Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Sinestesia ~ Viaggio alla riscoperta dei sensi

No description
by

Eleonora Bellesi

on 7 June 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Sinestesia ~ Viaggio alla riscoperta dei sensi

Senso della conoscenza immediata
La vista
Il Gusto
Il tatto
Senso privilegiato della comunicazione
L'udito
Eleonora Bellesi IIIC
Sinestesia
L'olfatto
Senso privilegiato della memoria
La Sinestesia
Introduzione
Senso privilegiato dell'immaginazione
Senso privilegiato per il giudizio estetico
Che cos'è?
In una società basata esclusivamente sull'estetismo e, in ultima analisi, sulla vista, gli altri sensi sembrano aver perso la loro rilevanza. Da tale consapevolezza nasce l'idea di intraprendere un viaggio alla riscoperta di tutti i sensi, analizzando per ciascuno di essi gli aspetti più interessanti legati alla sfera emotiva dell'uomo.

Vista
~ senso della percezione immediata

Udito
~ senso privilegiato dell'immaginazione
Olfatto
~ senso privilegiato della memoria

Tatto
~ senso privilegiato della comunicazione

Gusto
~ senso privilegiato per il giudizio estetico
Questo percorso sensoriale culmina con il fenomeno della
sinestesia
, inteso sia a livello linguistico che psicologico e configurato come ansia di penetrare in modo efficace l'universo dei sensi attraverso la
parola
, l'
immagine
e il
suono
.
Il termine deriva dal greco e significa "sentire insieme". La sinestesia indica quindi il coinvolgimento di due o più sensi nella percezione.
Livello linguistico
Livello psicologico
Accostamento di due termini appartenenti a sfere sensoriali diverse
Fenomeno sensoriale/percettivo a seguito di una "contaminazione" dei sensi nella percezione.
~
Viaggio alla riscoperta dei sensi
L'effetto sinestetico, sia a livello linguistico che psicologico, nasce attraverso:
La parola, l'immagine e il suono
La parola
Soprattutto nel periodo del Decadentismo (seconda metà del 1800), i poeti faranno ampio uso della sinestesia.
Immagine
Personalità interessante è quella dell'artista Vasilij Kandinskij che attua un coinvolgimento plurisensoriale nelle sue opere.
Il suono
Vasilij Kandinskij collaborò con il ballerino Sacharov e il compositore Von Hartmann ad alcuni esperimenti sensoriali così strutturati:
Charles Baudelaire
""Esistono profumi freschi come carni di bimbo, dolci come gli oboi, e verdi come praterie.""
Corrispondenze,
I fiori del male
Paul Verlaine
Secondo il poeta la parola deve assumere le prerogative della musica, evitare la precisione dell'immagine e la nettezza del colore, e puntare sull'indefinitezza, sulla sfumatura.
Giovanni Pascoli
""Soffi di lampi""
""Nero di nubi""
L'assiuolo
, Myricae
""Odore di fragole rosse""
Il gelsomino notturno
, Canti di Castelvecchio
Salvatore Quasimodo
""Urlo nero della madre""
Alle fronde dei salici
, Giorno dopo giorno
Il colore ha un odore, un sapore, un suono.
Il colore è il tasto, l'occhio è il martelletto, l'anima è un pianoforte con molte corde.
Scelta del colore più chiaro, da un punto di vista musicale, da parte del musicista
In assenza del ballerino, il musicista suona l'acquerello
Trasposizione in danza del suono da parte del ballerino
Il ballerino indovina l'acquerello ballato
Come afferma Aristotele, la vista è il senso che ci permette di cogliere un maggior numero di differenze del reale rispetto agli altri sensi. Ma tale molteplicità non è un ostacolo alla più profonda conoscenza delle singole parti di essa?
Perchè l'uomo si affida
ciecamente
alla vista?
Le illusioni ottiche
Spesso il senso sul quale l'uomo fa maggiore affidamento lo inganna
Edipo e Tiresia
Cecità come conditio sine qua non per una conoscenza trascendentale
Vista come ostacolo alla conoscenza della verità
Entrambi i personaggi diventano ciechi per aver visto ciò che non avrebbero dovuto vedere.
La percezione di suoni fa scaturire nella mente umana una serie di associazioni di idee che porta alla creazione di immagini mentali che possono essere:
Ricostruite sulla base della memoria
Totalmente nuove
Eveline
, Joyce
I hear America singing
, W. Whitman
La nostra mente crea facilmente delle associazioni tra le percezioni olfattive e il momento che stiamo vivendo. Anche a distanza di tempo, trovandoci a percepire di nuovo lo stesso odore, riaffioreranno nella nostra memoria ricordi legati ad esso.
""Quando di un antico passato non sussiste niente, dopo la morte degli esseri, dopo la doistruzione delle cose, soli, più fragili ma più intensi, più immateriali, più persistenti, più fedeli, l'odore e il sapore restano ancora a lungo, come anime, a ricordare, ad attendere, a sperare, sulla rovina di tutto il resto, a reggere, senza piegarsi, sulla loro gocciolina quasi impalpabile, l'immenso edificio del ricordo.""
Marcel Proust
"La digitale purpurea"
Giovanni Pascoli
Profumo che rievoca il ricordo
: Maria e Rachele, incontrandosi in un giardino, si ricordano dell'adolescenza trascorsa insieme
Odore come essenza del proibito
: Rachele, trasgredendo la regola, va incontro a un piacere talmente intenso da provocare una morte simbolica.
L'individuo instaura la prima relazione all'interno dell'utero materno proprio attraverso il tatto.
Il tatto elimina la distanza tra due soggetti e quindi si instaura sulla base di una stretta confidenza.
E' il senso più veritiero, se si considera che la verità è insita nella cosa e non nel soggetto, in quanto permette di cogliere dettagli che sfuggono anche alla vista.
"Manifesto sul Tattilismo"
Filippo Tommaso Marinetti
""Chiare, fresche et dolci acque""
Canzoniere
, Petrarca
Corpo come centro di una rinnovata affettività.
Analisi delle sensazioni tattili con la seguente suddivisione:
1921
Regole per arrivare ad un più consapevole utilizzo delle sensazioni tattili:
Bisognerà tenere inguantate le mani per molti giorni, durante i quali il cervello si sforzerà di condensare in esse i desideri di sensazioni tattili diverse.
Nuotare sott'acqua, nel mare, cercando di distinguere tattilisticamente le correnti intrecciate e le diverse temperature.
Enumerare e riconoscere ogni sera, in un'oscurità assoluta, tutti gli oggetti che sono nella camera da letto
Tavole tattili
Feuerbach
""La teoria degli alimenti è di grande importanza etica e politica. i cibi si trasformano in sangue, il sangue in cuore e cervello; in materia di pensieri e di sentimenti. L'alimento umano è il fondamento della cultura e del sentimento. Se volete far migliorare il popolo, in luogo di declamazione contro il peccato, dategli un'alimentazione migliore. L'uomo è ciò che mangia.""
Cosa mangiamo
La Cena Trimalchionis
Come mangiamo
Lettera sugli schiavi (Epistola 47)
Ruolo importante nell'assunzione del cibo è anche quello della vista che condiziona le nostre scelte.
La personalità di Trimalchione, ricco liberto, si riflette inevitabilmente nella scelta degli alimenti.
Menzognera apparenza dei piatti, la cui sostanza si rivela differente dalle aspettative.
Cibo come specchio del carattere dell'uomo
Giudizio estetico che passa dalla vista al gusto
Vista come senso fallace.
[…] Fu portato in tavola un vassoio, con sopra una cesta, dentro la quale era sistemata una gallina di legno con le ali aperte a mo’ di ventaglio, come si mettono, cioè, quando covano le uova. [...] Trimalchione girò la faccia in direzione di questa sceneggiata e soggiunse: “Amici, ho fatto collocare sotto la gallina delle uova di pavone, ma, per Ercole, ho paura che ci sia già il pulcino; comunque proviamo se sono ancora bevibili. Sì, le possiamo bere.” Riceviamo dei cucchiai, pesanti non meno di mezza libbra, e rompiamo le uova ricoperte di uno spesso strato di farina impastata. Per parte mia fui quasi sul punto di gettare la mia porzione, perché mi sembrava che il tuorlo si fosse già rassodato a formare il pulcino. Poi, quando sentii un invitato, veterano della casa, che diceva: “Qui dentro ci deve essere qualcosa di buono”, cercai all’interno del guscio con la mano e trovai un beccafico che nuotava nel tuorlo pepato
Satyricon
, Petronio
Seneca
Figura del padrone, rappresentato come un uomo sazio del cibo come della vita stessa.
"" Est ille plus quam capit, et ingenti aviditate onerat distentum ventrem ac desuetum iam ventris officio, ut maiore opera omnia egerat quam ingessit. ""
Modo di mangiare senza gusto e senza misura.
L'avidità del padrone si riflette nel suo modo di mangiare.
Ciò che siamo determina come mangiamo.
Il suono dell'organetto le ricorda la promessa fatta a sua madre.
Il poeta descrive l'America attraverso i suoi suoni caratteristici.
"" I hear America singing, the varied carols I hear,
Those of mechanics, each one singing his as it should be blithe and strong,
The carpenter singing his as he measures his plank or beam,
The mason singing his as he makes ready for work, or leaves off work,
The boatman singing what belongs to him in his boat, the deck-hand singing on the steamboat deck,
The shoemaker singing as he sits on his bench, the hatter singing as he stands,
The woodcutter's song, the ploughboy's on his way in the morning, or at noon intermission or at sundown,
The delicious singing of the mother, or of the young wife at work, or of the girl sewing or washing,
Each singing what belongs to him or her and to none else,
The day what belongs to the day—at night the party of young fellows, robust, friendly,
Singing with open mouths their strong melodious songs. ""

La realtà che ci circonda è come una fitta trama, ma grazie ai sensi l'uomo può trovare il filo di Arianna capace di sciogliere i suoi nodi più complessi.
Bibliografia
• LUCREZIO, De rerum natura, IV LIBRO, Garzanti, Milano 2000.
• ARISTOTELE, Metafisica, libro I, da I CLASSICI DEL PENSIERO LIBERO GRECI E LATINI, BUR Rizzoli.
• SOFOCLE, Edipo re, tomo I, a cura di RENATO CASOLARO E GIUSEPPE FERRARO, SIMONE 2013.
• JAMES JOYCE, Eveline, Dubliners, London: PENGUIN BOOKS, 1992
• TESTI E STORIA DELLA LETTERATURA (vol. E), A.A.V.V., Paravia Pearson.
• IL NUOVO PROTAGONISTI E TESTI DELLA FILOSOFIA
(vol. 3A), N.ABBAGNANO e G.FORNERO, Paravia Pearson.
• PETRONIO, SATYRICON, La Cena di Trimalchione, da I CLASSICI DEL PENSIERO LIBERO GRECI E LATINI, BUR Rizzoli.
• AUTORI LATINI (vol. 3), M. LENTANO, La Nuova Italia.
• TESTI E STORIA DELLA LETTERATURA (vol. A), A.A.V.V., Paravia Pearson.
• CONCISE CAKES AND ALE literature in English, Arturo Cattaneo, Donatella de Flaviis, C.Signorelli Scuola.



Sitografia
• www.latinovivo.it.
• about.com – classic literature.
• www.rescogitans.it.
• www.qro.unisi.it
• www.futurismo.altervista.org
• www.classicaonline.com
Full transcript