Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

La comunicazione: strumento di potere

No description
by

nicola lanzolla

on 2 July 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La comunicazione: strumento di potere

LA COMUNICAZIONE:
STRUMENTO DI POTERE

LA PROPAGANDA FASCISTA
IL MANIFESTO DEL FUTURISMO ITALIANO
M.HEIDEGGER: LA CHIACCHIERA
M.F.QUINTILIANO: IL PERFETTO ORATORE
LE ONDE RADIO
Propaganda e mass-media, scuola e organizzazione della gioventù
Il culto del Duce
L'orgoglio patriottico e nazionalistico
conquiste coloniali
La difesa dell'ordine e della pace sociale
il Concordato con la Chiesa
Le provvidenze del regime
La battaglia del grano;
La campagna per la bonifica integrale.
Il 20 febbraio 1909 appare sulle colonne de “Le Figaro” il primo manifesto del movimento futurista, firmato da Filippo Tommaso Marinetti
Noi vogliamo cantare l’amor del pericolo, l’abitudine all’energia e alla temerità;
Il coraggio, l’audacia, la ribellione, saranno elementi essenziali della nostra poesia;
La letteratura esaltò l’immobilità pensosa, l’estasi e il sonno. Noi vogliamo esaltare il movimento aggressivo, il passo di corsa, la bellezza della velocità;
La poesia deve essere concepita come un violento assalto contro le forze ignote;
Il Tempo e lo Spazio morirono ieri. Noi viviamo già nell’assoluto;
Noi vogliamo glorificare la guerra,sola igiene del mondo;
Noi vogliamo distruggere i musei, le biblioteche, le accademie d’ogni specie.
“ Manifesto tecnico della letteratura futurista”
Comprende un programma tecnico con proposte che riguardano lo stile e l’uso delle parole e un programma ideologico che rappresenta la poetica di Marinetti.
Il programma ideologico si suddivide in:
una parte distruttiva: critica dell'arte, del culto dell'io e della ragione;
una parte costruttiva: esaltazione del potere dell’intuizione e dell’immaginazione.

La forma più elementare di espressione linguistica; il rischio di omologazione
La chiacchiera è la possibilità di comprendere tutto senza alcuna appropriazione preliminare della cosa da comprendere,

è il con-Esserci degli altri



La chiacchiera non implica una comprensione genuina, ma diffonde una comprensione indifferente
L'Institutio oratoria
Ovvero

la formazione del perfetto oratore, del politico, del cittadino e dell'uomo moralmente esemplare
«Oratorem autem instituimus illum perfectum, qui esse nisi vir bonus non potest, ideoque non dicendi modo eximiam in eo facultatem, sed omnis animi virtutes exigimus.» (Institutio oratoria, I, prooem., 9)
"Intendiamo formare l'oratore perfetto, e questo non può non essere anche un uomo onesto; perciò pretendiamo che egli non sia solo straordinariamente eloquente, ma che sia anche fornito di tutte le doti morali"
(Institutio oratoria, I, prooem., 9)
Quintiliano, Institutio oratoria, libro XII, I, I
"vir bonus dicendi peritus"
(uomo buono abile nel parlare)
"Summus ille quidem in his quoque operibus fuerit, sed maioribus clarius elucebit, cum regenda senatus consilia et popularis error ad meliora ducendus"

("Certamente eccellerà anche in questa attività, ma brillerà con più splendore in quelle di maggior importanza, quando bisognerà guidare le deliberazioni del Senato e ricondurre l'errore del popolo a migliori consigli")
Quintiliano, Istitutio oratoria, XII, 1, 26
Quintiliano, Istitutio oratoria, I, prooem., 9

Scoperte nel 1888 da Hertz, sono impiegate per trasmettere segnali a distanza;

Capacità di essere di essere ricevute e amplificate

Impiegate nei principali mezzi di comunicazione moderni: nelle trasmissioni radio e televisive, nelle trasmissioni telefoniche, nei radar, nei sistemi di navigazione e nelle comunicazioni spaziali.
Hertz
LA COSTRUZIONE DEL CONSENSO
GEORGE ORWELL, "1984": A MAD OPPRESSIVE
from the book "1984" by George Orwell
GEORGE ORWELL
GEORGE ORWELL
from the book "1984" by George Orwell
War is peace.
Freedom is slavery.
Ignorance is strenght.
Who controls the past controls the present ... Who controls the present controls the future.
The only thing that seems importan to survive is to conform to the Party's rules
Full transcript