Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

e-Collaboration - Che cos'è? A cosa serve?

poster che prova rispondere alla domanda "perché ci serve l'e-Collaboration?"
by

Francesca Concia

on 20 February 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of e-Collaboration - Che cos'è? A cosa serve?

Efficienza-trasparenza:
migliorare
i

processi

richard normann
caso BP
http://www.pcopen.it/articolo.php?aId=0000087102
http://www.flickr.com/photos/danicabi/3333093610/
Perché ci
serve
l'
e-Collaboration
?

accessibilità
/
condivisione
dei contenuti
disponibilità costante
dei materiali di lavoro
nella
versione

corrente
e in quelle
precedenti
facilità di
comunicazione

tra le
persone
accessibilità dei membri del gruppo di lavoro
sincronia
lavoro
a più mani
in contemporanea,
eliminazione i tempi morti
delle procedure “in cascata”
tracciabilità
documentazione sistematica di
chi
ha fatto
cosa
Apertura:
integrare
risorse
esterne

raggiungibilità
facilità di
identificazione
e
raggiungibilità
delle risorse
grazie a social network e community
sostenibilità
della comunicazione
facilità
ed
economicità
della comunicazione grazie agli strumenti
sincroni
e asincroni
selettività
nell’accesso
possibilità di selezionare contenuti, processi e strumenti rispetto ai quali
consentire
la
visibilità
e l'
operatività
da parte di risorse esterne
Riconfigurabilità:
sostenere
le

reti interne

riconoscibilità
trasversalità
i social network interni facilitano il
riconoscimento
dei
soggetti
da coinvolgere nelle reti
gli ambienti di e-Collaboration sono agilmente
riconfigurabili
in modo
trasversale
rispetto all'organizzazione
Valorizzazione: da
dati dispersi
a
informazioni strutturate e visibili

Ascolto:
raccogliere
pareri
e

idee

dalla comunità

costruzione della memoria
ricercabilità
apertura della rete
automazione
della
memorizzazione
delle fasi intermedie di lavoro, dei dati sui soggetti e di ogni tipo di contenuto
più efficace
reperimento
dei
contenuti
anche nei supporti più informali
(blog, wiki, forum)
semplicità dell'
apertura
di dati e informazioni verso l'esterno grazie alla
modulabilit
à dei
diritti di accesso
agire su grande scala
facilità di sottoporre domande e stimoli anche a
grandi quantità
di
individui
Che
cos'è
l'
e-Collaboration

?

e-Collaboration & Web 2.0:le cose
che non abbiamo ancora capito
Dal
file
al

doc condiviso
il file è un
oggetto
,
il doc online è un
luogo
è uno
spazio
che posso aprire, chiudere, mostrare a tutti o ad alcuni:
dipende solo da me
è un territorio
con una memoria
: conserva
tracce e ci permette di
tornare indietro nel tempo
è un
nodo
della Rete o il nodo di
mille reti
Dalle parole
scritte
ai

nuovi formati
Dalle
cartelle
ai

tag
le cartelle servivano per "incasellare" rigidamente materiali strutturati, con i tag arricchiamo di aggettivi documenti e contenuti estemporanei per poterli poi trovare quando servono
Dalla
chat

alla
comunicazione multicanale
chat &MSN servono per la comunicazione a più canali che unisce
dire
&
fare
Dalla
rubrica
al

network
la rubrica è
mia,
la rete siamo
noi
Dagli
ipertesti
agli

RSS

e oltre
i
contenuti
sono
liquidi
: prendono la forma del contenitore che li ospita
abbiamo strumenti facili per produrre
velocemente video,animazioni, mappe,
ma immaginiamo che siano "difficili"
e li usiamo poco in contesti formali
difficoltà nel gestire
fatica nel governare
l'aumento di trasparenza
la crescita di complessità
resistenza
a
sperimentare
l'evoluzione dei
processi
documenti, post su blog, foto, video, pagine wiki, ecc.
diventano
patrimonio di conoscenza
effettivo
ed
utilizzabile
da parte di
tutta la comunità
nuovi
modelli

organizzativi
è un nuovo modo di concepire la comunicazione che diventa simultaneamente
scambio di informazioni
e
costruzione di contenuti
.
i network sono la nuova modalità
per gestire i contatti, ma sono contesti
vivi
con fussi
multidirezionali
,dinamiche complesse e in
continua

evoluzione
paura
di
perdita di
controllo
grazie a FeedRSS, codici di embedding, mashup, ecc. i
contenuti
vengono
estrapolati
dal contesto,
mixati
e
riproposti
altrove
?
?
?
è lo stile di chi sfrutta le
opportunità
offerte dal web
basandosi sulla dimensione
relazionale
e
collettiva
per
raggiungere obiettivi
e
risolvere problemi
il web2.0 ci ha aperto una prospettiva nuova
in una serie di attività:

-la
costruzione
e la
condivisione
dei contenuti
-la
comunicazione
-il
social networking
Full transcript