Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

DAVIDE BIANCUZZI- 3ELSA- LA CRISI DEI SECOLI XIV E XV

No description
by

Davide Biancuzzi

on 28 May 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of DAVIDE BIANCUZZI- 3ELSA- LA CRISI DEI SECOLI XIV E XV

LA CRISI DEL XV SECOLO si inizia a coltivare terreni
marginali, più poveri e meno fertili iniziano a scarseggiare
i concimi diminuiscono
le risorse diminuiscono le scorte precedentemente alle epidemie in Europa, ci fu un
calo demografico periodo definito PICCOLA
ERA GLACIALE il surplus viene utilizzato per il fabbisogno della popolazione le popolazioni hanno
meno risorse i commerci internazionali delle risorse
diminuiscono nettamente Fattori che favorirono
la peste clima freddo,umido e
piovoso carestie ripetute e
diffusa sottoalimentazione possibilità per le pulci pestifere di trasferirsi dai ratti agli uomini Regolari scambi commerciali
con l'Oriente Concentrazioni di grandi
masse umane nelle città conseguenze della peste forte calo demografico i contadini abbandonano le terre fenomeno dei villaggi scomparsi che cos'è la peste ? I campi si allagano, diventano molto argillosi I boschi vengono sfruttati per legname caccia le paludi per la pesca
VENGONO MESSI A COLTURA
I TERRENI SOLITAMENTE DESTINATI AL PASCOLO QUINDI RISPOSTE ALLA CRISI IN EUROPA Sul lungo periodo la crisi condusse grandi trasformazioni
nell' : conducendo le diverse regioni europee
a sviluppi differenziati economia società

organizzazione del territorio EUROPA MEDITERRANEA - Grande diffusione dell'allevamento arricchimento dei proprietari terrieri attraverso la transumanza - Aumento della dipendenza contadina
da parte dei propietari terrieri i contadini sono vincolati ai terreni,
vengono sfruttati al massimo durante la crisi,
momento in cui la manodopera scarseggia processo di RIFEUDALIZZAZIONE EUROPA SETTENTRIONALE - Allevamento di pecore e bovini - Coltivazione di piante industriali attivano una parte dell'economia europea
farovendo la formazione
dell'industria tessile canapa
necessaria per il
cordame lino
fondamentale per i tessuti piante tintorie
per la colorazione dei tessuti piante che necessitano
lavoro successivo SVILUPPO
MANIFATTURIERO RISTRUTTURAZIONE DELLE MANIFATTURE L'Inghilterra cessa di esportare lana grezza, inizia la formazione dell'industria tessile locale Spagna nuovo centro di esportazione la produzione di pannilana si trasferisce
dalla città alla campagna i contadini sono svincolati dalle regole imposte dalle corporazioni continua ricerca di soluzioni economiche
comporta allo sviluppo della seta Firenze EUROPA ORIENTALE Si instaurano dei rapporti servili che determinano uno sviluppo del feudalesimo Vengono imposte corvee pesantissime imposte ai contadini. Questa presa di potere da parte dei feudatari provoco' rivolte contadine si afferma una nuovo idea
di stato nazionale re governa assistito da dei funzionali pubblici comincia come una guerra feudale
e finisce come una guerra nazionale viene introdotta la figura dell'
arciere Fine LA GUERRA DEI CENT 'ANNI 1337 - 1453 significato storico ? conflitto tra va vista come un momento fondamentale
del processo di
costituzione della monarchia
nazionale
francese poteri feudali Re di Francia PRIMA
della guerra
dei cent'anni per il re lo Stato era - un MOSAICO di entità (ducati, contee,
feudi minori, signorie ecclesiastiche, città) - il re era al vertice di una CATENA DI RAPPORTI DI FEDELTÁ con i propri vassalli e feudatari Quando un vassallo mancava ai rapporti di fedeltà veniva dichiarato
“fellone” e il feudo veniva requisito ARRICCHIMENTO DEL RE DOPO
la guerra dei Cento Anni - Il re non riconosce nessun potere indipendente e possiede nei confronti dei feudatari un potere molto superiore Il feudalesimo entra in crisi, ma continuò
a lungo ad essere una realtà solida,
difficile da cancellare. PREMESSE ALLA GUERRA Nel 1294 il re francese Enrico IV il Bello aveva tentato di far valere i suoi diritti superiori sui due grandi feudi del regno: IL DUCATO DI
GUIENNA LA CONTEA DI
FIANDRA - uno dei più importanti poli manifatturieri
- economicamente legata
all'Inghilterra legami importantissimi con l'Inghilterra perchè lì venivano lavorate le lane inglesi e a Bruges aveva sede la compagnia dei mercanti inglesi esportatori - possesso feudale del re d'Inghilterra

- era ciò che restava del grande DUCATO DI AQUITANIA IL PROBLEMA DELLA SUCCESSIONE
AL TRONO Come legittimo erede venne indicato
FilippoVI di Valois(1328-1350), appartenente ad un ramo cadetto della dinastia Una discendenza diretta, invece, poteva essere vantata dal re d'Inghilterra Edoardo III Plantageneto, figlio di Edoardo II e di una figlia di Filippo il Bello. Il principio di esclusione per la legge salica valeva anche per lui, in quanto discendente per linea femminile.
In Inghilterra però la successione femminile era ammessa. LEGGE SALICA : era esclusa la discendenza per via femminile, considerata incompatibile
con le funzioni sacerdotali e di sacra funzione attribuite al re LO SCOPPIO
DELLA GUERRA - Nel 1337 il re di Francia Filippo VI accusa il re di Inghilterra di fellonìa, in quanto suo feudatario, perchè sostenitore della ribellione delle Fiandre

Edoardo III d'Inghilterra risponde rivendicando i suoi
SUPERIORI DIRITTI SUL TRONO DI FRANCIA Dichiara quindi la
REQUISIZIONE DEL DUCATO DI GUIENNA Il 1337 è l'anno di inizio del conflitto tra il re di Francia e quello di Inghilterra, che si concluse nel 1453 (116 anni) Era un esercito impostato in modo nuovo nella
STRATEGIA QUESTO COMPORTA Numericamente e strategicamente la cavalleria contava di meno delle milizie di origine contadina e cittadina DECADENZA DELLA FUNZIONE
MILITARE DELLA NOBILTÁ Gli arcieri costituivano un reparto specializzato che basava il proprio combattimento su valori opposti a quelli dei cavalieri, quindi DECADENZA DELLA FUNZIONE
MORALE DELLA NOBILTÁ L'esercito era in gran parte mercenario,
dipendeva di meno dall'assolvimento degli obblighi feudali DECADENZA DEI RAPPORTI FEUDALI DI FEDELTÁ QUESTO COMPORTA QUESTO COMPORTA GARANTIVA I COMMERCI

CON L'ORIENTE - fungeva come una
sorta di ponte per i commerci

- era fortemente legato ai centri marittimi di Venezia Genova Nel 1368 la dinastia cinese
mongola fu rovesciata dai Ming.
Il frazionamento dei khanati mongoli era già cominciato precedentemente i mongoli finirono per convertirsi
all'ISLAMISMO quest'ultima dovette far fronte
a numerosi conflitti lungo le principali vie centro-asiatiche vennero assorbiti dalla superiorità
della cultura iraniana che
diventò gradualmente nazionale COSA SI OTTENNE DA
QUESTE LOTTE ? La minoranza mongola finì per essere assorbita dalle popolazioni turcomanne le nuove vie di commercio
si spostano DAL CENTRO DEL CONTINENTE ALLE COSTE
DEL MAR Rosso vie terresti del commercio
SONO INSICURE Nel luglio 1346 il re Edoardo III
Plantageneto sbarca in Normandia con: 4000 cavalieri

10000 tra fanti e arcieri mercenari Si trattò di una sequenza di guerre diverse,
interrotte da due paci principali(1360 e 1420)
e da lunghe tregue importante centro DURANTE LA PRIMA FASE
DELLA GUERRA... La battaglia di Crecy (20 agosto 1346) Crecy sul confine tra
regno di Francia e Fiandre la carica dei cavalieri francesi
si risolse in una sconfitta epocale Da una cronaca di Jean Froissart Colpiti dal nugolo di frecce lanciate dagli arcieri mercenari inglesi, le truppe francesi vennero sconfitte
Full transcript