Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

La chiamata di Abram

No description
by

Luca Giovanni Vergani

on 3 August 2018

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La chiamata di Abram

La chiamata di Abram
Gen 12,1-4

"Terra"
BENEDIRE
In ebraico
Berâkâh.
La benedizione che YHWH dona all'uomo, è il suo Amore appas-sionato per la vita, la sua forza creatrice.
A differenza di quello che spesso si sente dire, nella tradizione ebraica quando Dio benedice non significa "che
dice bene di qualcuno
" ma che dona la sua stessa essenza divina, il suo potere vitale, la sua capacità di trasfigurare il mondo rendendolo un luogo di vita buona, di vita realmente Umana.
Vita Umana
"Il comando"
Abramo ascolta il comando di YHWH. Ma perché Dio comanda?
Certo non lo fa per togliere la libertà agli uomini. Nel comando così come lo intende la bibbia, c'è l'autorevolezza di Dio che parla con l'uomo coinvolgendosi in prima persona, assumendosi la totale responsabilità di quello che dice. Il comando è il modo con cui Dio assicura la Verità assoluta dell'Amore. L'ascolto di questa "Parola" nella fiducia, apre le porte alla felicità: "Osserva e ascolta tutte queste cose che ti comando, perché tu sia sempre felice" (Dt 12,28).
Una chiamata ... o tante chiamate?
Questo racconto quando e perché è stato scritto?
Se vuoi continuare nella ricerca torna sul sito e cerca "Il mistero del manoscritto"

ESSENZA
"Parte fondamentale e caratteristica di qualcosa o qualcuno" (cit. Lo Zingarelli)
Il nome di Dio
YHWH
Nella tradizione ebraica, Dio ha
un nome ma non è pronunciato.
Ha un nome perché ha una identità e si può conoscere ... ma non si può "com-prendere", perché Dio è grande e non si può possedere.
Per la bibbia Dio è una continua sorpresa, non è possibile prevedere il suo modo di rivelarsi. Spesso si fa conoscere in fatti e persone che nessuno considera, o che addirittura vengono emarginate. Questa è la bellezza di YHWH !
Come hai visto nel brano la parola terra si ripete più volte.
Le prime due volte (colore azzurro) indica uno spazio fisico, geografico e in ebraico si dice "èretz"
La terza volta (colore giallo) indica la materia organica, il terriccio ciò con cui, secondo il racconto della creazione, YHWH ha modellato l'uomo. In ebraico si dice "adamàh" e uomo, nel senso di umanità "adam".
Per cui l'uomo che accoglie la benedi-zione di YHWH, diventa a sua volta benedizione, fonte di vita buona per l'umanità intera e vive nella terra che è sua madre, in un legame di fratellanza che va ben oltre ogni divisione, ogni chiusura e ogni forma di razzismo.
Fede è anche credere in questa visione dell'umanità.
YHWH
disse ad Abram:
"Lascia la tua
terra
, la tua patria, la casa di tuo padre e va
nella
terra
che io ti indicherò.
Farò di te un grande
popolo

e ti
benedirò,
renderò grande il tuo nome e tu sarai una
benedizione
.
Benedirò
chi ti farà del bene.
Maledirò chi ti farà del male.
Attraverso di te saranno
benedetti

tutti i
popoli
della
terra
".
Allora Abram partì secondo
il comando di
YHWH
.
L'essenza di YHWH, la sua sostanza, ciò di cui è fatto, è l'Amore, l'amore appassionato che genera ogni relazione.
L'uomo che riceve la benedizione di YHWH, pone al centro della sua vita la bellezza delle relazioni, capisce che queste sono ciò che è essenziale, vitale, non può farne a meno.
Abramo e Sara - Icona del Piccolo Eremo delle Querce
Full transcript