Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

TERESA PARAVANO - 3^E LSA - LA CRISI DEI SECOLI XIV E XV

No description
by

Teresa Paravano

on 29 May 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of TERESA PARAVANO - 3^E LSA - LA CRISI DEI SECOLI XIV E XV

CRISI DEL XV SECOLO CROLLO IMPERO MONGOLO Sovrappopolamento e messa a coltura dei terreni poveri MUTAMENTO CLIMATICO: CATTIVI RACCOLTI
(1310-1346) IN EUROPA:
crisi agricola;
carestie;
epidemie (peste 1347);
inflazione;
fallimenti bancari (Firenze, Lucca, Siena, 1300-1350) SOLLEVAMENTO BORGHESE E CONTADINO
Parigi 1357-58

RIVOLTE URBANE E CONTADINE 1378-81
Francia
Paesi Bassi
Inghilterra
Firenze (Ciompi) DIFFUSIONE DELLA PESTE La peste è una malattia infettiva di origine batterica, tuttora diffusa in molte parti del mondo. E’ causata dal batterio Yersinia pestis, che normalmente ha come ospite le pulci parassite di roditori, ratti, alcune specie di scoiattoli, cani della prateria. In qualche caso le pulci possono infettare anche gli animali domestici come i gatti. Si manifesta principalmente sotto tre forme diverse: polmonare; il batterio infetta i polmoni;
può trasmettersi attraverso l’aria;
costituisce una delle forme più pericolose; è il tipo più comune;
causata dalla puntura di pulci infette;
sviluppa dei bubboni, ingrossamenti infiammati delle ghiandole linfatiche, seguiti da febbre, mal di testa, brividi e debolezza deriva dalla moltiplicazione del batterio nel sangue;
non si trasmette da persona a persona;
causa febbre, brividi, dolori addominali, shock e prostrazione, sanguinamenti della pelle e di altri organi, ma senza bubboni. bubbonica; setticemica nell'intero Occidente si susseguirono una lunga serie di crisi alimentari locali maggiore piovosità inverni freddi; La diffusione della peste Risposta europea alla
crisi agricola Settentrione Mediterraneo Occidente Oriente crollo deografico
calo dei prezzi rifeudalizzazione contadina
nessun sviluppo agrario rifeudalizzazione
transumanza introduzione del feudalesimo
nascita delle corvee contadini indipendenti difesa della feudalità
i feudatari si arricchiscono LA POPOLAZIONE SI OPPONE: ribellioni
saccheggi
guerre interne contadini più indipendenti precoce uscita dalla crisi i contadini si concentrano maggiormente sull'allevamento
introdotte colture industriali
abbandono delle terre marginali La RISTRUTTURAZIONE delle MANIFATTURE del XV secolo Prima della peste: Dopo la peste Durante la peste Lana INGHILTERRA principale esportatore di lana grezza Seta ORIENTE E COSTANTINOPOLI Principale produttore ed esportatore mondiale Inghilterra cessa di essere solo esportatore e pone le basi per una propria industria tessile
Produzione di pannilana si trasferisce dalle città alle campagne Lana Seta Nei vecchi centri di produzione si svilupparono manifatture di lusso Produzione ed esportazione: FIRENZE nuovo polo di produzione ed esportazione di lana grezza in Europa
La produzione spagnola era basata sull'allevamento di pecore merinos selezionate SPAGNA Lana Seta Travolgente sviluppo nella produzione della seta Firenze, primo grande centro tessile in Europa A partire dal 1315,
per tre anni consecutivi un'ecessiva piovosità rovinò i raccolti. Quest'epoca venne anche definita "piccola era glaciale" non c'è più abbastanza cibo
per sfamare l'intera popolazione: CARESTIE conflittualità sociale
(1350-1390) Crisi e ristrutturazione commerci e manifatture (Venezia, Genova, Firenze) CRISI AGRICOLA Tra il 1150 e il 1250 la società feudale raggiunse il suo massimo sviluppo sia economico che demografico: i contadini incominciarono a mettere a coltura i terreni marginali per soddisfare il bisogno crescente di cibo della popolazione. questi terreni erano meno fertili e di solito adibiti al pascolo. Si incomincia a produrre meno concime per le altre terre. ora la popolazione, soggetta ai mutamenti climatici e ai cattivi raccolti, diminuisce e si assiste al fenomeno dei "villaggi abbandonati". Conflitti tra feudalità concorrenti interruzione vie centroasiatiche di commercio
Full transcript