Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

olocausto

No description
by

rambokt Lorenzo

on 24 June 2011

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of olocausto

Un carattere specifico del nazismo fu l’antisemitismo. I nazzisti considerano gli ebrei come appartenenti a una razza inferiore ed essi venivano indicati come i responsabili principali della sconfitta della Germania nella prima guerra mondiale. Shoah Nel 1924 Hitler parlava di disuguaglianza “di razze”: razze superiori (cioè quella ariana) a cui gli spettava di diritto il dominio del mondo, e le razze inferiori: cui doveva vano essere isolate e sottomesse, alla fine di tutte queste categorie si trovava l’ebreo, un essere dal sangue impuro. Giunto al potere Adolf Hitler passo direttamente dalle parole ai fatti e inizio una sistematica persecuzione degli ebrei, i cui negozi e studi professionali privati o pubblici venivano boicottati gli alunni espulsi da qualunque scuola frequentassero. Hadolf Hitler Le percussioni contro gli ebrei si manifestarono violentemente. Tra il 9 e il 10 novembre dell’1938, squadre del SS distrussero vetrine dei negozi, sinagoghe e botteghe, ma non si fermarono a questo: giustiziarono e arrestarono molti ebrei. Questo evento fu soprannominata “la notte dei cristalli”. Poi nel 1941 fu ordinato che tutti gli ebrei al disopra dei sei anni di età dovevano portare cucita sugli abiti una stella gialla a sei punte con al centro la parola jude (ebreo). Era cosi possibile individuarli e maltrattarli: uno dei tanti fatti consentiti dalla legge. Dopo l’inizio della seconda guerra mondiale r l’invasione di alcuni paesi come la Polonia l’olanda, nei quali erano presenti molte comunità ebraiche, aumento il numero degli ebrei che vivevano sotto il dominio tedesco e fu allora che i nazisti pensarono al modo di eliminarli tutti. Cominciarono a preparare quella che loro stessi chiamarono successivamente “la soluzione finale”. Il primo passo fu il concentramento forzato degli ebrei nei ghetti delle città : migliaia di persone furono ammassate in aree sovraffollate in condizioni di vita sempre più precarie e disumane. In quell’ anno in Polonia, erano stati già costruiti i primi campi della morte. Lo sterminio avveniva in ambienti a tenuta stagna in cui veniva immesso gas. Le prime “esecuzioni” si verificarono alla fine del 1941 : la “soluzione finale” stava prendendo forma e molti cominciarono a divenire consapevoli del loro destino. la vita nei lagher La sitografia e le fonti usate http://www.ushmm.org/wlc/it/media_ph.php?MediaId=273 Primo Levi, "Se questo è un uomo" Ed: Enaudi 1953
Thomas Geve "Qui non ci sono bambini" Ed. Enaudi 2011 http://en.auschwitz.org.pl/m/index.php?option=com_wrapper&Itemid=85 http://http://www.dachautour.com/Reasearch%20dachau.html Furono proibiti i matrimoni tra cittadini “di sangue tedesco” ed ebrei se nel caso un cittadino era già sposato il matrimonio era nullo. In seguito, gli ebrei furono costretti a spogliarsi di tutte le loro attività e venderle a basso prezzo alla concorrenza. Dislocazione dei campi di concentramento in Europa Durante la Conferenza di Wannsee, a Berlino nel gennaio 1942, le SS e i rappresentanti dei ministeri del governo tedesco stimarono che la Soluzione Finale avrebbe coinvolto 11 milioni di Ebrei, inclusi quelli di paesi in quel momento non occupati. Molti degli Ebrei che vivevano in Germania e nelle zone europee occupate furono deportati tramite convogli ferroviari nei campi di sterminio situati nella Polonia occupata, dove furono uccisi. I Tedeschi cercarono di celare le loro intenzioni riferendosi alle deportazioni come a "re-insediamenti a est"; alle vittime era detto che sarebbero state portate nei campi di lavoro, ma in realtà, a partire dal 1942, la deportazione significò per la maggior parte degli Ebrei un breve periodo di transito verso i campi di sterminio e poi la morte. Otto Dix George Grosz Le avanguardie Libia la Libia è stata a lungo soggeta al dominio ottomano, con il nome Tripoleitana. Nel 1951 ha acquistato l'indipendenza dopo anni di colonialismo italiano france e britannico. Nel 1969 un colpo di stato ha portato al potere il colonello Gheddafi La Libia è un territorio quasi completamente desertico esistono solo due fiumi veri e prropi: il Mgenin, che bagna l'oasi Tripoli, e il Derna che bagna la città omonima. il clima è mediteraneo: tipoco della Libia è un vento caldo e secco, il ghibli. La popolazione vive sopratutto nelle due grandi citta Tripoli e Bengasi. prima della scoperta del petrolio, che assicura il 75% delle entrate, l'agricoltura era la principale fonte di reddito della Libia. La Libia ha una fortissama scarsità d'acqua le uniche zone coltivabili sono quelle costiere, in particolare la zona di tripoli di bengasi e le oasi. e anche diffusa in modo particolare la pesca del tonno. Il settore industriale e rappresentato dalle raffinerie, dall'industria siderugirca, cementifici concerie, tabacco e alimentari Attualmente la libia è stata protagonista di una violenta guerra civile, che ha portato la caduta del regime di Gheddafi e alla moret di tantissime persone, il regime di Gheddafi si è macchiato di tanti crimini in molti anni, che è rimasto al potere. Art. 21.

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell'autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all'autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s'intende revocato e privo di ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni. l'apparato digerente e costituito da: il tubo digerente formato da bocca, faringe, esofago, stomaco, intestinuo tenue e crasso; ghiandole salivari, la lingua, fegato, pancreas gli oragani annesi i ghetti piu famosi furono il ghetto di Varsavia e il ghetto di Lodz la soluzione finale fenne pianificata in una riunione presso il lago Wannsee il 20 gennaio 1942 All’inizio delle deportazioni 23 luglio 1942 nel Ghetto di Varsavia languivano circa 380000 infelici mentre, secondo stime, a metà settembre 1942 erano rimaste circa 70.000 persone, molti giovani nelle classi da 20 a 39 anni.
Le deportazioni avvennero in varie fasi. Si cominciò ad invitare la gente a presentarsi volontaria con il premio di razioni extra di pane e marmellata; molti pensarono di restare insieme alla famiglia in momenti difficili e risposero all’invito. In seguito si ebbero retate con verifiche dei “permessi di lavoro” e si passò poi a “sfoltire i reparti produttivi”. All’inizio di settembre 1942
coloro che erano ancora rimasti circa 120000 - vennero radunati sul “Piazzale degli Scambi”; chi non risultò essere “lavoratore necessario” venne immediatamente inviato al trasporto
Al numero dei deportati deve essere aggiunto quello di coloro che in quelle settimane erano morti per fame e malattie come pure quello di coloro che vennero colpiti a morte mentre tentavano la fuga. fff
Full transcript