Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

IL TRAMONTO DEL MEDIOEVO

No description
by

Giorgia Vincenzi

on 29 January 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of IL TRAMONTO DEL MEDIOEVO

IL TRAMONTO DEL
MEDIOEVO
Le monarchie nazionali
Le funzioni fondamentali dello stato sono tre:
DIFESA MILITARE
AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA
IMPOSIZIONE E RISCOSSIONE DELLE TASSE
Nè il re nè l' imperatore erano in grado di svolgere queste funzioni perciò furono affidate a
NOBILI FEUDATARI

Nelle monarchie nazionali il re governava sull' intero territorio nazonale tra cui le più importanti erano:
FRANCIA

SPAGNA

INGHILTRRA
LA MONARCHIA
FRANCESE
Nacque nel 987 con il duca Ugo Capeto, che controllava solo una piccola parte del territorio francese per questo Filippo II Augusto fu il primo a riuscire a sottomettere parte della Francia.
In questo periodo iniziò l' organizzazione di una
BUROCRAZIA
che consentiva di governare effettivamente.
I sovrani Inglesi possedevano come feudi, in più dei sovrani francesi, vasti territori nel Sud della Francia. Erano contemporaneamente re d' Inghilterra e vassalli del re francese!!!
BUROCRAZIA
Nel 1337 il sovrano francese Filippo VI decise di appropriarsi feudi appartenenti agli Inglesi, ma Edoardo III, il re d' Inghilterra, rispose pretendendo la corona francese e attaccando la Francia.
Iniziò così la
GUERRA DEI CENT' ANNI
Nel 1066 i normanni sotto Guglielmo il Conquistatore, sottomisero l' Inghilterra.
Guglielmo cercò di limitare il potere dei feudatari e impose la sua sovranita. Creò quindi un corpo di funzionari, gli SCERIFFI, che dovevano controllare i signori feudali e rappresentare gli interessi del sovrano.
Nel 1215 i nobili approfittarono della debolezza di Giovanni Senza Terra per obbligarlo a cedere loro la Magna Charta Liberatum (grande carta delle libertà) che conteneva importanti limitazioni del potere del sovrano.
Infatti stabiliva che:
il re non poteva intervenire nella successione ereditaria dei feudi
un uomo libero poteva essere giudicato solo dal tribunale
il re si impegnava a non imporre nuove tasse senza l' autorizzazione di un PARLAMENTO
IL PARLAMENTO
CAMERA DEI LORD
CAMERA DEI COMUNI
rappresentava la grande nobiltà e i più importanti ecclesiastici
Questo termine veniva usato quando il sovrano esercitava tutto il suo potere mediante gli strumenti degli eserciti.
Ora questo termine viene usato per indicare l'insieme di impiegati e uffici che si occupano delle funzioni amministrative per conto dello Stato.
Non esisteva dunque uno Stato forte ma solo un insieme di poteri autonimi
MONARCHIE NAZIONALI
Con le monarchie nazionali rinacque uno stato più forte governato dal re.
LA M0NARCHIA
INGLESE
rappresenta la piccola nobiltà, il clero minore e i borghesi della città
Giovanna
d' Arco
Giovanna era una semplice contadina senza alcuna esperienza politica o mitare. Si presentò davanti a Carlo VII dicendo che era un inviata di Dio per riportare la Francia sotto il suo potere.
Giovanna dimostrò capacità e coraggio portrando la Francia alla vittoria.
Dopo questo scrisse una lettera agli inglesi invitandoli a sottomettersi al Dio del Cielo e restituire le chiavi delle città conquistate.
Dopo questo Giovanna venne catturate e bruciata viva dagli Inglesi con l' accusa di stregoneria.
LA GUERRA DEI CENT' ANNI
Inizialmente gli inglesi erano in vantaggio sugli avversari nelle battaglie di Crècy, di Poitiers e successivamente, sotto Carlo VI, nella battaglia di Azincourt. Gli inglesi si ritrovarono così a controllare praticamente tutta la Francia e a imporre l' erede di Carlo VI, Enrico V. Ciononostante, quando morì Carlo VI, suo figlio Carlo VII pretese il trono e una parte della Francia.
Il duca di Borgogna si alleò con gli Inglesi e sembrava che la Francia fosse ormai spacciata, quando Giovanna d'Arco, una semplice contadina, guidò la Francia in battaglia e quindi alla vittoria che rafforzò la monarchia francese facendo di questo paese lo Stato più forte dell' epoca.
LA GUERRA DELLE DUE ROSE
Dopo la guerra dei cent' anni le famiglie, accecate dalla crisi, cercarono di impadronirsi della corona. Per questo scoppiò la guerra delle due rose, cosiddetta per la divisione delle due famiglie.
LANCASTER
YORK
La guerra finì nel 1485 con l' incoronazione di Enrico VII TUDOR
Spagna e Portogallo nacquero dalla
RECONQUISTA
, una grande battaglia avvenuta per tappe (1000-1492), che si sviluppò durante le crociate in cui il cristianesimo e l' islamismo combattevano. I musulmani vennero sconfitti nel 1212 nella battaglia Las
Navas de Tolosa
, mentre i cristiani occuparono tutta la penisola iberica tranne Granada. All' epoca si era già formato il Regno del Portogallo mentre la Francia restò divisa dai regni di Castiglia e Aragona. Solo nel 1469, con il matrimonio di Isabella di Castiglia e il re Ferdinando di Aragona si determinò l' unificazione del Paese.
Una prova della nuova potenza del Regno di
Spagna fu la ripresa della guerra contro
gli arabi che terminò nel 1492
LA MONARCHIA
SPAGNOLA
LA DEBOLEZZA DELL'
ITALIA
IL SACRO ROMANO IMPERO
Nel Medioevo la gente pensava che fra il potere dell'imperatore e quello del re c'era una differenza enorme.
IMPERATORE
ll potere dell'imperatore era UNIVERSALE cioè senza limiti territoriali
RE
Il potere del re era limitato a un singolo territorio
Questa cosa è vera solo in teoria perchè fino al Trecento nessuno era disposto a riconoscere la superiorità dell'imperatore, infatti il re aveva più potere.
Tra le famiglie che si contendevano il titolo imperiale, finì per imporsi quella degli ASBURGO, che riuscì a controllare il titolo dal 1437
Per ultimo ci provò Massimiliamo I che governò dal 1493 al 1519
Egli unì i suoi possedimenti a quelli che ottenne sposando Maria di Borgogna. Cercò anche di limitare i re tentando di:
organizzare una burocrazia sotto il suo potere
imporre nuove tasse per trovare risorse necessarie a mantenere un nuovo esercito
Massimiliano denominava nuove terre che non riuciva a controllare e per la famiglia Asburgo era un grosso problema dato che si dovevano preparare ad affrontare i TURCHI.
L'IMPERO OTTOMANO
Nell'anno in cui finì la guerra dei Cent'anni, i Turchi conquistarono COSTANTINOPOLI.
I turchi detti anche Ottomani (dal nome del loro primo comandante Othman) conquistarono anche l'Asia Minore.
nel 1453 il sultano Maometto II occupò Costantinopoli che cambiò nome in Istanbul.
L'ESPANSIONE DI MOSCA
Con il crollo dell'Impero Bizantino non finì il cristianesimo, l'eredità spirituale fu raccolta da
MOSCA
.
Proprio mentre l'Impero Bizantino cadeva, Mosca subì un espansione e ne fu partecipe Ivan III.
Dopo la caduta di Costantinopoli la Russia rimase l'unico stato indipendente ad avere come religione il cristianesimo.
ZAR
Il nome ZAR indica il sovrando del Principato di Mosca che in breve tempo raggiunse la massima estensione di un impero.
Mentre in Europa si affermavano le monarchie nazionali, l' Itlia restave divisa in molti stati. Inoltre esistevano molte differenze economiche e sociali fra l' Italia centro-settentrionale e il Mezzogiorno.
L' Italia era divisa in tre zone orincipali:
Nella città del Nord si svolgevano attività commerciali e artigianali assai fiorenti
Al Sud invece l' attività prevalente era un' agricoltura fondata sul
latifondo

L' Italia era inoltre formata da due realtà molto diverese:
La CIVILTA' URBANA
area centro-settentrionale
vivace vita culturale ed economica
La CIVILTA' FEUDALE
Regno di Napoli e Stato della Chiesa
meno sviluppata sia economicamente sia cultualmente

Tra il XIII secolo, i comunidell' Italia Centro-settentrionalisi erano affermati come piccoli stati. Il Governo dei Comuni era però contestati dalle famiglie mercantili o aristocratiche della città. Questo determinòuna situazione di guerra continua. Nel corso del Trecento, i cittadini pensarono di rimediare ciò affidando tutti i poteri ad un signore scelto dai cittadini. Nacque così un nuovo tipo di monarchia:
LA SIGNORIA
In alcuni comuni il potere non venne affidato a un unica persona ma ad un
OLIGRCHIA
LA NASCITA DELLE SIGNORIE
A partire dalla fine del Trecento, i signori cercarono di rafforzare il loro potere ottenendo dall' imperatore e dal papa un titolo nobiliare.
Le signorie si trasformarono in uno Stato chiamato Principato. I signori divennero principi che governavano su un popolo di sudditi. Gli Stati più forti attaccarono quelli più deboli con l' obiettivo di ampliare il proprio territorio. Alcuni stati raggiunsero dimensioni di Stati regionali.
DALLE SIGNORIE AI PRINCIPATI
IL DUCATO DI MILANO
Milano fu governata dalla Signoria dei Visconti, che si esaurì e il controllo passò ad un condottiero:




























































FRANCESCO SFORZA
REPUBBLICA DI FIRENZE
La famiglia più importante era Medici, i cui componenti erano ricchi banchieri
REPUBBLICA DI VENEZIA
Venezia era governata da un' oligarchia. La sua potenza dipendeva dai traffici mediterranei con l' Oriente e con l' interno Europa
STATO DELLA CHIESA
All' interno dello Stato della Chiesa, esistevano vere e proprie signorie:
MALATESTA a Rimini
MONTEFELTRO a Urbino
REGNO DI NAPOLI
All' epoca il più vastodella Penisola e una delle più grandi città d' Europa. Dominava la campagna in cui padroneggiavano i grandi baroni.
L' ASCESA DEL DUCATO DI SAVOIA
Oltre agli Stati regionali, vi erano anche alcuni Stati minori tra cui il Pemonte, controllato dai Savoia. Amedeo VIII nel 1416, diventò duca e iniziò una politica che guardava al versante italiano dei domini di famiglia. Nonostante la loro influenza sulle vivende italiane sia stata limitata e modesta, iniziò la costruzione di uno Stato che avrebbe avuto un grande avvenire...
L' EQUILIBRIO TRA GLI STATI
Gli Stati regionali si formarono con una lunga serie di guerre, che gli consentirono di estendere il loro dominio sui Comuni e sulle Signorie più deboli. Ma nessuno di questi riuscì ad imporsi sugli altri. Così le guerre finirono solo per logorare titte le perti in conflitto. Perciò gli Stati italiani furono spinti a sottoscrivere la Pace di Lodi. La pace durò fino al 1494 grazie al signore di Firenze, Lorenzo de' Medici, che fu il massimo artefice di questa politica. Nasceva così il
RINASCIMENTO
DOMANDE
1)
Chi erano i Plantagenti ?
sovrani francesi
sovrani inglesi
sovrani spagnoli
sovrani italiani
2)
Quale di queste famiglie aveva come simbolo, una rosa bianca?
Lancaster
Visconti
York
Rossi
3)
Che conseguenze portò la Reconquista ?
Cacciata dei Cristiani
Cacciata degli Arabi
Cacciata dei Francesi
Cacciata dei Russi
4)
Nel Quattrocento quali furono le Monarchie Nazionali più importanti?
Francia-Italia-Spagna
Spagna-Francia-Inghilterra
Inghilterra-Spagna-Russia
Russia-Francia-Spagna
Full transcript