Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

PROSPETTIVA e RAPPRESENTAZIONE ILLUSIONISTICA TRIDIMENSIONAL

No description
by

Giulia Stevanoni

on 1 October 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of PROSPETTIVA e RAPPRESENTAZIONE ILLUSIONISTICA TRIDIMENSIONAL

PROSPETTIVA e RAPPRESENTAZIONE ILLUSIONISTICA TRIDIMENSIONALE
Christ in the Sepulchre with Two Angels
Autore: Andrea Del Castagno
Data: 1447
Luogo: Sant'Apollonia, Firenze

Qui, come negli altri affreschi, la composizione è dominata dal perfetto equilibrio tra la costruzione geometrica precisa e la partecipazione genuina nell'evento drammatico.
Crucifixion
Autore: Andrea Del Castagno
Data: 1450
Luogo: National Gallery, London

L'attenzione del Pittore sembra essere concentrata sulla monumentalità delle figure, la luminosità dei colori, la cui brillantezza sostituisce la luce naturale.
Annunciation
Autore: Angelico, Fra
Data: 1433-34
Luogo: Museo Diocesano, Cortona

Il dipinto è una ripetizione del pannello principale della "Pala di Altare" di Prado in una regolazione architettonica più raffinata. La "Pala di Altare" è solamente il lavoro di Fra Angelico con un intervento dei suoi collaboratori nei ritratti di predella.
Annunciation
Autore: Angelico, Fra
Data: 1451-52
Luogo: Museo di San Marco, Firenze

Anche se i temi e gli ambienti delle scene sono variati, Angelico unisce figure in scala, architettura ed orizzonti. Il luogo di Annunciazione è all'interno di un cortile profondo, aperto e incorniciato da portici gemelli, ispirati dall'architettura della chiesa.
Autore: Jacopo Bellini
Data: 1464-70
Luogo: Gallerie dell'Accademia, Venezia

Qui le figure si stagliano nettamente sul fondo oro, ormai privo di ogni significato trascendentale, rispettando le leggi della prospettiva e della simmetria, nonché di tono e colore.
Triptych of the Nativity
Stia Triptych
Autore: Bicci Di Lorenzo
Data: 1414
Luogo: Santa Maria Assunta, Stia

Lo spazio affollato e la prospettiva inclinata della stanza del trono Vergine, il trono è caratterizzato dalla resa incoerente di prospettiva che regnava a Firenze nel momento.
Birth of the Baptist
Autore: Domenico Di Bartolo
Data: 1440
Luogo: Galleria Franchetti, Venezia

Questa è la parte anteriore di un vassoio per commemorare la nascita.
Autore: Domenico Di Bartolo
Data: 1441-42
Luogo: Spedale di Santa Maria della Scala, Siena

Il Pellegrinaggio è una sala trecentesca che ha preso la forma di un lungo corridoio a volta, situato al piano terra della struttura ospedaliera. Tra il 1441 e il 1442, Domenico di Bartolo ha eseguito tre grandi pitture murali sulla parete ovest
The Rearing and Marriage of Female Foundlings
Adoration of the Magi
Autore: Domenico Veneziano
Data: 1440-43
Luogo: Staatliche Museen, Berlin

Alcuni elementi formali e compositivi, come la qualità scultorea delle figure, la loro solidità e il peso, e l'uso accurato della prospettiva, dimostrano chiaramente che questo dipinto è opera del Rinascimento. Questa è una delle opere che dimostra più chiaramente le influenze fondamentali sull'arte di Domenico.
Annunciation (detail)
Autore: Lippi, Fra Filippo
Data: 1445
Luogo: San Lorenzo, Firenze

In realtà, il rapporto della posa di Maria e l'angelo in ginocchio è lo stesso nelle due rappresentazioni (Alta Annunciazione di Donatello e l'Annunciazione di Lippi), anche se lo stile di Lippi per la rappresentazione dei volti è inconfondibile e non legato al classicismo di Donatello di questo periodo.
Cantoria
Autore: Donatello
Data: 1431-39
Luogo: Museo dell'Opera del Duomo, Firenze

In questo lavoro, in cui le figure sono solo delineate e non definite, appaiono quindi dal livello del suolo; Donatello crea qualcosa di nuovo. L'austerità e severità che emanava dalle sue statue giovanili sono scomparsi e al loro posto è presente un movimento vivace.
Christ in Gethsemane
Auore: Donatello
Data: 1460-65
Luogo: San Lorenzo, Firenze

Il posizionamento della sola traversina è sufficiente per dare il massiccio delle rocce che racchiudono la scena, il loro posizionamento da' un senso di profondità.
Jacob and Esau (detail)
Autore: Ghiberti, Lorenzo
Data: 1425-52
Luogo: Battistero, Firenze

Dopo il suo viaggio a Roma nel 1416, Ghiberti si mostrò sempre più ricettivo all'arte antica. I modelli non sono mai copiati in modo servile, ma sono, piuttosto, sfruttati come fonte inesauribile di ispirazione, e trasformati interamente in versione moderna, e con una dinamica interpretazione.
The Story of Joseph
Autore: Ghiberti, Lorenzo
Data: 1425-52
Luogo: Battistero, Firenze

Il nuovo interesse per un'impostazione prospettica conferisce una nuova logica e nuovo ordine. Il quadro dimostra la tecnica di modellazione brillante e una perfetta prospettiva, in modo che le figure si stagliano contro lo sfondo architettonico e il lavoro sembra quasi un dipinto in bronzo.
Solomon and the Queen of Sheba
Autore: Ghiberi, Lorenzo
Data: 1425-52
Luogo: Battistero Firenze

Le figure in primo piano sgomitano per vedere la riunione. Le figure nella metà sono separate da parapetti, le persone sono alleneate in righe diagonali ai lati di Salomone e Saba, migliorando il senso di recessione spaziale.
Tabernacle (detail)
Autore: Mino Da Fiesole
Data: 1461-63
Luogo: Santa Maria Maggiore, Roma

Questo dettaglio mostra la caduta Miracolosa di neve, un rilievo ora murato nella parete dell'abside della basilica. Nel rilievo si nota la prospettiva data soprattutto dagli edifici.
Altarpiece of the Annunciation
Autore: Benedetto Da Maiano
Data: 1489
Luogo: Cappella dei Mastrogiudici, Sant'Anna dei Lombardi, Naples

La Pala d'altare è dipinta e trasformata in pietra, la pradella e le nicchie sono piene di santi tridimensionali.
Deposition from the Cross
Autore: Francesco Di Giorgio Martini
Data: 1477
Luogo: Santa Maria del Carmine, Venezia

La folla è modellata con molto più rilievo, forme tremule di capelli e tendaggi che riflettono una luce rotta, mentre il corpo di Cristo è un nudo tridimensionale classico.
Autore: Francesco Di Giorgio Martini
Data: 1480
Luogo: Galleria Nazionale dell'Umbria, Perugia

In questo rilievo ci sono molti riferimenti a statue ed edifici antichi. La rappresentazione del contesto urbano è degno di nota. La disposizione dei personaggi e degli edifici accentua la prospettiva.
Flagellation
Prospective
Autore: Antonio Del Pallaiuolo
Data: 1484-93
Luogo: Basilica di San Pietro, Vaticano

La figura di Prospettiva tiene un libro di un astrolabio e un ramo di quercia, perché il papa era un membro della famiglia Della Rovere, il cui nome significa quercia. L'astrolabio suggerisce che durante la navigazione e l'esplorazione rinascimentale erano considerati parte della disciplina di Prospettiva.
Ascension of St John
Autore: Donatell
Data: 1428-43
Luogo: Vecchia Sacrestia, San Lorenzo, Firenze
Nei tondi la durezza del regime è affilata da un audace esperimento di prospettiva che crea ampi spazi in cui le figure umane e dettagli architettonici assumono drammatici effetti di luce e ombra.
A Miracle of San Bernardino of Siena
Autore: Agostino di Duccio
Data: 1457-62
Luogo: Oratorio di San Bernardino, Perugia

Lo scultore ha uno stile tutto suo, la posizione della scala e il movimento dell'acqua da una sensazione di prospettiva.
Stigmata of St Francis
Autore: Bartolomeo Della Gatta
Data: 1487
Luogo: Pinacoteca Comunale, Castiglion Fiorentino

Questo dipinto riflette le diverse influenze stilistiche sull'arte di Bartolomeo della Gatta. Nel paesaggio si può notare l'effetto di prospettiva.
The Adoration of the Magi
Autore: Bartolomeo Di Giovanni
Data: 1490
Luogo: Fine Arts Museums of San Francisco, San Francisco

Nel dipinto si può notare l'effetto di prospettiva.
Missal 558 (Foglio 21)
Autore: Fra Angelico
Data: 1430
Luogo: Museo di San Marco, Firenze

Sullo sfondo è rappresentata una cinta muraria formata da semplici forme geometriche rese in prospettiva ambigua. Un alone a forma di croce identifica la figura di scorcio nella mandorla come Cristo.
Parisian Book of Hours
Autore: Zebo da Firenze
Data: 1405-10
Luogo: British Library, London

L'idea di prospettiva si può notare ella formazione dell'edificio.
Latin Grammar Book for Maximilian Sforza
Autore: Giovanni Pietro Birago
Data: 1496-99
Luogo: Biblioteca Trivulziana, Milano

Il paesaggio di sfondo accentua la prospettiva.
Liber Iesus
Autore: Boccaccino Boccaccio
Data: 1496-98
Luogo: Biblioteca Trivulziana Milano

Il panorama di sfondo crea la prospettiva in questa miniatura.
Petrarch: Triumphs, Songs
Autore: Francesco Di Antonio Del Chierico
Data: 1456
Luogo: Bibliothèque Nationale, Parigi

Il libro dei Cantici canta di un amore non corrisposto dell'autore per una signora di nome Laura. Lo sfondo accentua la prospettiva.
Bible of Matthias Corvinus (Florentine Bible)
Autore: Gherardo Di Giovanni Del Fora
Data: 1490
Luogo: Biblioteca Medicea Laurenziana, Firenze

Lo sfondo è molto ricco di rappresentazione di scene con David. La città rinascimentale sullo sfondo simboleggia Gerusalemme.
Bicci Di Lorenzo
Nato nel 1373 e morto nel 1452 a Firenze, Bicci di Lorenzo è un pittore e architetto italiano. Anche se non è attratto agli ideali artistici e le innovazioni del Rinascimento, ha sviluppato le capacità produttive del laboratorio inaugurando una notevole serie di collaborazioni con altri pittori.
Bellini Jacopo
Nato nel 1400 e morto nel 1470 a Venezia. Lavorò a Firenze ma la maggior parte della sua carriera è stata spesa a Venezia, dove ha eseguito numerosi e importanti dipinti per le chiese, confraternite religiose, e lo stato veneziano.
Donatello
Nato a Firenze il 1386 e morto il 1466. Egli è il maestro della scultura sia in marmo che bronzo, uno dei più grandi di tutti gli artisti del Rinascimento italiano. Donatello ha continuato a esplorare le possibilità della nuova tecnica nei suoi rilievi in ​​marmo del 1420 all'inizio del 1430.
Andrea del Castagno
Nato a Castagno nel 1423 e morto a Firenze nel 1457; siamo certi che lavorò a Venezia, Firenze. Andrea del Castagno è uno dei più influenti pittori del Rinascimento italiano XV secolo, noto soprattutto per la potenza emozionale e trattamento naturalistico delle figure nel suo lavoro.
Angelico
Pittore Fiorentino, nacque nel 1400 a Vicchio nel Mugello e morì nel 1455 a Roma. Angelico entrò in un convento domenicano in Fiesole nel 1418 e divenne un frate con il nome di Giovanni da Fiesole . Anche se il suo insegnante è sconosciuto, a quanto pare ha iniziato la sua carriera come illustratore dei messali e altri libri religiosi . Ha iniziato a dipingere pale d'altare ed altri pannelli ; tra i suoi primi lavori importanti sono la Madonna della Stella e la Pala di San Domenico
Domenico di Bartolo
Nato ad Asciano nel 1400 e morto a Siena nel 1447. Il pittore senese lavorò a Firenze nella Chiesa del Carmine.
Domenico Veneziano
Nato a Venezia nel 1410 e morto a Firenze nel 1461 Domenico fu probabilmente formato secondo le modalità del gotico internazionale a Venezia, dove probabilmente vedeva dipinti di artisti del Nord Europa . Si stabilì a Firenze circa il 1439 e , salvo brevi periodi , vi lavorò fino alla sua morte .
Lippi, Fra Filippo
Nato a Firenze nel 1406 e morto a Spoleto nel 1469. Ha viaggiato nel Nord Italia, dove ha diffuso le ultime scoperte fiorentine e , allo stesso tempo , era aperto alle correnti stilistiche che ha trovato lì. Da circa il 1440 il suo stile cambiò direzione , diventando più lineare e ricco motivi decorativi sottili .
Ghiberti Lorenzo
Nato nel 1378 a Firenze e morto lì nel 1455 è uno dei più importanti primi scultori rinascimentali di Firenze, il suo lavoro e i suoi scritti hanno costituito la base per gran parte dello stile e dello scopo del Rinascimento.
Benedetto Da Maiano
Nato a Firenze nel 1442 e morto lì nel 1497 è uno scultore italiano. Benedetto riporta nella seconda metà del 15 ° secolo molti dei motivi e stilemi caratteristici del primo tempo. I suoi disegni sulle tombe di marmo sono delle varianti agli schemi prestabiliti dal suo maestro.
Francesco di Giorgio Martini
Nato a Siena nel 1439 e morto lì nel 1502 era uno scultore, pittore, architetto e designer italiano. Francesco di Giorgio Martini lavorò in numerosi cantieri in Italia nel corso della sua carriera artistica.
Bartolomeo Della Gatta
Nato nel 1448 a Firenze e morto lì nel 1502 è un pittore, minaturiere e architetto italiano. Nel 1468 prese gli ordini sacri, probabilmente nel monastero camaldolese di S. Maria degli Angeli a Firenze. Fu attivo nella parte orientale della Toscana , tra Arezzo e Sansepolcro. Nel 1475 ha rappresentato l'assunzione in San Domenico nella città di Cortona e nel 1482 Bartolomeo fu a Roma.
Bartolomeo di Giovanni
Pittore fiorentino attivo dal 1480 al 1510 fu artista più importanza e di talento nella bottega del Ghirlandaio.
Zebo Da Firenze
Fu chiamato Zebo da Firenze, lavorò a Parigi dal 1400 al 1410.
Boccaccino Boccaccio
Nato a Ferrara nel 1460 e morto a Cremona nel 1525 è figlio di una famiglia di pittori. Le sue influenze da Perugino sono probabilmente causa di un periodo a Roma.
Giovanni Pietro Birago
Attivo dal 1471 al 1513 a Milano, fu impiegato per la costruzione di una vasta opera lì. La sua mano si vede nelle illustrazioni di un certo numero di libri corali ora nella Biblioteca Tosio Martinengo di Brescia,
Francesco di Antonio Del Chierico
Nato nel 1433 e morto nel 1484 a Firenze è il creatore di alcune delle più vivaci miniature del 15 ° secolo, i suoi manoscritti sono ricchi di innovazione stilistica e invenzione tematica, a volte elaborata in uno spazio molto limitato. Ha lavorato per i patroni più importanti in Italia e all'estero.
Gherardo di Giovanni del Fora
Nato a Firenze nel 1445 e morto lì nel 1497 fu attivo dai primi anni 1460 come miniatore e pittore di pannelli e affreschi, era conosciuto anche come un mosaicista.
Agostino di Duccio
Nato a Firenze nel 1418 e morto a Perugia nel 1481 è stato il più originale, se non il più grande scultore del suo tempo; lavorò anche al Duomo di Modena.
Full transcript