Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

L'Italia è il primo paese in Europa a vendere armi alla Siria

No description
by

Davide Mancino

on 4 September 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of L'Italia è il primo paese in Europa a vendere armi alla Siria

L'Italia è il primo paese
in Europa a vendere
armi alla Siria

Siria
1998. Governi Prodi-D'Alema. Galileo Avionica, azienda a controllo statale, ottiene l'autorizzazione per esportare
equipaggiamenti militari in Siria
2000. Bashar al-Assad
succede al padre e diventa
presidente della Siria.
Il programma di esportazione continua.
Nel 2003 – governo Berlusconi – gli equipaggiamenti consegnati arrivano a
55,6 milioni di euro.
L'ultima consegna è del 2009,
per un valore di altri 2,8 milioni di euro.
di Davide Mancino
Ma cosa abbiamo venduto
alla Siria, esattamente?
Le relazioni
ufficiali
non
lo dicono.
Per scoprirlo serve incrociare i totali fra documenti diversi.
Scopriamo così che si tratta di un equipaggiamento chiamato TURMS.
È un affare da
229
milioni di dollari.
Ne parla la stessa Galileo (oggi Selex ES) sul proprio sito.
TURMS è un sistema di controllo del fuoco per carri armati russi T-72, composto da un periscopio notturno, un visore termico e un telemetro laser.


Il sistema consente di sparare con elevata precisione, anche in movimento.
Musica:
From my head to your heart
(Silent Assassin)

Immagini:
Wikipedia

Si ringrazia per la disponibilità:
Giorgio Beretta
(unimondo.org)

Ma che fine hanno fatto questi equipaggiamenti?
Per scoprirlo serve tornare al 2003.
Un'inchiesta del Los Angeles Times svela che la Siria ha venduto armi a Saddam Hussein, violando l'embargo internazionale.
Il 19 marzo 2003 gli Stati Uniti invadono l'Iraq.


L'Italia, più avanti, partecipa al processo di stabilizzazione del Paese con un proprio contingente.
Non è mai stato possibile accertare se fra le armi vendute all'Iraq ve ne fossero anche di fabbricazione italiana.
Se così fosse, l'Italia avrebbe armato indirettamente lo stesso nemico combattuto poco più tardi.
La seconda è una storia di oggi.
Dal marzo 2011 la Siria è in guerra civile.
Gli equipaggiamenti italiani vengono usati dall'esercito di Assad.
Questo video mostra un T-72 catturato dai ribelli.
La Siria è una nazione che si sta disintegrando.
Con essa, il controllo sul proprio arsenale militare.
Il segretario alla Difesa Donald Rumsfeld accusa Assad di esportare visori per il puntamento notturno.
Equipaggiamenti simili a
quelli venduti dall'Italia.
Anche
sui civili.
Ma non soltanto.
clicca in basso a sinistra per riprodurre
Le inchieste di Wired Italia
Full transcript