Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

LA CARTA

No description
by

Tecnologia Online

on 30 November 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of LA CARTA

per uso medico, pannolini
LA CARTA
INTRODUZIONE
STORIA DELLA CARTA
LE MATERIE PRIME: PRINCIPALI ED AUSILIARE
I TIPI DI CARTA
IL RICICLO DELLA CARTA
i
CARTA e CARTONI rappresentano il 25% dei rifiuti solidi
urbani (RSU). Il loro riciclo è molto conveniente, perchè:
si riduce il taglio di ALBERI
si riducono i RIFIUTI da inviare alle discariche
la produzione di carta riciclata INQUINA meno e
CONSUMA meno energia elettrica ed acqua

Il riciclo della carta può avvenire per un numero limitato di volte,
da 5 a7, oltre le fibre di cellulosa sarebbero troppo deteriorate.

La raccolta può avvenire PORTA A PORTA o tramite grandi
CASSONETTI. Non tutta la carta usata può essere riciclata:
La carta è un materiale utilizzato in molti campi, ma soprattutto in quello di TRASMISSIONE DELLA CULTURA, che senza di essa sarebbe avvenuta solo a VOCE, con conseguente perdita di molte idee e notizie.
Anche oggi, nonostante la diffusione delle NUOVE TECNOLOGIE, la carta mantiene il suo importante RUOLO.
CARTA PER USO GRAFICO
CARTE DA IMBALLAGGIO
CARTE PER USI DOMESTICI
CARTE PER USO EDILIZIO
CARTA DA GIORNALE: flessibile, resistente, porosa per assorbire velocemente l'inchiostro, perché le macchine rotative che stampano i giornali sono molto veloci.
CARTA PATINATA: carta ad es. per riviste di moda; resistente, resa lucida con additivi chimici
CARTA EXTRA-STRONG: per stampanti e fotocopie, molto bianca, opaca e resistente.
CARTA PER LIBRI: ha molte varianti, più o meno spessa, più o meno lucida, non deve ingiallire, deve permettere la stampa di illustrazioni
CARTA PER SCRIVERE A MANO: ne esistono tanti tipi e formati, ad esempio quella da lettera e quella per quaderni
CARTA DA DISEGNO: piuttosto spessa, molto bianca, liscia oppure ruvida
CARTE PER USO INDUSTRIALE
CARTONE ONDULATO: composto da fogli di carta sovrapposti e incollati, uno dei quali è ondulato. Con pochi fogli si ottiene quindi un cartone di grande spessore, ma leggero.
CARTONCINO: può avere diversi tipi di spessore, rigidità e flessibilità. Usato per scatole, copertine di libri, quaderni e raccoglitori.
CARTA KRAFT: una carta molto resistente (dal tedesco kraft=forte) usata per sacchetti della spesa e per carta da pacchi.
CARTA VELINA: leggera e abbastanza trasparente, con essa si avvolgono alcuni articoli prima di essere inseriti nella scatola principale.
Sono dette anche CARTE TISSUE (dall'inglese tessuto): carta igienica, fazzoletti, tovaglie e tovaglioli, rotoli scottex, asciugamani, carta
CARTA VETRATA: ricoperta con cristalli di vetro, serve a levigare legno e metalli
CARTA FOTOGRAFICA
CARTA PER LAMINATO PLASTICO: anche detta FORMICA è costituita da fogli di carta, anche decorati, ricoperti con materiale plastico. Si usa per ricoprire pannelli di legno.
CARTA DA FILTRO
CARTA ADESIVA
CARTA DA PARATI: usata per tappezzare le pareti, ne esistono per tutti i gusti.
CARTA CATRAMATA: ricoperta con una pellicola di catrame, si usa per impermeabilizzare tettoie e solai
CARTONGESSO:
E' molto leggero. Viene usato per pareti divisorie interne, per controsoffitti, e per particolari creativi.
LABORATORIO: FOGLIO DI CARTA RICICLATA
LEGNO
: rami e radici, tronchi troppo piccoli per essere utilizzati come legname, scarti di segheria, ma anche alberi interi a rapida crescita appositamente piantati
1. PRINCIPALE:
è la
CELLULOSA
che possiamo ricavare da:
CARTA DA MACERO
, recuperata con la raccolta differenziata. Si distingue in MACERO
INDUSTRIALE
e
COMMERCIALE
e MACERO
DOMESTICO
. La sua
2. AUSILIARIE
: vanno mescolate alla cellulosa e sono:
2. LA FORMAZIONE DEI FOGLI
1. PROCEDIMENTO A MANO: utilizza i metodi e gli strumenti tradizionali. Guardiamo il video girato a FABRIANO:
2. PROCEDIMENTO CON MACCHINA CONTINUA:
I fogli escono dalla macchina continua in forma di rotoli, ad una velocità di 100 km/h, larghi fino a 10 mt e lunghi anche parecchi km!
Altre lavorazioni sono la PATINATURA e la CALANDRATURA che rendono il
foglio livellato, lucido e talvolta brillante. Poi si procede al taglio nei vari formati (A4 lo
conosciamo tutti) e si commerciano in RISME, cioè 500 fogli a confezione.
Guardiamo un video riepilogativo della produzione della carta
E anche da
COTONE, LINO, PAGLIA, ALGHE MARINE
raccolta è gestita
dai Comuni.
SOSTANZE DI CARICA
: sostanze chimiche che, riempiendo gli
spazi tra le fibre
, consentono di ottenere una carta più
LISCIA e BIANCA
.
SOSTANZE COLLANTI
: cere, resine naturali e sintetiche, amido, caseina, che conferiscono
IMPERMEABILITA
' al foglio.
Senza l'utilizzo di collanti, il foglio è invece
ASSORBENTE
.
1. LA PREPARAZIONE DELLA PASTA
Esistono due procedimenti per la preparazione della PASTA:
1. PROCEDIMENTO CHIMICO:
il legno viene privato della corteccia, ridotto in piccoli pezzi (chips) e bollito insieme a dei SALI, separando così la CELLULOSA dalla LIGNINA e da altre SOSTANZE INCROSTANTI. Si possono ottenere 3 tipi di paste:
PASTA CHIMICA o di CELLULOSA:
la lignina e le sostanze incrostanti vengono completamente eliminate e si ottiene cellulosa quasi
PURA
;
da 100 kg di legno si ottengono circa 40 kg di pasta di cellulosa
; la carta che si ottiene è di OTTIMA QUALITA', resistente, durevole e non ingiallisce.
PASTA SEMI-CHIMICA:
la lignina e le sostanze incrostanti
NON
vengono completamente eliminate;
da 100 kg di legno si ottengono circa 60 kg di pasta semi-chimica
; la qualità è però inferiore rispetto alla cellulosa pura: viene usata per carta da giornale e da stampa e per cartone ondulato.
PASTA AD ALTA RESA:
in questo caso la lignina non viene affatto eliminata, ma solo
ammorbidita
, utilizzando sempre sostanze chimiche oppure il VAPORE;
da 100 kg di legno si ottengono circa 90 kg di pasta ad alta resa
; viene usata per produrre quasi tutti i tipi di carte e cartoni.
2. PROCEDIMENTO MECCANICO:
tronchetti di legno vengono scortecciati e pressati
contro una
mole
rotante ed abrasiva, che sfibra il legno ottenendo una pasta simile alla segatura; questa viene poi raffinata e sbiancata; si ottiene così la
PASTA MECCANICA
.
L'IMBIANCHIMENTO
La pasta ha il colore del legno; va quindi sbiancata. In passato per questa operazione veniva utilizzato solo il
CLORO
, un elemento molto
INQUINANTE
; oggi si iniziano ad usare anche sostanze meno inquinanti; le paste ottenute senza utilizzare il cloro si chiamano

ECF
= Elemental Chlorine Free
(prive di cloro elementare)
La FABBRICAZIONE DELLA CARTA prevede 2 fasi:
Full transcript