Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Dove sta la verità?

No description
by

Rosy Bruno

on 30 May 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Dove sta la verità?

Analizzando i due articoli riguardanti la legittima difesa, siamo state colpite dalle diverse prospettive dei giornali rispetto allo stesso argomento. Già dal titolo civetta “parlamento ipocrita la vita è un valore solo se è di un malato terminale, per i ladri invece…” riportato da
Il fatto quotidiano
di Domenica 7 Maggio 2017, possiamo notare la critica volta al disegno di legge di modifica dell’art. 52 del codice penale sulla legittima difesa. Nell’articolo viene fatto un parallelo con il testamento biologico, affermando i diritti dei malati terminali che, attraverso l’approvazione sulla legittima difesa, potranno, ai limiti dell’assurdo, compiere il loro volere introducendosi in casa del vicino e, mettendo in scena un aggressione, farsi uccidere. “ED ECCO L’UTILITÀ DELLA LEGGE SULLA LEGITTIMA DIFESA. UN MALATO CHE NON HA SOLDI PER ANDARE IN SVIZZERA O NON VUOLE LASCIARE PROCESSI E CONDANNE IN EREDITÀ A CHI GLI VUOLE BENE, POTREBBE INTRODURSI IN CASA DEL VICINO AL CALAR DELLE TENEBRE E COLÀ ATTENDERE CHE IL PADRONE DI CASA SI SVEGLI E GLI PUNTI LA PISTOLA CONTRO”. Il pezzo de
Il corriere della sera
di Giovedì 4 Maggio 2017, è invece decisamente a favore dell’approvazione della legge, nell’articolo viene addirittura contestato il fatto di subire un processo a seguito della propria difesa nei confronti dell’aggressore introdottosi in casa.
Un problema tutto italiano
La questione Alitalia
IL SOLE 24 ORE 3 maggio 2017
Per la questione Alitalia sono stati scelti i tre commissari, Guertosi, Laghi e Paleari, i quali sostengono che il prestito di 600 milioni fornito dallo Stato sia più che sufficiente per risanare la compagnia, a patto che in questi sei mesi sia necessario collaborare per evitare errori. La prima collaborazione avverrà con Unicredit e Intesa San Paolo, le principali banche azioniste di Alitalia, nel tentativo di mantenere unita la compagnia per poterla vendere complessivamente.
Il valore attuale è attorno al miliardo di euro ma subirà variazioni se non riuscirà a risanare il debito con il governo, inoltre il prezzo è mutato a causa di eventi esterni come l’esito del referendum Alitalia secondo il presidente di Confindustria, Vincenzo Bocca. Inoltre un ulteriore problema è sorto per il contratto di carburante a 68 dollari che ha creato in poco tempo un ulteriore debito di 128 milioni. I sindacati si sono mossi in seguito all’affermazione di Gubitosi riguardo ai dipendenti che probabilmente non percepiranno una parte dello stipendio.


E 1.20
30 maggio 2017

Classe 5B Liceo Scienze Umane
Subtitle
Dove sta la verità?
Era fiero di essere chiamato giornalista e di potersi definire tale. Mi diceva spesso che il compito di un giornalista è raccontare la verità perché è un diritto di chi legge sapere i fatti per poter elaborare una propria opinione basata sul vero e non “indirizzata” o “deviata”. Certamente, alla descrizione della realtà, papà non ha mai negato anche la sua opinione che è risultata spesso scomoda, ma si è sempre assunto, credetemi, sempre, la responsabilità di ciò che pensava e credeva…
Fiero di essere giornalista
ROMPERE LE SCATOLE

Tratto dal film "Alla luce del sole" di R. faenza del 2005.
La storia di don Pino Puglisi
PROGETTO ANPPIA
a.s.2016/2017
LEGITTIMA DIFESA
Oliviero Beha morto il 13 maggio 2017
Vaccini: una questione politica?
ONG PIU’ NESSUNO E’ COLPEVOLE.

L’immigrazione, nonostante sia al centro dei dibattiti odierni, è ancora un problema collettivo fin troppo sottovalutato: rispetto al 2016 vi sono 10000 migranti in più.
Spesso si perde di vista la vera causa del fenomeno: nessun profugo fugge senza soffrirne, sono vittime della violenza,della miseria e della fame che li spingono quotidianamente ad imbarcarsi su piccole e instabili barche, per poi affrontare un lungo viaggio mettendo a rischio la loro stessa vita.
Nonostante questo non vengono ricercate soluzioni per eliminare il problema: l’immigrazione continua ad esser vista come qualcosa di lontano, di estraneo da noi.
Le Ong, il cui acronimo significa “Organizzazione Non Governativa”, sono associazioni volontarie non finanziate dallo stato che si occupano di tale problema.
Uno degli obiettivi che si prefiggono è intervenire a livello sociale, politico, sanitario e nell’ambito dei diritti umani.



CORRIERE DELLA SERA 4 maggio 2017
Il nuovo commissario Enrico Laghi avvierà delle manovre che ricadranno su coloro che hanno gestito l’azienda fino ad ora, l’obiettivo è quello di evitare una frammentazione di Alitalia che però, a causa della situazione, rischia la vendita in parti, poiché sarebbe più facile superare il miliardo
Il 5 Maggio 2017, il giornale
Il Fatto Quotidiano
riporta, tra la "cronaca", un articolo in cui si descrive il conflitto di interesse che si crea tra la ricerca farmaceutica e i finanziatori privati: Tutto ciò che ci nascondono i padroni di vaccini e farmaci.
Virginia della Sala, autrice dell'articolo, ci spiega che spesso le aziende che finanziano la ricerca impongono delle condizioni. Ciò, sottolinea la giornalista, può portare al pericolo di condizionamento.
Sullo stesso giornale, ma nella sezione "piazza grande", troviamo però un altro articolo a tema vaccini: Basta bugie, il movimento è pro-vaccini. Le prime parole del titolo "Basta bugie" alludono alle accuse mosse il 2 Maggio sul New York Times, il quale sembra aver riportato il M5S come esempio di gruppo che mette in circolazione fake news in merito ai pericoli dei vaccini.
Guido Silvestri (capo del dipartimento di microbiologia e immunologia dell'università Emory di Atlanta) è stato chiamato da Grillo per "difendere l'immagine" del M5S e sottolinea nell'articolo che il Corriere della Sera ha ripreso prontamente la notizia (nell'edizione del 5 Maggio) omettendo però di sapere da tempo che il M5S ha cambiato le sue posizioni divenendo completamente pro-vaccini.
Silvestri ha redatto per il M5S un documento preliminare favorevole alla vaccinazione, per il quale aveva rilasciato un'intervista al Corriere della Sera, e quindi il quotidiano avrebbe omesso anche questo.
Successivamente, Silvestri denuncia il fatto che tutta la questione ha un aspetto prettamente politico, e la denuncia, partita dal New York Times, ha screditato il Movimento.
Ma qual era la questione sollevata dal
Corriere della Sera
?
Dall'articolo si nota che da una parte si descrivono le accuse provenienti dal quotidiano statunitense e dall'altra che il M5S stava preparando già il documento di Guido Silvestri (lo stesso documento descritto in precedenza) e che l'uomo aveva rilasciato un' intervista poco tempo prima, in merito alla questione, proprio al giornale. È importante sottolineare questa menzione perché dall'articolo del giorno dopo di Silvestri sembra che la notizia non fosse stata riportata dal Corriere, mentre subito nelle prime righe dell'articolo viene fatto presente.
A livello nazionale la dichiarazione del movimento ha portato ad attacchi, che sono stati riportati dal Corriere della Sera, da parte di tutti i partiti oppositori.
Il resto dell'articolo si concentra sulla brutta figura fatta a livello mondiale, ma soprattutto a livello politico, perché l'impressione che arriva del partito, in Italia molto presente, è di essere bigotto e anti-ricerca.
In conclusione è importante notare due cose:
– Il Fatto Quotidiano mette tra le sue prime pagine un articolo che dovrebbe sollevare, nell'opinione pubblica l'astio per le case farmaceutiche e la ricerca, mentre lascia non solo in “secondo piano” ma in un trafiletto a fondo pagina, l'articolo che proclama il M5S pro-vaccini e in cui l'autore sembra quasi non aver realmente letto l'articolo che il Corriere della Sera ha pubblicato sul suo giornale.
– Una questione prettamente sanitaria e civile si trasforma in una questione politica con un peso molto forte e i giornali sono le testimonianze di un dibattito politico.

L’associazione ha però molte contraddizioni interne, è stato ipotizzato che le Ong speculassero sul salvataggio dei migranti. Nel caso di Trapani la procura sta indagando sull’imbarcazione che è entrata in azione senza una vera e propria richiesta di intervento da parte delle autorità; tutto ciò, dal punto di vista penale, può essere interpretato come favoreggiamento di immigrazione clandestina. «Abbiamo evidenze che tra alcune Ong e i trafficanti di uomini che stanno in Libia ci sono contatti diretti - dice Zuccaro, procuratore di Catania - non sappiamo ancora se e come utilizzare processualmente queste informazioni ma siamo abbastanza certi di ciò che diciamo; telefonate che partono dalla Libia verso alcune Ong, fari che illuminano la rotta verso le navi di queste organizzazioni, navi che all’improvviso staccano i trasponder sono fatti accertati» tratto da
www.rainews.it del 23/4/2017
. La domanda che quindi subentra è: l’Ong aiuta con reali intenzioni umane o pensa al proprio tornaconto? Si suppone che i migranti siano quindi trattati come una merce preziosa, utili sia a livello economico che elettorale. Una forma risolutiva sarebbe quella di affidare il salvataggio di immigranti alle istituzioni europee e non alle private.
Come scrive Montale nel “La primavera hitleriana”: “più nessuno è incolpevole”. Oramai l’immigrazione è un fatto che riguarda la quotidianità; dovrebbe essere quindi interesse di tutti trovare una forma risolutiva in modo che ognuno possa rendersi partecipe a sollecitare un corretto intervento da parte dello Stato.
A nome di tutti noi, scrivo che essere “veri” a dispetto di tutto e di tutti in questo mondo, è un grande atto di coraggio, una straordinaria forma di libertà. Questa eredità, noi, la teniamo stretta perché è parte di ciò che siamo ed è quello che cercheremo di trasmettere ai figli, agli amici che ci sono ecco saranno…
Queste le parole di una delle figlie del giornalista per ricordare questa grande figura
Il testo fa riferimento a i quotidiani:
Corriere della Sera 4 maggio 2017
Il Fatto quotidiano 4 maggio 2017
A cura della classe 5B Liceo delle Scienze Umane
IIS NICCOLINI PALLI


Balducci Eleonora
Benvenuti Giovanna
Beretta Virginia
Bracaloni Giada
Conti Gabriele
Fagni Claudia
Daini Camilla
Falleni Sara
Leonardini Sara
Panieri Asja
Ricciardi Giuseppina
Sardi Rebecca
Scarpa Elena
Torres Cristhian Sebastian
Traversa Giulia
Trotta Aurora
Tubino Alessia
Volandri Sara

Le docenti
Marialuisa Bonanno
Rosaria Bruno
Full transcript