Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Dignità della persona umana, la sua socialità e i suoi dirit

No description
by

Diego Alonso-Lasheras

on 3 May 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Dignità della persona umana, la sua socialità e i suoi dirit

B. L'accettazione dei diritti umani da parte delle Chiesa
III. I diritti della persona umana
Dignità della persona umana,
la sua socialità
e i suoi diritti

I. Introduzione

II. Dignità inalienabile della persona umana

III. I diritti della persona umana
A. Origini dei diritti umani: la storia ufficiale

B. L’accettazione dei diritti umani da parte della Chiesa

C. Diritti umani e imperativi globali: valore morale e giuridico

Diritti umani: figli o genitori delle leggi
Misura per un monitoraggio
Diritti umani e gli obblighi imperfetti
II. Dignità inalienabile della persona umana
“è la persona umana ad entrare in società; e in quanto individuo vi entra come parte, il cui bene proprio è inferiore al bene del “tutto”(del tutto di persone): il quale tutta via e ciò che è, -- e dunque superiore al bene privato, -- soltanto se giova alle persone individuali, e ad esse si ridistribuisce, e rispetta la loro dignità.”

(Maritain 1974), 98-99
Scelta A:

Salvare un ferito gravissimo e muoino 5 anche gravissimi

Scelta B:

Salvare 5 feriti gravissimi lasciando morire un ferito gravissimo

“in ragione della sua ordinazione all’assoluto, e per il fatto d’essere chiamata a un destino superiore al tempo” ovvero, “secondo le esigenze più elevate della personalità come tale, la persona umana come totalità spirituale riferita al “Tutto” trascendente, sorpassa” la società, sorpassa “tutte le società temporali ed è loro superiore.”
Maritain
“Noi riteniamo che le seguenti verità siano di per se stesse evidenti, che tutti gli uomini sono stati creati uguali, che essi sono stati dotati dal loro Creatore di alcuni Diritti inalienabili, che fra questi sono la Vita, la Libertà e la ricerca della Felicità; che allo scopo di garantire questi diritti, sono creati fra gli uomini i Governi, i quali derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati”
DH, 2939
A. Origini dei diritti umani: la storia ufficiale
Aeterni Patris 1879

Jacques Maritain:

Verità teoriche:

Principio di non contradizione

Verità pratiche:

Iª-IIae 94, a.2

“Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.”
Yves Congar,
Vera e falsa riforma nella Chiesa,
1950



La primazia della carità e del pastorale

Restare nella comunione del tutto

La pazienza e il rispetto dell’attesa

Che la novità venga di un ritorno alla Tradizione, e non per mera introduzione della novità che risulti in una adattamento meccanico
Ockham
Vitoria
Suarez
“Oggi alla fine dell’età moderna, appare ormai chiaro che l’idea, l’istanza moderna dei diritti umani, trae alimento dai presupposti religiosi che la stessa cultura moderna secolarizzata non è più in grado di garantire.”

(Kasper 2001), 261
C. Diritti umani e imperativi globali:
valore morale e giuridico
"Opus Nonaginta Dierum"

"Breviloquium de potestate Papae"
"De Indis I et II"
"Defensio Fidei Catholicae Et Apostolicae: Adversus Anglicanae Sectae Errores"
Diritti umani e gli obblighi imperfetti
Diritti umani: figli o genitori delle leggi?
Misura per un monitoraggio
Padre che ci hai insegnato “che l'uomo è stato creato « ad immagine di Dio » capace di conoscere e di amare il suo Creatore.

Non hai creato l'uomo lasciandolo solo: fin da principio «uomo e donna li creò» e la loro unione costituisce la prima forma di comunione di persone.

Solamente nel mistero del Verbo incarnato trova vera luce il mistero dell'uomo, il nostro mistero. Poiché in Gesùcristo la natura umana è stata assunta e per ciò stesso essa è stata anche in noi innalzata a una dignità sublime.

Con l'incarnazione il tuo Figlio si è unito in certo modo ad ogni uomo, ad ognuno di noi. Ha lavorato con mani d'uomo, ha pensato con intelligenza d'uomo, ha agito con volontà d'uomo ha amato con cuore d'uomo. Nascendo da Maria vergine, egli si è fatto veramente uno di noi, in tutto simile a noi fuorché il peccato. Col suo sangue sparso liberamente ci ha meritato la vita; in lui Tu ci hai riconciliati con te stesso e tra noi e ci hai strappati dalla schiavitù del diavolo e del peccato.

Tu che hai creato e redento l’uomo insegnaci a comprendere la sua dignità, già che fu fatto a tua immagine ed è stato redento col sangue del tuo Figlio.

Preghiera ispirata a GS, 12-22

iura poli
ius gentium:

Ius inter gentes

Iura gentibus

"De Legibus"
Jeremy Bentham,
"Sofismi anarchici"

“Diritto, il sostantivo diritto, è figlio della legge; da leggi reali discendono diritti reali; da leggi immaginarie, da ‘leggi di natura’, possono discendere solo diritti immaginari”

Edmund Burke
"Riflessioni sulla rivoluzione in Francia"
"Are there any Natural Rights?"
Herbert Hart
“Se per Bentham i diritti sono “figli della legge”, per Hart sono in realtà genitori della legge, giacché possono esserne la fonte di ispirazione”
Obbligi imperfetti
Omissione di soccorso
Full transcript