Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

The girl effect

No description
by

Iacopo Ghedini

on 10 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of The girl effect

The Girl Effect
Case study

"The Girl Effect è un movimento. Si tratta di sfruttare il potenziale unico di ragazze adolescenti per porre fine alla loro povertà, a quella delle loro famiglie, delle loro comunità, dei loro paesi e del mondo.
Si tratta di rendere visibili le ragazze e cambiare le loro dinamiche sociali ed economiche, fornendo loro risorse specifiche, potenti e pertinenti."
The Girl Effect, cos'è?
tratto da http://www.girleffect.org/about
visualizzato il 22/05/2014
The Girl Effect
Uno stile innovativo:

"Noi" inclusivo tramite un linguaggio informale e diretto
Montaggio energico e incalzante (ticchettìo)
Uso semplice dei colori (arancio, nero, bianco, rosso)
L'animazione sostituisce l'immagine

Crea consapevolezza e coinvolgimento

Invita ad un'azione diretta, urgente
Nata ufficialmente nel maggio 2008, è una rete di organizzazioni no profit, fondazioni ed enti internazionali.

Lo scopo è quello di permettere l'autorealizzazione delle giovani donne dei paesi sottosviluppati e avviare un processo di crescita economica e sociale. Il movimento affronta quindi i seguenti problemi:

matrimonio precoce
gravidanza in giovane età
difficoltà nell'accesso all'istruzione
HIV



:
2014
Maggio 2008
2008
2009 2010 2011 2012 2013 2014
Gennaio
World Economic Forum

Dicembre
Oprah Winfrey Show
Settembre
"The Clock is Ticking" e nuova versione sito

Settembre
Clinton Global Initiative

Novembre
New York Times
Settembre
World Bank

Ottobre
The Girl Effect
Challenge
Ottobre
UN "Day of the Girl"

Dicembre
Nuova versione del sito internet
Ottobre
Lancio "The Girl Declaration".
Proseguire sulla strada tracciata
da "EndPoverty2015".

1,592,838 $ raccolti (Globalgiving)

Pagina Facebook 327.325 mi piace

Pagina Twitter 89.991 followers

Pagina Youtube 7.196 iscritti
dati riferiti al 27/05/2014
In 6 anni
Diffusione sul web
Fonte: Google Trend, dati relativi al termine di ricerca "girl effect" tra maggio 2008 al maggio 2014
le arene di riferimento
Media mainstream (Oprah, Forbes, The Guardian, CNN,
The Huffington Post)

Comunità no profit

Organizzazioni governative

Nuovi media

pubblici di riferimento
uso dei social network
Unico canale per raggiungere il pubblico a livello globale.

Facebook:
Nei primi anni un utilizzo finalizzato al solo fundraising (post contenenti link a siti esterni), pochi storytelling
Successivamente, un utilizzo diffuso delle tecniche di social media marketing tramite citazioni, foto, hashtag, immagini, video e storytelling.

A prescindere dai temi trattati, il feedback degli utenti è notevolmente più positivo per i post "banali".


Grandi organizzazioni non governative (ONG), governi e comunità legate allo sviluppo internazione
Dipendenti Nike
Consumatori del nord del mondo
Classe media emergente nei paesi in via di sviluppo
Bambine che vivono con meno di due dollari al giorno
Fonte: Andrea Perez (global brand manager) in Kylender Nathalie, 2011. The Girl Effect Brand: Using brand democracy to strengthen brand affinity. Hauser Center for Nonprofit Organizations, Harvard University
Fundraising
Advocacy
Ma si può parlare anche di brand washing
Nike, così come molte aziende multinazionali, affida buona parte della filiera produttiva in appalto.

Queste aziende, concentrate soprattutto nel continente asiatico, a loro volta appaltano, creando così delle multinazionali "ombra"
Nel 1996 Sidney Shonberg, in un articolo su Life Magazine, affronta i problemi legati alla produzione di palloni in Pakistan per conto di aziende come Nike, Adidas, Reebok.

L'inchiesta denuncia l'utilizzo di manodopera sottopagata e minorile nella produzione.
Al caso Life si susseguono varie inchieste e testimonianze sui metodi di produzione, ponendo il brand in cattiva luce.
Gesualdi (1999)
"...gli agenti preferiscono le ragazze perchè
sono più mansuete, più remissive e più ricattabili"
Tratto da "Manuale per un consumo responsabile" di Gesualdi (1999)
Fonte: ICRT ed Engaged (2008)
?
Nel '97 Michael Moore nel film "The big one"
si interessa al tema intervistando
l'ex CEO Philip Knight
Informazione
Nasce girl effect
Sito, Facebook, Youtube
GlobalGiving
Bibliografia
Gesualdi, F. (2003). Manuale per un consumo responsabile. Dal boicottaggio al commercio equo e solidale. Feltrinelli Editore.
Kylender, N. (2011). The Girl Effect Brand: Using brand democracy to strengthen brand affinity. Hauser Center for Nonprofit Organizations, Harvard University
Sitografia
http://www.girleffect.org
http://www.youtube.com/channel/UCJwLFd1t3OrJklU6cQih4tw
http://www.facebook.com/girleffect
(da http://www.socialbakers.com/)
http://coalitionforadolescentgirls.org/
http://www.unfoundation.org/
http://novofoundation.org/
http://nikeinc.com/pages/the-nike-foundation
http://www.globalgiving.org/girleffect
http://www.twitter.com/girleffect
http://www.acsi.ch
Corrado Bertini
Stefano Gallerani
Iacopo Ghedini
Sergio La Rosa

E' un movimento finalizzato al brandwashing?

Quanto ha inciso la storia di Nike sulla nascita di questo movimento?




in conclusione
Full transcript