Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Il mondo dei social network

No description
by

nicola volpato

on 31 May 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Il mondo dei social network

In italia ad avere un account in un social network sono l'86% degli internauti, ciò porta la nostra nazione in testa alla scala mondiale seguita da Brasile (85%) e Stati Uniti (79%). Facebook è il più frequentato con ben 23,2 milioni di italiani inscritti. La media degli "amici" che una persona ha su Fb è di 130 ma c'è gente (soprattutto adolescenti) che arriva a quota 500-600 amici, ecco allora che le amicizie vengono accumulate come si fa con i punti premio, più ne hai più vali. Alcuni dati.. Le persone tentando di curare le loro relazioni sui social network finiscono per rimanere incollate ai computer e per non badare invece alle amicizie nella realtà Argomentazione: Argomentazione: I social network NON procurano vere amicizie e, in alcuni casi, danneggiano anche quelle già esistenti Tesi: Antitesi: Facebook, Twitter e google+ i più famosi, ma tutti, alcuni più alcuni meno, si stanno diffondendo nel mondo e, soprattutto, in Italia. Il mondo dei social network I dati della persona iscritta sono a disposizione di tutti, nella tua vita possono entrare persone che non conosci e che soprattutto non sai che intenzioni abbiano. Alcuni sostengono che i social network in ogni caso possono procurare vere amicizie.
Argomentazione: E ancora.. La strumentalizzazione di questa amicizia è provata dalla teoria di Robin Dunbar, con la quale l'antropologo dice che il cervello umano non può sostenere più di 150 relazioni amicizia. I social network sono un filtro per le nostre emozioni: chi sta dall'altra parte dello schermo non sa come ci sentiamo veramente Due sono le conseguenze: 1. Alcuni psicologi affermano che la richiesta di amicizia sui social network per alcune persone rappresenti un riempimento in opposizione ad un senso di solitudine e ad un'incapacità di intraprendere un rapporto autentico 2. i social network si presentano inoltre come un laboratorio di personalità grazie al quale io posso mostrarmi alla gente con un carattere che non è il mio, ma piuttosto quello che vorrei avere. Le foto e i video condivisi sui social network rimangono in rete anche se il proprietario decide di cancellarli dal suo profilo, nonostante questo il 43% dei giovani italiani ritiene sia sicuro farlo e il 26% oltre a foto e video tra i dati personali fa comparire l'indirizzo di casa.
Non solo: più del 46% dei ragazzi spesso per pura curiosità risponde agli sconosciuti; nel frattempo, il 59% dei genitori si dichiara sereno della navigazione in rete da parte dei propri figli. ROMA – Un seno mostrato su internet, una bravata da adolescente. Ma quanto è difficile essere adolescente, con tutte le bravate del caso e dell’età, ai tempi di internet, degli smartphone, di Facebook. Nel caso di Amanda Todd, 15enne canadese, non è solo difficile, è impossibile. Si è tolta la vita, al culmine di una persecuzione lunga un anno.
Una foto appunto, uno scatto di sé in webcam destinato a un coetaneo. Poi la persecuzione lunga mesi, una derisione continua dei compagni di scuola per quella foto divenuta pubblica. E arrivano ansia, isolamento, depressione. Traslochi continui, ma quella foto è sul web e la rete ti insegue ovunque. Così la derisione dei coetanei, gli scherzi crudeli. Fino al suicidio.
Prima di uccidersi, sola e disperata, Amanda Todd ha usato la rete esattamente come i suoi aguzzini l’hanno usata contro di lei. Ha realizzato un video di 10 minuti in cui, con numerosi bigliettini, spiegava la sua storia. E il video ha fatto il giro della rete perché l’ha girato e messo online circa un mese prima di uccidersi. E’ stata la sua mamma a chiedere a YouTube di non rimuoverlo, proprio perché la storia di Amanda fosse di esempio. E' indubbio che facilitino la comunicazione ma le amicizie nella stragrande maggioranza dei casi non la creano con successo, perchè non sai mai veramente chi si cela dietro lo schermo. Confutazione: Confutazione: E' vero, i social network possono essere la continuzione di una amicizia reale ( se controllata, altrimenti possono dare vita anche a dipendenze affettive), in ogni caso vedersi di persona è sempre la cosa migliore. Confutazione: L'unico uso completamente positivo dei social network è la comunicazione con una persona cara che si trova temporaneamente lontana, ma francamente pochi di quel miliardo e mezzo di utenti effettuano il login ogni giorno per fare questo. “Uno degli aspetti più contraddittori di Internet – ha dichiarato Don Tapscott, manager, economista e docente canadese - è che se, da una parte, la Rete permette di salvaguardare la stabilità dei legami anche quando i membri del nucleo familiare sono fisicamente separati, dall’altra può deteriorarli o minarne le basi quando tutti vivono nella stessa casa”. Conclusione: "Birthday cakes are made for people to be together. They give friends a place to gather and celebrate. But too much cake probably isn't healthy. So birthday cake is a lot like Facebook." (cit. Mark Zuckerberg)
Full transcript