Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Tesina Maturità

No description
by

Simone Bassi

on 28 June 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Tesina Maturità

La Radio
Cos'è la radio?
La radio è la tecnologia elettronica che utilizza le onde elettromagnetiche, per le telecomunicazioni o altri scopi, come la localizzazione di oggetti (radaristica) e lo studio di fenomeni celesti (radioastronomia).
Terminologia
Le onde elettromagnetiche utilizzate per la radio sono chiamate onde radio.

Il dispositivo elettronico che permette di trasmettere e/o ricevere onde radio, è chiamato radio. In particolare, se è in grado solo di trasmettere è chiamato "radiotrasmettitore" o "radiotrasmittente"; se è in grado solo di ricevere è chiamato "radioricevitore", o "radioricevente"; se è in grado sia di ricevere che di trasmettere è chiamato "ricetrasmettitore" o "ricetrasmittente".
Invenzione
Nel 1888 Heinrich Hertz fu il primo a dimostrare sperimentalmente le proprietà caratteristiche delle onde elettromagnetiche;
Nel 1891 Nikola Tesla cominciò la ricerca sulla comunicazione senza fili. Sviluppò mezzi per la realizzazione di produzione di frequenze radio, dimostrò pubblicamente i principi della radio e trasmise segnali a lunga distanza;
Nel 1895 Guglielmo Marconi lesse il lavoro di Hertz e Tesla sulla comunicazione senza fili, e cominciò i suoi esperimenti. Un anno dopo fu realizzato un esperimento a Pontecchio, durante il quale fu trasmesso un segnale Morse a oltre due km di distanza. Nello stesso anno Tesla trasmetteva segnali fra due bobine poste a più di 50 km dal suo laboratorio di New York a West Point. Purtroppo, a causa di un incendio nel suo laboratorio, Tesla perse tutti i suoi lavori e fu impossibilitato a presentare la sua scoperta;
Nel 2 Luglio del 1897 Marconi registra il brevetto della radio, a Londra.
Solo nel 1943 la Corte Suprema degli Stati Uniti d'America scoprì che il lavoro di Marconi non era originale, e i diritti del brevetto furono restituiti a Nikola Tesla che morì poco prima della sentenza.
Heinrich Rudolf Hertz
Nikola Tesla
Guglielmo Marconi
Elettronica
Le onde radio (o radioonde) occupano la fascia dello spettro delle lunghezze d'onda maggiori, comprese tra 1 mm e 100.000 km, e sono prevalentemente usate per le trasmissioni radiofoniche e televisive.
Per la loro grande lunghezza d'onda, le onde radio non vengono fermate nel loro cammino da ostacoli di medie dimensioni, come le case o gli alberi (vengono bloccate però dalle montagne, che costituiscono delle zone d'ombra), e possono essere trasmesse a distanza perché vengono riflesse dagli strati ionizzati dell'atmosfera.
Il circuito L–C sorgente di onde elettromagnetiche

Il circuito oscillante L–C può essere impiegato per irradiare onde elettromagnetiche.
Infatti, il campo elettrico del condensatore varia nel tempo, quindi produce un campo magnetico indotto; il campo magnetico della bobina varia nel tempo, quindi produce un campo elettrico indotto. In entrambi i casi si producono campi elettromagnetici deboli che si propagano nello spazio circostante. Si può dimostrare che solo se la frequenza è elevata il campo elettromagnetico prodotto ha una certa rilevanza.
Tecniche di Installazione e Manutenzione
Le antenne

Per ottenere frequenze di oscillazioni elevate bisogna ridurre l’induttanza e la capacità del circuito. Per ridurre L basta diminuire il numero delle spire della bobina; si ottiene un dipolo magnetico. Per diminuire C basta allontanare le armature del condensatore e ridurre la loro superficie; si ottiene così un dipolo elettrico. Dipolo magnetico e dipolo elettrico sono buone sorgenti (antenne) di onde elettromagnetiche.
Inglese
“The War of the Worlds” Radio Broadcast
The War of the Worlds is an episode of the American radio drama anthology series The Mercury Theatre on the Air.
It was performed as a Halloween episode of the series on October 30, 1938, and aired over the Columbia Broadcasting System radio network.
Directed and narrated by actor and future filmmaker Orson Welles, the episode was an adaptation of H. G. Wells' novel The War of the Worlds (1898).
Some listeners heard only a portion of the broadcast and, in the atmosphere of tension and anxiety prior to World War II, took it to be an actual news broadcast.
Newspapers reported, that panic ensued, with people across the Northeastern United States and Canada fleeing their homes. Some people called CBS, newspapers or the police in confusion over the realism of the news bulletins.
George Orson Welles
Monument in Van Nest Park, Grover's Mill, New Jersey, memorializing the fictional Martian landing site (October 1988)
The Boston Daily Globe headlines from October 31, 1938
Italiano
Manifesto Futurista dell'ottobre 1933 di F.T.Marinetti e Pino Masnata
La Radia
Manifesto futurista dell'ottobre 1933

Nel "Maninfesto della Radia", i futuristi Filippo Tommaso Marinetti e Pino Masnata, rivendicano l’importanza del nuovo mezzo di comunicazione. Affermano che la radio è in linea con la concezione futurista del fare arte, del fare cultura: la radio rivoluziona il rapporto che esiste fra tradizione e innovazione a tutto vantaggio della seconda, parla il linguaggio della modernità, che è quello della tecnica, imposta in modo radicalmente diverso il rapporto fra l’artista e il suo pubblico, fa piazza pulita delle istituzioni deputate alla fruizione della cultura tradizionale.

Filippo Tommaso Marinetti
Pino Masnata
Storia
L'IMPORTANZA DELLA RADIO NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE
1914 - 1918
Le trasmissioni radio hanno avuto un ruolo importante durante la guerra e la loro utilità sui campi di battaglia ne ha accelerato lo sviluppo, rendendo possibile la loro affermazione per uso civile nel dopoguerra.
Nel 1915 la trasmissione radiofonica era già una realtà capace di varcare i confini oceanici, furono quindi addestrati parecchi addetti, impegnati a mantenere collegamenti tra il fronte e le retrovie per sfruttare questi nuovi apparecchi per scopi bellici, e nacquero nuove figure professionali capaci di decifrare codici e codificazioni, così come i sistemi di spionaggio.
L’intercettazione dei radiomessaggi diede luogo ad una vera e propria guerra radiotelegrafica con tutte le relative astuzie. I bollettini di guerra trasmessi per radio da ambo le parti erano attesi con grande ansia presso i Comandi di tutti i belligeranti. Il più noto dei messaggi fu il "telegramma Zimmermann" con il quale i Tedeschi offrivano un'alleanza ai Messicani.
Questo messaggio fu uno dei fattori che spinse gli USA a entrare in guerra nel 1917.
Fine
Istituto San Giovanni Bosco - Mantova
Anno Scolastico 2014-2015
Tesina di Maturità
Bassi Simone
5^BT
Antenna per le trasmissioni radio
Radar per controllo traffico aereo
Radiotelescopi
Full transcript