Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Tesina

No description
by

Caterina Costa

on 25 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Tesina

L'Italia nel 1848
Viva VERDI!
Lotta per
l'indipendenza

Le opere
Finalmente uniti!
Terza B 2013/2014
Istituto Comprensivo
Sant'Arsenio

Caterina Costa
La prima guerra d'indipendenza
La seconda guerra d' indipendenza
La terza guerra d'indipendenza

L'Italia nel 1861
La scritta "Viva
VERDI
" al tempo dell'indipendenza non rappresentava un inno al compositore contemporaneo Giuseppe Verdi, bensì era l'acronimo di
V
ittorio
E
manuele
R
e
D
'
I
talia.
La fama
Ormai la sua fama ha valicato le Alpi e nel 1871 al Cairo, in occasione dei festeggiamenti per l’apertura del Canale di Suez, fu eseguita un’opera scritta per tale l’occasione, l’Aida. Nel 1874, qui a Milano, nella Chiesa di San Marco, diresse la Messa di Requiem dedicata ad Alessandro Manzoni nel primo anniversario della sua morte. Passeranno tanti anni prima che Verdi si decidesse a scrivere nuovamente opere teatrali.
La scritta "Viva
VERDI
" al tempo dell'indipendenza non rappresentava un inno al compositore contemporaneo Giuseppe Verdi, bensì era l'acronimo di
V
ittorio
E
manuele
R
e
D
'
I
talia.
Firma del compositore
Giuseppe Fortunino Francesco Verdi (Le Roncole, 10 ottobre 1813 – Milano, 27 gennaio 1901) è stato un compositore italiano autore di melodrammi che fanno parte del repertorio operistico dei teatri di tutto il mondo. È considerato il più celebre compositore italiano di tutti i tempi. Nacque a Roncole di Busseto il 10 ottobre 1813, di umili origini. Fu avviato agli studi musicali dall’organista del paese. Successivamente fu ospitato a Busseto da un ricco commerciante, Antonio Barezzi il quale lo pose sotto la guida del maestro della banda del paese. Più tardi Barezzi inviò Verdi a Milano ma al conservatorio (che oggi porta il nome del compositore) non fu ammesso, ma non si perse d'animo. Ultimati gli studi tornò a Busseto dove 1836, sposa la figlia di Barezzi, Margherita. Nei due anni successivi nascono Virginia e Icilio. Intanto Verdi comincia a dare corpo alla sua vena compositiva, già decisamente orientata al teatro e all'Opera.
Nel 1839 ebbe un discreto successo con un'opera, "Un giorno di regno", eseguita alla Scala ma la seconda opera fu un fiasco. Solo nel 1843 con il Nabucco, Verdi fu consacrato un grande operista. negli anni successivi egli approfittò della aspirazione all’indipendenza e alla libertà diffusa nella popolazione lombarda per conquistare il consenso popolare musicando libretti di argomento patriottico. Nel 1849 si unì a Giuseppina Strepponi che sposerà 10 anni dopo. Durante gli anni ’50 Verdi abbandonò i libretti legati ai temi politici ed affronta problematiche più specificatamente romantiche.
L'Egitto
Silvio Pellico
Silvio Pellico è stato uno scrittore, poeta e patriota italiano, noto soprattutto come autore di Le mie prigioni. Silvio Pellico nacque a Saluzzo ( Cuneo) il 25 giugno 1789.Dopo aver studiato a Pinerolo e a Torino, nel 1809 si stabilì a Milano. Cominciò a scrivere nel 1812 specialmente per il teatro, ideando tragedie formalmente ancora classiche, ma già romantiche da un punto di vista del contenuto. Sempre a Milano fu per qualche tempo direttore del “Conciliatore”. Fu a causa del suo profondo sentimento patriottico che nel 1820 venne arrestato con l'accusa di carboneria: condannato a morte, la sentenza fu commutata in 15 anni di carcere duro, da scontare nella fortezza di Spielberg, in Moravia. Nel 1830 arrivò la grazia imperiale e, tornato a Torino, si ritirò dalla politica attiva. Non dimenticò o dell'esperienza carceraria, nel 1832 scrisse “Le mie prigioni”, dove Pellico descrive l'arresto, la vita nel carcere e la sua liberazione. Silvio Pellico compose diverse tragedie:“Ester d'Engaddi”, “Iginia d'Asti”, “Gismonda”, “Erodiade”, “Tommaso Moro”, alcune cantiche:“Tancredi”, “Morte di Dante” e varie liriche. Morì a Torino il 31 gennaio 1854.
Nel 1887 rappresentò l’Otello e nel 1893 il suo ultimo capolavoro, il Falstaff. Morì il 27 gennaio 1901 a Milano dove con la moglie Giuseppina riposa, nella Cappella della casa di riposo per musicisti.
À propos de la pyramide
Francesco Hayez
Francesco Hayez (Venezia, 10 febbraio 1791 – Milano, 21 dicembre 1882) è stato un pittore italiano, massimo esponente del romanticismo storico, particolarmente noto per l'opera Il bacio.
Molte sue opere sono "criptate" e hanno un messaggio nascosto (sicuramente politico). Ad esempio nel Bacio, rappresentato in epoca medioevale, intuiamo il vero significato dell'opera, legata al suo tempo, con un patriota che sta partendo per la guerra contro gli Austriaci.
Naturalmente in quegli anni era vietato rappresentare liberamente scene di questo tipo, ed è proprio così che Hayez decise di "camuffare" o "criptare" i suoi dipinti, trasponendoli in epoche passate.
Il Bacio, è diventato infatti il "manifesto" del Romanticismo Italiano.
L'energia
Qualunque organismo ha bisogno di energia per vivere. L’energia è legata a tutte le attività umane: quando pensiamo o ci muoviamo utilizziamo l'energia immagazzinata nel nostro corpo e tutti gli oggetti che ci circondano o di cui facciamo uso hanno bisogno di energia per funzionare o ne hanno avuto bisogno per essere costruiti; l’energia illumina e riscalda le nostre case, ci permette di spostarci, alimenta gli strumenti con i quali produciamo il cibo e così via.
Tutto ciò che produce energia è una "fonte di energia". Il Sole è la principale fonte di energia della Terra. La Terra riceve dal Sole un flusso ininterrotto di energia che, oltre ad alimentare tutti i processi vitali, vegetali e animali, scioglie i ghiacci ed alimenta il ciclo dell’acqua tra mare e atmosfera, produce i venti, fa crescere le piante che nel corso di milioni di anni si sono trasformate, insieme ai resti di organismi animali, in combustibili fossili: petrolio, carbone e gas naturale.
In generale tutta l'energia disponibile sul nostro pianeta deriva direttamente o indirettamente dal Sole: l'energia idrica, l'energia eolica, l'energia chimica dei combustibili fossili (carbone, petrolio e gas naturale) e delle biomasse (per esempio la legna), persino l'energia delle onde. Dai campi gravitazionali del Sole, della Luna e della Terra deriva l'energia delle maree. Risalgono alla formazione della Terra, invece, l'energia geotermica e quella nucleare (esse non derivano dalle trasformazioni successive dell’energia del Sole).
Territorio
Popolazione
Economia
L'energia solare
L’Energia solare è una fonte di energia pulita ma più ancora è la fonte che dona la vita al nostro Pianeta. Dal Sole infatti viene l’energia utilizzata dagli organismi autotrofi, quelli cui è affidata la fotosintesi clorofilliana e che dunque genera la vita sulla Terra. Dal punto di vista ambientale l’energia solare rappresenta una fonte di energia ad impatto zero, alternativa a quella prodotta da combustibili tossici e rinnovabile. Tra le tecnologie più conosciute per sfruttare l’energia solare ci sono i pannelli fotovoltaici che sono in grado di trasformare i raggi solari in elettricità e riscaldamento sia per abitazioni domestiche sia per quelle industriali.
23 Marzo 1848
Il re di Sardegna
Carlo Alberto dichiara guerra all'Austria
: inizia la prima guerra d'indipendenza. Inviano truppe il re di Napoli, il granduca di Toscana, il Papa Pio IX.
Marzo 1849
Carlo Alberto riprende la guerra all'Austria ma è sconfitto a
Novara
.
Luglio 1848
Il Papa e gli altri sovrani ritirano le truppe, Carlo Alberto è sconfitto a
Custoza
.
I democratici prendono la guida alla lotta:
scoppiano insurrezioni a
Venezia
Repubblica di San Marco



Costretta alla resa dagli Austriaci
(Agosto 1849)
Firenze
Governo Democratico


Abbattuto dagli Austriaci
(Maggio 1849)
Roma
Repubblica romana


Abbattuta dai Francesi
(Giugno 1849)
Il territorio dell'Egitto viene diviso in quattro zone:
La
valle del nilo
, percorsa per 1500 km dal fiume omonimo, lungo il qualesono sorte le principali città e vive la maggior parte della popolazione, perchè è l'unica zona fertile;
Il
deserto libico
, che fa parte del Sahara e in cui si trovano numerose oasi;
Il
deserto arabico
, un altopiano roccioso tra il Nilo e il Mar Rosso;
La
penisola del Sinai
, in Asia.
Il clima è desertico, con temperature molto elevate.
Il Nilo
Il deserto libico
Il deserto arabico
Il Parco Nazionale di Ras Mohammed è un'area protetta situata all'estremità sud della penisola del Sinai.
Il 95% del territorio è desertico. L'unica zona abitata coincide con la valle del Nilo. Le trasformazioni economiche hanno provocato un incremento demografico e una forte urbnizzazione. Un'altra percentuale della popolazione emigra verso i paesi arabi dell'Europa, La religione più diffusa è quella musulmana (94%), ma una forte minoranza pratica la religione cristiana copta.
La capitale, Il Cairo (10834000 ab. con l'agglomerato urbano), sorge sulla riva destra del Nilo. Ha conosciuto negli ultimi decenni un intenso incremento demografico. Alessandria (3755901 ab.) fu fondata da Alessandro Magno. Sorge sul delta del Nilo ed è un centro commerciale, industriale e finanziario e il porto principale del Paese.
Il Cairo
Alessandria d'Egitto
L'agricoltura è praticata lungo le rive del Nilo. Il clima permette tre raccolti l'anno: in inverno grano, fagioli , orzo, fave, cipolle e lino; in estate cotone, riso, mais canna, arachidi e sesamo; in autunno riso, mais e miglio.
Si pescano spugne, coralli e madreperla.
La principale ricchezza del sottosuolo è costituita da idrocarburi, gas naturali e fosfati. Importanti sono anche le saline di Porto Said e Alessandria.
L'industria è in crescita. Importanti impianti termoelettrici e idroelettrici sono sorti dopo la costruzione della diga di Assuan. Fonti di ricchezza sono il turismo, legato al patrimonio archeologico, e il Canale di Suez, con i pedaggi pagati dalle navi.
Il Canale di Suez
Le piramidi egizie
John Keats
Inaugurée le 30 mars 1989, la pyrmide du Louvre est aujourd'hui le symbole de Paris. Avec la Vénus de Milo et la Joconde, elle arrive à la troisième place parmi les oeuvres les plus appréciées des visiterurs du Louvre. Cette grande pyramide n'est pas seule au Louvre car il y en a en tout cinq, les quatre autres étant la pyramide inversée et les trois mini-pyramides entourant la pyramide principale bordée de bassin d'eau triangulaires.
La dire tion du Musée du Louvre affirme que la pyramide complète compte un total de 673 plaques vitrées (603 losanges et 70 triangles).
La pyramide du Louvre
The romantic period in English literature was at the end of the 18° and the beginning of 19° century. Two famous Romantic poets were Percy Shelley and John Keats. They wrote about love and nature. Today, these poets are very famous for their poetry. But they are also famous because they had traumatic lives... and died very young.
John Keats was born in 1795 in London. His family wasn't rich and his parents died when he was young. Keats loved poetry and he wanted to wite. In June 1818, he visited Scotland with a friend. After this Keatsbecame ill, but he looked after his brother, Tom. Tom had tubercolosis. This was a terrible illness and there was no cure. Tom died, but this tragedy gave Keats inspiration! He wrote some of the most famous poem in the history of English literature after Tm's death. Keats also loved a young woman, Fanny Brawnw. Unfortunately, Theyy never married. This is because, in 1820, Keatsalso became ill with tubercolosis. Keats moved to Italy becuse he hoped to get well there. He lived in a house in Piazza di Spagna, in the centre of Rome, but his illness was very bad. Tragically, in February 1821 at the age of 25, he died.
I mondiali di calcio
Il campionato mondiale di calcio, è il massimo torneo calcistico per squadre nazionali maschili.
Nato nel 1930 da un'idea del dirigente sportivo francese Jules Rimet, si disputa ogni 4 anni ed è l'evento sportivo più seguito al mondo. La squadra vincente è proclamata "campione del mondo". L'attuale detentrice è la Spagna, vincitrice dell'edizione 2010. La prima competizione di questo tipo nel 1930 consistette in un torneo avente solo la fase finale alla quale presero parte le 13 nazioni che accettarono l'invito.
La competizione si è successivamente evoluta fino a comprendere circa 200 squadre nazionali affiliate alla FIFA che si sfidano in un lungo torneo di qualificazione che si tiene nei tre anni precedenti alla fase finale.
Aprile 1859
Scoppia la seconda guerra d'indipendenza e la Francia accorre in aiuto del Regno di Sardegna. Si riportano vittorie a Solferino e San Martino, da Modena, Parma, Bologna e Firenze vengono scacciati i sovrani.
Luglio 1859
Napoleone III firma l'armistizio di Villafranca con l'Austria e pone fine alla rivolta.
I sovrani riprendono il comando dei loro territori.
Maggio 1860
Garibaldi e un gruppo di volontari organizza la "spedizione dei Mille" e riportano numerosi successi, riuscendo a conquistare il regno delle Due Sicilie.
Autunno 1860
Garibaldi a Teano consegna al re di Sardegna Vittorio Emauele II i territori del sud liberati, finalmente l'Italia è unita.
17 Marzo 1861
Viene dichiarato
il Regno d'Italia
sotto il governo dei Savoia, con capitale Torino.
Vittorio Emanuele è incoronato primo re d'Italia. Mancano ancora Veneto e Roma.
Giugno 1862
Garibaldi tentò di conquistare Roma ma trovò la strada sbarrata dai Francesi. Le camicie rosse furono sconfitte, Garibaldi su ferito e fatto prigioniero.
Settembre 1866
Garibaldi provò nuovamente a conquistare Roma, ma trovò di nuovo il passaggio bloccato da Napoleone. A Mentana i Francesi vinsero sui Garibaldini.
Giugno 1866
L'italia si alleò con la Prussia e quando quest'altima dichiarò guerra all'Austria anche l'italia entrò nel conflitto: voleva ottenere il Veneto. L'esercito italiano fu sconfitto a Lissa e Custoza, fortunatamente l'esercito prusso travolse le truppe austriache a Sadowa e il Veneto venne annesso al Regno d'Italia.
1864
Il Governo sopstò la capitale da Torino a Firenze. Napoleone III ritirò le sue truppe e Garibaldi venne liberato.
Nel 1870 scoppiò la guerra tra Prussia e Francia e si concluse con la sconfitta dei Francesi. Fu un’occasione d’oro per gli Italiani perché senza la Francia a difendere il Papa, occupare lo Stato Pontificio fu una passeggiata. Il 20 Settembre 1870 i bersaglieri entrarono a Roma attraverso la breccia di Porta Pia, occupando la città che poté diventare finalmente capitale d’Italia. Il processo di unificazione era terminato.
Full transcript