Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Persuasione e messaggi subliminali

No description
by

Federico Pappalettera

on 9 July 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Persuasione e messaggi subliminali

PERSUASIONE E MESSAGGI SUBLIMINALI
Persuasuine : origini
La persuasione è una forza potente che può essere impiegata per farci compiere azioni strane senza alcuna ragione apparente.

Il filosofo Aristotele fu il primo a sviluppare una teoria generale della persuasione. Tale teoria riconosceva tre dimensioni della persuasione: la fonte (ethos); il messaggio ( logos )e infine le emozioni del pubblico (pathos).

Un altro fatto che secondo il filosofo era in grado di influenzare la persuasione era l’atechoi (aspetto extra tecnico): certi fatti al di fuori del controllo immediato dell’oratore. Tale aspetto, fu sviluppato da Cicerone secondo cui il compito di un oratore consiste nel fornire una definizione della situazione che volga a proprio vantaggio.

Le tre scuole del pensiero psicologico
La teoria psicanalitica asseriva che le agenzie pubblicitarie usassero segretamente i principi della psicanalisi scavando nel significato nascosto delle cose e, una volta scopertolo, era possibile architettare una campagna che facesse appello alle nostre più profonde motivazioni.

La teoria dell’apprendimento afferma, invece, che un messaggio può definirsi persuasivo quando viene appreso ed accettato dal ricevente. Affinché ciò avvenga, è necessario che il messaggio sia appagante e che rispetti 4 regole fondamentali :

-attirare l’attenzione del ricevente
- i ragionamenti del messaggio devono essere afferrati e compresi
- i messaggi devono essere accettati come veri
- è necessario che vi sia un incentivo

La teoria cognitiva conferma che il ricevente non è oggetto passivo ma attivo per cui la persuasione dipende dalle reazioni che suscita nel ricevente.

La figura del comunicatore.
Un altro espediente fondamentale per la persuasione è la figura del comunicatore, il quale avrà raggiunto esiti positivi se il suo modo di presentarsi, ancor prima di parlare, è adeguato alle aspettative del ricevente.
Non tutti però sono influenzabili in egual misura dallo stesso comunicatore che può essere considerato credibile da alcuni e poco credibile da altri.
Cioè dipende dai cosiddetti “attributi periferici” del consumatore quale ad esempio la razza che può influenzare il comportamento del ricevente secondo i proprio pregiudizi.
Vi sono ancora altri elementi che determinano l’efficacia di un portavoce e, come ad esempio l’uso di personaggi famosi ritenuti credibili; l’uso di un portavoce attraente o piacente che prescinda dalla competenza o dall’attendibilità.
Una caratteristica fondamentale del comunicatore è la sua imparzialità, infatti, dinanzi a un messaggio che mira a persuaderci la nostra reazione consiste nel mettere in discussione chi parla reputando che voglia tirare l’ acqua al proprio mulino.
La credibilità è creata attraverso un’attenta gestione della situazione affinché il protagonista dell’evento appaia esattamente quale deve apparire.

Cos'è il messaggio subliminale e come funziona.
"Il fenomeno della persistenza retinica denominato da Wertheimer nel 1912 ' fenomeno phi ', può essere definito come il principio fisico sul quale si regge la cinematografia poiché un immagine rimane fissata sulla retina dell'occhio per un periodo di tempo anche dopo che l'immagine è scomparsa. Ciò permette di percepire i ventiquattro fotogrammi (frame) della riproduzione cinematografica come un unico movimento fluido." (Gianni Rondolino, Storia del cinema, UTET, Torino, 2000)

"Di sensazione che si mantiene al di sotto del livello di coscienza, ma è comunque in grado di influenzare il subconscio || propaganda, pubblicità s., pubblicità attuata in forma occulta mediante l'inserimento, all'interno di una trasmissione televisiva o di una proiezione cinematografica, di brevissime immagini non avvertite coscientemente dagli spettatori

In altre parole: se inserisco un simbolo, un oggetto, una parola tra un frame e l’altro, o in una parte dello schermo, il nostro occhio molto probabilmente non lo vedrà, ma il nostro cervello lo assorbirà comunque.



Messaggi subliminali: mezzi
Finora abbiamo visto le tipologie e gli effetti che sono provocati da messaggi subliminali; ma quali sono i mezzi utilizzati dai media per divulgare il loro messaggio?
Il principale mezzo di divulgazione è l’ambito televisivo, in altre parole mediante l’utilizzo di pubblicità, cartoni animati e film; tuttavia non bisogna sottovalutare la possibilità che i messaggi subliminali “ viaggino” attraverso la rete mondiale di internet, attraverso spot pubblicitari che i siti mettono a disposizione oppure attraverso l’ambito videoludico per invogliare i compratori a selezionare un gioco specifico o, nel caso di un gioco ad abbonamento, per far si che il giocatore continui a rinnovare il pagamento, solitamente mensile.

La pubblicità non è una scienza. E' persuasione. E la persuasione è un'arte.

(William Bernbach)

IPNOSI
La persuasione, come menzionato, è la capacità di fornire una versione della situazione in modo tale che ci si riveli a proprio vantaggio; tuttavia vi sono delle particolari tipologie di persuasione che non rispettano caratteri di tipo etico. Un esempio è l’ipnosi, la quale viene indotta artificialmente, in apparenza è simile al sonno, che permette una grande varietà di risposte comportamentali alla stimolazione verbale. L’individuo ipnotizzato sembra essere in comunicazione soltanto con l’ipnotista e segue in maniera acritica, automatica, le suggestioni, ignorando gli stimoli dell’ambiente. Senza l’apporto cosciente della volontà, l’ipnotizzato percepisce sensazioni anche in contrasto con gli stimoli che colpiscono gli organi di senso. Anche la memoria e la coscienza di sé possono essere alterate e gli effetti delle suggestioni possono essere estesi alla successiva attività di vigilanza normale. L’induzione dell’ipnosi. non richiede esperienza.

La terapia riscosse un grande successo scientifico a partire dalla fine del 19° secolo in gran parte del continente Europeo; essa riuscì a cogliere l’attenzione di persone che negli anni successivi inizieranno a studiarne gli effetti e ad applicarli in campo medico; in particolare lo psicoanalista austriaco Sigmund Freud la applicò per curare i disturbi nervosi dei suoi pazienti; tuttavia con l’evoluzione teoretica negli anni successivi egli abbandonò la terapia ipnotica poiché iniziò a teorizzare l’esistenza della dimensione inconscia.

EXPERIMENTOS
Estudios fundamentales han sido de la Dra. Dolores Lucía Sutil, psicólogo español, dedicada a los mensajes en la publicidad. La estudiosa ha demostrado que los mensajes, si están compuestos por señales particulares, inciden las decisiones de las personas.

Por ejemplo, un experimento realizado sobre un grupo de personas en el cual la gente tenía que elegir el sexo de una persona que presentaba rasgos ambiguos proyectada en la pantalla, los espectadores eligieron más el sexo "aconsejado" por el mensaje subliminal que apareció delante de sus ojos. (Dolores Martín Lucía Sutil, MENSAJES subliminales en la publicidad, Madrid, Editorial de la Universidad Complutense de Madrid, 1992). Esto, dicen otros críticos (especialmente Paul Buckley, psicólogo de marketing en la Universidad de Cardiff), sin embargo, no prueba que usted puede tener el mismo efecto fuera de un laboratorio. Porque, como también declaró el Dra. Sutil, es difícil determinar la cantidad de influencia en las cobayas que saben de ser en un experimento científico.

Messaggi subliminali: studi medici.
Il nostro cervello immagazzina il messaggio ricevuto?

Il dottor Wilder Renfield ( neurochirurgo di Montreal) spiega come la nostra memoria si divide tra memoria conscia e sub conscia. La prima è abbastanza limitata, mentre la seconda ha una vastissima capacità di assorbimento, anche se difetta della sintesi intellettuale e percettiva. Dal momento che siamo capaci di percepire un segnale subliminale , siamo capaci anche di memorizzarlo, custodendolo appunto nella zona inconscia. A questo si accosta il fenomeno di Poetzl (dal nome dello scopritore) che è definito dalle enciclopedie (Edizioni Giuridiche Simone.) così: “Comparsa a livello onirico di materiale che, per la breve esposizione, non ha avuto la possibilità di imprimersi nella memoria cosciente.” Il messaggio subliminale, quindi, può inserirsi nei nostri sogni.

In Disney cartoons there is a high rate of subliminal messages of different sorts, but that all lead back to the symbolism of Freemasonry.
Indeed, the great Walt Disney was a Freemason. The elements that lead us to believe in this theory are many (starting from their own postcards published by a Masonic site, as well as historical events of American relations with powers themselves involved). In this world there have been hardback processes to Satanism, censored and graphic changes in the transition from the original versions to DVD.
On the other hand, if the goal of the followers is the "perfection of man," why should they not choose between the speakers of the message ... a modern storyteller?
However, even if the goal of the message was just promotional, Disney demonstrated clearly (also through his regular advertising campaigns) that he understood that the infant universe is the easiest to reach. The reason is simple: children have a greater transport to the fiction that they are seeing, mistaking it for reality, believing and living in a more intense way as analyzed by the uniersity Greenfeeld Patricia M., in "Mind and Media. Effects of television computer and video games on children " ( trad. it., Maria Cristina Carbone, Rome, Armando Editore, 1985).

Disney's magic world.
Gli spazi pubblicitari stanno invadendo ogni aspetto della nostra vita quotidiana. Capitiamo per caso su un canale di una tv privata locale, e veniamo assaliti da imbonitori che ci propongono offerte strabilianti. Addirittura, in alcuni programmi-contenitore, il passaggio dall’intrattenimento alla pubblicità non è sempre chiaramente percepibile. Anche internet non è esente da questo fenomeno: apriamo la nostra casella di posta elettronica e la troviamo invasa da messaggi pubblicitari indesiderati (la cosiddetta spam).
Non è gradevole pensarlo, ma noi, con le nostre abitudini, caratteristiche, e così via siamo un target da colpire, con messaggi mirati, in certi momenti della giornata o nell’intervallo di certe trasmissioni. . È singolare, per esempio, il fatto che mentre per alcuni la pubblicità è un intervallo, magari fastidioso, tra un programma e l’altro, per i bambini essa è invece una delle trasmissioni più apprezzate, anche perché innovativa.


Gli spazi pubblicitari
Per quanto un monitor di computer e un televisore si somiglino, Internet - che non a caso, per le sue caratteristiche, è stata definita una sorta di "intelligenza collettiva" - non ha quasi nulla da spartire con la televisione generalista, il più potente strumento di livellamento di massa che sia mai esistito. La televisione è un mezzo effimero per definizione; le sue immagini sono volatili, i suoi discorsi fluttuanti. E' un fiume in piena che scorre ad una velocità sempre crescente. Il discorso della televisione, a differenza del libro, del giornale, della videocassetta, del CD ROM, è irripetibile; se qualcosa è sfuggito alla nostra comprensione, non ci è dato il tempo di tornarci su, di rifletterci. Al contrario Internet è un medium intensivo, possiede cioè una straordinaria capacità di approfondimento. Qualsiasi argomento può essere analizzato e studiato nei dettagli con infiniti rinvii ad argomenti analoghi. La televisione viaggia in superficie, Internet va in profondità.
Internet e la televisione
Milani Marco
the end.
Full transcript