Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Untitled Prezi

No description
by

S.M Galmozzi 3°D

on 28 February 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Untitled Prezi

Dipendenza da internet e l'infanzia "scomparsa" sembra più curioso e allarmante è come la parte più superficiale del cervello si restringa, si rattrappisca fisicamente in maniera proporzionale alla dipendenza da Internet Realisation A sostenerlo è Susan Greenfield, direttrice della Royal Institution of Great Britain, che afferma che l’utilizzo del computer impedisce di imparare a superare difficoltà ed errori commessi. A detta della studiosa bisogna considerare che tra i principali fruitori del computer ci sono anche i bambini, nei quali il continuo servirsi dei mezzi informatici impedirebbe un adeguato sviluppo della corteccia pre-frontale.
A risentirne sarebbero dunque attività cerebrali come l’attenzione, l’empatia e l’immaginazione. Ci sarebbe pure un legame molto stretto fra uso eccessivo e smodato del computer e obesità sempre nello sviluppo dell’area del cervello che regola questi processi cognitivi. Il tutto quindi risiederebbe in uno stile di vita poco salutare che unisce abitudini alimentari sbagliate, poca attività fisica e troppe ore passate davanti al computer.
Sebbene esistano dei veri e propri rischi legati all’uso indiscriminato del computer, le considerazioni di Susan Greenfield a molti potranno apparire un po’ eccessive e forse troppo allarmistiche. I bambini vanno educati di certo a non fossilizzarsi davanti al computer, ma forse con moderazione è possibile integrarlo nelle varie attività svolte durante la giornata senza che ne derivino particolari conseguenze.
Full transcript