Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Jean-Auguste-Dominique Ingres

No description
by

giulia manzini

on 29 November 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Jean-Auguste-Dominique Ingres

Jean-Auguste-Dominique Ingres nacque a Montauban il 29 agosto 1780. E' stato un pittore francese, considerato uno dei maggiori esponenti della pittura neoclassica. Morì nel 1867 a Parigi.



Il fidanzmento con la Fornarina
Ingres tra Neoclassicismo e richiamo dell'Oriente
Le opere di Ingres sono di difficile catalogazione.Il suo stile permette di considerarlo l'ultimo grande esponente del Neoclassicismo.Era affascinato dal richiamo dell'Oriente.
La bagnante
Il dipinto raffigura un soggetto femminile seduto su un letto e voltato di schiena. L'intero lato sinistro della stanza in cui essa si trova è occupato da una tenda che suddivide verticalmente l'immagine in due parti. I colori caldi della pelle della donna fanno contrasto con lo sfondo . La modella esprime riservatezza e sensualità.


L'amore per la Fornarina portò Ingres a idealizzare un dipinto. Ingres fù anche un famoso ritrattista (La Contessa di Hussonville).
Verso il Romanticismo: Ossian
L’opera fu commissionata nel 1811 per la decorazione del soffitto della camera da letto di Napoleone nel palazzo del Quirinale a Roma, dove venne ubicata, allora in forma ovale tra quattro rilievi di Alvarez, un condiscepolo di Ingres nella bottega di

David
.
Probabilmente il dipinto fu rimosso dal soffitto di quella stanza nel 1815 insieme al “Romolo porta al tempio di Giove le armi dello sconfitto Acrone”. Il pittore, riottenendolo nel 1835 tramite acquisto, lo inviò a Parigi, e nel 1867 – anno della sua morte – lo lego al museo che oggi porta il suo nome.


Jean-Auguste-Dominique Ingres
Jean-Auguste-Dominique Ingres
Full transcript