Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Letteratura Italiana 1

presentazione solo abbozzata
by

mara beber

on 30 September 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Letteratura Italiana 1

Decadentismo
Ermetismo
Panismo
Verismo
Romanticismo
Movimento culturale diffusosi in Europa nel 1800.
Caratteristica principale del romanticismo fu la
Le figure retoriche
Sono dei procedimenti usati dai poeti per avere uno stile e un linguaggio lontani dall'uso comune e quindi più espressivi.
Sineddoche
Metonimia
Sinestesia
Allitterazione
Onomatopea
Metafora
Similitudine
Il linguaggio della poesia
Poesia/Prosa
Strofa
Verso
Rima-assonanza-consonanza
Schema rimico
Parafrasi
Enjambement
Lirica (poesia che si occupa delle situazioni e dei sentimenti personali dell’autore)
Sonetto (2 quartine e 2 terzine)
Narrativa
Iqbal-
Poesia di guerra
Ungaretti
Quasimodo
Primo Levi Se questo è un uomo
Joyce Lussu C’è un paio di scarpette rosse
Bertold Brecht  Sul muro c’era scritto; Chi sta in alto dice; La guerra che verrà; Generale, il tuo carro armato
Montale: opere
Meriggiare pallido e assorto
La vita è come camminare lungo un muro con in cima cocci di bottiglia, per cui non si può vedere al di là e non si può comunicare con gli altri
Onomatopee SCriCChi, FRusci, TRemuli SCRiCCHi (suoni duri e aspri)
Spesso il male di vivere
Poesia che parla del mare di vivere, dell’angoscia dell’uomo, che assomiglia ad un cavallo stramazzante, ad una foglia arsa, a un rivo strozzato.
L’uomo vorrebbe poter provare indifferenza (come una statua o un falco nel cielo) ma non riesce
Quasimodo:opere
Alle fronde dei salici (poeti che di fronte alla guerra e alle sue crudeltà, abbandonano le cetre, simbolo della poesia, e si rassegnano a non poter poetare)
Uomo del mio tempo (l’uomo moderno, sebbene più evoluto, grazie alla scienza e alla tecnologia, si macchia ancora di crimini così come fecero i suoi antenati)
Ed è subito sera (esempio di poesia brevissima in cui ogni parola è importante e allude a significati più profondi; solitudine; vita che passa in fretta, sera simbolo della fine della vita, trafitto da un raggio di sole significato duplice: positivo e negativo)
Ungaretti: poesie
San Martino del Carso (immagini del paese distrutto, del cimitero nel cuore)
Veglia (compagno morto e vegliato per tutta la notte; suoni fortimaSSaCRaTo, DiGRignaTa…)
Fratelli (paura nel pronunciare questa parole, foglia fragile appena nata; sentimento di solidarietà fra i soldati)
Soldati (immagine della foglia accartocciata e lì lì per cadere)
Mattina (esempio di poesia brevissima in cui ogni parola è importante e allude a significati più profondi; luce e immensità; qual è il soggetto?)
Giuseppe Ungaretti
Autore del decadentismo crisi e angoscia esistenziale determinate dal momento storico (guerre, solitudine, sofferenza)
Ermetismo: talvolta oscuro e difficile da capire a una prima lettura
Poetare nuovo: poesie brevi, pochi versi, essenziali, importanza delle singole parole ricche di significati e allusioni
Importanza biografia, specialmente esperienza della guerra
D’Annunzio: opere
La pioggia nel pineto
Panismo: fusione e identificazione dell’uomo con la natura (volti silvani, d’arborea vita viventi, chiome come ginestre, quasi virente par da scorza tu esca, pesca, polle, mandorle…)
Importanza sensazioni che la vita può offrire (qui determinate dalla pioggia)
Onomatopee, rime, assonanze
Pascoli: opere
Lavandare
Tematica: campagna autunnale che simboleggia gli stati d’animo
Immagini visive e uditive (campo, colori, sciabordare, tonfi, vento…)onomatopee
L’aratro abbandonato simboleggia la solitudine della donna della poesia
L’ora di Barga
Suono delle campane fa pensare ai rimpianti del passato e alla vecchiaia di oggi, che però non è vista con tristezza, ma con serenità, come il momento per ricongiungersi con i propri cari
Molti elementi della natura: albero, ragno, ape
Onomatopee: tinnulo
Verga: opere
Rosso Malpelo
Novella, cioè racconto, il cui protagonista è un ragazzino dai capelli rossi che lavora in una cava. È giudicato cattivo ed è trattato male e a sua volta tratta male chi è più debole di lui, l’amico Ranocchio e l’asino. Alla fine muore sepolto da una frana e tutti hanno paura di trovarselo davanti.
La roba
Novella il cui protagonista è Mazzarò, un ex-bracciante che, lavorando molto e con furbizia, aveva messo da parte un bel capitale con cui aveva comprato molta “roba”, cioè campi, cascine e attrezzi. La roba è la sua unica ossessione e quando muore, non è circondato da affetti, ma solo dalla roba, che però non lo può seguire nella tomba.
Giovanni Verga
Autore siciliano
Appartenente alla corrente del Verismo rappresentazione della realtà in modo oggettivo (no giudizi dell’autore)
Protagonisti: strati bassipescatori, minatori, contadini
Manzoni: opere
I promessi sposi
L’incontro con i bravi (figura di don Abbondio: pauroso e non vuole problemi)
Il tradimento del Griso (peste e tradimento per soldi)
Romanzo ambientato nel 1628-30, nella Lombardia dominata dagli spagnoli e nel periodo della peste
Renzo e Lucia vogliono sposarsi. Il signorotto del luogo, don Rodrigo, non vuole e vita al parroco, don Abbondio, si celebrare il matrimonio. I due superano varie vicende e problemi (peste, voto di castità, etc.) e alla fine si possono sposare.
È un poeta romantico che scrive specialmente poesie in cui parla di sé e dei suoi sentimenti ed emozioni
È pessimista: crede che la vita dell’uomo sia inevitabilmente infelice perché così ha voluto Madre Natura
Felicità:
o nell’attesa di un momento felice (Il sabato del villaggio)
o dopo la cessazione di un momento doloroso (La quiete dopo la tempesta)
È fra i primi poeti italiani romantici.
Vita tormentata, dolore, nostalgia per il passato, ideale di libertà
La sua poesia ha ancora qualche tratto illuminista (fiducia nella ragione e nella scienza) ma, soprattutto, NEOCLASSICO (si ispira cioè alla cultura e alla mitologia greca e latina)
CARATTERISTICHE:

- fiducia nella ragione ( della ragione)
- fiducia nel progresso
- studi scientifici e tecnici (sperimentazioni)
- uguaglianza di tutti gli uomini
- rispetto x tutte le religioni e tentativo di sconfiggere le superstizioni
IL 1700- ILLUMINISMO
il : PRIME ESPERIENZE LETTERARIE ITALIANE
Scuola siciliana
Dolce Stilnovo
Poesia religiosa (San Francesco d’Assisi)
USO :
registri, resoconti, rapporti e lettere…in volgare x renderli comprensibili ai destinatari
USO :opere scritte x comunicare emozioni e sentimenti
LATINO + INFLUENZE ALTRE LINGUE
Traduzione:
So che quelle terre, entro quei confini che qui si descrivono, trent’anni le ha tenute in possesso l’amministrazione patrimoniale di San Benedetto
PRIMI DOCUMENTI IN VOLGARE:
placito di Capua
(Campania- 960 d.C.)
Teneva davanti a sé i buoi, arava i bianchi prati, ed un bianco aratro teneva ed un nero seme seminava
COS’E’? Lo scrivano
PRIMI DOCUMENTI IN VOLGARE: indovinello veronese (9-10 sec. d.C.)
Se pareba boves, alba pratàlia aràba et albo versòrio teneba, et negro sèmen seminaba
L’Italiano,
o meglio,
i dialetti Italiani
DIFFERENZIAZIONE IN LINGUE NEOLATINE (O ROMANZE)
476 D. C. IMPERO ROMANO OCC.
RAPIDA MUTAZIONE DEL LATINO, SOPRATTUTTO PARLATO

VOLGARE: PARLATO DAL VOLGO (POPOLO)
Lingue indoeuropee
ASIA
CENTRALE

3° millennio
a.C.

 unica lingua
Eugenio Montale
Autore decadentedelusione, crisi e angoscia esistenziale determinate dal momento storico (guerre, solitudine, sofferenza)
Importanza paesaggi ed elementi della natura
Gabriele D’Annunzio
Poeta del decadentismo eroismo, distinguersi dalla banalità e del “gregge”, esaltazione delle sensazioni, individualismo

Individualismo: importanza ed esaltazione del singolo, sentimento di superiorità

Molto attivo politicamente: a favore dell'intervento nella 1guerra dell’Italia, si impegnò personalmente in ardite azioni belliche (occupa Fiume per “vittoria mutilata”)
Estetismo: gusto x il bello (in poesia: ricerca parole, immagini, musicalità raffinate) ma anche nella vita: eleganza, gesti clamorosi, vita sentimentale intensissima, frequentazione salotti, raffinate opere d’arte, vita dispendiosa, villa Vittoriale=museo, monumento a se stesso
Giovanni Pascoli
La sua vita è connotata da molti lutti: padre, madre e fratelli e ciò influenza la sua poesia
Poeta del Decadentismo sofferenza, dolore, significato della vita, uomo fragile che non può comandare il suo destino
Nelle poesie:
Importante l’ambiente romagnolo contadino da cui partono le sue riflessioni
Argomenti semplici e quotidiani
La sua poesia è molto allusiva, cioè vi sono dei significati più profondi, che vanno al di là di quanto scritto nei versi
Lessico: semplice e complesso, molte parole tecniche (agricoltura etc.)
Alessandro Manzoni
Appartiene al romanticismo rappresentazione della realtà storico-sociale e esortazione alla libertà (risorgimento)
Suo nonno era Cesare Beccaria
Scrisse il romanzo storico I Promessi Sposi, a cui lavorò molto soprattutto per la lingua (alla fine il fiorentino)
Importanza della storia
I Promessi Sposi: romanzo storico, cioè una storia verosimile ambientata in un’epoca storica precisa
Leopardi: poesie
L’infinito
- siepe che blocca lo sguardo e fa “partire” l’immaginazione di tempi e spazi infiniti;
- prima paura ma poi piace: il naufragar dolce;
- enjambement
- endecasillabi sciolti e no rime
Il passero solitario
paragone fra autore e passero: somiglianze e differenze; periodo della giovinezza=felice
La quiete dopo la tempesta
Giacomo Leopardi
Nasce a Recanati, nelle
Marche, in una famiglia dalla
mentalità molto chiusa e
poco incline a dimostrazioni d’affetto
Ha poca vita sociale
Ha problemi di salute
Se ne sta rinchiuso nell’immensa biblioteca del padre a studiare e a scrivere
Tenta la fuga
Animo inquieto - nostalgico
Solitudine della madre
Presentimento di morte in esilio
Romanticismo: esilio, lotta contro destino crudele, amore per patria e familiari perduti, fine delle speranze e delle illusioni, morte, suicidio
Ugo Foscolo
Nacque a Zante (o Zacinto, isola ora greca, al tempo veneziana) a cui dedica un sonetto
DANTE
PETRARCA
BOCCACCIO

IN VOLGARE FIORENTINO 
BASE DELLA LINGUA ITALIANA
Il 1300
Latino = lingua indoeuropea
IMPERO ROMANO MAX ESTENSIONE – TRIANO I SEC. D. C.
Salvatore Quasimodo
Poeta decadentecrisi e angoscia esistenziale determinate dal momento storico (guerre, solitudine, sofferenza)
Ermetismo: talvolta oscuro e difficile da capire a una prima lettura
Poetare nuovo: poesie brevi, pochi versi, essenziali, importanza delle singole parole ricche di significati e allusioni
Importanza biografia, specialmente esperienza della guerra
Letteratura Italiana
caduta
ostrogote
longobarde
franche
arabe
pratico
letterario
1200
lume
Cesare Beccaria
Dei delitti e delle pene
Movimento culturale
(corrente di idee)

1700

dall' INGHILTERRA si diffonde
Ermetismo
Verismo
Romanticismo
Roamnzo storico
Romanticismo
Poesia lirica
• Allitterazioni: della s: v. 11: salmastre ed arse; vv. 53-54: noi siam nello spirto/ silvestre;
della p: v. 12: piove sui pini; della c: v. 45: né il ciel cinerino; della v: v. 55: d’arborea vita viventi; della r: v. 62: o creatura terrestre; della m: v. 74: umida ombra remota; della v-r-d: v. 112: verde vigor rude;
• Anafore: di Ascolta e di piove;
• Apostrofi: Taci e Ascolta
• Enjambements: molto frequenti
• Onomatopee: v. 36: crepitìo; v. 82: crosciare; v. 85: croscio. Personificazione: v. 6: che parlano gocciole e foglie lontane;
• Similitudini: v. 58: come una foglia; vv. 60-61: come/ le chiare ginestre; v. 104: il cuor nel petto è come pèsca; vv. 106-107 “come polle”; v. 109: son come mandorle acerbe;
• Sineddoche: v. 81: fronda (per albero).

Importante la partecipazione alla vita
del tempo:
- è interessato e appassionato;

- combatte con Napoleone contro
l’Austria ma poi deluso dal trattato
di Campoformio (1797 Napoleone
cede la Repubblica di Venezia all’Austria)

- Preferisce l’esilio e passa la vita “di gente in gente”, piuttosto che collaborare con l’Austria
- MUORE a Londra
Fratello più giovane morto suicida (sonetto In morte del fratello Giovanni)
POLITICA
Romanticismo
movimento culturale
(tutti gli aspetti: arte, letteratura, filosofia...)
dalla parola ROMANTIC
che indica prima
una narrazione fantastica,
poi un paesaggio suggestivo
e l'emozione che suscita.
1800
Corrente letteraria
che valorizza fantasia
sentimento e istinto.
ILLUMINISMO:

fiducia nella ragione
che avrebbe portato
progresso e felicità
per tutti
MA delusione
con Terrore,
dipotismo di Napoleone,
repressione
della Restaurazione
FALLIMENTO della RAGIONE
SPARISCE L'OTTIMISMO
il Romanticismo è
in opposizione ma anche in
continuità con l'Illuminismo.
centralità dell'uomo-
non per la ragione, ma
per la fantasia e la passione
contro la
pena di morte
uguaglianza degli uomini-
non in tutto però: esaltazione
dell'unicità (individualismo)
esaltazione della nazione,
della patria e delle tradizioni
del popolo

esaltazione del Medioevo
(quando nascono le nazioni eu)
libertà, indipendenza
sovranità popolare
- LIRICA (poesia soggettiva)


- ROMANZO STORICO
(storie inventate ma
verosimili, con sfondi storici)
Generi più usati:
FOSCOLO
LEOPARDI


MANZONI
Autori rappresentativi:
LIRICA:
DOLORE, MISTERO
AMORE, MORTE,
NATURA,
SENTIMENTI,
SOGNO, FANTASIA

DELUSIONE
DAL MONDO
RICERCA DELLA
CONSOLAZIONE
NELLA FANTASIA
In morte del fratello
Giovanni
porto
palme
Un dì, s’io non andrò sempre fuggendo
Di gente in gente; mi vedrai seduto
Su la tua pietra, o fratel mio, gemendo
Il fior de’ tuoi gentili anni caduto:

La madre or sol, suo dì tardo traendo,
Parla di me col tuo cenere muto:
Ma io deluse a voi le palme tendo;
E se da lunge i miei tetti saluto,

Sento gli avversi Numi, e le secrete
Cure che al viver tuo furon tempesta;
E prego anch’io nel tuo porto quiete:

Questo di tanta speme oggi mi resta!
Straniere genti, l’ossa mie rendete
Allora al petto della madre mesta.
Full transcript