Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

LA GRANDE GUERRA 1914-1918

No description
by

simona malfatti

on 10 March 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of LA GRANDE GUERRA 1914-1918

In Trentino
LE CAUSE
GLI AVVENIMENTI
PRIMA E DOPO
IL NOME
LE CAUSE:
1. L'IMPERIALISMO CREA
FORTI TENSIONI

FRA GLI STATI EUROPEI
2. IL
NAZIONALISMO
E LA DIFFUSIONE DI UN GIUDIZIO POSITIVO SULLA GUERRA
ATTENTATO DI SAREJEVO 28 GIUGNO 1914
L'EUROPA PRIMA E DOPO LA GUERRA
LA GRANDE GUERRA 1914-1918
PERCHE' GRANDE GUERRA?
PER LE DIMENSIONI DEL CONFLITTO
fu
la prima
guerra
di massa
moltissimi paesi coinvolti
gran numero di soldati 65 milioni
alto numero di vittime
NUOVE ARMI
MITRAGLIATRICI
CANNONI A TIRO RAPIDO
GAS
TOSSICI
CARRI ARMATI
AEREI
I grandi Imperi
Le aree contese
Alsazia e Lorena
Balcani
Trento e Trieste
Impero Austro-ungarico
Impero Tedesco
Impero Russo
Impero Ottomano
Crollano gli Imperi
e nascono nuovi Stati
L'Italia conclude
l'unificazione.
Un simbolo: la trincea
PRIMA
DOPO
GERMANIA
FRANCIA e INGHILTERRA
RUSSIA
IMPERO AUSTRO-UNGARICO
ITALIA
IMPERO AUSTRO-UNGARICO
Alsazia e Lorena
I Balcani sono
una polveriera
le TERRE IRREDENTE
cioè non liberate dal dominio dello straniero
INTERVENTISMO
PROPAGANDA FAVOREVOLE ALLA GUERRA
LA MICCIA
IL NAZIONALISTA SERBO GAVRILO PRINCIP UCCIDE L'EREDE AL TRONO DI AUSTRIA-UNGHERIA L'ARCIDUCA FRANCESCO FERDINANDO E SUA MOGLIE
LE ALLEANZE
GLI IMPERI CENTRALI
L'INTESA
Impero Austro-ungarico
Impero Germanico
Impero Ottomano
Inghilterra
Francia
Russia
IN SEGUITO:
Italia
USA

PER UN TOTALE DI 28 NAZIONI (1GM)
28 LUGLIO 1914

L'AUSTRIA-UNGHERIA
CON L'APPOGGIO DELLA
GERMANIA DICHIARA
GUERRA ALLA SERBIA
LA TRINCEA
I CANTI
MONTENERO

Spunta l'alba del 16 giugno,
comincia il fuoco l'artiglieria,
il Terzo Alpini è sulla via
Monte Nero a conquistar.

Monte Rosso e Monte Nero,
traditor della vita mia,
ho lasciato la casa mia
per venirti a conquistar.

Per venirti a conquistare
abbiam perduti tanti compagni
tutti giovani sui vent'anni
La sua vita non torna più.

Il colonnello che piangeva
a veder tanto macello:
Fatti coraggio, Alpino bello,
che l'onor sarà per te!

Arrivati a trenta metri
dal costone trincerato
con assalto disperato
il nemico fu prigionier.

Ma Francesco l'Imperatore
sugli Alpini mise la taglia:
egli premia con la medaglia
e trecento corone d'or.

Chi gli porta un prigioniero
di quest'arma valorosa
che con forza baldanzosa
fa sgomenti i suoi soldà.

Ma l'alpino non è
un vile, tal da darsi prigioniero,
preferisce di morire
che di darsi allo straniero.

O Italia, vai gloriosa
di quest'arma valorosa
che combatte senza posa
per la gloria e la libertà.

Bella Italia devi esser fiera
dei tuoi baldi e fieri Alpini
che ti dànno i tuoi confini
ricacciando lo stranier.
MULTIMEDIA
INIZIA LA GUERRA
MULTIMEDIA
GLI AVVENIMENTI PRINCIPALI
IL TRENTINO E LA GRANDE GUERRA
LINK:
http://racconta.gelocal.it/la-grande-guerra/index.php?page=temi
I SOTTOMARINI
1. DALLA GUERRA DI MOVIMENTO
ALLA GUERRA DI POSIZIONE
Dall'illusione di una guerra lampo
si passa brevemente ad una
logorante e immobile guerra
di posizione
con scavi di trincea.
La guerra di posizione comporta un elevatissimo
numero di vittime in rapporto ad avanzamenti minimi.
no
man's
land
Il temuto assalto
attraverso i reticolati
con rifornimenti difficili e pessima igiene
2. IL TEATRO DI GUERRA
IL FRONTE OCCIDENTALE
anglo-francesi contro tedeschi
il FRONTE ORIENTALE
GERMANIA E AUSTRIA CONTRO LA RUSSIA
IL FRONTE ITALIANO
DAL 1915
L'ITALIA IN GUERRA
Allo scoppio della guerra l'opinione pubblica italiana era divisa tra:

- NEUTRALISTI: la MAGGIORANZA della popolazione
(liberali e giolittiani, cattolici, socialisti)

- INTERVENTISTI: una minoranza RUMOROSA
(nazionalisti, irredentisti, industriali)
il PATTO DI LONDRA:
iniziano le trattative segrete con l'Intesa,
il patto prevede l'acquisizione del Trentino fino al Brennero, Friuli Venezia Giulia,
Istria e Dalmazia.
24 maggio 1915
SI APRE IL FRONTE ITALIANO
750 KM
LA SCONFITTA DI
CAPORETTO
IL FRONTE ISONTINO
IL FRONTE ALPINO E LA GUERRA BIANCA
IL FRONTE SUL PIAVE E L'OFFENSIVA DI VITTORIO VENETO
5 milioni di soldati chiamati alle armi
circa 700.000 vittime
quasi 1 milione di feriti
600.000 dispersi
Sacrario militare di Redipuglia
400 mila gradini
I TRE FRONTI
4 novembre 1918 ARMISTIZIO
l'ITALIA VINCE LA GUERRA, ma ...
LA BATTAGLIA DELLA SOMME
1.209.201 VITTIME
LA BATTAGLIA DI VERDUN
976.000 VITTIME
Battaglia di Passchendaele
848.614 VITTIME
Nel 1914 l'austria-ungheria chiama
alle armi circa 60.000 trentini,
che vengono inviati sul fronte orientale.
Più di 11.000 morirono.
Circa 700 trentini scelsero
di arruolarsi volontari nell’Esercito italiano;
a partire dal 1917 furono riuniti nella Legione Trentina.
Alcuni di loro vennero catturati dagli austriaci
e condannati a morte.
Circa 1.700 trentini sospettati di sentimenti filoitaliani vennero rinchiusi nel campo di concentramento di Katzenau, a pochi chilometri da Linz.
I SOLDATI
Quando il Trentino diventò territorio di guerra nel 1815, un terzo della popolazione fu evacuata e trasferita in Austria, Boemia, Moravia, o in Italia.
I profughi furono circa 170.000.

I PROFUGHI
GLI IRREDENTISTI E I MARTIRI
Cesare Battisti
Il mausoleo alla memoria di Cesare Battisti
Fabio Filzi
Damiano Chiesa
l'esperienza del lager
LA FINE DELLA GUERRA
1917
- IL COLLASSO DELLA RUSSIA E L'ENTRATA IN GUERRA DEGLI STATI UNITI
1918
IL CROLLO DEGLI IMPERI CENTRALI
E LA FINE DELLA GUERRA
RIVOLUZIONE RUSSA
CADUTA DELLO ZAR E
LENIN CON I COMUNISTI AL POTERE
per gli INTERESSI COMMERCIALI MINACCIATI
CONFERENZA
DI PACE
a PARIGI 1919-20
L'ORRORE DELLA GUERRA
milioni di morti
vedove e orfani
milioni di invalidi
http://www.trentinograndeguerra.it/
http://www.itinerarigrandeguerra.it/Trentino
http://www.grandeguerra.rai.it/
La Germania deve pagare
i danni di guerra e perde
tutte le colonie, l'Alsazia
la Lorena e la Polonia.
Dal crollo degli Imperi
nascono nuovi Stati:
Cecoslovacchia, Ungheria,
Polonia, Estonia, Lettonia,
Lituania e Jugoslavia.
L'Italia ebbe una
vittoria
cosiddetta "
mutilata
":
per le grandi perdide
perchè non ottenne l'Istria
perchè non ottenne le
colonie tedesche,
spartite tra i vincitori.
Full transcript