Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Gita al MUSE di Trento

Fatto da: Laura Buganza Gaia Clerici Enrico Pungiluppi
by

laura buganza

on 27 January 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Gita al MUSE di Trento

Gita al MUSE di Trento
MUSE *Trento*
Il MUSE é un museo scientifico che si trova lungo la periferia di Trento. Un tempo era la fabbrica della nota marca "MICHELIN".
Da quest'anno invece è diventato un museo della scienza. Il museo inoltre è stato costruito dal famoso ingnere mondiale Renzo Piano.

INGRESSO PRINCIPALE
L'ingresso al museo è composto da un'ala dedicata a shopping, uffici e svago. Nell'altra ala invece si trovavano le sale d'esposizione e un zona centrale vuota nella quale sono esposti gli animali impagliati. Quest'ultimi erano corrispondenti al piano che li riguardava e in base all'altidudine.
CONCLUSIONI PERSONALI
La gita è stata molto interessante. Abbiamo apprezzato molto l'unione di materie che in apparenza possono sembrare noiose. L'ala museale che ci è piaciuta di più è stata quella della biodiversità. Presso essa noi abbiamo osservato molti animali, i quali abitavano in 26 zone climatiche diverse.
PIANO +1 : Geologia della terra e delle dolomiti
Al piano superiore ci hanno spiegato la geologia di tutti i terreni e in particolare la formazione delle dolomiti. Una volta la zona dolomitica era ricoperta da un mare: il Tetine.
Questo mare prosciugandosi diede origine a rocce sedimentarie, composte da tutti i detriti presenti nel mare. Le rocce delle dolomiti sono formate da dolomitia e magnesio. Quest'ultimo fa cambiare colore alle montagne durante le ore del giorno. Le dolomiti sono, anche, patrimonio UNESCO.
PIANO 2-3: formazione Dolomiti e reperti preistorici e storci
PIANO 4 : Biodiversità naturale
In questa ala si poteva osservare la Biodiversità tra clima e animali.
In
alta montagna
gli animali sono tutti a sangue caldo, perchè grazie al clima rigido essi devono pur sopravvivere. Ci sono pochi competitori per il territorio, proprio perchè è difficile viverci. Questi animali manifestano in vari modi i loro cambiamenti: La lepre variabile cambia colore della pelliccia. Però come in altri animali la loro pelliccia rimane bianca, ma gli estremi diventano neri. Questo accade perchè gli estremi come coda,zampe ed orecchie hanno bisogno di calore quindi utilizzano il nero per attirare i raggi solari. Utilizzano anche il letargo.
La SERRA
Il museo nel piano 0 presentava un Serra Tropicale. Dentro ad essa la temperatura era elevata. Proprio per ricostruire l'habitat originale delle piante che vivono solo grazie a certe temperature.
NEI BOSCHI:
Nei

boschi sono presenti altri animali che invece di riparsi dal freddo vanno in letargo. In queste foreste ci sono animali selvatici come:
L'orso
La lince
Il gallo cedrone
I serpenti
La palestra della scienza
Nella prima stanza al pian terreno era una stanza in cui vi erano degli esperimenti scientefici che davano illusioni ottiche e che spiegavano delle reazione del nostro cervello.
IL LETTO DI CHIODI
La pressione in Fisica è definita come il rapporto tra la forza che agisce perpendicolarmente su una superficie e la superficie stessa. In formula abbiamo:
P=F / S
Questo letto di chiodi non tagliava. Dava solo, come nell'esempio, un certa pressione che pungeva appena un pò. Questa pressione maggiore quando si distribuisce su una piccola zona.
Effetti ottici
In questo esperimento, se fissato un punto fisso, sembra che i cerchi formati da i 4 colori sembrano girare in senso orario
Una qualsiasi illusione ottica
inganna l'apparato visivo
umano e lo distorce dalla corretta definizione.
Alcuni esempi:
roccia sedimentaria
roccia
vulcanica
Il processo di orogenesi, anche delle dolomiti, non è ancora finito. Da questo derivano anche delle catastrofi come terremoti.

Nei rilievi sono sempre stati trovati detriti e fossili animali e umani preistorici. In questa parte si trovava una linea del tempo fattada teche di vetro conteneti dei materiali dall'uomo primitivo fino al giorno d'oggi.
Nel periodo del bronzo, che risaleva circa con l'epoca dei romani, si comiciano a usare le prime monete create in zecca. Di conseguenza anche i primi commerci. Nel 1700 le miniere erano utilizzate per ricavare materiali per l'industria. Ora alcune miniere ricavano oggetti che sono diventati da collezione.
modellino dell'orogenesi delle alpi
materiali della terra
e che derivano
dalla terra
Coevuluzioni: Piante e Animali
Le piante fanno degli adattamenti naturali che gli servono per attirare gli insetti e quindi fare gli scambi di polline anche con insetti che non volano.

Alcuni animali in inverno, anche loro, si adattano all'ambiente e il clima in cui vivono per sopravvivere. Quindi, essi cambiano le pellicce oppure gli uccelli più si raggomitolano in se stessi per diminuire la dispersione di calore.

I fiori posti in alta quota creano un sottile peluria protettiva dal freddo.
Invece, esseri come i serpenti utilizzano il melanismo. Ovvero cambiano il colore della loro pelle da grigio in estate a nero in inverno.
Alcune piante crescono, addirittura, senza stelo per la dispersione di calore.
Lavoro eseguito da:
Gaia Clerici
Laura Buganza
Enrico Pongiluppi

TRIP TO THE MUSE OF TRENTO
MUSE is a science museum that is located on the outskirts of Trento. It was once the factory of famous brand "Michelin".
From this year, instead it has become a science museum. The museum was also built by the famous in the world ,architect and engineer, Renzo Piano.
MUSE TRENTO
WORK PERFORMED BY:
Gaia Clerici
Laura Buganza
Enrico Pongiluppi
Full transcript