Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Il Compendio Regionale sulla Catalogazione

Presentazione in occasione del convegno "Il Catalogo Nazionale dei Beni Culturali". Roma 16-17 Gennaio 2013
by

Giulio Stumpo

on 27 May 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Il Compendio Regionale sulla Catalogazione

Roma, 16-17 Gennaio 2013
Complesso monumentale di San Michele a Ripa
Sala dello Stenditoio Necessità di fare rete Necessità di condivisione Razionalizzazione Esigenze del sistema di
catalogazione nazionale Instaurare un dialogo permanente con l'universo articolato della catalogazione Per fare sistema è necessario cooperare con i diversi enti coinvolti nel processo di catalogazione Il compendio vuole essere uno strumento di razionalizzazione delle risorse umane e finanziarie. Come nasce l'idea Le esigenze del sistema catalogo L'analisi delle esigenze dell'ICCD è stata il primo passo per individuare gli strumenti adatti ad affrontare i problemi Analisi dei
portatori di interesse Analisi dei fabbisogni Ricerca di sistemi
esistenti Cultural Policies si sono presi in esame tutti i portatori di interesse del sistema nazionale del catalogo Si sono analizzati i fabbisogni informativi di ciascuno e gli strumenti con i quali soddisfarli Si sono presi in esame sistemi informativi di differenti contesti per comprenderne le potenzialità e adattarle alle esigenze del sistema del catalogo nazionale Si è infine individuato il sistema che è apparso quello che rispondeva al meglio alle caratteristiche del settore e alle esigenze dell'Istituto www.culturalpolicies.net Condivisione di tutte le fasi del processo Ricerca dei
responsabili regionali Strutturazione della
piattaforma informativa Come abbiamo sviluppato l'idea Analisi degli indirizzari
Ricerca sui siti istituzionali delle amministrazioni regionali primo sondaggio tra i referenti per comprenderne le esigenze, le aspettative e per capire l'adesione al progetto Riunione dei partecipanti per illustrare il progetto e per far partire il senso di comunità Individuazione delle funzioni e dell'architettura della piattaforma creazione degli strumenti e delle applicazioni necessarie per far funzionare la piattaforma Test delle funzionalità Il Compendio ha la funzione principale di descrivere, attraverso una griglia armonizzata, i Temi e le attività delle amministrazioni pubbliche nel settore della catalogazione del patrimonio artistico. Funzioni Sono presentati approfondimenti, studi e ricerche che potranno migliorare l'efficienza del sistema del catalogo e razionalizzare le risorse. Offre la possibilità di comparare le attività delle diverse amministrazioni Temi Approfondimenti News Presenta le ultime notizie nazionali e
provenienti dai territori Comparazioni Cooperazione E' uno strumento che vuol far cooperare e condividere il patrimonio informativo delle amministrazioni pubbliche e le istituzioni del settore Dialogo Coordinamento Formazione Studi e ricerche Obiettivi generali dialogo stabile e istituzionale con tutte le regioni, che dia seguito al dibattito sulle tematiche che hanno animato la Commissione paritetica costituita in base all'Accordo del febbraio 2001 coordinamento delle azioni promosse da Stato e Regioni secondo quanto espresso dall’art. 17 del Codice con particolare riguardo alle metodologie standard e al catalogo generale del patrimonio nelle sue articolazioni territoriali formazione e qualificazione degli addetti con il coinvolgimento anche delle Università attività di studio e ricerca che approfondiscano e diano rilievo ai temi strategici per l’azione comune riferita alla catalogazione secondo il dettato degli articoli 118 e 119 del Codice dei beni culturali e del Paesaggio Caratteristiche salienti Social Open source Raccolta dati qualitativi Sintesi Confronto Trasparenza Networking Qualche numero Gli enti
partecipanti I redattori
iscritti Gli articoli pubblicati 28 38 92 Gli sviluppi 2012 da ora in poi 2013 Il sito è on-line Implementazione della piattaforma
Funzioni di supporto per sintesi statistiche
Integrazione con i principali social network (twitter, facebook)
Maggiore utilizzo di risorse on-line per migliorare il governo delle attività (Hangout di Google, Chat, Limesurvey) Apertura ad ulteriori soggetti tra i quali: Soprintendenze Statali
Sovrintendenze comunali
Università
Conferenza Episcopale Italiana Relativo adeguamento della piattaforma Regioni Provincia Autonoma di Trento
Regione Abruzzo
Regione Autonoma della Sardegna
Regione Campania
Regione Veneto
Regione Lombardia
Regione Marche
Regione Molise
Regione Piemonte
Regione Sicilia
Regione Valle d'Aosta
Centro regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali del Friuli Venezia Giulia
Centro Regionale di Documentazione dei beni culturali (CRD) della Regione Lazio
Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia Romagna Direzioni regionali Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Lazio
Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte
Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto
Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell'Abruzzo
Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell'Umbria
Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Calabria
Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Puglia
Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Sardegna
Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Toscana
Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici delle Marche Soprintendenze Speciali Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma
Soprintendenza Speciale per i Beni archeologici di Napoli e Pompei Sovrintendenze comunali Sovrintendenza Capitolina Elena Plances (ICCD) Giulio Stumpo (ECCOM) Crediti Elena Alessandrini
Chiara Andrighetto http://www.iccd.beniculturali.it/compendio/?r=5&year=2013&regione=13/18/15/8/6/12/3/11/14/1/16/20/19/9/4/10/2/5&cnt=6/8/23/12/13/14 Esempi di comparazione Obiettivi specifici Informazione Attraverso contributi dei singoli enti ci si confronta su temi di interesse comune Sintesi Presentazione di sintesi qualitative e quantitative sulla catalogazione Networking Cooperazione attiva dei redattori Grazie per l'attenzione Maggio Ampliamento della redazione http://www.iccd.beniculturali.it/compendio/ Fabio Ascenzi
Paola F. Munafò
Maria Rosaria Palombi Enrico Benes
Dario Trucchi Rosella Arcadi Pierluigi Artico Francesca Boldrighini Giuseppe Campisi Tiziana Biganti Nicoletta Cardano Laura Carlini Irma Elisa Catolino Mario D'Eramo Cristina De La Pierre Veronica De Vecchis Roberto Fiorentino Elisabetta Francescutti Alberto Grof Paola Guerrini Palma Labellarte Anna Paola Loi Marina Mengarelli Michela Mengarelli Franca Merluzzi Diego Mondo Marta Paraventi Paola Pascucci Anna Pistuddi Elena Plances Anna Maria Romano Patrizia Tamassia Sergio Urbisci Lucia Ezia Veronesi Benefici Autonoma identificazione
Nella rete gli enti catalogatori si riconoscono
Migliore cooperazione
Disponibilità di informazioni sui vari temi
Confronto sullo stato della catalogazione
Condivisione di esperienze
Riutilizzo di strumenti già in uso presso altri enti e conoscenza di "buone practiche"
Utilizzo di risorse on-line Immediata riconoscibiltà
Migliore cooperazione
Facile circolazione delle informazioni
Confronto tra esperienze
Programmazione per ricalibrare i percorsi di sviluppo
Riutilizzo di strumenti esistenti
Buone pratiche in uso presso altri enti
Full transcript