Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Le tre intelligenze

Gruppo di Anna, Annalisa, Corinna, Désirée e Sara
by

Annalisa Civitareale

on 11 February 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Le tre intelligenze

Tre intelligenze
1. Critico-analitica:
capacità di analizzare, scendendo nei dettagli, di operare confronti tra elementi diversi e di valutare.

2. Creativa:
capacità di inventare, scoprire, affrontare con spirito intuitivo le situazioni nuove, per le quali le conoscenze e le abilità esistenti si mostrano inadeguate.

3. Pratica:
capacità di utilizzare strumenti, applicare procedure e porre in atto progetti.

Strategie didattiche e intelligenza
1. Didattica tradizionale:

l'insegnante presenta agli studenti materiale da studiare da soli. Il suo contributo, dunque, è minimo.

2. Didattica basata su nozioni:
l'insegnante formula domande con risposte del tipo
giusto
,
bene
,

,
no
.

3. Didattica dialogica:
l'insegnante formula domande basate sul ragionamento per incoraggiare gli studenti a riflettere, per trovare risposte approfondite che non si limitino al
giusto
,
bene
,

,
no
.
A proposito di
didattica dialogica...
Le sette strategie per sviluppare l'intelligenza attraverso tecniche efficaci di domanda/risposta
(dalla più alla meno efficace)

1.
Stimolare spiegazioni alternative
2.
Stimolare spiegazioni alternative e mezzi per valutarle
3.
Fornire spiegazioni alternative
4.
Incoraggiare a cercare risposte da fonti autorevoli
5.
Ammettere la propria ignoranza o dare qualche informazione
6.
Rispondere riaffermando la domanda
7.
Rifiutare la domanda
... il Modello a quattro fasi
Per insegnare ad essere
buoni pensatori
Il valore aggiunto del pensiero intuitivo-creativo
Le abiltà per svilupparlo:

1. Codificazione selettiva:

capire quali informazioni sono rilevanti per affrontare un problema.

2. Combinazione selettiva:

collegare informazioni rilevanti.

3. Confronto selettivo:

porre in relazione informazioni nuove e vecchie.
Non è importante il livello di intelligenza che si possiede, ma ciò che con la propria intelligenza si può raggiungere, al fine di realizzare il potenziale intellettivo che abbiamo dentro di noi.
Le tre intelligenze
di
Robert Sternberg
Finalità:
insegnare agli alunni a pensare attraverso il dialogo. Saper dialogare comporta infatti l'acquisizione e l'utilizzo equilibrato di abilità analitiche, creative e pratiche.

Prima fase:
dialogo degli studenti con l'insegnante. Gli studenti apprendono, definiscono ed utilizzano procedimenti e strategie mentali per risolvere problemi sotto la guida dell'insegnante

Seconda fase:
dialogo fra studenti riuniti in un unico gruppo: problem-solving intragruppale.

Terza fase:
dialogo fra studenti divisi per gruppi: problem-solving intergruppale.

Quarta fase:
dialogo dello studente con se stesso: problem-solving individuale.

È opportuno:

1.
individuare e specificare la natura del problema

2.
contestualizzare il problema prevedendo le possibili conseguenze

3.
non trascurare l'apporto cooperativo del proprio gruppo

4
. incorggiare l'abilità di
problem solving

5.
stimolare la capacità critica attraverso la discussione

Cooperando...

Anna Franzese, Annalisa Civitareale, Corinna Di Donato, Désirée D'Amato, Sara Ferrauto
Full transcript