Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Progetto L.A.R.A. UNIVERSITA'

Presentazione del LABORATORIO RESIDENZIALE della durata di 3 giorni "L.A.R.A. UNIVERSITA'" proposto dalla Fondazione Adolescere di Voghera
by

Rosy Nardone

on 31 August 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Progetto L.A.R.A. UNIVERSITA'

Attività formativa
L.A.R.A. UNIVERSITà
:
la struttura
La particolare accoglienza dello staff e del contesto rende l'esperienza formativa unica.
Sono a disposizioni posti letto e servizio pensione completa, perchè anche il vivere insieme fa parte dell'esperienza formativa
Un complesso recettivo dotato di appartamenti autonomi, immerso in un vasto parco
E' una fondazione senza scopi di lucro, di gestione e di
comunità
con una lunga esperienza nel campo dell'educazione, della formazione e della cultura rivolta in particolare agli adolescenti.
http://www.fondazioneadolescere.it/
referenti per i dipartimenti:
GENOVA:
Metodologia
La
RESIDENZIALITA'

progetto L.A.R.A - università
Laboratorio sulle Aggregazioni e Relazioni in Adolescenza
La
RELAZIONE
e il gruppo
dove?
Nell'incantevole cornice di
Penicina
in Romagnese, al Passo Penice (Pavia) a 1100mt
http://www.penicina.it/contatti/
la relazione e il gruppo
La relazione si fa strumento, oltre che obiettivo
Sentire, osservare, e vivere consapevolmente un'esperienza diretta di cambiamento e della complessità delle relazioni
FONDAZIONE ADOLESCERE
Interviene:

nell’area
sociale, educativa, culturale e sportiva
per l’attuazione del diritto all’educazione, alla salute, alla socializzazione ed alla tutela dei minori;
nell’area della
formazione superiore e continua
;
nell’area dell’
orientamento per la promozione dell’auto orientamento
ed il sostegno all’inserimento lavorativo;
nell’area dell’
aggiornamento del personale della scuola
per la ricerca e l’innovazione metodologica nel campo della formazione;
nell’area dell’
educazione
alla tutela e valorizzazione della natura e dell’
ambiente
;
nell’area
terapeutico–riabilitativa
per la tutela della salute mentale dei disabili, per la formazione e l’inserimento lavorativo nell’area dello svantaggio.
Dalla voce dei protagonisti:

"
Il gruppo per noi è un modo di stare insieme che fa emergere le risorse individuali e allo stesso tempo di tutti. Ciò significa che è caratterizzato dalla
COMUNICAZIONE
che viene usata, da come si sviluppano le
RELAZIONI
: è importante cercare di individuare e capire i punti di forza e di debolezza che ciascuno esprime all’interno delle relazioni gruppali.
Lo scopo per cui il gruppo ha una funzione strategica è il benessere, o meglio ancora il
BELLESSERE
...
Stare bene in gruppo è stare meglio con se stessi; Se stiamo bene siamo anche in grado di lavorare o apprendere meglio
"
Il
LABORATORIO
Il
GIOCO
il laboratorio
Viene offerta una
situazione protetta

dove la conoscenza scaturisce dal
fare esperienze diverse
, nuove in maniera diretta
in cui potersi misurare, scoprire le proprie abilità, risorse, limiti e potenzialità
dove si può sbagliare perchè questo aiuta a capire...
il gioco
È uno strumento pedagogico adatto ad introdurre in una dimensione controllata, di
simulazione
.
Lo spirito del gioco è proprio quello di stimolare i soggetti a sbagliare, ad esercitarsi, a misurarsi in situazioni complesse, a volte paradossali e imparare a comprenderle, riconoscere la loro gestibilità.
Esso inoltre offre il vantaggio di accelerare i tempi delle dinamiche che sorgono all’interno della situazione proposta:
si può assistere ad una rapida verifica delle decisioni prese all’interno del gioco.
Vengono proposte di situazioni di gioco per esplorare temi come l’
empatia
, il
conflitto
, la
negoziazione
, punti forza e di debolezza della
comunicazione


la residenzialità
Il
tempo informale
ha un valore altrettanto grande di quello strutturato.
Costituisce un altro modo per conoscersi, per scambiarsi emozioni, opinioni su quello che si sta vivendo e provando.
E’ un’ altra modalità che accompagna quella formale in cui i gruppi possono elaborare liberamente ciò che stanno sperimentando, aiutati anche dalla natura che circonda la
struttura
.
Si lavora sul gruppo e sulle dinamiche che lo regolano:
il conflitto, i sentimenti, le differenti personalità per sviluppare
una relazione costruttiva che tenga conto dei punti di forza
dei diversi componenti. Il gruppo diventa produttivo grazie allo sviluppo di una relazione più profonda e consapevole
Questa esperienza ha un valore formativo applicabile a tutte le professioni; si propone, infatti, di impadronirsi di abilità che valgono in tutti i contesti comunicativi, secondo i riferimenti teorici del
T-Group
di Lewin
Può essere definita una
situazione di apprendimento
in cui gli individui che vi partecipano acquistano sensibilità ai fenomeni del gruppo, ed affinano la percezione che hanno di sè e degli altri.
Nel momento in cui si vive l'esperienza, si riflette sull'esperienza stessa (
concetto di riflessività
).
Secondo Lewin infatti,
ogni persona ha bisogno del gruppo per definire la propria identità, per esprimere se stessa ed i suoi molteplici aspetti.
Nel gruppo
l'azione di ogni persona modifica sia le altre persone che il gruppo stesso
, ed anche la sua di azione (del gruppo), viene modificata sia dalle azioni che dalle reazioni degli altri (
interdipendenza
).
Nei T-group i partecipanti si immergono nella situazione, e cio' che avviene nel gruppo lo vivono ed analizzano in maniera simultanea, nel qui ed ora.
E' l'abbreviazione di
sensitive training group
che significa gruppo di addestramento alla sensibilità.
T-Group
organizzazione
Il trasporto dei partecipanti, che arrivano in treno a Voghera, è a cura della Fondazione Adolescere, con partenza dalla loro sede in Viale Repubblica 25 - Voghera
orari

Accoglienza in struttura dalle ore
9,30
Avvio dei lavori per le ore
11.00
del primo giorno
Conclusione con il pranzo dell’ultimo giorno (ore
14.00
circa)

COSTI
Il contributo richiesto ai partecipanti per
formazione
e
residenzialità

(vitto e alloggio in struttura) è di
€. 150,00


Che cosa è un
GRUPPO
?

COME
si forma?

Quali
RELAZIONI
,
COMPETENZE
CONOSCENZE
si possono
sviluppare?
QUANDO?
Da
maggio
a
settembre

Dettagli al link:
http://www.fondazioneadolescere.it/l-a-r-a-universita/

Referente per ADOLESCERE:
Silvia Armandola
:
armandola@adolescere.org

cell. 347 8734831 - tel. 0383 343025
università aderenti
Bologna
Chieti-Pescara
Firenze
Foggia
Genova
Milano (Bicocca)
Padova
Pavia
Pollenzo
Roma (La Sapienza)
Salento
Torino
ANTONELLA LOTTI
antonella.lotti@unige.it

NADIA RANIA
nadia.rania@unige.it
ANNA ZUNINO
anna.zunino@unige.it
CHIETI-PESCARA:
ILARIA FILOGRASSO
i.filograsso@unich.it
ROSY NARDONE
rosy.nardone@unich.it
FIRENZE:
GIOVANNA DEL GOBBO
giovanna.delgobbo@unifi.it
FOGGIA:
ISABELLA LOIODICE
isabella.loiodice@unifg.it
ROSSELLA CASO
r
ossella.caso@unifg.it
MILANO (BICOCCA):
ELISABETTA BIFFI
elisabetta.biffi@unimib.it
PADOVA:
ALESSIO SURIAN
alessio.surian@unipd.it
PAVIA:
POLLENZO:
PAOLO VANNI
p.vanni@unisg.it
ROMA (LA SAPIENZA):
FABRIZIO CONSORTI
fabrizio.consorti@uniroma1.it
PIERLUIGI POLITI
pierluigi.politi@unipv.it
TOMMASO VECCHI
vecchi@unipv.it
SALENTO:
TORINO:
GIUSEPPE ANNACONTINI
giuseppe.annacontini@unisalento.it
LORENZA GARRINO
lorenza.garrino@unito.it
laboratorio residenziale

3 giorni alla penicina
BUONA ESPERIENZA!
Full transcript