popolo alla religione. Era un canto monodico e non era accettata dalla Chiesa che ne proibiva l'esecuzione durante le funzioni religiose. Di conseguenza veniva cantata all'aperto durante le processioni. Oltre a Francesco, che scrisse il celebre "Cantico delle Creature", scrisse molte laude JAcopone Da Todi. La più celebre raccolta di laud è il "Laudario di Cortona"
Verso la fine del millennio si diffuse in Provenza, nel sud della Francia, il canto dei
Trovatori
, autori ed esecutori di canti poetici in
Lingua D'Oc,
un tipo di volgare derivato dal Latino. Erano spesso dei nobili, dotati di una certa cultura e si ispiravano agli ideali cavallereschi e all'amore ideale e platonico per una donna del castello. I loro argomenti preferiti erano l'amore, le gesta cavalleresche e la primavera I Trovatori accompagnavano il canto con la viella, antenato del violino. Le principali forme compositive erano La Canzone, La Ballata e La Sirventese.
Nel Medioevo la musica profana era suonata nelle piazze, nei castelli e nelle feste. Il repertorio era composto da canti e danze che venivano eseguiti con l'accompagnamento di qualche strumento musicale da

Giullari
e
Menestrelli
, musicisti che si spostavano da un centro all'altro contribuendo a diffondere il repertorio dei
Trovatori
,
I TROVATORI
L'arte dei Trovatori di diffuse nel nord della Francia con i cosidetti
Trovieri
, che parlavano la
Lingua d'Oil
e avevano un carattere più aristocratico. Analogamente in Germania sorsero i "
Minnesanger
"
(cantori d'amore) e i "
Maistersingers
"
Provenza
I "Carmina Burana" sono una raccolta di canti profani in latino e volgare, ritrovato nel Monastero benedettino di "Beuren" in Baviera.
Venivano cantati dai "Clerici Vaganti", studenti itineranti.
I Carmina Burana sono canti irriverenti, che prendono di mira la Chiesa e i Potenti
Gli argomenti principali sono la fortuna, il gioco e il bere
La tecnica della musica polifonica richiedeva una
maggiore precisione
della notazione per quanto riguardava la
durata
dei suoni.
Questo portò a una scrittura musicale più precisa chiamata:
Notazione Mensurale
ARS NOVA
La musica del XIV Secolo fu chiamata "
Ars Nova
" per distinguerla dalla musica di Perotin e Leonin, che venne chiamata "
Ars Antiqua
". L'ARS NOVA utilizzò la polifonia anche per la musica profana. Le forme più importanti oltre alla Messa furono :
il Madrigale
la Ballata
la Caccia (basato sul canone)
Il più importante compositore fu
G.De Machaut
. In Italia fu celebre Francesco Landino (detto il cieco degli organi)
Guillame.DE MACHAUT
Francesco Landino
La MUSICA
del
MEDIOEVO
Nicola Piras 2015
Full transcript