Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Contro i manicheismi

No description
by

patrizia vayola

on 14 December 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Contro i manicheismi

Due spettri s'aggirano per le scuole italiane:
la lavagna interattiva e il tablet.
[..] la cultura digitale è uno dei più temibili moventi di interruzione della concentrazione che si siano mai presentati nella storia, e si sa quanto la concentrazione sia cruciale nell'apprendimento
di Raffaele Simone
Se a scuola Internet rende stupidi
23 gennaio 2012

http://www.repubblica.it/scuola/2012/01/23/news/de_simone_scuola_digitale-28643708/
I mezzi multimediali consentono di ottimizzare l’offerta formativa poiché:
- rendono l’approccio alla realtà cognitiva più coinvolgente e motivante per gli alunni;
- permettono una più ricca offerta di materiale di lavoro;
- consentono una migliore organizzazione di percorsi formativi individualizzati,
- favoriscono l’apprendimento grazie alle sinergie dei canali percettivi ed espositivi fruibili in molteplici contesti curricolari;- costituiscono una risorsa preziosa per gli alunni che hanno difficoltà a seguire l’attività didattica abituale
(Dal POF di una scuola secondaria)
le tecnologie restano strumenti
e come tali dipendono dalle
scelte di chi le usa

abilità, o attitudini, tipiche dei
nativi digitali:
− sono in grado di acquisire informazioni molto velocemente
−elaborano le informazioni in maniera parallela, multi-task;
− preferiscono la grafica al testo;
− preferiscono accedere all’informazione in modo casuale (come in un ipertesto) piuttosto che sequenziale;
−operano meglio quando sono connessi in rete
− hanno bisogno di gratificazioni istantanee e di frequenti ricompense;
− preferiscono i giochi al “lavoro serio”.
(Prensky 2001)
I nostri insegnanti immigrati parlano una
lingua obsoleta (quella dell’era pre-digitale), e cercano con fatica di insegnare ad una popolazione che parla una lingua totalmente nuova
(Prensky 2001)

Nel 2010 Prensky stesso propone tre nuovi profili che superano l'approccio generazionale:
a) quello del
saggio digitale
(digital wisdom) = capace di un uso critico e responsabile delle tecnologie digitali;
b) quello dello
«smanettone»
digitale (digital skilness) = possiede le competenze tecniche che lo rendono rapido, esperto, dotato di grande dimestichezza rispetto ai diversi supporti;
c) quello dello
stupido digitale
(digital stupidity) = fa usi impropri, dannosi, trasgressivi delle tecnologie o rifiuta a priori di avvicinarsi ad esse ritenendole fonte di tuttii mali.


http://innovateonline.info/pdf/vol5_issue3/H._Sapiens_Digital-__From_Digital_Immigrants_and_Digital_Natives_to_Digital_Wisdom.pdf
Contrariamente a quanto si è indotti a pensare la ricerca educativa basata su evidenza mostra ormai da decenni che in termini di efficacia dell'apprendimento i risultati sono assai modesti; in molti casi si può verificare anche un abbassamento degli apprendimenti, dovuto verosimilmente alle difficoltà di gestire i fattori di sovraccarico, distrattività o estroflessione che le tecnologie possono introdurre.
Antonio Calvani 2012
http://www.flcgil.it/rassegna-stampa/nazionale/intervista-a-a-calvani-solo-demagogia-il-digitale-a-scuola-non-migliora-l-apprendimento.flc
1 le tecnologie digitali "naturalmente" inducono a un metodo interattivo e sociale nell'accostarsi alla conoscenza (Point; click and share);

2 gli alunni e gli studenti nativi digitali praticano spontaneamente fuori da scuola questo tipo di comportamenti attraverso social-network e strumenti di comunicazione istantanea cui accedono attraverso notebook, consolle per video giochi, smartphone;
Paolo Ferri
http://www.agendadigitale.eu/egov/154_apprendere-ricercando-la-fine-della-didattica-nozionistica.htm
La scuola non deve cambiere per la presenza del digitale ma il digitale è un elemento della nostra cultura (v. antropologia culturale) e starne fuori vuol dire stare fuori dal nostro tempo, vivere la scuola come parte separata della società.
Gianni Marconato, SieL dicembre 2013
http://www.slideshare.net/gmarconato/il-pesce-non-sa-dellesistenza-dellacqua e anche il suo blog
Apprendere (con e senza le tecnologie) http://www.giannimarconato.it/
Full transcript