Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

La Palestina al Tempo di Gesù

No description
by

Stefan Iulian David

on 29 September 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La Palestina al Tempo di Gesù

Situazione
Politica al
tempo di Gesù

L'ambiente
naturale
della Palestina

La Vita al
Tempo di Gesù

Gruppi religiosi e
politici
al tempo di Gesù

Suddivisa in tre
regioni:
- dal 37 al 4 a.C. unico re della Palestina fu Erode il Grande, dopo la sua morte il regno fu diviso tra i suoi figli, il più importante dei quali era Erode Antipa, re della Galilea al tempo di Gesù.
Al tempo di Gesù:
- Tiberio era imperatore di Roma
- Ponzio Pilato governatore della Palestina
- Il Sinedrio gestiva la vita religiosa, economica, morale e giuridica
- Le Guardie del Tempio mantenevano l'ordine.
- Dal 63 a.C. la Palestina era sotto la dominazione romana che diede al paese un governo stabile e favorì la costruzione di strade e acquedotti.
- Durante la loro dominazione, imposero forti tasse, guadagnandosi l'ostilità della gente.
- furono, però, rispettosi della religione e degli usi e costumi ebraici, consentendo un ruolo di prestigio al re locale.
A nord la Galilea:

- una regione montuosa e collinare,
con poche pianure, ma fertilissime.
- è ricca di vie di comunicazione che
hanno permesso lo sviluppo del
commercio e il Lago di Tiberiade ha
favorito l'industria della pesca.
- città principali: Tiberiade, Nazaret,
Cafarnao, Magdala, Cana
Al centro la Samaria:

- ha montagne che degradano dolcemente
fino a distendersi in vaste valli coltivate.
- città principali: Samaria, Sichar, Gerico.
A sud la Giudea:

- una regione montuosa con dirupi scoscesi verso il mar Morto e colline sempre più basse verso il Mar Mediterraneo.
- città principali: Gerusalemme, Betlemme, Emmaus
Le attivià:
- l'agricoltura
- la pastorizia
- la pesca presso il lago di Tiberiade
- la fabbricazione di ceramiche
- lavorazione del cuoio
- produzione di profumi
- le donne tessevano lana e lino.
- la giornata lavorativa seguiva rigorasamente i ritmi del sole: iniziava al mattino all'alba per concludersi al tramonto, quando venivano chiuse le porte della città.
- La Gente abitava in piccoli villaggi o i città.
- Gli ebrei vivevano in case fatte di pietra o di mattoni.
- Le abitazioni generalmente avevano più stanze, un giardino recintanto dove coltivavano frutta e verdura.
- nelle case vi erano i forni per la cottura, vasellame in ceramica, giare di pietra, otri in pelle.
- I pasti erano costituiti da pane, olive, verdure, latte, uova, formaggi freschi, yogurt, miele, frutta, pesce.
- raramente si mangiava carne, se non nei giorni di feste particolari come la Pasqua, e in pochi potevano permettersi il vino ogni giorno.
La Palestina al Tempo di Gesù
Gli Zeloti
- raggruppati in organizzazioni clandestine e venivano chiamati così per via del loro zelo nel difendere la Torah.
- grandi oppositori dei Romani, erano spesso all'origine di sommosse e attentati contro i Romani e i loro fiancheggiatori.
- attendevano un Messia-re, che avrebbe ridato ad Israele prestigio politico.
- i romani li chiamavano sicari perchè portavano sotto il mantello la sica, un pugnale corto e affilatissimo.
I sacerdoti
- loro compito era offrire le offerte di incenso
e immolare gli animali del sacrificio.
- Capo dei sacerdoti era il Sommo Sacerdote,
la più alta autorità religiosa, che veniva consacrato
con l'unzione.
- Il Sommo Sacerdote aveva una carica
ereditaria e quando si dimetteva dalla sua funzione,
manteneva per prestigio il titolo di sommo sacerdote.
- La Palestina era solcata da nord a sud dal fiume Giordano.
I Farisei:
- il termine significa
separati
- gruppo di persone che, durante la persecuzione macedone, si erano distinti dagli altri per la loro fedeltà alla Torah
- erano molto religiosi, e mantenevano un comportamento esemplare, specialmente nel riposo del sabato.
- difendevano la santità di Dio, l'integrità della Torah dalle contaminazioni e la interpretevano adattandola alle nuove situazioni.
- adempivano a tutte le norme religiose che riguardavano l'alimentazione la vita sessuale, la malattia.
- credevano alla risurrezione dei morti.
- attendevano un Messia politico.
- erano in opposizione ai romani e ai Sadducei

I Sadducei
- erano persone ricche, patrizi e sacerdoti, che collaboravano con i romani.
- erano conservatori sia politicamente che religiosamente.
- seguivano la Torah alla lettera.
- davano grande importanza al culto nel Tempio
- non credevano alla risurrezione dei morti
- Attendevano un Messia-re, che avrebbe
ridato ad Israele prestigio politico.
Gli scribi
- erano gli esperti della Torah, i dottori della
Legge o rabbì.
- loro compito era spiegare le Sacre Scritture.
Gli Esseni
- Al tempo dei Maccabei (II secolo a.C.), diversi sacerdoti si erano staccati dal Tempio di Gerusalemme per via della corruzione regnante, per questo erano chiamati "
esseni"
, che significa "
puri
".
- Si erano radunati nel deserto e vivevano in comunità.
- vivevano in povertà, non erano sposati e osservavano scrupolosamente la Torah.
- aspettavano la venuta del Messia- Figlio dell'uomo che avrebbe combattuto insieme ad essi la battaglia finale contro il male inaugurando un nuovo paradiso terrestre.
I Samaritani
- abitanti della Samaria
- Per loro il luogo della presenza di Dio non era il Tempio di Gerusalemme, ma il monte Garizim (in Samaria) e per questo erano in costante polemica con i Giudei.
- consideravano Parola di Dio solo la Torah
(i primi 5 libri della Bibbia)
- Attendevano la venuta di un nuovo Mosè
Gli Erodiani

- erano i sostenitori della dinastia
monarchica di Erode il Grande
I proseliti
- erano i pagani che desideravano diventare Ebrei.
La vita religiosa
- il suo centro era la preghiera del sabato compiuta nel tempio di Gerusalemme e nelle altre località in sinagoga.
- importanti erano l'offerta di sacrifici, le feste religiose e il rispetto delle prescrizioni della Torah
- molti erano i Rabbì, i maestri della Torah, che avevano vere e proprie scuole.
La società ebraica
- era suddivisa in gruppi:
1. I ricchi
2. I commercianti
3. I poveri (agricoltori e pastori)
4. Gli ammalati (peccatori maledetti da Dio)
5. Gli schiavi (se ebrei godevano di alcuni privilegi, se pagani erano considerati degli oggetti alla merce del padrone)
6. Le donne non godevano di alcun diritto: non potevano partecipare alla vita pubblica, in pubblico dovevano coprirsi il volto e dovevano essere sottomesse in tutto al marito.
Le Tasse
- erano di due tipi:
1. le tasse ebraiche (le decime e dall'offerta al Tempio)
2. le tasse romane (il tributo a Cesare e le imposte sulle proprietà e le vendite)
Full transcript