Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Scuol@ 2.0

IC 9 Bologna - Italy
by

Elena Marcato

on 18 October 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Scuol@ 2.0

Scuol@ 2.0
IC 9 - Bologna
a.a. s.s. 2013-2016
Scuol@ 2.0
Istituto Comprensivo n. 9
BOLOGNA
designed by Péter Puklus for Prezi
L'idea progettuale
utilizzare le nuove tecnologie multimediali, la Rete e diverse organizzazioni di tempo-spazio per migliorare la qualità dell'apprendimento
Basi scientifiche, organizzative e strutturali
Cl@ssi 2.0 e una LIM in ogni classe hanno modificato:
Leadership educativa
La scuola si pone sul territorio come punto di formazione e collegamento tra i vari Enti
Riorganizzazione
Innovazione
Contenuti didattici digitali
La scuola si riappropria del metodo esperienziale con contenuti e applicazioni didattiche condivise nell'ottica del cloud
Ambienti fisici
Strumenti necessari:
LIM, tablet, Rete, cablaggio, wifi, cloud, e-learning, registro elettronico, biblioteca, spazi aperti, ambienti online per la didattica
Tempo scuola
più ampio, flessibile,
aperto alle Agenzie formative del territorio
La scuola è molteplicità
Didattico-metodologica
Curriculare
acquisizione di competenze trasversali e sperimentazione di metodologie di didattica attiva
Strumenti
mantenimento della funzionalità delle dotazioni tecnologiche già esistenti
utilizzo di soluzioni di mobile learning che contemplino l'uso di tablet, notebook, altri dispositivi mobili in grado di interagire con ambienti cloud, web application e ambienti online per la didattica e per l'e-learning
potenziamento del sistema wifi
Modelli di valutazione
Iniziative di valutazione esterna della scuola
Strumenti e modalità di comunicazione scuola-famiglia
Iniziative di formazione per il personale della scuola
Modalità di raccordo con i servizi della Rete presunti sul territorio
Il progetto vuole realizzare percorsi di ricerca-azione didattica nell'ambito disciplinare Linguaggi Multimediali:
stabilire rapporti di consulenza scientifico - laboratoriale con l'Università e Istituti di alta cultura;
sviluppare l'attitudine al monitoraggio, all'autovalutazione e alla documentazione;
promuovere iniziative di formazione nelle varie discipline, interdisciplinari e verticali,
sviluppare un apprendimento collaborativo tra studenti e tra studenti ed insegnanti,
sviluppare una didattica centrata sullo studente e sui suoi bisogni;
organizzare percorsi pluridisciplinari reinterpretando i saperi
è spinta a ricercare soluzioni che sappiano coniugare l'integrazione delle risorse, delle forme comunicative, degli strumenti di interazione a distanza, verso una logica che privilegi l'integrazione e la sostenibilità (Indicazioni Nazionali C.M.n.22 del 26 agosto 2013
http://www.indicazioninazionali.it/J/
)
il modo di interagire con l'organizzazione interna degli spazi, dei tempi scuola e con il territorio
per incidere sul modo di intendere la scuola (dalla riorganizzazione dei suoi spazi, ai tempi d'apprendimento degli alunni, agli obiettivi formativi) e sul ruolo dei docenti:
il laboratorio in classe e non la classe in laboratorio
La scuola e la classe intesa come entità aperta e integrata con il territorio, ripensando agli ambienti di apprendimento attraverso una modifica dei modelli e dell'organizzazione didattica, dei rapporti con le famiglie e con le istituzioni locali
Il tempo scuola con caratteri di flessibilità che permettano di piegarla alle esigenze del modello formativo e non il contrario
I docenti devono far sì che l'apprendimento digitale degli adolescenti vada oltre quello auto-diretto: non solo esclusiva fruizione, ma costruzione e processo
Molte le iniziative in atto:
Scuola punto ordinante per le LIM
Collaborazione con il Co.re.com Emilia Romagna, con progetti educativo-didattici per l'uso consapevole della Rete;
Organizzazione e partecipazione a Convegni (quartiere Savena, l'USR ER e Rete di Scuole di Bologna e provincia).
Organizzazione e sede del LimDay sulla didattica con le LIM.
Attuazione di iniziative in collaborazione con la Polizia Postale e Telefono azzurro di Bologna sul tema della Legalità in Rete.
Attuazione del Progetto Navigaresicuri promosso da Telecom, con tematiche come il cyberbullismo e la sicurezza in Internet.
Partecipazione al Progetto "Missione Marte" in collaborazione con la Fondazione IBM e i genitori della scuola.
Sede del Concorso ministeriale per la selezione dei docenti.
Organizzazione e gestione di corsi di formazione a livello provinciali LIM per Apprendere (Rete di Scuole di Bologna e provincia e USRER).
Apprendimento in rete:
ambiente di apprendimento continuo con strette connessioni tra la scuola (curriculare ed extracurriculare), la casa (lavoro domestico) e il territorio (biblioteche, centri di studio, ecc.) - Bilancio sociale
http://www.istruzioneer.it/bilancio-sociale/
Attuare spazi attivi, dove lo studente cresca ed apprenda attraverso l'esperienza diretta e comprenda i propri ritmi di studio sia grazie ai lavori svolti in autonomia sia attraverso il confronto con il docente e/o con i suoi pari
Migliorare l'esperienza e le conoscenze degli alunni, dando un senso ed un significato a quello che si va imparando;
attuare interventi adeguati nei riguardi delle diversità per valorizzare le differenze nei modi di apprendere, inclinazioni, interessi, differenze nei livelli, difficoltà scolastiche
(Nota prot. 13588 del 21 agosto 2013 “Bisogni Educativi Speciali"
http://ww2.istruzioneer.it/bes/
)
Favorire l'esplorazione e la scoperta attraverso la problematizzazione e il pensiero creativo-divergente;
incoraggiare l'apprendimento cooperativo per promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere (
metacognizione
)
Realizzare un ambiente di apprendimento continuo con strette connessioni tra la scuola (curriculare ed extracurriculare), la casa (lavoro domestico) e il territorio (biblioteche, centri di studio, ecc.).
Valorizzare a scuola il lavoro a gruppi attraverso l'apprendimento cooperativo che metta in risalto i contributi di tutti gli alunni e la comunicazione fra pari per lo scambio di conoscenze.
Bilancio sociale
http://www.istruzioneer.it/bilancio-sociale/
E-learning
Moodle, Blog, Forum, Cloud, ecc.
Produzione di materiale didattico ricreando percorsi nuovi con le risorse messe a disposizione dalla Rete;
co-costruzione di libri digitali nell'ambito della piattaforma Moodle;
ampliamento ed utilizzo della Mediateca scolastica
utilizzo di piattaforme e-learning di case editrici
http://www.ic9bo.it/
Full transcript