Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Cicerone

No description
by

Daniela Arras

on 12 December 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Cicerone

Cicerone
opere retoriche
De orator.
Dialogo (platonico-aristotelico)tra Crasso e Marcantonio, svoltosi nella villa di Crasso
delineata figura oratore perfetto; Crasso ritiene che l'oratore perfetto non deve avere solo doti naturali ma anche un ampia preparazione culturale, Antonio dice che l'oratore deve prendere esempio dai suo predecessori.
stile: concinnitas(Il periodo strutturato sulla concinnitas , cioè caratterizzato da simmetria ed equilibrio, con molte figure retoriche (anafore, climax, antitesi, enumerazioni, omoteleuti ecc.).Il de orator è considerato il vero esempio della lingua latina.
Orator
E' un trattato dedicato a Giunio Bruto, e vengono trattati i compiti del perfetto oratore.
Probare(docere) : persuadere, convincere razionalmente.
Delectare : procurare piacere al pubblico.
Flectere: coinvolgere emotivamente,lavorare sul phatos.
Inoltre Cic. dice che il bravo oratore non deve star legato a un solo stile ma saperli padroneggiare tutti a seconda delle circostanze.
Altre opere retoriche(minore importanza)
de optimo genere oratorum( elogio a Demostene)
Topica( dedicati a Trebazio Testa)
Partitiones oratoriae(tratta diverse parti dell'ars dicendi)
La vita
Nasce ad Arpino nel 104 a.C da ricca famiglia di rango equestre.
Si trasferisce a Roma dove studia la retorica,diritto e l'eloquenza.
Si reca in Grecia per completare la sua formazione cultura ed entra in contatto con la filosofia epicurea ;in seguito va a Rodi presso la scuola di Posidonio, seguirà la sua retorica.
Si sposa con Terenzia,da cui ebbe 2 figli.
Intraprende il CURSUS HONORUM,pur essendo homo novus(primo membro della famiglia che entra a far parte della vita politica).
63 a.C è un anno fondamentale per Cicerone, l' anno in cui diviene console e svela la congiura di Catilina; egli voleva sovvertire lo staato con la forza, e cicerone sventa il piano presentandosi come PATER PATRIA(salvatore della patria)
58 a.C anno dell'esilio,Clodio lo accusa di aver condannato a morte i seguaci di Catilina senza processo-beni di Cicerone confiscati.
57 a.C torna a Roma grazie a Pompeo.
GUERRA CIVILE: Cic. si schiera con Pompeo, Cesare da vincitore inaugura PERIODO DI CLEMENTIA, e gli concede il ritorno a Roma.
Cicerone si ritira all'otium;nel 44 con la morte di Cesare, Cic. entra in scena, pronuncia le Filippiche contro Marcantonio, visto da lui come ambiguo poichè dopo la morte di Cesare si presentò come suo successore. Marcantonio non lo perdona e lo uccide tagliandoli la testa e mani con cui scrisse le Filippiche(DEMOSTENE che aveva scritto discorsi verso Filippo il macedone.)
Brutus
Quasi 10 anni dopo il De oratore scrisse il Brutus rivolgendosi all'amico Giunio Bruto, anche questo presenta la forma dialogica.
i personaggi che dialogano sono Attico, Bruto, Cicerone, per quanto riguarda l'eloquenza greca, si parte dall'origine dell'oratoria.
Cicerone parla di Ortensio Ortalo che ritiene la perfezione nello stile asiano.
stile retorica: atticismo(eccessiva) vs asianesimo(stile ricco, ornato; asianesimo con battute brevi o discorso più lungo-ornato).
lo stile di cicerone è più sul RODIENSE, si dice che abba seguito delle lezioni di Molone di Rodi.

Le orazioni-VERRINE(70 a.C)

actio prima: contro Verre,attacco il governatore accusandolo di concussione,Verre scappa per evitare condanna troppo dura,non per paura--> RETROSCENA, scrontro fra partiti, gli optimates(verre) che capiscono che era meglio scartare Verre ,vs gli equites
actio seconda: scritta ma mai pronunciata. Suddivisa in 5 discorsi,il più noto è il DE SIGNIS(sulle statue) dove Cic. accusa Verre di aver rubato statue dalla Sicilia.
Catilinarie
4 discorsi contro Catilina.
1 orazione.
pronunciata in senato con la presenza di catilina; SCOPO: dividere Catilina dal senato, Cat. fugge.
L'orazione inizia con una seria di interrogative rivolte a Catilina.
2 orazione.
pronunciata davanti al popolo,afferma che catilina ha lasciato Roma-> fine terrore.
3 orazione.
pronunciata davanti al pubblico, descrive in che modo furono catturati complici di Catilina.
4 orazione.
Si svolge dinuovo in senato.
Altre orazioni
anticlaudiane:Pro Sexto, Pro Caelia
Filippiche: contro Marcantonio
Del consolato: Pro Archia, le catilinarie.
Cesariane: dopo guerra civile, in queste orazioni esprime un idea di concordia ordinum tra optimates e populares.
Esordi : Pro Sesto roscio amerino(..).
Opere politiche.
De repubblica
Dialogo-6 libri-> diverso da Platone(stato in mano filosofi).
Stato perfetto -> COSTITUZIONE MISTA come quella romana, infatti lui non esalta ne la democrazia(comizi popolari), ne la monarchia(consoli), ne l'aristocrazia(senato).
DEGENERAZIONI-> MONARCHIA-TIRANNIDE, ARISTOCRAZIA-OLIGARCHIA, DEMOCRAZIA-DEMAGOGIA(governo di chi non è in grado di governare).
COSTITUZIONE MISTA------> I TRE POTERI EQUILIBRATI.

Il de repubblica non ci è pervenuto tutto;
SOMNIUM SCIPIONIS( da scipione l 'africano che vinse la 2° guerra punica).
Compare nel sogno al nipote Scipione Emiliano dicendogli che avrà una grande carriera politica e che alla sua morte la sua anima andrà nella via lattea perchè noi discendiamo dalle stelle).



De legibus
Dialogo tra Cicerone, Quinto e Attico.
Sto delle istituzioni romane, e anche in questa opera la società romani è un modello.
Epistolario
864 lettere -> 4 raccolte
epistole ad Atticum
epistole ad familiares
epistole ad Quintum fratrem
epistole ad Marcum Brutum
Le lettere sono reali, non fittizie; anzi alcune sono state scritte con l'intento di essere divulgate.
Stile: colloquiale, sermo quotidianus( lingua di tutti i giorni), no grecismi-> latino puro.
Opere filosofiche.
Full transcript