Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

I funghi

No description
by

Nicola Paternoster

on 25 January 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of I funghi

I funghi si trovano:

- nei boschi


- nei prati


- in vicinanze di laghi o fiumi


- nel proprio giardino di casa
Ovolo malefico
nome scientifico: Amanita muscaria

sintomi dell'avvelenamento: può indurre uno stato di intossicazione simile all'alcool

caratteristiche fisiche: ha un cappello inizialmente rosso ed emisferico, poi appianato con delle verruche bianche ed un gambo bianco

confondibile con: Ovolo buono (commestibile)
Tignosa bruna
nome scientifico: Amanita pantherina

sintomi dell'avvelenamento: problemi gastrointestinali, batticuore, rari casi di morte

caratteristiche fisiche: ha un cappello bruno-grigio ed emisferico, poi piano, un gambo bianco e slanciato con un bulbo ventricoloso

confondibile con: Tignosa grossa (commestibile da cotta)
I FUNGHI
Introduzione :
Il regno dei funghi
I funghi velenosi
(come si possono riconoscere?)
Tignosa di primavera
I funghi commestibili
più comuni
La ricerca dei funghi
- non si calpestano i funghi

- non si dovrebbe prelevare il fungo dal suolo prima di
averlo indentificato correttamente

- non si danneggia il micelio

- portare sempre un cestello

- no bevande alcoliche

Regolamenti importanti
Dove?
Quando?
L'impiego dei funghi
nome scientifico: Lepiota cristata

sintomi dell'avvelenamento: provoca un'intossicazione grave, soprattutto a carico del fegato e dei reni, può portare alla morte del consumatore

caratteristiche fisiche: ha un cappello campanulato bianco (con centro e “macchie” marroni), il gambo è bianco e slanciato

confondibile con: Mazza di tamburo
Falsa mazza di tamburo
Avvelenamento
- le tipologie di avvelenamento si suddividono
in quelle a breve o lungo periodo di latenza

- i vari sintomi di un possibile avvelenamento

- le tossine più forti sono la falloidina e l'amanitina

- periodo di remissione

- nei casi più gravi, chiamare il pronto soccorso (118)
Spugnola falsa
nome scientifico: Gyromitra esculenta

sintomi dell'avvelenamento: batticuore, mal di testa, forte nausea, può causare la morte del consumatore

caratteristiche fisiche: ha un cappello giallo con delle volute simili a quelle di un cervello umano, con un gambo biancastro

confondibile con: Spugnola gialla (commestibile)
Porcino malefico
nome scientifico: Boletus satanas

sintomi dell'avvelenamento: può causare dei problemi gastrointestinali, batticuore, mal di testa, problemi alla visione

caratteristiche fisiche: ha un cappello largo e grigio con un gambo largo e giallastro

confondibile con: Boleto dal piede rosso (commestibile da cotto), Boleto lurido (commestibile)
nome scientifico: Amanita verna

sintomi dell'avvelenamento: problemi gastrointestinali che potrebbero causare la morte del consumatore

caratteristiche fisiche: cappello bianco ed ovoidale, poi convesso, con gambo bianco e slanciato; ha un odore dolciastro, di miele
Tignosa verdognola
nome scientifico: Amanita phalloides

sintomi dell'avvelenamento: problemi gastrointestinali che potrebbero causare la morte del consumatore

caratteristiche fisiche: ha un cappello emisferico che varia da verde chiaro a verde oliva, con un gambo biancastro e la volva inguainante il bulbo

confondibile con: Tignosa di primavera e altri funghi non commestibili
Mazza di tamburo (Ombrellone)
nome scientifico: Macrolepiota procera

caratteristiche fisiche: il cappello ha un colore bianco e marrone ed il gambo è lungo e fino

habitat: si può trovare nei boschi di latifoglie ed ai margini di prati (in montagna)

sapore: ha un sapore forte di nocciola (specialmente negli esemplari giovani)
Russola buona
nome scientifico: Russula integra

caratteristiche fisiche: ha un cappello convesso (o imbutiforme) di colore violetto-bruno ed un gambo bianco

habitat: si può trovare sotto gli abeti

sapore: ha un sapore dolce, simile a quello delle nocciole
Ovolo buono
nome scientifico: Amanita caesarea

caratteristiche fisiche: ha un cappello sferico di colore rosso-arancio, un gambo giallo ed una volva ampia ed alta

habitat: si trova sotto castagni e querce

sapore: ha un sapore dolciastro, ma non molto forte
Gallinaccio (Finferlo)
nome scientifico: Boletus edulis

caratteristiche fisiche: ha un cappello sferico e
lucido ed un gambo claviforme

habitat: si trova nei boschi di latifoglie e di
conifere

sapore: ha un caratteristico “sapore di bosco”
che assomiglia a quello delle noci
Porcino (Brisa)
nome scientifico: Cantharellus tubaeformis

caratteristiche fisiche: ha un colore giallo-bruno,
con un gambo sottile ed un cappello imbutiforme

habitat: si trova prevalentemente nei boschi
umidi

sapore: ha un sapore che tende all'amaro
Finferla
(Cantarello a tromba)
L'importanza dei funghi per l'ecosistema forestale
- Teofrasto (370 a.C. - 287 a.C.)

- Charles de l'Écluse (1526 - 1609)

- Pier Antonio Micheli (1679 - 1737)

- Carlo Linneo (1707 - 1778)

- Pierre Bulliard (1742 - 1793)

- Elias Magnus Fries (1794 - 1878)
La micologia nella storia
- viene scoperta il 1928 dal medico e biologo scozzese
Alexander Fleming

- ripresa del progetto da parte di Chain e Florey a
cavallo degli anni '30 e '40

- produzione su larga scala negli Stati Uniti (anni '40)
La penicillina
Speriamo che vi sia piacuta la presentazione!
Fine
LE MUFFE
I FUNGHI

DIMORFI
La morfologia dei funghi
Le tipologie di fungo
Saprofiti
Ricavano il nutrimento da sostanze organiche
Le degradano in modo che possano essere assimilabili
Esistono funghi che metabolizzano anche il cherosene e la pittura delle murature
Parassiti
Simbionti o micorrizici
Sono specializzati nello scambio di sostanze con organismi d'altre specie
Traggono benefici dalla simbiosi
Il fungo cede liquidi e sali minerali ( P,N,K)
La pianta cede zuccheri e nutrimenti
I funghi aiutano la pianta durante il suo sviluppo
Altri funghi
Nel complesso esistono funghi di qualsiasi genere
Produzione di veleni, antibiotici, nutrimenti essenziali per il sistema boschivo
Ciclo di vita
Senza i funghi il ciclo del carbonio non si potrebbe completare
Svolgono un ruolo primario
Trasformano gli scarti in alimenti
DI COSA SI NUTRONO ??
L'alimentazione dei funghi
I funghi autoctoni sono fonte di squisite ricette,
Sono indispensabili nella nostra dieta
Sono ricchi di sali mimerali ed elettroliti
Offrono alle volte azione rilassante o anti-stress
I funghi sono conosciuti fin dall'antichità
Effetti allucinogeni e mortali sono stati spunto di leggende
Colorazione e forme originali
Organismi di qualsiasi genere
La tecnologia ha permesso una miglior classificazione
Oltre un milione di specie, centomila sono già state catalogate
La parola fungo significa spugna e non portatore di morte
Le cellule micotiche s'uniscono in strutture filamentose : ife; che formano i miceli
Parete cellulare costituita da chitina, polisaccaridi, lipidi e proteine
Accumolo di polisaccaridi sottoforma di glicogeno
Si differenziano a seconda del loro nutrimento : saprofiti, simbionti, parassiti e patogeni
Vantaggi infiniti, perfino in cucina e nell'enologia
Conclusioni
Consiglio di un esperto
La struttura microscopica dei funghi
2004
2007
2013
2010
2001
Il nucleo e organuli
Hanno un nucleo, i fori nucleari, il reticolo
Il vacuolo, può contenere glicogeno, ed è delimitato da una propria membrana
Non esistono strutture finalizzate alla locomozione
Cosa degradano, in che condizioni vivono ?
I funghi sono gli "spazzini del bosco" grazie al loro ricco "corredo" enzimatico
Demoliscono le sostanze organiche di scarto più resistenti : cellulosa, collagene, cheratina
Sono "i guerrieri per eccellenza", vivono ovunque
Limiti medi di T : da -5 °C a +60 °C
Limiti medi pH : da 2 a 8 -> ottimale 5,6
Come crescono, quali sono i gruppi empirici ?
I funghi si riproducono attraverso un complesso sistema di riproduzione
Generalmente sono miceliali, crescono apicalmente
Muffe, lieviti, dimorfi -> divisioni empiriche
La chitina e i B-Glucani : "la protezione d'acciaio"
La chitina e i B-Glucani principali componenti della parete cellulare
B-Glucani : parte solubile delle fibre alimentare, molecole di glucosio legate tramite legami glicosidici
Chitina : cellulosa a cui si legano ammine legate al gruppo ossidrile
Caratteristiche primarie della cellula fungina
Non possiede cloroplasti
Presenta una complessa e resistente parete cellulare
Citoplasma invariato
La parete è formata da strutture lamellari
La parete cellulare
La parete è rinforzata
Doppio spessore -> lamina esterna + lamina interna
Ricca di B-Glucani, chitina, lipidi e proteine
Assenza di peptidoglicano ->non vulnerabili alle penicilline
Ergosterolo al posto di colesterolo
I LIEVITI
Cellule unicellulari, dotate di parete, molto semplice, senza cheratina
Hanno un aspetto sferoidale o ovaidale
Si riproducono per gemmazione
Sono "addomesticati" da migliaia di anni, (Saccharomyces cerevisiae) per produrre : pane, vino, birra
Possono essere sia innocui che infettivi
I patogeni, come Candida albicans, portatrici di gravi infezioni e persino la morte
Ruolo primario nella digestione di zuccheri
Si sviluppano esponenzialmente solamente in ambienti adatti e concentrati di nutrimenti
Organismi che si ramificano, con apici denominati ife
Ricoprono la superficie e hanno un aspetto spugnoso
Si riproducono con l'uso di spore, che possono causare allergie e lesioni polmonari -> rilasciano potenti tossine
Si riproducono attraverso la sporulazione
Possono svilupparsi, sia per gemmazione che micelialmente
Duplice mutualismo-> parassiti, saprofiti
Candida Albicans ne è un esempio
Struttura sotto la superficie
Formata da filamenti tubulari : frammenti ifali
Micelio
Possono sussistere tre tipi di micelio :

La struttura, le parti
Sono scientificamente struttura a tallo -> assenza di tessuti
Il frutto : carpoforo; formato da un gambo, un cappello e un imenoforo
Cenocitico
Settato unicleate
Settato plurinucleate
Permette la fuoriuscita del frutto
Forma : cilindrica, fusiforme, a clava, bulbosa, panciuta
Consistenza : variabile spesso elastica
Superficie : liscia, reticolata, vellutata, squamata
Interno : cavo o farcito
è la parte superiore del fungo, può essere : convesso, piano, concavo, imbutiforme, a vulcano
Margine : eccedente, lobato, sinuoso, a seghetta
Cuticola : spessa, sottile, separabile, lacerata, squamata
Il colore di quest'ultima è variabile
è il "contenitore" di tutte le spore si trova inferiramente al cappello e può presentarsi : lamellare, spugnoso, estroflesso
Il mutualismo
Ne fanno parte i licheni
Organismi simbiotici che fanno interagire un ciano battere con un Basidiomicete o un Ascomicete
Alimentazione eterotrofa
Hanno bisogno di sostetamento e lo traggono dalle piante
Attraverso la simbiosi, si scambiano nutrienti
Cede sali mineralie riceve zuccheri
Sono d'aiuto alle piante durante il loro sviluppo
Digeriscono qualsivoglia sostanza organica -> gli spazzini del bosco
Introduzione
Sistema di riproduzione super efficacie
Asessuale o sessuale
Per via aerea tramite le endospore
Resistono dapertutto
Esistono diversi tipi di spore
Sono rilasciate "industrialmente" dall'imenio
SCISSIONE
FRAMMENTAZIONE
Tipica degli organismi pluricellulari
Distacco di un frammento
Di sviluppa autonomamente
SPORULAZIONE ASESSUALE
Produzione di mitospore
Munite o meno di flagelli -> zoospore, aplanospore
Prodotte negli sporocisti
Se prodotte esternamente -> conidiospore
Tipica delle muffe
Spore interessate : sparangiospore, conidi, artrospore, clamidiospore, blastospore
SPOROGONIA
Avviene negli organismi con ciclo aplodiplonte (è solo una parte dell'intero ciclo !)
Le spore sono meiospore, prodotte dallo sporofito
Riescono a creare un organismo per mitosi : gametofito
Esso poi si riproduce per mitosi
Fase perfetta, completa
Interessa due spore, cellule aploidi compatibili (+,-)
Derivano dai gametofiti
Cariogamia (unione di dueclei)
Plasmogamia (citoplasma)
Unione di due organuli del tallo (gametangi)
Formazine zigote diploide
Formazione del carpoforo (frutto)
LA RIPRODUZIONE
RIPRODUZIONE ASESSUATA
RIPRODUZIONE SESSUATA
Divisione della cellula madre in due cellule geneticamente identiche
Interessa organismi unicellulari
Molto rapida
Ambienti concentrati di nutrienti
SCISSIONE BINARIA
Duplicazione singola di una molecola di DNA
La cellula si divide, poi, in due
Batteri, lieviti -> non in gran parte
SCISSIONE MULTIPLA
Il DNA duplicato + volte
Attraverso la citodieresi + cellule in una volta
Gemmazione -> scissione ineguale multipla
Estroflessioni, si separano dalla cellula
Medesima dimensione durante la separazione
Tipica dei Saccharomycetes
TIPI DI SPORE ASESSUALI
Omotallica
Eterotallica
Micelio secondario fertile
OOSPORE : fecondazione dell'oogonio (femminile) da parte di un anteridio (maschile)
ZIGOSPORE : fusione di due ife -> singola cellula + spessa
ASCOSPORE : all'interno dell'asco
BASIDIOSPORE : struttura clavata : basidio
Ballistospore 180 mila g -> 9,8 m/s*s
LA CLASSIFICAZIONE DEI MICETI
BASIDIOMYCOTA
Famiglia immensa
Funghi a micelio settato
Le spore maturano nei basidi cellule esterne
Sostenute da sterigmi
Specialmente specie terrestri
Funghi provvisti di imenoforo
TAXA : BASIDIOMYCETES
Producono il basiodoma -> frutto
Basidi che sostengono circa 4 spore
Spore d'espulsione
CLASSE TELIOMYCETES
ASCOMYCOTA
Le spore maturano negli aschi
Sacchi, fiaschi che contengono otto spore
Ife con apice ricurvo
Comprendono i funghi simbiotici : licheni (ciano-batteri+fungo)
Spugnole, tartufi, Penicillinum, Saccharomycetes
Molti funghi patogeni
ASCOMYCETES
Producono spore nell'imenio
Dispersione delle spore indiretta o diretta
4-8 meiospore per asco
SACCHAROMYCETES
Si cibano si saccarosio
Sono chiamati lieviti
Organismi saprofiti ad altissima diffusione
Anche patogeni : Candida Albicans
CHYTRIDIOMYCOTA &
ZYGOMYCOTA
Funghi unicellulari acquatici muniti di flagelli
Possiedono un micelio cenocitico
Possono essere molto letali -> respirazione
Doppia riproduzione : ciclo aplodiplonte & mitosi
Micelio superficiale che produce enzimi
Riproduzione -> sporangi neri
Ciclo aplonte
Unione per nucleo (gamecistogamia)
Comprende le muffe (muffa nera del pane)
Funghi parassiti di piante e animale
Aspetto corticoide (simile a cortecce)
Ruggini -> per il loro aspetto
Particolare del grano
I funghi si trovano nei mesi autunnali
(da settembre a novembre)
nome scientifico: Cantharellus cibarius

caratteristiche fisiche: ha un colore giallo uovo, con
un cappello imbutiforme ed
una carne bianca

habitat: nei boschi di conifere e su suoli acidi

sapore: piccante
Proprietà benefiche
- i funghi sono una buona fonte di sali minerali

- contengono molta acqua

- nei funghi si possono trovare delle tracce di
selenio e della vitamina B2 e B3

- vengono considerati degli "antibiotici naturali"
- hanno la funzione di velocizzare la
selezione naturale

- velocizzano la morte e la decomposizione
di vegetali indeboliti

- certi funghi parassiti possono diventare
saprofiti, ricavando le sostanze necessarie
da organismi già morti
I funghi parassiti
I funghi saprofiti
I funghi simbionti
- sono importanti per lo scambio di sostanze nutritive
con altri esseri viventi (specialmente con i vegetali)

- la pianta riceve più sostanze inorganiche, il fungo
ottiene sostanze organiche dalla pianta

- questa simbiosi fra fungo e vegetale si chiama
"micorriza"
- si nutrono dalle sostanze morte che
trovano nel suolo

- come "scarto" emettono acqua, sali minerali
e altre sostanze inorganiche
L'importanza della penicillina per la medicina
- viene considerata il primo antibiotico efficace

- agisce contro batteri Gram+, ma non contro
batteri Gram-

- certi batteri creano la penicillasi, capace di
scindere la molecola di penicillina

- creazione delle penicilline semi-sintetiche
La produzione della penicillina
- differenza fra penicillina G e penicillina V

- la produzione della penicillina G:


- seminazione delle spore di Penicillium sul terreno di coltura

- fase di accrescimento della muffa, con aggiunta di residui di grasso
animale, acetanilide, ecc.

- estrazione della penicillina tramite filtrazione e acidificazione
IL GAMBO
IL CAPPELLO
IMENOFORO
Asco
Basidio
Imenio
Lamella
Poro
Velo parziale e generale
Verruche
Volva
- i funghi hanno un ruolo molto importante
per la natura e per l'uomo

- invece di sfruttarli, dovremo "rispettarli"

- consigliamo a chiunque di scoprire in
modo più approfondito il campo della
micologia
Parassiti obbligati e parassiti facoltativi
Pervadano quasi ogni essere vivente
Sono specializzati
Inducono alla morte e mirano a zone specifiche
Spray anti-zanzara : emulsionante + fungo + umidità
Zoospore e aplanospore
Sparangiospore e conidiospore
Artrospore, clamidiospore e blastospore
Muffe
Lieviti
Filamento cilindrico frammentato
L'utilizzo nella cucina
L'utilizzo nella medicina
L'utilizzo nelle industrie e nel campo della ricerca
- piatti tipici
- trasformazione agroalimentare
- micoterapia




- penicillina
- integratori alimentari
- miglioramento del rendimento
del suolo
- depurazione dell'acqua
- utilizzo nella sperimentazione
nei laboratori
Denis Tonini e Nicola Paternoster
Full transcript