Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Copia 1

No description
by

Francesco Flora

on 9 July 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Copia 1

LA LEGGEREZZA COME FEDELTA' ALLA TERRA
La letteratura come artificio
leggerezza del linguaggio
Lezioni americane
Leggerezza
Rapidità
Esattezza
Visibilità
Molteplicità
"Non potremmo ammirare la leggerezza del linguaggio se non sapessimo ammirare anche il linguaggio dotato di peso".
Le cosmicomiche
La leggerezza delle scienze in letteratura
WILDE
CALVINO

T
U
F
F
I

LEGGI DI KEPLERO
LE DERIVATE
CAMPI FISICI
MONDRIAN
LA RESISTENZA
NIETZSCHE
LUCREZIO
I tuffi.
I tuffi sono diventati uno sport olimpico nel 1904. Lo sport consiste nell' eseguire una serie di acrobazie lanciandosi da un trampolino posto sopra una piscina.

Il tuffatore di Paestum
Il tuffatore sul trampolino è l' uomo che guarda alla vita e non ha ancora deciso. Non sa se tentare di volare alto, fuggire dalla sua stessa natura, o accettare il proprio peso, giurando così fedeltà alla terra. Egli capisce però che non ha senso immaginarsi in un altro mondo, lontano, perfetto, noumenico: una volta lanciatosi da quel trampolino, egli precipiterà inevitabilmente verso terra: la terra lo tira a sè. E' questo il momento in cui avviene la scelta: egli accetta la propria natura insostenibilmente leggera e giura fedeltà alla terra.
Italo Calvino nasce nel 1923 a Santiago de Las Vegas. Partecipa attivamente alla Resistenza ed entra in contatto con molti intellettuali impegnati nel processo di liberazione dell' Italia. Si avvicina ideologicamente al PCI e, trasferitosi a Parigi, continua a seguire con intensa partecipazione le vicende italiane, collaborando con vari giornali come il "Corriere della Sera" e "la Repubblica". Muore a Siena la notte fra il 18 e il 19 settembre, colto da emorragia cerebrale.
Il pensiero di Calvino si concentra su una scomposizione del reale e questo, sul piano formale, si traduce in un desiderio di alleggerire il linguaggio, rendendolo lineare, semplice, diretto. Lo scrittore dichiara apertamente il suo ideale di scrittura in uno scritto, intitolato per l'appunto la "Leggerezza", facente parte della raccolta di "Lezioni americane", ovvero 5 conferenze che Calvino avrebbe dovuto tenere all'università di Harvard. L'ideale di leggerezza è per Calvino, oltre che un modus vivendi da applicare alla vita di tutti i giorni, anche e sopratutto "qualcosa che si crea nella scrittura, con i mezzi linguistici che sono quelli del poeta, indipendentemente dalla dottrina del filosofo che il poeta dichiara di voler seguire".

Con il termine "Resistenza" si indica quel movimento armato di liberazione italiano che si generò spontaneamente a partire dall' 8 settembre 1943. La Resistenza Italiana presentò peculiari caratteristiche socio-politiche perchè fu contemporaneamente guerra patriottica, guerra civile e, per certi versi, guerra di classe.
Liberazione di Milano, 25 aprile 1945
Elementi distintivi:

desiderio di liberarsi dalla dittatura fascista (elemento di pesantezza)
solidarietà della popolazione

volontà di partecipazione attiva alla liberazione della propria terra
elemento unificatore di una terra storicamente divisa
portatrice di molti valori fondanti della futura Costituzione Italiana
Donne partigiane
Alleggerimento della propria condizione materiale e spirituale
Fedeltà alla propria terra
Lasciato il trampolino il tuffatore sceglie di essere leggero, accettando la pesantezza che gli è propria. Ma questa non viene dimenticata, distrutta: è solo in funzione del suo peso, infatti, che l' atleta può lasciarsi cadere e compiere tutte quelle meravigliose acrobazie. Il momento del tuffo vero e proprio coincide quindi con quel "processo di alleggerimento" che conduce inevitabilmente l'uomo verso la terra.
Non solo egli guarda con leggerezza alla vita, ma lascia che la vita lo ammiri in tutta la sua leggerezza. Quando raggiunge l'acqua il tuffatore ha oramai dimenticato quella tentazione a "volare via"; accettando la vita vi partecipa in maniera attiva, non teme più quell' insostenibile peso che ora invece gli appartiene, alleggerito nella raggiunta consapevolezza della propria natura.
"Sentivo che avrebbe dovuto essere possibile armonizzare nella nostra civiltà forze vecchie e nuove. Ogni nuova costruzione era una dimostrazione di questa idea un passo avanti nel processo della mia ricerca di chiarezza... ...la configurazione di un edificio è compiuta espressione della sua struttura".
La bellissima serie di alberi dimostra il processo di semplificazione...
... linee spigolose danzano armoniosamente con linee rette, lo sfondo si annulla senza nessuna pretesa di illusioni prospettiche.
"cosa voglio esprimere con la mia opera? Niente di diverso da quello che ogni artista cerca: raggiungere l'armonia tramite l'equilibrio dei rapporti fra linee, colori, e superfici. Solo in modo più nitido e più forte".
Il principio maschile, rappresentato dalla linea verticale, sarà riconosciuto dall'uomo (per esempio) negli alberi della foresta. Il suo completamento risulterà per lui la linea di orizzonte del mare.
da " i Taccuini"
La ricerca dell'armonia perfetta prende vita attraverso l'astrazione delle forme, la riduzione del disegno alle linee compositive, l'equilibrio dei colori.
albero grigio
melo in fiore
albero rosso
Si tratta di una sintetizzazione di linee, forme e colori: una pittura di contrasti plastici. L'elemento realistico viene sacrificato a favore di una ricerca che supera definitivamente l'apparenza fisica.
La posizione nel cielo dei corpi celesti è regolata da precise leggi fisiche che interpretano le interazioni tra le masse e ne descrivono con precisione i moti e le orbite. Nonostante il loro enorme peso, i pianeti e le stelle sembrano fluttuare nel cielo in un gioco elegantissimo di equilibri e tensioni offrendo, ad un ipotetico osservatore, un' immagine di leggerezza piuttosto che di pesantezza. L'intero universo sembra aver accettato la propria pesantezza ed è solo in relazione a ciò che può apparire in tutta la sua insostenibile leggerezza.
Keplero descrisse in modo rigoroso questo gioco di masse ed equilibri con la formulazione delle tre leggi che da lui prendono il nome.
Prima legge di Keplero: i pianeti descrivono orbite ellittiche, quasi complanari, aventi tutte un fuoco comune in cui si trova il Sole.
Seconda legge di Keplero: il raggio che unisce il centro del sole al centro di un pianeta descrive superfici con aree uguali in intervalli di tempo uguali.
Terza legge di Keplero: i quadrati dei tempi che i pianeti impiegano a percorrere le loro orbite sono proporzionali ai cubi delle loro distanze medie dal Sole.
La derivata è definita come il limite, se esiste ed è finito, del rapporto incrementale al tendere a 0 dell' incremento delle ascisse.
In particolare l'operazione di derivazione, in un polinomio, abbassa sempre di un grado la funzione. Quindi si potrebbe considerare tale operazione come un processo di "alleggerimento" della funzione, che non "dimentica" però l'andamento della curva, in quanto dipende strettamente da essa. In molti casi questa semplificazione è molto utile per lo studio della funzione iniziale. L' alleggerimento è, quindi, anche qui un valore e non una perdita di sostanza.
In fisica un campo è un' entità definita in ogni punto dello spazio, o, più generalmente, dello spazio-tempo.

Già con la scoperta della legge sulla gravitazione universale si pose all' attenzione dei fisici la necessità di una grandezza che descrivesse l'interazione di corpi posti a distanza tra loro.
Prima di Faraday (1791-1867) si pensava che queste forze si propagassero attraverso un mezzo elastico chiamato etere. Studiando il magnetismo egli intuì invece che tale interazione era meglio descritta da una grandezza matematica ben definita: il campo. Attraverso tale concetto la fisica riesce a spiegare l'interazione di corpi in funzione del loro peso (materiale o "elettrico") e della loro distribuzione spaziale.

Concettualmente il campo fisico alleggerisce lo spazio di un ente inutile: l'etere. Inoltre descrivendo un' azione a distanza sottolinea come la natura obbedisca in fondo alle leggi della leggerezza e non della pesantezza. L'apparente contraddizione tra peso e leggerezza viene risolta nell' equilibrio dinamico di enti fisici proprio in funzione della loro natura "pesante".
Tre esempi di campi vettoriali sono :

campo gravitazionale F(m)= G(M/r^2)




campo elettrico E=k(Q/r^2)




campo magnetico B=k(i/d)
Michael Faraday
Nel primo discorso di Zarathustra Nietzsche descrive la genesi e il senso del superuomo alla stregua di una libertà che libera se stessa che, personalmente, interpreto come una libertà di "essere leggeri" che libera se stessa da "un' insostenibile pesantezza".
Anche l'immagine del cammello che diviene leone e poi fanciullo può essere vista allegoricamente come una progressiva "perdita di peso" dell' essere uomini.
il cammello rappresenta l'uomo che porta il PESO della tradizione




il leone rappresenta l'uomo che si LIBERA dai fardelli metafisici ed etici




il fanciullo rappresenta l'oltreuomo che sa dire "si" alla vita giurando quindi FEDELTA' ALLA TERRA. L'uomo diviene oltreuomo quando, accetta "l' Insostenibile Pesantezza del Vivere" e sceglie di guardare alla vita con LEGGEREZZA.
Oscar Wilde (1854-1900) wanted to live his life rejecting everything that was considered as"normal" : he tried to achieve perfection making his life as a work of art. What he was trying to escape, at the end, was the ugliness of mediocrity, the fear of routine, the sadness of normality.
In "The picture of Dorian Gray", that is maybe his masterpiece, he perfectly explaines his philosophy in the preface. Here he says:
"The artist is the creator of beautiful things"
The artist is the one who has learnt to look at life without caring too much of his "material weight" , but focusing more on what we should see as incredibly light.

"We live in an age when only unnecessery things are absoultely necessery to us".
Il problema della conoscenza del reale diviene gioco lieve e leggero.
Lucrezio è il poeta della ragione che desidera istruire l'umanità secondo la filosofia Epicurea. Solo attraverso tale dottrina, secondo l' autore, è possibile sconfiggere la religio e giungere ad una completa accettazione della vita che non è altro che casuale aggregazione di atomi.
Struttura del "De rerum natura":

Libro 1: gli atomi
Libro 2: il clinamen

Libro 3: l'anima
Libro 4: le sensazioni

Libro 5: l'universo
Libro 6: i fenomeni naturali
FISICA
ANTROPOLOGIA
COSMOLOGIA
"O miseras hominum mentes, o pectora caeca!
Qualibus in tenebris vitae, quantisque periclis
degitur hoc aevi quodcumquest!"
Full transcript