Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Verso EXPO 2015

No description
by

Caterina Bonaiti

on 9 July 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Verso EXPO 2015

Che cos'è? Quando nasce?
Il concetto moderno di Esposizione Universale, intesa come evento della durata compresa tra 3 e 6 mesi e che coinvolge più nazioni, risale ad oltre 150 anni fa.
Londra, 1851
La prima esibizione internazionale fu organizzata a Londra nel 1851 e vide la partecipazione di 28 nazioni per oltre 6 milioni di visitatori. Per l’occasione venne commissionata la creazione del famoso Crystal Palace, una costruzione che occupava ben 84.000 metri quadrati.  
Parigi, 1889
La più famosa resta l’Esposizione mondiale del 1889, organizzata a Parigi per celebrare il centenario della Rivoluzione Francese: eredità dell’evento fu quello che, ancora oggi, è considerato il simbolo della città e dell’intera nazione: la Tour Eiffel.
Milano, 1906
Anche Milano ebbe la sua Esposizione: nel 1906 la città ospitò un’Expo incentrata sul tema dei trasporti, per festeggiare l’apertura del traforo del Sempione, un’opera eccezionale per l’epoca che, con i suoi 19.803 metri, rappresentava il più lungo tunnel del mondo. 
E anche a Milano l’Esposizione lasciò un segno tangibile: l’Acquario civico, oggi uno dei più antichi d’Europa, considerato come una delle espressioni più significative del liberty milanese.
Roma, 1942
Sempre in Italia, come simbolo di un evento che non si tenne a causa della Seconda Guerra Mondiale, c’è un intero quartiere, l’EUR - acronimo di Esposizione Universale Roma - sviluppato intorno ad una serie di edifici monumentali appositamente realizzati per l'evento che avrebbe dovuto tenersi nel 1942.
Dal 1951
Furono moltissime le città e le nazioni che, a partire dal 1851, ospitarono questi eventi internazionali: da Vienna a Barcellona, passando per Amsterdam, Philadephia e Chicago, solo per citarne alcune. 
Con il passare del tempo, divenne evidente la necessità di regolamentare l’organizzazione di queste manifestazioni, a volte troppo approssimativa, anche per tutelare gli interessi dei Paesi partecipanti.
La nascita del BIE, 1928
Con questi presupposti nacque, nel 1928, l’Ufficio Internazionale delle Esposizioni (Bureau International des Expositions - BIE) che delineò i diritti ed i doveri degli organizzatori e degli espositori. 
Il BIE cercò da subito di fissare alcune regole precise come l’intervallo di tempo tra due Esposizioni Universali, attualmente stabilito in cinque anni, o il fatto che un Paese già organizzatore dovesse attendere quindici anni prima di poter ospitare un’altra manifestazione simile.
Esposizioni universali e internazionali
Sempre al BIE, si deve anche la moderna distinzione tra Esposizioni Universali ed Esposizioni Internazionali.
Esposizioni Universali
: trattano temi generali che interessano l’intera umanità, ad esempio la tutela dell’ambiente o l’emergenza alimentare, e ogni nazione espositrice fornisce la propria visione sul tema trattato.
Esposizioni Internazionali
: sono incentrate su tematiche più specializzate e particolari, su ambiti specifici della vita quotidiana: lo sport, lo sviluppo delle città, l’aviazione, l’agricoltura e così via.
Arrivederci a Milano!
Verso EXPO 2015
Breve storia delle esposizioni universali
Full transcript